HOME Articoli

Lo sai che? Pubblicato il 18 dicembre 2016

Articolo di

Lo sai che? Un politico può essere arrestato da un cittadino?

> Lo sai che? Pubblicato il 18 dicembre 2016

Se un politico (anche un parlamentare) sta commettendo un reato per il quale è previsto l’arresto obbligatorio in flagranza, un cittadino comune può arrestarlo.

Incredibile ma vero, se un uomo politico sta commettendo un reato grave, compreso tra quelli per i quali la legge prevede l’arresto obbligatorio in flagranza, anche un semplice cittadino può arrestarlo e consegnarlo, senza ritardo, alla polizia giudiziaria. Cerchiamo di capire quali sono i casi in cui è possibile.

Cos’è la flagranza?

La flagranza è lo stato in cui si trova chi:

  • è colto mentre sta commettendo un reato;
  • subito dopo aver commesso un reato, è inseguito dalla polizia o da altre persone (cosiddetta flagranza propria);
  • è trovato in possesso del corpo del reato o di cose (o tracce) dalle quali appaia evidente che egli abbia commesso un reato poco prima (cosiddetta flagranza impropria o quasi flagranza) [1].

Quando l’arresto è obbligatorio?

L’arresto in flagranza è obbligatorio nel caso in cui un soggetto stia commettendo un delitto doloso (consumato o tentato) per il quale la legge stabilisce la pena dell’ergastolo o della reclusione non inferiore nel minimo a quattro anni e nel massimo a venti anni [2].

È, altresì, obbligatorio per alcuni reati (espressamente previsti dal codice) anche se non rispondono ai requisiti di pena suindicati, ovvero:

  • i delitti contro la personalità dello Stato;
  • il delitto di devastazione e saccheggio [3];
  • i delitti contro l’incolumità pubblica per i quali è stabilita la pena della reclusione non inferiore nel minimo a tre anni o nel massimo a dieci anni;
  • il delitto di riduzione in schiavitù, delitto di prostituzione minorile, delitto di pornografia minorile previsto e delitto di iniziative turistiche volte allo sfruttamento della prostituzione minorile [4];
  • il delitto di violenza sessuale e delitto di violenza sessuale di gruppo [5];
  • il delitto di atti sessuali con minorenne [6];
  • il delitto di furto [7];
  • il delitti di furto [8];
  • il delitto di rapina e di estorsione [9];
  • il delitto di ricettazione, nell’ipotesi aggravata [10];
  • il delitto di illegale fabbricazione, introduzione nello Stato, messa in vendita, cessione, detenzione e porto in luogo pubblico o aperto al pubblico di armi da guerra o tipo guerra o parti di esse e di esplosivi, di armi clandestine nonché di più armi comuni da sparo;
  • i delitti concernenti sostanze stupefacenti o psicotrope [11];
  • i delitti commessi per finalità di terrorismo o di eversione dell’ordine costituzionale per i quali la legge stabilisce la pena della reclusione non inferiore nel minimo a quattro anni o nel massimo a dieci anni;
  • i delitti di promozione, costituzione, direzione e organizzazione delle associazioni segrete [12];
  • i delitti di partecipazione, promozione, direzione e organizzazione della associazione di tipo mafioso [13];
  • il delitto di maltrattamenti contro familiari e conviventi e di atti persecutori [14];
  • il delitto di promozione, direzione, costituzione e organizzazione della associazione per delinquere prevista [15].

Quando l’arresto è facoltativo?

L’arresto in flagranza è facoltativo (ovvero discrezionale) nel caso in cui il colpevole sia colto mentre commette un reato doloso per il quale è prevista la pena della reclusione superiore nel massimo a tre anni ovvero non inferiore nel massimo a cinque anni [16].

È, altresì, facoltativo nei seguenti casi:

  • peculato mediante profitto dell’errore altrui [17];
  • corruzione per un atto contrario ai doveri d’ufficio [18];
  • violenza o minaccia a un pubblico ufficiale [19];
  • commercio e somministrazione di medicinali guasti e di sostanze alimentari nocive [20];
  • corruzione di minorenni [21];
  • lesione personale [22];
  • violazione di domicilio [23];
  • furto [24];
  • danneggiamento aggravato [25];
  • truffa [26];
  • appropriazione indebita [27];
  • offerta, cessione o detenzione di materiale pornografico [28];
  • alterazione di armi e fabbricazione di esplosivi non riconosciuti [29];
  • fabbricazione, detenzione o uso di documento di identificazione falso [30];
  • falsa attestazione o dichiarazione a un pubblico ufficiale sulla identità o su qualità personali proprie o di altri [31];
  • fraudolente alterazioni per impedire l’identificazione o l’accertamento di qualità personali [32].

L’arresto in flagranza, di norma, avviene ad opera di ufficiali e agenti della polizia giudiziaria.

Il cittadino può arrestare qualcuno?

Chiunque è autorizzato ad arrestare in flagranza:

  • di chi stia compiendo i reati per i quali è previsto l’arresto obbligatorio da parte della polizia giudiziaria;
  • limitatamente ai casi in cui il delitto sia perseguibile d’ufficio;

con l’obbligo consequenziale di consegnare l’arrestato e gli oggetti costituenti il corpo del reato (senza ritardo) alla polizia giudiziaria, la quale redige il verbale della consegna e ne rilascia copia [33].

La differenza tra il cittadino e la polizia giudiziaria è che il cittadino può arrestare chi sta commettendo un reato, mentre la polizia giudiziaria ha l’obbligo giuridico di farlo.

Il privato che proceda ad un arresto non può trattenere l’arrestato oltre il tempo strettamente necessario per la sua consegna agli organi di polizia.

Un cittadino può arrestare un politico?

I membri del Parlamento non possono essere arrestati senza autorizzazione della Camera alla quale appartengono, salvo che siano colti nell’atto di commettere un delitto per il quale è previsto l’arresto obbligatorio in flagranza [34].

Ciò significa che se colgo un politico mentre realizza un’estorsione ad un terzo posso arrestarlo e condurlo alla polizia, anche se si tratta di un parlamentare.

 

note

[1] Art. 382 cod. proc. pen.

[2] Art. 380 cod. proc. pen.

[3] Art. 419 cod. pen.

[4] Artt. 600, 600 bis, 600 ter, 600 quarter, 600 quiniquies cod. pen.

[5] Artt. 609 bis e 609 quater cod. pen.

[6] Art. 609 quater cod. pen.

[7] Art. 625 cod. pen.

[8] Art. 624 bis cod. pen.

[9] Artt. 628 e 629 cod. pen.

[10] Art. 648 cod. pen.

[11] Art. 73 Decreto del Presidente della Repubblica n. 309 del 9.10.1990.

[12] Art. 1 L. n.17 del 25.1.1982 n. 17,art. 1 L. 561 del 17.4.1956 n. 561, artt. 1 e 2 L. n. 645 del 20.6.1952.

[13] Art. 416 bis cod. pen.

[14] Artt. 572 e 612 bis cod. pen.

[15] Art. 416 cod. pen.

[16] Art. 381 cod. proc. pen.

[17] Art. 316 cod. pen.

[18] Artt. 319 e 321 cod. pen.

[19] Art. 336 cod. pen.

[20] Artt. 443 e 444 cod. pen.

[21] Art. 530 cod. pen.

[22] Art. 582 cod. pen.

[23] Art. 614 cod. pen.

[24] Art. 624 cod. pen.

[25] Art. 635 cod. pen.

[26] Art. 640cod. pen.

[27] Art. 646 cod. pen.

[28] Artt. 600 ter, 600 quarter, 600 quarter 1 cod. pen.

[29] Artt. 3 e 24 comma 1 L. n.110 del 18.4.1975.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK