Mantenimento dei figli: quali sono le spese straordinarie e quali quelle ordinarie
Le Guide
18 set 2012
 
L'autore
 

La Redazione di LLpT è costituita da un team di avvocati che, giornalmente, “traduce” in linguaggio comprensibile a tutti, anche ai meno esperti, le u [...]

 

Mantenimento dei figli: quali sono le spese straordinarie e quali quelle ordinarie

Definizione e differenza tra spese ordinarie e straordinarie per il mantenimento dei figli: i chiarimenti della Cassazione.

 

Con la sentenza di separazione o di divorzio, il giudice di norma impone al coniuge non collocatario dei figli di contribuire al loro mantenimento corrispondendo, oltre all’assegno mensile, il 50% delle spese straordinarie mediche, sportive, scolastiche e di svago.

 

I problemi nascono quando si deve stabilire quali siano le “spese straordinarie” e quali invece rientrino nella “quotidiana gestione” della prole. Non poche volte capita infatti che il genitore convivente anticipi le spese extra e poi, dopo averne chiesto la restituzione della metà all’ex, quest’ultimo si rifiuti di corrispondere la sua parte.

 

La Cassazione, nel tentativo di chiarire questo aspetto, ha definito le spese straordinarie quelle che conseguono a eventi eccezionali della vita dei figli, con particolare riferimento alla loro salute [1]; oppure le spese che servono per soddisfare le esigente saltuarie e imprevedibili [2]; o, in ultimo, quelle che, per la loro rilevanza, imprevedibilità e imponderabilità, esulano dall’ordinario regime di vita dei figli, considerato anche il contesto socio-economico in cui sono inseriti [3].

 

Sono pertanto considerate spese ordinarie – e quindi rientranti già nell’assegno mensile erogato per il mantenimento – quelle che riguardino esigenze attuali e prevedibili dei figli, anche se parametrate nell’arco di un anno: tanto per fare qualche esempio, l’acquisto di libri scolastici e del materiale di cancelleria, dei quaderni, dell’abbigliamento per fare sport a scuola e della quota di iscrizione alle gite scolastiche, essendo obbligatorio, e non straordinario, che i figli frequentino la scuola.

 

Sono invece spese straordinarie quelle relative a esigenze saltuarie e imprevedibili dei figli, che non rientrano nelle loro consuetudini di vita. Proprio perché imprevedibili, il giudice non le può prevedere in anticipo già nella sentenza di separazione o divorzio. Per esempio, sono da considerare “extra” le spese mediche per interventi chirurgici o per fisioterapia, per gli occhiali da vista, per lezioni private.

 

Non è considerata straordinaria la spesa legata alla assistenza di un figlio disabile in quanto volte a soddisfare bisogni ordinari, anche se specifici e individualizzati, di quel figlio [4].

 

Per quanto riguarda le spese della baby sitter, si considerano ordinarie (e rientrano già nella previsione dell’assegno mensile) se ad essa il genitore affidatario fa abitualmente ricorso a causa dei propri impegni di lavoro; si considerano invece straordinarie se la baby sitter è stata utilizzata per una imprevedibile necessità del genitore di recarsi di un luogo distante da casa, per prestare – per esempio – assistenza a un parente ammalato o per partecipare a un matrimonio di un congiunto [5].

 

Quanto alle spese universitarie, la Cassazione ha ritenuto che esse giustifichino la richiesta al giudice di un aumento dell’assegno di mantenimento, in quanto sono spese destinate a durare nel tempo e non sono né saltuarie, né imprevedibili [6].

 

Se l’iscrizione a una scuola privata è stata decisa solo dal coniuge presso cui vive il figlio, senza il parere dell’altro genitore, quest’ultimo non è tenuto a contribuire alla spesa per la retta: ciò perché l’indirizzo scolastico deve essere deciso di comune accordo da entrambi i genitori (anche per via del fatto che oggi la regola è quella dell’affidamento condiviso). Se così non fosse, l’apporto di uno dei due coniugi si ridurrebbe a una mera erogazione di denaro [7].

 

Terminiamo con una serie di altre ipotesi specifiche [8].

 

Sono considerate spese straordinarie:

- le spese per far conseguire al figlio la patente di guida e per pagare eventuali sanzioni amministrative [9];

- le spese di soggiorno in uno Stato estero per la frequenza di corsi di lingua inglese, per le esigenze di apprendimento di uno studente universitario iscritto alla facoltà di lingue, intenzionato a intraprendere la professione di interprete [10];

- le spese per l’acquisto di un motorino e del computer (considerati beni ormai necessari per garantire l’emancipazione dei figli e il loro arricchimento culturale) [11];

- l’acquisto di un apparecchio ortodontico che ha costo pari a più assegni di mantenimento. La spesa, tuttavia, perché possa essere rimborsata, deve essere concordata da entrambi i genitori, in quanto non si tratta di una spesa sanitaria urgente, bensì programmabile [12];

- le spese per il ricevimento e il servizio fotografico in occasione di comunione e cresima [13];

- le spese sanitarie per visite specialistiche.

 

Sono considerate spese ordinarie:

- le spese per i medicinali come antibiotici, antipiretici, sciroppi e altri medicinali da banco necessari per fronteggiare situazioni che rientrano nella normale gestione di vita quotidiana di un minore e che sono di uso frequentissimo [14];

- le spese sanitarie per visite di controllo rutinarie [15];

- le spese sanitarie che derivano da ordinarie patologie dalla rapida evoluzione benigna [16].

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter

[1] Cass. sent. n. 7672 del 19.07.1999.

[2] Cass. sent. n. 6201 del 13.03.2009.

[3] Cass. sent. n. 9372 del 08.06.2012.

[4] Cass. sent. n. 18618/2011.

[5] Cass. sent. n. 16983/2007.

[6] Cass. sent. n. 8153/2006.

[7] Cass. sent. n. 10174 del 20.06.2012.

[8] Il Sole 24 Ore, 10.09.2012, n. 250, pag. 9.

[9] Trib. Ragusa sent. n. 243/2011.

[10] Cass. sent. n. 1960/2011.

[11] Trib. Ragusa, sent. n. 278/2011.

[12] Trib. Perugia, sent. n. 967/2011.

[13] Trib. Ragusa, sent. n. 278/2011.

[14] C. App. Catania, sent. 29.05.2008.

[15] Trib. Catania sent. 4.12.2008.

[16] C. App. Catania ordinanza del 5.12.2011.

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti
18 set 2012 franca ferrara

Certo, i problemi sorgono nell’individuazione di quali spese debbano essere ritenute “straordinare”. Nè soccorrono al riguardo taluni provvedimenti giudiziari privi di univocità anche nell’ambito dei medesimi uffici.
Non resta che sperare che il legislatore istituisca quanto prima le auspicate sezioni specializzate sulla famiglia, con assetto più competente ed omogeneo.

 
19 set 2012 Luigi Recchiuto

Spesso mi vengono richeste spese di “condivisione” non preventivamente concordate, di tipo: libri nuovi, gite di campi scuola,visite mediche a pagamento,attività sportive(anche se non e d’obbligo), ma non solo…ammesso che vorrei partecipare a tali spese,( il mio stipendio e sotto gli 800 euro nette al mese, a tante spese spesso non posso partecipare,anche se qualche volta lo fatto) la ex non mi fornisce di fatture, scontrini o altro che comprova tali spese effettuate da parte di lei.Sono separato con “affido condiviso” Legge 155/2006, in attesa Divorzio che dovrebbe avvenire a Dicembre di quest’anno salvo altre sorprese…. Vorrei dei consigli a riguardo…..la ex mi ha spesso minacciato che al momento della firma (che non metterò) del Divorzio mi chederà tutti gli arretrati delle spese da lei sostenute., se non mi ha mai dato ricevute in merito delle spese, può farlo??? Ho due minori di 13 e 15 anni… premetto che le spese di tipo ordinario, quando stanno con mè, i fine settimana alterni, e un giorno infrasettimanale, come da sentenza ultima, le sostengo io, comprese le vacanze e stive, non le ho mai chiesto di contribuire a spese axtra che io faccio quando posso permetterrmelo….per evitare conflitti….se qualcuno che leggera questo messaggio, potrà aiutermi, la/o ringrazio infinitamente. P.S.comè possibile iscriversi a questo blog??? mio è di utilità infinita….

 
Angelo Greco
19 set 2012 Angelo Greco

Buongiorno, Luigi. Per iscriversi alla nostra newsletter può andare alla pagina http://www.laleggepertutti.it/newsletter
Quanto al suo quesito, è chiaro che se la richiesta di contribuzione non le viene motivata da una pezza di appoggio, la richiesta non può neanche essere pretesa (e questo vale anche davanti al giudice: chiunque assuma di vantare un diritto ha anche l’onere di provare i fatti costitutivi di quel diritto stesso).

 
4 nov 2012 Antonella

Salve, considerare i testi scolastici una spesa ordinaria sembra sforare l”assurdo considerato che il loro importo supera due volte il mantenimento del minore …..ma ?

 
13 nov 2012 Silvia

Ho due figli, e solo l’iscrizione allo sport e libri e cancelleria scolastica, mi sono costati oltre 1000 euro…( compresi grembiulini, zaini astucci ecc) come potrei mantenerli se non mi corrispondesse la metà? Ovviamente non l’ha fatto e io devo ringraziare i miei genitori se possiamo inverte bene. Tra l’altro io non lavoro perché mi sono dovuta licenziare a causa di problemi legali del mio ex..(circa 6mesi fa è comparso su tutti i giornali e le tv nazionali per una “truffa” per cui è stato indagato e successivamente rinviato a giudizio, che coinvolgeva gente di tutta Italia e per stare accanto ai piccoli ho fatto questa scelta) .. Per non parlare del fatto che MAI il mantenimento ordinario arriva puntuale… Come devo comportarmi?
Vi ringrazio anticipatamente..

 
26 nov 2012 maria

Gilmeti chiedo i buoni pasto scolastici sono da considerare spese ordinerie e pertanto parte del mantenimento.
Grazie

 
13 dic 2012 Luigi Recchiuto

LA MIA EX “LA STRONZA” NOME DA COMPLIMENTO……DAL MOMENTO DELLA SEPARAZIONE CONSENSUALE VOLUTA DAL PADRE “FORZATAMENTE ESTORTA” CON MINACCE COME DICEVO…VIVE IN CASA CON I MIEI FIGLI….PRENDE PER INTERO LO STIPENDIO DI EURO 1700 PIU IL MANTENIMENTO DI 450 EURO RIVALUTATO OGNI ANNO…. E NON HA ALCUNA SPESA VISTO CHE PENSA IL PADRE A TUTTO. IO PRENDO MENO DI 800 EURO AL MESE…….E LEI ANTONELLA MI VIENE A DIRE CHE NON E’ GIUSTO CHE TUTTO QUELLO CHE RIGUARDA LA SCUOLA COME ALTRE SPESE OERDINARIE NON DEVE RIENTRARE NEL MANTENIMENTO…….MA NON SOLO,LA MIA EX NON MI HA MAI FORNITO NULLA COME PROVA DI QUALSIASI SPESA..TIPO: SCONTRINI, FATTURE E QUANT’ALTRO COMPROVI ANCHE LE SPESE EXTRAORDINARE O SIMILI, IO COMUNBQUE DOVE HO POTUTO HO UGUALMENTE PARTECIPATO..NATURALMENTE CON LA CONTROFIRMA DELLA EX COME PROVA DEI MIEI VERSAMENTI. VISTO CHE ADESSO MI SONO STUFATOE NON POSSO PIUì…NON PAGO COMUNQUE PIU’ NULLA CHE NON MI COMPETE…SONO STRAFELICE PER QUESTE SENTENZE A FAVORE ANCHE SA E ANCORA POCO….. ALMENO DOPO TANTI HANNI UN PO DIRESPIRO PER TANTI PAPA’ CHE SONO STATI SANGUISUGATI DA CERTE EX MOGLI STROZZINE……

 
5 gen 2013 gino

le donne in questi casi davanti al soldo hanno poca o nessuna dignità. si creano mille alibi per giustificare le loro ruberie. pretendono, e a volte con arroganza anche ottengono ciò che non gli spetta giocando sulla buona fede di chi non si informa perchè soffre piuttosto di non poter avere i propri figli vicino. sono donne piccole piccole, che moriranno sole come sole hanno deciso di vivere. sfortunatamente questo bon cambierò l’infelicitlà di chi ha avuto la sfortuna di incontrarle e scambiarle per quello che non erano. c’è molta più dignità nella prostituzione dichiarata e pattuita a priori. mentre così.. ci ritroviamo con donne che si fanno pagare casa e alimenti dall’ex marito, e nuovi figli freschi freschi da un pirla di ex compagno come me. informarsi ragazzi, informarsi tanto e su tutto e poi pagare quello che ci spetta E NON, in attesa del momento in cui i figli saranno grandi ed avremo il diritto di richiedere quanto non dovuto e versato, ovvero estorto ma con gli interessi ed in un’unica soluzione pensa il pignoramento dei conti correnti. il modo c’è. e me la godrò proprio per bene quando arriverà il mio turno:)

 
7 gen 2013 Andrea

Salve. volevo sapere se le spese Straordinarie sono considerate Obbligatorie o Facoltative da parte del coniuge NON affidatario del minore??
Nella mia sentenza di divorzio NON esiste la clausola di obbligatorietà ma solo l’accordo preventivo dopo presentazione di preventivo, e comunque dadividere al 50%.
Grazie

 
24 feb 2013 disperato

Il problema principale è che noi Papà nn siamo considerati genitori ma solo bancomat . La sofferenza di non poter sentire il respiro dei nostri figli mentre dormono non viene nemmeno presa in considerazione. La madre di mia figlia sta facendo il lavaggio del cervello alla mia piccola di 4anni e mezzo. Ma non esiste un modo per fermare questa strage di cervelli? Che figlia avrò quando sarà grande ? Pensate che è scesa sotto casa chiamando prima i carabinieri e poi avventandosi contro di me con il telefono in modalità registrazione urlando….AIUTO AIUTATEMIII….ora non so cosa succederà ma spero che il giudice vada a fondo anche se il mio avvocato dice che ..non esiste giustizia su questa terra!!

 
7 mar 2013 Mamma Onesta

Io sono una madre separata diciamo due volte non sono qui per criticare ne difendere nessuno sono qui per dare un punto di vista diverso…Nota bene sono una donna una madre, non un padre. Voi donne li’ fuori non vi vergognate a chiedere fino all’ ultima goccia di sangue ai vostri ex, ogni piccola spesa del tipo 2.50 centesimi? Vi faccio notare che io da un padre ricevo 300 euro e dall” altro non ricevo nulla per le mie due figlie. Sono dissocupata e in questi mesi sono alla Frutta ma non per questo odio gli uomini o gli ex , per quel padre che non paga nulla dal 2005 la legge provvedera’ ma comunque io come donna mai mi abbasserei a chiedere piu’ del dovuto perché ricordatevi che i figli non sono solo vostri solo perché escono dalla nostra pancia, mettetevi nei panni dei padri. Di notte pensate che non vedono piu’ i loro figli per coccole o per un sorriso o per : Papa’ oggi ho fatto questo a scuola guarda guarda!! I padri non vedono piu’ quello che noi madri prendiamo per scontato, loro ora non lo vivono piu’. Il disagio é grande, spese di benzina per andare a prenderli riportarli sono fuori di casa magari con abitazioni lontane quindi d inverno dove vanno??? troppo lontani per una casa calda quindi fuori dai centri commerciali, non vivono una vita comoda come noi donne alle quali rimane la casa: Preciso io non ho una mia casa, sono in affitto ed ho sempre cercato di fare da sola. Se io ci sono riuscita care mamme ci rieuscirete anche voi. Per quella signora che parla del ex coniuge ricercato, bhe si ricordi che se lei ha un reddito basso puo’ usufruire della dote Scuola, se ha piu di 2 figli quindi 3 c e un assegno per famiglia numerosa, ci sono diversi modi per soppravvivere. E se a lei non le spetta magari spetta al suo ex marito quindi lui puo ricevere la dote scuola e quindi andra’ lui a comperare i libri ed i materiali per la scuola ( se ha pensato per un attimo che li va’ a spendere per altre cose, le vorrei dire che non si puo’ e solo per materiale scolastico). Dio mio cercate di essere piu’ umane nei confronti di un uomo che bene o male vi ha dato dei figli e molto spesso ha anche provveduto. Si ci sono casi a sé ma quante mogli acide e cattive, collaborate con umanita’ per il bene dei vostri figli. Se pensate che io parta a favore dei mariti, vi sbagliate! io sono a favore delle persone oneste e dignitose. Io ne ho passate di tutti i colori e eppure mie figlie hanno un pasto caldo, ridono e magari non possono fare tutte le attivita di tutti ma ce un campetto qui fuori giocano e si muovono fuori casa e poi dove c e scritto che debbano fare duemila sport. Per il signore di 800 euro al mese dio mio mi spiace per lei é propio poco riuscire a vivere con cosi pochi soldi, io prndo che sia ovvio che se l ex non la consulta e non le chiede il parere e non le fornisce ricevute lei non é tenuto a pagare.
Per quelle mamme che si lamentano a destra e a sinistra che fanno di qui e di la’ per i figli vi dico: avere i figli é una scelta che comporta anche un duro lavoro che si fa’ per amore, fare pesare i vari spostamenti per sport per svago fate una cosa, andate voi in affitto lasciate la casa al vostro ex. marito vedete voi i figli un giorno alla settimana ed un weekend alternato e lasciate al vostro ex gestire il tutto. Non lo fareste vero!!! perché ? solo all idea di non vedere ogni sera i vostri figli vi fa’ piangere il cuore…e perché ai padri no???? Pensate a quei padri che non hanno soldi da pagare un affitto, dei bei regali per i loro compleanno, siate UMANEEEEEEEEEEEEEEEEE!!!. E ricordatevi si gli ex mariti tradiscono ma anche le ex mogli tradiscono quindi siate piu’ oneste ne gioverete sarete piu felici e sereni. Per quelle mamme che hanno una dignita’ e cercano di instaurare un dialogo con gli EX mariti, a loro tanto di cappello, siete grandi fantastiche :)
Grazie e tanti auguri a tutte le persone Oneste e Buone d animo e per le persone cattive e sfruttatrici io vi dico solo una cosa vi condannate ad una stanza senza finestre vi tornera’ indietro il vostro male. Tanta felicita’ a tutti.

 
8 mar 2013 Gabriele

Buona sera a tutti…io ho un quesito da presentare: sono separato con due bimbe; se durante l’estate le bimbe stanno con me per un mese o più (per esempio l’anno scorso un mese e mezzo), c’è qualche sentenza in cui il giudice dichiara che per quel lulngo periodo non devo dare il mantenimento dato che sono a mio carico al 100%? Grazie a chi gentilmente risponde. Buona serata

 
25 mar 2013 ingenua

sono separata da 15anni e una figlia di quasi 16.NON HO MAI PERCEPITO ASSEGNI O RIMBORSI PER SPESE EXTRA. (tipo: DENTISTA, SPORT, VISITE MEDICHE)
MAI in 15anni “il mantenimento” solo per mia figlia, rivalutato, inoltre SEMPRE con molto ritardo e scontato

 
2 apr 2013 Papà che è un Mammo...!!!

Per “Mamma Onesta”…che dire, spero con tutto il mio cuore che i tuoi problemi si risolvano il più presto possibile, perché di donne come te al mondo ne esistono veramente poche, COMPLIMENTI SEI UNA DONNA SPECIALE e penso di parlare a nome di tanti papà come me, papà che pur tenendo il figlio 14 giorni al mese e pagando €.400,00 al mese alla madre spese straordinarie escluse, ogni due per tre, si sentono richiedere anche €.5,00 per lo stage di danza….!!!!! NO COMMENT….!!!
spero che crescendo i figli possano capire quanta diversità può esserci tra un genitore e l’altro…e lascio anche un messaggio a tutte le mamme poco oneste un solo messaggio: ricordatevi che cercare di affossare il vs. Ex vuol dire fare del male al padre dei vs. Figli, “Odiare significa provare ancora qualcosaa…basta!!!! fatevene una ragione, fatevi la vs.vita è finita…. e ricordatevi che prima o poi le verità arrivano a galla e i figli capiranno il perché di tutto, sia il buono e sia il cattivo di ognuno di noi..!!!
Sono un papà ma mi considero un Mammo per il bene che voglio a mio figlio!!!! Non ci rinuncerei per niente al mondo!!!! Un abbraccio a tutti gli onesti mamme e papà!!!

 
13 ago 2013 Maria Luisa

Buongiorno ho una domanda che mi assilla.
Sono separata da mio marito da 2 anni e lui pretende che ogni qualvolta la nostra bambina sta da lui o va in vacanza con lui io gli fornisca tutto l’abbigliamento e l’attrezzatura per ciò che andranno a fare.
Lui sostiene che questo è un mio preciso obbligo. E’vero?
Grazie per l’aiuto che mi darete. Maria Luisa

 
Redazione
13 ago 2013 Redazione

Ricordiamo a tutti i lettori che per le richieste di consulenza bisogna cliccare sul banner posto alla fine dell’articolo (“Richiedi una consulenza su questo argomento”), scegliendo tra le due modalità (via email o telefono).

 
5 dic 2013 Vincenzo

La mia ex conteggia nelle spese straordinarie anche i 5 centesimi per le fotocopie sulle quali mi passa il conto da pagare.. Sta prendendo sempre più il vizio di far passare per spese sportive capi di abbigliamento che, ai fini pratici, i ragazzi utilizzano nel quotidiano., ed il mese che non riesco a pagare in tempo, mi fa scrivere dall’avvocato (che non paga perché nonostante i guadagni in nero, le immobiliari ed i conti in banca) gode del gratuito patrocinio.. Ed io devo indebitarmi con parenti ed amici per sopravvivere.. Ci sono madri che non sono degne di essere chiamate donne…

 
23 gen 2014 luigi

salve sono luigi.io ho chiesto la separazione consensuale,ho un bambino di 3 anni.oggi mi ha chiamato il mio avvocatoe a detto che a avuto contatti con l avvocato di mia moglie.lei dice che e disposta ad uscire di casa ha chiesto solo 200 euro al mese per il bambino e l accordo e che il bambino sta 1 settimana da me e 1 settimana da lei.io ho pensato che andra bene cosi perche s non accetto ho la probalita che lei mi chiedera anche il mantenimento per lei visto che lei non lavora,allora io penso che chiedendo solo 200 euro per il bambino andra sicuramente ad abitare con un altro uomo ho possibile che lei vada da una amica non so.allora vorrei capire e una buona cosa per me ho sbaglio.se sbaglio che consigli mi date perche io di legge non ne capisco niente.un altra cosa siccome lei e straniera se lei si porta il bambino in vacanze all estero devo firmare anchio visto che e minorenne?per favore aiutatemi a capire bene come funziona e come mi devo comportare.grazie fatemi sapere al piu presto perche ho molta anzia e dormo 2/3 ore al giorno da circa 1 mese e mezzo.grazie di nuovo.

 
Redazione
23 gen 2014 Redazione

L’enorme numero di consulenze che riceviamo ogni giorno ci ha obbligato ad attivare uno speciale servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, professionale ed in tempi certi.

Per acquistare il “ticket” online è necessario collegarsi al portale http://www.laleggepertutti.it. Sul menu di sinistra troverà, sotto la voce rossa “servizi”, l’opzione “Richiedi consulenza”.
Lo stesso risultato si può raggiungere cliccando sulla scritta, posta sopra ogni articolo, “Richiedi consulenza su questo argomento”.

A quel punto, il sistema La guiderà nel pagamento attraverso carta di credito, Paypal o Postepay.

Si tratta di un’operazione molto semplice e dal modico prezzo (euro 29,00 iva compresa) che ci consente di rispondere alle svariate domande che ci arrivano da tutta Italia.

 
17 ago 2014 Bebe Rosu

Salve ,sono un rumeno,x fortuna divorziato in Romania.Pago 150 euro al mese,sono in mobilità da un paio di mesi,però sempre ho fatto dei regali x la mia figlia di 12 anni che vive con la mia ex in Italia,regali tipo telefonino 500 euro,tablet 350 euro,vestiti,etc…Adesso con la crisi non riesco nemmeno pagare quei 150 euro.Il divorzio e stato in Romania dove il tribunale a deciso un mantenimento pari a 50 euro,la mia ex mi fa delle minacce ,vorrei sapere che succede se non riesco pagare qualche mese,grazie!