HOME Articoli

Lo sai che? Pubblicato il 9 gennaio 2017

Articolo di

Lo sai che? Pignoramento della pensione 2017

> Lo sai che? Pubblicato il 9 gennaio 2017

Se hai ricevuto il pignoramento della pensione e vuoi verificare se l’importo accantonato dalla banca o dall’Inps sia quello corretto, ecco le regole da conoscere.

Quando il creditore avvia il pignoramento della pensione può farlo in due forme diverse: o direttamente presso l’Inps, prima che l’importo venga corrisposto al pensionato oppure dopo che la somma è stata accreditata sul conto corrente di quest’ultimo. In entrambi i casi, l’importo massimo pignorabile non è sempre uguale poiché – come vedremo a breve – dipende dalla misura annua della pensione sociale: essa infatti è un parametro fissato dalla legge per determinare fino a quanto si può spingere il pignoramento del debitore.

In attesa dunque di conoscere la circolare dell’Inps che fisserà la misura dell’assegno sociale per l’anno in corso, vediamo, per il momento, qual è la misura massima del pignoramento della pensione 2017.

Pignoramento dello stipendio in capo all’azienda

Il creditore può decidere di pignorare la pensione quando ancora non è stata accreditata al pensionato. In tal caso, il pignoramento massimo consentito è di “un quinto” del netto della pensione, detratto il cosiddetto «minimo vitale», una somma garantita al pensionato per consentirgli un’esistenza dignitosa. Il minimo vitale è pari all’assegno sociale erogato dall’Inps aumentato della metà.

Vediamo meglio come si calcola il minimo vitale: bisogna prendere l’importo dell’assegno sociale (importo annualmente rivalutato) e sommarvi il 50% di tale stesso importo. Pertanto, se la pensione sociale è attualmente di 448,07 euro, il minimo di sopravvivenza impignorabile è pari a 672,10 euro (ossia 448,07 + 224,03 [che è la metà di 448,07]). Il risultato di tale operazione costituisce la parte di pensione impignorabile, sotto la quale cioè essa non può mai scendere nonostante il pignoramento.

Per il 2015 l’assegno sociale ammontava a 448,51 euro mensili per 13 mensilità [1]; invece per il 2016 e il 2017 (fino a nuova circolare dell’Inps) la misura resta quella indicata lo scorso 31 dicembre 2015 [2], ossia 448,07 euro mensili per 13 mensilità.

La misura del «minimo vitale» è introdotta due anni fa [3], anche se già elaborata, in precedenza, dalla giurisprudenza. Così ora il codice di procedura civile dispone quanto segue [4]:

«Le somme da chiunque dovute a titolo di pensione, di indennità che tengono luogo di pensione o di altri assegni di quiescenza, non possono essere pignorate per un ammontare corrispondente alla misura massima mensile dell’assegno sociale, aumentato della metà. La parte eccedente tale ammontare è pignorabile nei limiti previsti dal terzo, quarto e quinto comma nonché dalle speciali disposizioni di legge».

Facciamo un esempio. Su una pensione di 1.500 euro si dovrà prima detrarre il minimo vitale (672,10 euro). Il risultato è pari a 827,90 euro ed è su questo che si applica il pignoramento che, come detto, è pari a un quinto. Di conseguenza, la parte di pensione mensilmente pignorabile presso l’Inps è pari a 41,39 euro.

Pignoramento della pensione sul conto corrente

Se la pensione viene pignorata quando ormai è stato accreditata sul conto corrente (il che è obbligatorio per pensioni pari o superiori a 1.000 euro), valgono regole diverse. Un tempo il pignoramento si poteva spingere al 100% di tali somme. Ma la riforma ha modificato tutto ciò disponendo in particolare che:

  • le somme già accreditate sul conto prima della notifica del pignoramento possono essere pignorate dal creditore solo per quella parte di importo che supera il triplo della pensione sociale. Nel 2016 la pensione sociale ammonta ad euro 448,07 per 13 mensilità. Per cui la somma non pignorabile sul conto è di 1.344,21. Per esempio, se il pensionato ha sul c/c 2.000 euro all’atto della notifica del pignoramento, il pignoramento è di 655,79 euro (ossia 2.000 – 1.344,21); se invece il pensionato dovesse avere sul conto solo mille euro, alcuna somma potrà mai essere pignorata;
  • le somme accreditate sul conto dopo la notifica del pignoramento possono essere pignorate:

a- nella generalità dei casi, nella misura massima di 1/5 dell’emolumento versato sul conto;

b- se il creditore agisce per crediti alimentari, nella misura autorizzata dal presidente del tribunale o dal giudice delegato;

c- per i crediti dello Stato, Province o Comuni: nel limite di 1/5;

d- per il pignoramento in concorso di più cause creditorie (alimenti, tributi, altre cause) fino alla metà della base pignorabile.

Come sapere presso quale banca il debitore ha lo stipendio?

Ma come fa a sapere il creditore il nome della banca ove il pensionato riceve mensilmente la pensione? Egli, dopo aver notificato il precetto, può chiedere al Presidente del Tribunale, di consentirgli l’accesso alla cosiddetta Anagrafe dei rapporti finanziari, ossia dei conti correnti: un maxi data base in cui sono contenuti – a beneficio del fisco – tutte le indicazioni sui conti correnti degli italiani. In tal modo è possibile conoscere l’istituto di credito dove viene accreditato il conto corrente del debitore e procedere a un pignoramento “a colpo sicuro”.

note

[1] Inps, circolare n. 1 del 9.01.2015.

[2] Inps, circolare del 31.12.2015.

[3] Dl n. 83/2015.

[4] Art. 545 cod. proc. civ.

Autore immagine: 123rf com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK