HOME Articoli

Lo sai che? Pubblicato il 15 dicembre 2016

Articolo di

Lo sai che? Incidente, spetta il risarcimento a chi non è proprietario dell’auto?

> Lo sai che? Pubblicato il 15 dicembre 2016

Basta dimostrare di aver sostenuto la spesa per la riparazione dell’auto, esibendo la fattura dell’officina, per farsi risarcire il danno dall’assicurazione.

Chi non è il legittimo titolare dell’automobile, ma ha materialmente sostenuto le spese relative alla riparazione del mezzo, resasi necessaria dopo un incidente stradale, può chiedere il risarcimento del danno all’assicurazione? La risposta è affermativa, almeno secondo una recente sentenza del Tribunale di Napoli [1]. Ma procediamo per ordine e, per meglio spiegarci, facciamo un esempio.

Il risarcimento spetta a chi spende i soldi per la riparazione dell’auto

Immaginiamo di utilizzare l’auto intestata a nostro padre, anziano e ormai privo della possibilità di guidare. O, ancora, di aver girato la proprietà della macchina a nostra moglie senza però trascrivere poi l’atto al Pra. Dopo un incidente stradale, causato dall’imprudenza di un’altra vettura, ci rechiamo all’officina e facciamo riparare il mezzo. Nello stesso tempo avanziamo la richiesta di risarcimento alla compagnia di assicurazione, ma questa ci dice che verserà i soldi solo all’effettivo intestatario del mezzo. Noi, che non vogliamo far arrivare l’indennizzo sul conto di chi non ha sostenuto la spesa per la riparazione, ci opponiamo. Nasce così una lite.

Chi ha ragione? Noi, che abbiamo materialmente sostenuto la spesa e, quindi, vogliamo vederci rimborsare l’importo speso? Oppure l’assicurazione che, invece, ritiene che l’unico legittimato a chiedere i soldi sia l’intestatario dell’automobile?

La risposta fornita dal tribunale di Napoli ci dà ragione: secondo i giudici campani, infatti, ha diritto al risarcimento delle spese sostenute per la riparazione dell’auto chi le ha materialmente sostenute (situazione dimostrabile con la fattura emessa dall’officina) e non già l’effettivo proprietario del mezzo. Questo perché conta il possesso e la disponibilità effettiva della macchina che non quanto risulta dal Pra (Pubblico Registro Automobilistico).

Incidente stradale: il rimborso spetta anche a chi non è il titolare

Si legge testualmente nella sentenza: «Il diritto al risarcimento del danno può spettare anche a colui che, per circostanze contingenti, si trovi a esercitare un potere solo materiale sull’auto e, dal danneggiamento di questa, possa risentire un pregiudizio al suo patrimonio, indipendentemente dal diritto che egli abbia all’esercizio di quel potere». Pertanto è tutelabile il diritto al risarcimento di «chi esercita, nei confronti dell’autovettura danneggiata, una situazione di possesso».

Chi chiede il rimborso delle spese sostenute per far riparare l’auto deve dimostrare:

  • una situazione di possesso del veicolo simile a quella che avrebbe il proprietario (situazione dimostrabile anche con un testimone);
  • di aver materialmente pagato l’officina, con la fattura intestata a suo nome.

note

[1] Trib. Napoli, sent. n. 1550/16.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK