HOME Articoli

Lo sai che? Pubblicato il 24 dicembre 2016

Articolo di

Lo sai che? Pensione supplementare Gestione separata, ci vuole un importo minimo?

> Lo sai che? Pubblicato il 24 dicembre 2016

Pensione aggiuntiva nella Gestione separata per i lavoratori che non ottengono un autonomo trattamento: è necessario un ammontare minimo?

Sono pensionato nella Cassa forense, ho versato poco più di 3 anni nella Gestione separata per un totale di 15000 euro di contributi: ho diritto alla pensione supplementare?

Anche se il lettore, con circa 3 anni di contributi, non può raggiungere un’autonoma pensione nella Gestione separata, ha comunque la possibilità di raggiungere la pensione supplementare al compimento dell’età prevista per la pensione di vecchiaia in tale gestione, cioè al compimento di 66 anni e 7 mesi di età.

La Gestione separata, difatti [1], riconosce l’erogazione della pensione supplementare, una volta raggiunta l’età pensionabile, a chi possiede la pensione principale in un fondo diverso.

Pensione supplementare Gestione separata: quale pensione principale?

In particolare, la pensione supplementare nella Gestione separata è riconosciuta se l’interessato possiede la pensione principale in una delle seguenti gestioni:

  • Ago (assicurazione generale obbligatoria), che comprende il fondo pensione lavoratori dipendenti e le gestioni dei lavoratori autonomi (artigiani, commercianti, coltivatori diretti e mezzadri);
  • fondi sostitutivi ed esclusivi dell’Ago: ad esempio ex Inpdap, fondo elettrici, ex Ipost, Fs, etc;
  • ex Enpals ed Inpgi;
  • casse dei liberi professionisti.

Nel caso del lettore, che possiede una pensione principale nella Cassa forense, quindi in una gestione dei liberi professionisti, non vi sono dubbi sulla possibilità di ottenere la pensione supplementare nella Gestione Separata.

Pensione supplementare Gestione separata: ci vuole un importo minimo?

Non esiste un requisito contributivo minimo per ottenere questa pensione, perché la prestazione supplementare può essere liquidata anche se il suo importo risulta inferiore all’importo minimo richiesto per le prestazioni contributive, cioè a 1,5 volte l’assegno sociale (come precisato da un noto messaggio dell’Inps [2]). In pratica, la pensione supplementare viene erogata anche se inferiore a 672 euro mensili.

Pensione supplementare Gestione separata: come si calcola?

L’importo della pensione supplementare nella Gestione Separata viene calcolato col metodo contributivo, poiché si tratta di contributi versati dal 1996 in poi; si prescinde dal metodo di calcolo utilizzato per liquidare la pensione principale. L’ammontare sarà, dunque, proporzionale ai contributi versati, rivalutati (sulla base del tasso di capitalizzazione risultante dalla variazione media quinquennale del Pil, calcolata dall’Istat con riferimento al quinquennio precedente l’anno da rivalutare) e trasformati in assegno col coefficiente di trasformazione corrispondente all’età del richiedente al momento della domanda di pensione.

Ad esempio, nel caso del lettore, ipotizzando che la domanda sia inviata a 66 anni e 7 mesi di età, quindi con un coefficiente di trasformazione pari al 5,619% e considerando il montante contributivo esposto nell’estratto conto, pari a 15.000 euro, la Sua pensione annua lorda ammonterebbe a 842,85 euro e quella mensile a 64,83 euro (bisogna dividere la pensione annua per 13 mensilità).

Pensione supplementare Gestione separata: decorrenza

La pensione decorre dal momento della domanda, dunque, nel caso in cui i requisiti siano maturati prima dell’invio dell’istanza, non si ha diritto agli arretrati.

I requisiti per ottenere la pensione supplementare sono, comunque, “cristallizzati”: significa che, una volta raggiunto il diritto all’assegno supplementare (quindi, nel Suo caso, raggiunti i 66 anni e 7 mesi di età), questo può essere richiesto in qualsiasi momento successivo, anche se i requisiti d’età necessari dovessero aumentare per effetto degli incrementi della speranza di vita.

Pensione supplementare Gestione separata: come inviare la domanda

La domanda di pensione supplementare può essere fatta tramite il sito dell’Inps, se in possesso di Pin o di identità unica digitale Spid: bisogna accedere alla sezione Servizi per il cittadino, alla voce Domanda di prestazioni previdenziali; in alternativa, ci si può rivolgere al contact center Inps Inail (chiamando il numero 803.164), oppure a un qualsiasi patronato.

note

[1] Art. 1, Co. 2, Dm 282/1996.

[2] Inps mess. n. 219/2013.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK