HOME Articoli

Lo sai che? Pubblicato il 25 dicembre 2016

Articolo di

Lo sai che? Insubordinazione del dipendente lecita se è esasperato

> Lo sai che? Pubblicato il 25 dicembre 2016

Non si può licenziare il lavoratore che litiga con il capo se è esasperato da una situazione lavorativa insostenibile: l’insubordinazione è dettata da uno sfogo legittimo.

È legittimo reagire, anche in malo modo, a un proprio superiore gerarchico se la condotta insubordinata tenuta dal dipendente è solo il frutto di uno sfogo personale conseguente a un clima lavorativo esasperato. Così, come nel diritto penale, anche nell’ambito dei rapporti aziendali, la provocazione è una causa che giustifica un comportamento di per sé illegittimo. Non si può quindi sanzionare con il licenziamento per giusta causa (quello cioè senza preavviso) il dipendente dopo la lite con il proprio capo. È quanto chiarito dalla Cassazione con una recente sentenza [1].

Perché si possa parlare di insubordinazione come causa di licenziamento – sostiene la corte – è necessario il dolo, ossia la volontà e la consapevolezza di opporsi con fermezza e violenza a un ordine del proprio superiore; ma queste circostanze non ricorrono quando l’invettiva è solo una reazione – sebbene non immediata e contestuale – all’altrui comportamento provocatorio o a un clima di tensioni dettato dall’ambiente generale.

Insomma, laddove la ribellione è un effetto di una causa che non risale alla volontà del dipendente ma ad altre circostanze estranee alla sua sfera, essa si può considerare come rientrante nel normale esercizio del diritto di critica, costituzionalmente garantito a chiunque, finanche al lavoratore dipendente, benché legato da un obbligo di fedeltà e obbedienza al proprio datore di lavoro.

È quindi giustificabile la reazione al proprio superiore se il dipendente in quel momento è «esasperato» dal clima di tensione creatosi in azienda: ciò che conta è che nella condotta addebitata manchi la specifica volontà di insubordinazione.

note

[1] Cass. sent. n. 26930/16 del 23.12.16.

Autore immagine: 123rf com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK