HOME Articoli

Lo sai che? Pubblicato il 24 dicembre 2016

Articolo di

Lo sai che? Gli scatti di anzianità

> Lo sai che? Pubblicato il 24 dicembre 2016

Gli scatti di anzianità sono aumenti periodici della retribuzione, che maturano in rapporto all’anzianità di servizio maturata presso la stessa azienda.

L’anzianità di servizio decorre dall’inizio del rapporto di lavoro, fino alla sua cessazione.

Gli scatti di anzianità sono stabiliti dal contratto collettivo applicato dall’azienda, il quale indica la misura, il periodo e il numero massimo degli scatti che maturano nel corso del rapporto lavorativo.

In genere gli importi variano a seconda della qualifica e del livello attribuiti al lavoratore e possono essere stabiliti in cifra fissa, oppure sulla base di una percentuale calcolata su determinati elementi retributivi, che variano a seconda del contratto collettivo applicabile [1].

Alcuni contratti collettivi fanno dipendere gli scatti di anzianità alla durata nel tempo del lavoro effettivamente prestato; in altri casi, invece, sono computabili ai fini di tali scatti anche le assenze del lavoratore dovute a malattia, infortuni, congedi o aspettative.

Sono invece sempre nulli i contratti che fanno decorrere la maturazione degli scatti di anzianità dal compimento di un’età minima [2].

Scatti di anzianità e passaggio ad una qualifica superiore

Nel caso in cui, durante il rapporto di lavoro, al dipendente venga assegnato un livello o una qualifica superiore, anche gli scatti di anzianità dovranno essere corrispondentemente riproporzionati.

In particolare, la giurisprudenza prevede sul punto che lo scatto di anzianità venga assorbito dal nuovo aumento, salvo diversa pattuizione espressa tra datore e lavoratore.

In generale, si possono individuare due differenti possibilità, a seconda del contratto collettivo applicato dall’azienda:

  • l’azzeramento e il conseguente assorbimento dello scatto di anzianità nell’aumento di retribuzione connesso al passaggio alla qualifica superiore;
  • la continuità degli scatti maturati sino al momento del passaggio di qualifica: in tal caso, la determinazione del numero di scatti cui ha diritto il lavoratore è determinata sommando il valore complessivo degli scatti sino a quel momento maturati e dividendo per l’importo cui corrisponde il nuovo scatto. Esempio:

Scatti maturati sino al passaggio di qualifica: 2, per un totale di €. 21,95

Importo scatto anzianità relativo a livello superiore: €. 21,95

Divisione dei due valori: 21,95: 21,95= 1

Scatto cui ha diritto il lavoratore = 1

Anzianità di servizio e assenze dal lavoro

Con riguardo invece al rapporto tra anzianità di servizio e assenza per ferie, malattia, infortunio, congedo o aspettativa, si evidenzia che la maggior parte dei contratti collettivi nazionali prevede che l’anzianità di servizio decorra ugualmente pur in mancanza di lavoro effettivo e dunque anche in caso di assenze per malattia, ferie, infortuni, congedi, aspettative.

Durante tali periodi di assenza, quindi, maturano gli scatti di anzianità.

In particolare, tale sistema è previsto specificatamente per i lavoratori in aspettativa non retribuita, chiamati a funzioni pubbliche elettive o a ricoprire cariche sindacali provinciali o nazionali; i lavoratori chiamati e prestare il servizio militare; i periodi trascorsi in Cassa integrazione guadagni.

In tali casi, il periodo trascorso in aspettativa è considerato a tutti i fini come lavoro effettivamente prestato ai fini degli aumenti periodici di retribuzione e della progressione della carriera [3].

Scatti di anzianità e part-time

I lavoratori assunti con contratto di lavoro part – time, al pari degli altri lavoratori, hanno diritto agli scatti di anzianità: tale diritto infatti, non richiede un periodo di maturazione maggiore rispetto a quello richiesto dai lavoratori a tempo pieno.

L’unica differenza rispetto ai lavoratori assunti a tempo pieno è l’importo dello scatto che sarà proporzionato alla ridotta entità della prestazione lavorativa e della relativa retribuzione.

Tutele per il lavoratore

Nel caso in cui al lavoratore non siano riconosciuti gli scatti di anzianità, oppure gli sia applicato uno scatto di importo inferiore a quello previsto dai contratti collettivi, si dovrà rivolgere all’Ufficio vertenze sindacali, oppure ad uno studio legale specializzato in diritto del lavoro, i quali faranno un conteggio degli scatti maturati e delle corrispondenti somme dovute ed interverranno nei confronti dell’azienda richiedendone l’attribuzione ed il pagamento [4].

note

[1] Cass. sent. n. 18584/2008.

[2] Pret. Milano sent. del 18/7/95

[3] Cass. 24/9/96 n.8430; Pret. Rovigo 25/11/94

[4] Cass. sent. n.8430/1996.

Cass. 7/7/2008 n. 18584: "La giusta retribuzione ex art. 36 Cost. deve essere adeguata anche in proporzione all'anzianità di servizio acquisita, in considerazione del miglioramento qualitativo nel tempo della prestazione".   Pret. Milano 18/7/95: "Nessuna rilevanza può riconoscersi alle clausole contrattuali collettive che fanno decorrere l'anzianità utile ai fini della maturazione degli aumenti periodici dal compimento del 21 anno di età, dovendosi ritenere che lo svantaggio così posto a carico di chi inizia a lavorare a un'età inferiore sia in contrasto con il disposto degli artt. 37 e 3 Cost."   Cass. 24/9/96 n.8430: "Il periodo trascorso in aspettativa dal lavoratore chiamato, ai sensi dell’art. 31 SL, a ricoprire cariche sindacali, è utile ai fini della maturazione degli scatti di anzianità e comporta il diritto al correlativo aumento retributivo alla ripresa del servizio, salvo che la disciplina contrattuale ricolleghi la maturazione degli scatti all’effettività delle prestazioni di lavoro"   Pret. Rovigo 25/11/94: "I periodi durante i quali il lavoratore resta sospeso dal servizio, fruendo della Cigs, vanno inclusi nell'anzianità di servizio "prestato", utile ai fini della maturazione degli scatti di anzianità, previsti dall'art. 16 D.S., parte I, CCNL 18/1/87 per gli addetti all'industria metalmeccanica privata"   Cass. 24/9/96 n.8430: "L’anzianità di servizio costituisce un mero fatto giuridico insuscettibile di prescrizione; conseguentemente nel caso in cui il lavoratore, prescrittosi un primo scatto di retribuzione, agisca tempestivamente per ottenere l’attribuzione di scatti successivi, questi debbono essere liquidati nella misura a essi corrispondente, e cioè come se quello precedente, maturato ma non più dovuto per effetto della prescrizione, fosse stato corrisposto"

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK