HOME Articoli

Lo sai che? Pubblicato il 30 dicembre 2016

Articolo di

Lo sai che? Assunzione obbligatoria disabile: dopo quanti dipendenti scatta?

> Lo sai che? Pubblicato il 30 dicembre 2016

Con 15 dipendenti va assunta subito una persona disabile: l’obbligo scatta a prescindere dal momento in cui vengono fatte nuove assunzioni.

 

Chi dà lavoro a un numero di dipendenti da 15 a 35 è tenuto ad assumere immediatamente almeno una persona disabile. Se poi i dipendenti sono superiori a 36 e non oltre 50, diventano almeno due gli invalidi da assumere. Infine gli invalidi salgono al 7% degli occupati per le aziende con più di 50 dipendenti. Sono questi gli obblighi imposti dalla legge del 1999 [1] che, dopo un periodo di applicazione transitoria, entra definitivamente in vigore il 1.02.2017 [2].

Il regime transitorio, applicato fino al 31.12.2016, consentiva alle aziende private con un numero di dipendenti da 15 a 35 di assumere un disabile solo al momento in cui fossero effettuate «nuove assunzioni». Oggi invece questo adempimento scatta automaticamente al raggiungimento della soglia di unità limite.

Pertanto, dal 1° gennaio 2017 solo le aziende con massimo 14 dipendenti vengono esonerate dall’obbligo di assumere disabili; invece, i datori di lavoro pubblici o privati, che occupano da 15 dipendenti in su sono tenuti ad assumere immediatamente persone disabili secondo le seguenti proporzioni:

  • 1 lavoratore disabile, se l’azienda ha da 15 a 35 dipendenti;
  • 2 lavoratori disabili, se l’azienda ha da 36 a 50 dipendenti;
  • 7% di disabili (rispetto ai lavoratori occupati), se l’azienda occupa più di 50 dipendenti.

La nuova regola comporta due effetti: i datori di lavoro che già si trovano nella fascia di organico da 15 a 35 dipendenti computabili dovranno provvedere a coprire la quota di riserva. Essi dovranno  presentare agli uffici competenti la richiesta di assunzione entro 60 giorni dal momento in cui è scattato l’obbligo; la decorrenza dei 60 giorni scatta a partire dal 1° gennaio 2017, ossia dall’insorgenza dell’obbligo medesimo (prima escluso se non nel momento in cui si realizzava una nuova assunzione, dopo essere entrati nella fascia in questione).
Allo stesso modo, i datori di lavoro che d’ora in poi supereranno la soglia dei 14 dipendenti dovranno seguire la stessa regola.
I datori di lavoro che dovessero avere in forza lavoratori già disabili prima della costituzione del rapporto di lavoro, anche se non assunti tramite il collocamento obbligatorio, potranno computarli nella quota di riserva qualora gli stessi abbiano una riduzione della capacità lavorativa pari o superiore al 60%.

Entro quanto tempo deve avvenire l’assunzione del disabile?

L’assunzione o l’attivazione di misure alternative deve avvenire entro 60 giorni dal momento in cui è sorto l’obbligo ossia da quando è stato sforato il limite di dipendenti appena visti.

Chi sono i soggetti esenti?

Non sono tenute all’assunzione di disabili le imprese che si trovano in stato di difficoltà e hanno richiesto l’intervento della Cigs per ristrutturazione, crisi aziendale o contratto di solidarietà.

Quali sanzioni scattano in caso di mancata assunzione di disabili?

L’azienda che non adempie al collocamento obbligatorio delle quote di lavoratori disabili rischia una sanzione amministrativa pari a cinque volte la misura del contributo esonerativo, equivalente a 153,20 euro per ogni giorno di scopertura e per ciascun disabile non assunto.

La sanzione è ridotta a 38,30 euro per ogni giorno di scopertura e per ogni lavoratore disabile non assunto se, ottemperando alla diffida, il datore di lavoro assume il lavoratore disabile o presenta agli uffici competenti la relativa richiesta.

note

[1] Legge 68/1999.

[2] D. lgs. n. 151/2015 che, in attuazione della legge 183/2014, abroga, con effetto differito al 2017, la graduale applicazione degli obblighi di assunzione per i datori di lavoro che occupano da 15 a 35 dipendenti.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK