HOME Articoli

Lo sai che? Pubblicato il 15 dicembre 2016

Articolo di

Lo sai che? Posso usucapire un bene recintandolo?

> Lo sai che? Pubblicato il 15 dicembre 2016

Usucapione: caratteristiche e presupposti. Caso particolare: l’usucapione di un bene recintato.

 

Cos’è l’usucapione?

È una condotta che consente di divenire proprietari di un immobile o titolari di un diritto reale (quale, ad esempio, una servitù), senza sottoscrivere alcun contratto con il precedente proprietario oppure indipendentemente da una successione ereditaria. In questo caso si parla di acquisto a titolo originario ed è per tale ragione che il bene usucapito risulta libero da ogni peso o diritto altrui.

 

Cosa deve accadere per usucapire un bene?

I presupposti per l’usucapione di un bene immobile sono il possesso, continuo ed ininterrotto, per il tempo stabilito dalla legge. Il possesso, tuttavia, non deve mai essere acquisito con clandestinità o violenza.

                                                                                                                                            

Quali caratteristiche deve avere il possesso ai fini dell’usucapione?

In primo luogo, il possesso non deve essere acquistato con violenza, sottraendolo, cioè, con la forza al suo proprietario. Esso deve, altresì, essere pacifico e non clandestino e quindi, senza utilizzare alcun stratagemma che possa in qualche modo occultarlo al proprietario stesso.

In secondo luogo, il possessore deve utilizzare il bene, così come se ne fosse il proprietario, ad esempio coltivandolo in via esclusiva e ricavandone i relativi frutti.

In terzo luogo, il possesso deve essere continuo e non saltuario. A tal proposito, ci sono alcuni beni che, per loro caratteristiche, comportano un utilizzo “intervallato”. Ebbene, in tal caso l’usucapione maturerà ugualmente.

Quando matura l’usucapione?

Il tempo necessario affinché maturi l’usucapione è di venti anni. Durante il tempo predetto, il possesso, quale proprietario, acquisito pacificamente ed esercitato costantemente non deve essere mai interrotto.

In tal senso una semplice lettera formale inviata dal proprietario al possessore non è sufficiente ad interrompere il decorso del tempo necessario all’usucapione: il possesso, infatti, può essere esercitato anche nella piena consapevolezza dell’altruità della cosa e contro la volontà del proprietario stesso, senza in alcun modo influire negativamente sul maturare dell’usucapione.

Ai fini dell’interruzione, quindi, è necessario sottrarre materialmente il bene al possessore oppure esercitare un’apposita azione giudiziaria nei suoi riguardi, quale ad esempio un azione di rivendica del bene.

Infine, la legge contempla un caso particolare in cui l’usucapione, detta “breve”, matura dopo solo dieci anni. In questo caso, in aggiunta ai normali requisiti, è fondamentale che:

  • il possessore sia in buona fede al momento dell’acquisto, ignorando l’appartenenza altrui del bene;
  • esista un titolo astrattamente idoneo a realizzare il trasferimento (ad esempio, una compravendita nulla);
  • l’atto di trasferimento (titolo astrattamente idoneo) sia trascritto nei pubblici registri.

Il termine per l’usucapione breve, decorrerà proprio dalla data della trascrizione.

Posso usucapire un bene recintandolo?

Abbiamo visto in precedenza, che l’acquisto violento del possesso del bene impedisce all’usucapione di maturare.

Ebbene, se recinto un terreno, anche solo parzialmente, si potrebbe evidenziare un’ipotesi di appropriazione violenta del bene in questione o della parte d’immobile interessata. Infatti, la recinzione totale di un bene, anche se con relativa apposizione di un cancello per l’accesso, ma debitamente chiuso, rappresenta, inevitabilmente, una sottrazione violenta subita dal proprietario. Egli ha materialmente e forzatamente perso la disponibilità dell’immobile o della parte di esso.

Se così fosse, dalla data della descritto impossessamento violento, non può decorrere alcun termine necessario per l’usucapione.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK