HOME Articoli

Lo sai che? Pubblicato il 2 gennaio 2017

Articolo di

Lo sai che? Quanti punti dalla patente per il semaforo rosso?

> Lo sai che? Pubblicato il 2 gennaio 2017

Passaggio al semaforo rosso: per la multa, quanti punti dalla patente mi vengono tolti?

Se sei passato con il rosso e, magari, solo dopo aver attraversato la linea di stop, ti sei accorto che, sul semaforo, era presente una telecamera che ti ha scattato una fotografia o che, dietro di te, nascosta dalla fila, c’era una pattuglia della polizia, è probabile che ti arriverà una multa.

Ebbene, le sanzioni previste dal codice della strada [1] per il passaggio a semaforo rosso sono:

  • una sanzione pecuniaria da 41 a 168 euro (gli importi sono suscettibili di aumento per via degli aggiornamenti al costo della vita). La multa viene aumentata se la contravvenzione viene commessa nelle ore notturne, ossia dalle ore 22 fino alle 7 del giorno dopo;
  • la decurtazione di 6 punti dalla patente.

I punti sottratti alla patente diventano invece 10 se il comportamento del conducente è quello del sorpasso di auto ferme al semaforo.

Per i neopatentati, il passaggio al semaforo rosso comporta invece la decurtazione di 10 punti dalla patente. Si considera neopatentato chi ha conseguito la patente A2, A, B1 o B da meno di 3 anni.

I punti persi per passaggio al semaforo rosso vengono integralmente restituiti all’automobilista che, entro 2 anni, non commette altra violazione simile. Se, invece, l’automobilista non vuol attendere tutto questo tempo, per ottenere la restituzione dei punti può frequentare i corsi attivati dalle autoscuole o anche quelli delle amministrazioni locali per reintegrare la dote sulla patente.

 

 

Il sistema della patente a punti

Al momento del rilascio la patente ha una dotazione di 20 punti che vengono decurtati in base alla tabella delle sottrazioni di punteggio desunta dal Codice e graduata secondo l’entità delle infrazioni commesse. Insieme ad essa scatta sempre una pecuniaria e, nelle ipotesi più gravi, la sospensione della patente.

La sottrazione dei punti ha effetto dalla data di accertamento comunicata dalle forze dell’ordine al Dipartimento dei trasporti terrestri (ex motorizzazione civile) ma solo dopo che la multa è stata pagata o che si sia concluso l’eventuale iter in caso di contestazione (con ricorso al giudice di pace o al Prefetto).

Se il titolare commette contemporaneamente più di un’infrazione che comporta la perdita di punti, ma non la sospensione della patente, potrà usufruire di una sorta di “sconto”. Se la somma complessiva delle decurtazioni è, infatti, superiore a 15 la sottrazione effettivamente applicata non potrà comunque essere superiore a questa soglia.

La sottrazione dei punti scatta solo se il conducente viene fermato immediatamente da una pattuglia della polizia (cosiddetta contestazione immediata dell’infrazione). Diversamente, nel caso di rilevamento tramite fotocamere e altri sistemi di controllo elettronico, il proprietario dell’auto riceve a casa, insieme alla multa, l’ordine a comunicare i dati dell’effettivo conducente. Se lo fa, solo quest’ultimo subisce la decurtazione dei punti; diversamente il titolare del mezzo subisce una seconda sanzione fino a mille euro.

Si può sottrarre i punti a chi passa in bicicletta col rosso?

Le norme che riguardano chi commetta violazioni alla guida di veicoli per i quali è prescritto l’uso della patente. Non potrà, quindi, essere punito con la diminuzione di punti, ad esempio, chi non rispetti il semaforo rosso in bicicletta anche se in possesso della patente di guida.

Come ottenere 30 punti sulla patente

La quota iniziale di 20 punti può essere incrementata sino alla quota massima di 30 per ogni biennio nel corso del quale il titolare non abbia subito penalizzazioni.

Analoga misura riguarda chi, invece, sia incappato nelle procedure di sottrazione.

Come ritornare a 20 punti

Chi ha meno di 20 punti ma non ha esaurito la propria dotazione potrà ritornare a 20 se non subirà altre decurtazioni per un intero biennio.

Che succede se perdo tutti i punti sulla patente?

Se l’automobilista perde tutti i 20 punti deve ripetere gli esami previsti per il rilascio della propria patente. In particolare il Dipartimento dei trasporti terrestri gli invia una comunicazione dandogli 30 giorni di tempo per provvedere alla revisione della patente, ripetendo gli esami teorici e pratici. Durante questi 30 giorni l’automobilista può ancora circolare. Se però fa scadere questo termine la patente resta sospesa a tempo indeterminato e viene ritirata a domicilio dalle forze dell’ordine. In caso di esito positivo il titolo viene, al contrario, ripristinato con la dotazione di punteggio iniziale.

Che succede se non perdo tutti i punti della patente?

In caso di decurtazione parziale dei punti è invece possibile ricorrere ai corsi di recupero o di aggiornamento organizzati dalle autoscuole o dagli altri soggetti pubblici e privati, come le associazioni di settore, autorizzati dal ministero delle Infrastrutture.

Come controllare quanti punti ho sulla patente?

Il saldo dei punti ancora presenti sulla patente può, peraltro, essere controllato da tutti gli interessati in tempo reale consultando l’apposito numero verde (848782782) messo a disposizione dei conducenti abilitati dall’amministrazione statale ovvero, per via telematica, sul sito web del ministero (www.ilportaledellautomobilista.it).

note

[1] Art. 146 cod. str.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK