HOME Articoli

Le Guide Pubblicato il 12 dicembre 2016

Articolo di

Le Guide Nuova no tax area pensionati 2017, come funziona

> Le Guide Pubblicato il 12 dicembre 2016

Aumentate le detrazioni sul reddito dei pensionati, compresi gli under 75: niente tasse sino a 8.125 euro.

Niente Irpef per chi ha una pensione che non supera 8.125 euro, anche se ha meno di 75 anni: è questa una delle principali novità della Legge di bilancio 2017 appena approvata. Si tratta, in pratica, dell’ampliamento della cosiddetta no tax area pensionati, cioè della soglia al di sotto della quale non sono dovute tasse.

Ma procediamo per ordine e vediamo come funziona la no tax area per i pensionati e quali sono le detrazioni attualmente fruibili da chi possiede redditi di pensione, per capire che cos’è cambiato.

Detrazione sul reddito da pensione: come funziona

La detrazione è un importo che viene tolto dalle imposte dovute (a differenza della deduzione, che consiste in un importo da sottrarre dal reddito), cioè, in parole semplici, dalle tasse da pagare in sede di dichiarazione dei redditi: può spettare in relazione al sostenimento di determinate spese, come l’acquisto di medicinali, oppure in relazione al reddito posseduto, come la detrazione per redditi di lavoro dipendente o di pensione.

Le detrazioni non sono tutte uguali, ma si calcolano in maniera differente a seconda della loro tipologia e del reddito del cittadino: nel caso in cui la detrazione spetti per aver sostenuto un determinato costo, questa, solitamente, ammonta a una percentuale del costo stesso (ad esempio, la detrazione per le spese sanitarie ammonta al 19% dei costi sostenuti per visite mediche, analisi, acquisto di medicinali, etc.); nel caso in cui la detrazione spetti in ragione del tipo di reddito prodotto, invece, si applica una formula, che riduce l’importo da sottrarre dalle imposte all’aumentare del reddito.

Per quanto riguarda i redditi di pensione, chi li possiede ha  diritto a una detrazione, la detrazione per redditi di pensione, appunto, se il suo reddito complessivo non supera 55.000 euro nell’anno di riferimento.

La detrazione non è uguale per tutti i pensionati, ma si calcola con una formula differente a seconda dell’età, inferiore o meno a 75 anni. Inoltre il calcolo differisce a seconda della fascia di reddito di appartenenza. La detrazione spettante va poi rapportata ai giorni in cui spetta il diritto alla pensione nell’anno e non è cumulabile con le altre detrazioni sui redditi (da lavoro dipendente e assimilati, da lavoro autonomo, da impresa minore).

Detrazione pensionati con meno di 75 anni

Le detrazioni per i pensionati al di sotto dei 75 anni sono differenti a seconda della fascia di reddito a cui appartiene il contribuente.

Per l’anno 2015, le detrazioni sono pari a:

  • per reddito complessivo non superiore a 7500 euro: 1725 euro;
  • per reddito complessivo compreso tra 7500 e 15000 euro si deve applicare la seguente formula: 1255 + [470 × (15000 – reddito complessivo) / 7500];
  • per reddito complessivo tra 15000 e 55000 euro si deve applicare la seguente formula:

1255 × [(55000 – reddito complessivo) / 40000].

Nessuna detrazione è prevista sopra i 55.000 euro di reddito.

Per l’anno 2016, le detrazioni sono pari a:

  • per reddito complessivo non superiore a 7750 euro: 1783 euro;
  • per reddito complessivo compreso tra 7750 e 15000 euro si deve applicare la seguente formula: 1255 + [528 × (15000 – reddito complessivo) / 7250];
  • per reddito complessivo compreso tra 15000 e 55000 euro si deve applicare la seguente formula: 1255 × [(55000 – reddito complessivo) / 40000].

Nessuna detrazione è prevista sopra i 55.000 euro di reddito.

Le detrazioni, dal 2017 in poi, sono invece pari a:

  • per reddito complessivo non superiore a 8000 euro: 1.880 euro;
  • per reddito complessivo compreso tra 8000 e 15000 euro si deve applicare la seguente formula: 1297 + [583 × (15000 – reddito complessivo) / 7000];
  • per reddito complessivo compreso tra 15000 e 55000 euro si deve applicare la seguente formula: 1.297 × [(55000 – reddito complessivo) / 40000].

Anche in questo caso, niente detrazioni sopra i 55.000 euro di reddito.

Detrazione pensionati dai 75 anni in su

Per i soggetti con età dai 75 anni in su, le detrazioni 2015 sono pari a:

  • per reddito complessivo non superiore a 7750 euro: 1783 euro;
  • per reddito complessivo compreso tra 7750 e 15000 euro si deve applicare la seguente formula: 1297 + [486 × (15000 – reddito complessivo) / 7250];
  • per reddito complessivo compreso tra 15000 e 55000 euro si deve applicare la seguente formula: 1297 × [(55000 – reddito complessivo) / 40000].

Nessuna detrazione è prevista sopra i 55.000 euro di reddito.

Le detrazioni, dal 2016 in poi, sono invece pari a:

  • per reddito complessivo non superiore a 8000 euro: 1.880 euro;
  • per reddito complessivo compreso tra 8000 e 15000 euro si deve applicare la seguente formula: 1297 + [583 × (15000 – reddito complessivo) / 7000];
  • per reddito complessivo compreso tra 15000 e 55000 euro si deve applicare la seguente formula: 1.297 × [(55000 – reddito complessivo) / 40000].

Anche in questo caso, niente detrazioni sopra i 55.000 euro di reddito.

Queste stesse detrazioni sono valide anche per l’anno 2017 e per gli anni a venire.

Per effetto delle nuove disposizioni, dunque, le detrazioni per i pensionati sono unificate e non si distinguono più in base all’età, sopra, o meno, i 75 anni. Inoltre, la no tax area, vale a dire l’area del reddito complessivo al di sotto della quale i pensionati non pagano l’Irpef per effetto dell’incremento delle detrazioni, è pari a circa 8.125 euro.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK