HOME Articoli

Lo sai che? Pubblicato il 13 gennaio 2017

Articolo di

Lo sai che? Se un processo dura troppo c’è l’equa riparazione

> Lo sai che? Pubblicato il 13 gennaio 2017

Come opporsi al decreto di rigetto della domanda di equa riparazione in caso di durata irragionevole del processo.

La cosiddetta legge Pinto (modificata dalla legge di stabilità 2016) prevede [1] che contro il decreto che ha deciso sulla domanda di equa riparazione può essere proposta opposizione allo stesso ufficio giudiziario al quale appartiene il giudice che ha emesso il decreto (cioè alla stessa Corte d’Appello).

La stessa legge Pinto [2], poi, prevede che il decreto con cui la Corte d’Appello decide sulla opposizione proposta dal cittadino sia impugnabile per Cassazione.

L’unico modo, quindi, per ribaltare un l’esito negativo sarebbe quello di proporre ricorso per Cassazione contro il decreto della Corte di Appello.

Il ricorso per Cassazione, comunque, non si potrebbe proporre se fossero già passati oltre sessanta giorni da quando il decreto stesso fu comunicato al difensore. E, in ogni caso, anche se non fosse decorso il termine perentorio di sessanta giorni dalla comunicazione per proporre ricorso per Cassazione, per ribaltare l’esito del giudizio sarebbe necessario dimostrare dinanzi alla Cassazione che il giudizio espresso dalla Corte di Appello fu errato.

Articolo tratto da una consulenza dell’avv. Angelo Forte.

note

[1] Articolo 5 – ter.

[2] Articolo 5 – ter, comma 5.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK