Tech Pubblicato il 21 dicembre 2016

Articolo di

Tech Nuovo pericolo per la privacy con la funzione Live Audio di Facebook

> Tech Pubblicato il 21 dicembre 2016

Il social network Facebook sta introducendo la funzione Live Audio che però potrebbe anche essere usata per spiare di nascosto qualcuno.

Da qualche giorno Facebook ha reso disponibile la funzione per condividere video in diretta. Ma ora il social network vuole dare una possibilità in più ai suoi utenti lanciando la funzione Live Audio per trasmettere in diretta solo l’audio. Secondo quanto dichiarato sul blog ufficiale, molte persone preferiscono raccontare le loro storie solo con le parole e questo ha spinto il social network ha integrare l’esperienza live con la nuova funzione.

Dietro un fine lodevole, però, si nasconde anche un nuovo pericolo per la privacy. Già ora molti utilizzano il proprio smartphone per registrare di nascosto una conversazione. Con la nuova funzione di Facebook ora diventa anche facile far ascoltare in tempo reale quello che si dice in un altro posto.

In altre parole Live Audio potrebbe trasformare il telefonino in un microfono spia. Basta nasconderlo in una stanza, avviare l’audio in diretta su Facebook e mettersi in ascolto da un altro device. Tutto quello che verrà detto nella stanza potrà essere ascoltato facilmente da qualcun altro senza dover acquistare kit complicati da installare e configurare.

L’ennesima dimostrazione di come i nuovi mezzi di comunicazione nelle mani sbagliate possono trasformarsi in pericolosi strumenti per invadere la privacy altrui. È pur vero che all’occorrenza potrebbe anche essere utilizzata la funzione Live Video per spiare una persona di nascosta, ma le cose sarebbe un po’ più complicate.

Nel caso si volesse riprendere anche il video, non basta nascondere lo smartphone ma si deve anche posizionarlo in modo che la fotocamera possa inquadrare la stanza e quindi occorre quantomeno procurarsi un cavalletto.

Se invece si volesse solo ascoltare quello che viene detto, l’uso della funzione Live Video potrebbe non essere l’ideale perché richiederebbe una banda maggiore, mentre con quella Live Audio si possono usare anche connessioni non velocissime e consumare molto meno traffico dati.

Prima di renderla disponibile a tutti all’inizio del prossimo anno, Facebook sta testando la nuova funzione con alcuni partner tra cui BBC World Service , LBC, Harper Collins, e gli autori Adam Grant e Brit Bennett.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK