Professionisti Pubblicato il 25 dicembre 2016

Articolo di

Professionisti I diritti reali

> Professionisti Pubblicato il 25 dicembre 2016

Distinzioni dei diritti reali: diritto di proprietà e diritti reali su cosa altrui. Diritti reali di godimento (superficie, l’enfiteusi, l’usufrutto, l’uso, l’abitazione e la  servitù) e di garanzia (pegno e ipoteca).

I caratteri dei diritti reali

I diritti reali sono quei diritti tipici che assicurano al titolare un potere immediato ed assoluto su un bene. Presentano, pertanto, le seguenti caratteristiche:

  • immediatezza: implicano un potere diretto sul bene, il titolare ottiene il soddisfacimento del proprio interesse senza l’interposizione e la cooperazione di altre persone;
  • assolutezza: si fanno valere nei confronti di tutti (erga omnes) e su tutti incombe indistintamente un dovere di astensione, concretantesi nell’obbligo di non impedire l’esercizio del diritto al suo titolare;
  • tipicità: tutti i diritti reali sono previsti dalla legge; oltre questi si ritiene che i privati non possano crearne altri (numerus clausus);
  • attribuiscono al titolare il cd. diritto di sequela (o diritto di seguito), che consente  di perseguire la cosa presso qualunque soggetto si trovi.

Distinzioni dei diritti reali

Malgrado le profonde differenze tra diritto di proprietà e gli altri diritti reali, essi costituiscono, tutti insieme, una categoria unitaria. Tuttavia nell’ambito della categoria distinguiamo:

a) Diritto di proprietà

La proprietà, fra i diritti reali, è quella che consente la più ampia sfera di facoltà che l’ordinamento riconosce ai soggetti sulle cose.

b) Diritti reali su cosa altrui (o diritti reali limitati)

Tali diritti assicurano ai titolari delle facoltà inerenti a cose di proprietà altrui e si caratterizzano per un contenuto più limitato di quello della proprietà. Essi si caratterizzano per la specialità, la limitatezza del loro contenuto e per la possibilità di estinzione e si distinguono in:

 

1- diritti reali di godimento: sono quelli che limitano il potere di godimento del proprietario della cosa, cioè il potere di trarre dalla cosa l’utilità che essa può dare. In particolare sono: la superficie, l’enfiteusi, l’usufrutto, l’uso, l’abitazione e la  servitù.

Presentano i seguenti caratteri:

  • sono autonomi;
  • possono avere durata indefinita (tranne l’usufrutto), anche se vige per essi la regola dell’estinzione per non uso, quando il mancato esercizio si protrae per 20 anni;

 

2- diritti reali di garanzia: sono quelli consistenti in un vincolo giuridico imposto su un bene a garanzia di un credito. Sono: il pegno e l’ipoteca.

Presentano i seguenti caratteri:

  • sono accessori ad un diritto di credito (presente o futuro), di cui garantiscono l’adempimento per cui se manca o si estingue l’obbligazione garantita viene meno e si estingue a che la garanzia;
  • hanno durata limitata, perché sono destinati a venir meno quando la funzione di garanzia cui tendono abbia esaurito il suo scopo.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK