Nulli gli atti di Equitalia e Ag. Entrate: firmati da falsi dirigenti
Nulli gli atti di Equitalia e Ag. Entrate: firmati da falsi dirigenti
L'autore

Redazione

La Redazione di LLpT è costituita da un team di avvocati che, giornalmente, “traduce” in linguaggio comprensibile a tutti, anche ai meno esperti, le ultime [...]



Sarebbero nulli tutti gli atti emessi dalla Agenzia delle Entrate e, di conseguenza, le cartelle esattoriali di Equitalia formate sulla base di ruoli delle Agenzie delle Entrate: la ragione è perché il Fisco ha fatto fino ad oggi firmare i propri atti a personale dipendente privo della qualifica di “dirigente”.

 

Il terremoto è stato sollevato dalla dottoressa Maria Rosaria Randaccio ex Intendente di Finanza a Cagliari (poi direttrice della Commissione Tributaria, in ultimo in forza al Tesoro e all’assessorato regionale al Turismo), la quale avverte: le cartelle di Equitalia e gli avvisi delle Agenzie delle Entrate sono tutti nulli. Ciò deriva da una importante sentenza del TAR Lazio [1]. Il Tribunale amministrativo ha stabilito che, all’interno delle Agenzie delle Entrate, gran parte del personale che firma gli accertamenti non ha i requisiti di “dirigente”. La conseguenza è che tali atti sono nulli e, con essi, anche le successive cartelle Equitalia.

La Randaccio ha da poco presentato un esposto alla Procura Generale della Corte dei Conti e alla Avvocatura Generale e invita tutti i cittadini a ricorrere contro questo vizio di nullità. Così abbiamo deciso di intervistarla.

 

 

LaLeggePerTutti: Dottoressa Randaccio, qual è l’origine del problema che renderebbe nulle buona parte delle cartelle esattoriali?

 

Maria Rosaria Randaccio: Il Tar del Lazio [1] ha dichiarato illeciti e illegittimi gli ottocento incarichi dirigenziali conferiti a semplici impiegati, invece che ai veri Dirigenti delle Agenzie delle Entrate sparse nelle varie sedi d’Italia.

 

Infatti, su un organico di 1.200 dirigenti del Ministero, solo 400 posti risultano coperti da dirigenti abilitati, ossia assunti tramite regolare concorso, mentre gli altri 800 incarichi sono stati conferiti indebitamente a dei “nominati”.

 

La questione è stata affrontata anche dalla stessa Corte dei Conti [2] e dal Consiglio di Stato [3]. Quest’ultimo sostiene, tra le righe, che Equitalia S.p.a. agendo in qualità di agente della riscossione, in quanto concessionario di un pubblico servizio [4], deve utilizzare, per tutte le incombenze, personale che opera in regime di diritto pubblico, ossia Dirigenti della Pubblica Amministrazione.

 

Il fatto che tutto il personale utilizzato per le incombenze della riscossione debba essere incardinato nella Pubblica amministrazione lo prevede la legge [5]. La stessa legge prevede che anche la sottoscrizione dei ruoli da trasmettere a Equitalia per la riscossione deve essere svolta esclusivamente dai Dirigenti, dal momento che solo ai Dirigenti compete l’adozione degli atti e dei provvedimenti che impegnano l’amministrazione verso l’esterno [7].

Invece, come ci ha svelato il Tar del Lazio con la sentenza appena citata, la trasmissione  dei ruoli ad Equitalia per la loro riscossione – prerogativa un tempo affidata alla  competenza esclusiva degli Intendenti di Finanza – in questi ultimi dieci anni è stata illegittimamente effettuata da semplici impiegati, spesso privi del diploma di laurea.

 

 

LLPT: Qual è dunque la conseguenza?

 

MRR: La conseguenza è che tutte le cartelle  esattoriali notificate dagli agenti della riscossione e da Equitalia  S.p.a. in questi ultimi  dieci  anni  potrebbero  venire annullate perché illegittime per via della mancata sottoscrizione dei “Ruoli”  (trasmessi ad Equitalia ) da parte di un dirigente abilitato, ossia assunto tramite pubblico concorso nei Ruoli Dirigenziali della  P.A.

 

 

LLPT: Ci spieghi come è nata questa “confusione” suoi ruoli dei dirigenti.

 

MMR: Stiamo parlando di una questione che riguarda non solo il Ministero delle Finanze in generale, ma anche altri ministeri. Nel 1992 i dirigenti della Intendenza di finanza e di tutti gli uffici finanziari sono stati retrocessi in carriera ed inquadrati nella nona qualifica funzionale, ossia quella dei quadri [8]. In questo modo, parte dell’organico è rimasto scoperto. Sono stati inizialmente chiamati, a coprire il vuoto, quelli che erano dentro il Ministero delle finanze, ma collocati nei ruoli centrali, inquadrandoli come dirigenti, mentre gli altri colleghi sono rimasti nella nona qualifica funzionale.

Poi, alla fine degli anni ’90, ci si è reso conto che questi posti dovevano essere coperti da un certo numero di persone. Così il Ministero ha bandito dei concorsi per coloro che avevano iniziato a ribellarsi all’inquadramento della nona qualifica. Naturalmente questi concorsi non hanno coperto l’organico ma solo in minima parte. Così, i restanti posti sono stati coperti con incarichi fiduciari, conferiti in barba alla legge secondo logiche clientelari. A coprire carichi dirigenziali sono stati chiamati semplici impiegati, che non avevano neanche la qualifica di funzionari e neanche quelli che sono stati retrocessi alla nona qualifica funzionale (i quadri). Così, a comandare sui dirigenti vengono chiamati dei semplici impiegati.

 

AGGIORNAMENTO

La questione si arricchisce di un nuovo e interessante capitolo. Il Consiglio di Stato ha avvalorato la tesi della illegittimità delle nomine dei falsi dirigenti e ora la questione è rimessa al vaglio della Corte Costituzionale. Maggiori dettagli nell’articolo inserito nel box qui sotto “Aggiornamenti”.

In pratica

Secondo l’esposto presentato dalla dott.ssa Randaccio, tutti gli accertamenti fatti da Equitalia ma che provengono da ruoli trasmessi dalle Agenzie delle Entrate, in quanto firmati da personale privo della qualifica di dirigente, sono nulli all’origine, così come sono nulle tutte le attività di Equitalia.

 

[1] Tar Lazio, sent. n. 6884 del 1.08.2011.

[2] Corte dei Conti, sezione di controllo sugli enti, con determinazione n.31\2008, nell’adunanza del 28 marzo 2008 e n. 43\2010 nell’adunanza dell’11 maggio 2010.

[3] Cons. Stato, sez. IV, sent. n. 3812/2012 del 27.06.2012.

[4] Ai sensi dell’art. 45 del dlgs 112\99.

[5] Art. 1 co. 2 del dlgs  1651.

[6] All’art. 42 del dpr 600\73.

[7] Come sancito dall’art. 16 co. 1 e dall’art. 4 co. 2 del dlgs 1651.

[8] Istituita con il DPR 44 del 1990.

 

© Riproduzione riservata

 
Aggiornamenti
 

Potrebbe interessarti anche
Commenti
17 gennaio 2013 - 
Luigi

Allora, tutto quello che sino ada oggi mi è arrivato anche di anni fà compresi aumenti di ritardo e multe, il tutto non ha valenza secondo quanto ha dichiarato la Dottoressa Randacci. Grazie!!!

17 gennaio 2013 - 
Luigi

Mi scuso..volevo dire “ad oggi……secondo quanto ha dichiarato la Dottoressa Randacci??

17 gennaio 2013 - 
francesca

sì Luigi,è proprio così.La Randaccio e altre persone a lei vicino stanno dando anima e corpo per aiutarci a vedere chiaro in tutti i brogli di questi anni.Siamo pronti a dare informazioni su richieste atti e possibili richieste di sgravio,quando vuoi sarebbe meglio parlarne anche di persona al telefono se sei lontano ,ci sono molte cose che ad oggi non si sapevano ma che alle quali oggi possiamo attaccarci per avere l’annullamento delle cartelle.Basta crederci e non arrendersi!!

17 gennaio 2013 - 
Lolly

Sono di Genova, si può ricorrere comunque che voi sappiate?

17 gennaio 2013 - 
Francesco

e per chi invece ha già pagato o lo sta già facendo, cosa bisognerebbe fare?

17 gennaio 2013 - 
Denis

E come faccio a sapere se la persona che ha firmato le mie cartelle è compresa tra quelli che non sono dirigenti ma ‘nominati’? è possibile fare una verifica?

17 gennaio 2013 - 
angelo

ma a maggior ragione sono nulli quelli emessi da semplici impiegati degli uffici tributi dei comuni oppure dalle piccole agenzie di riscossione a livello comunale che hanno contemporaneamente sia il potere accertativo che quello esattivo

17 gennaio 2013 - 
raffaella

fantastico questa notizia mi solleva un pò, mi riservo di contattarVi presto

17 gennaio 2013 - 
Giovanni

si chiede come si fa a sapere chi sono i dirigenti autorizzati a firmare i vari accertamenti, per eventualmente appellarsi?

17 gennaio 2013 - 
gabriele

come faccio a sapere se la mia cartella equitalia è nulla?

18 gennaio 2013 - 
vincenzo

io volevo sapere , anche se ho perso il ricorso, e sono scaduti i termini per l’ appello si puo’ ancora sospendere le cartelle , avendo prove sicure per poter ribaltare la sentenza ? dato che io ho un documento che mi è stato mandato dall’ uff. dell’ entrate che mi accerta il riconoscimento della dichiarazione dei redditi, fatemi sapere grazie, anche perche questi mi anno rovinato la vita nel vero senso della parola per un errore del conzulente

19 gennaio 2013 - 
mirko

Salve Studio legale Greco,
volevo sapere come mi posso mettere un contatto con la Dottoressa Randaccio, per via e.mail, telefono, fax…..volevo avere delucidazioni in merito alle cartelle di equitalia firmate da dirigenti non assunti con concorso…grazie perchè c’è equitalia mi perseguita.
Cordiali saluti,
Mirko Lamacchia
e.mail: mirkogold@yahoo.it

20 gennaio 2013 - 
CICCIO

EGR.AVV. GRECO, Anche io faccio la stessa domanda che hanno fatto DENIS – GABRIELE
GIOVANNI, etc,etc, mi può inviare risposta alla mia e-mail ? GRAZIE
ciccio38x@hotmail.com

Angelo Greco
20 gennaio 2013 - 

Ho chiesto alla dottoressa Randaccio di intervenire nel forum. A breve sarà lei stessa a rispondere alle vostre domande. Vi prego di pazientare

21 gennaio 2013 - 
franco luis

nessun impiegato di equitalia è abilitato a firmare atti per conto dello stato,non sono e non appartengono allo stato,ma ad una istituzione privata,vedi S.p.A.,che per legge non può esercitare niente per conto dello stato,solo un ufficiale dell’intendenza di finanza lo può fare !

21 gennaio 2013 - 
Marzia

Mi ponevo la stessa domande di altri….coem faccio a sapere se le mie cartelle sono state firmate da persone autorizzate????

23 gennaio 2013 - 

Come molti altri vorrei delucidazioni in merito, facendo parte di una associazione di tutela del cittadino vorrei approfondire l’argomento e capire come tradurre PRATICAMENTE questa grande notizia.
Spero che possiate mettermi in contatto con la dottoressa.
idlia

24 gennaio 2013 - 
Roby

Sento una brezza d’aria fresca……. Grazie!

24 gennaio 2013 - 
marina V.

è davvero una notizia importante e deve essere assolutamente approfondita.. infatti vorrei capire se c’e’ un modo per conoscere i nominativi dei dipendenti pubblici abilitati a dare impulso alle procedure esecutive… altrimenti come si può impugnare la cartella esattoriale??

28 gennaio 2013 - 
davide

sono un uomo di 34 anni facevo parte di una societa sas con zero poteri alla fine sono arrivate a me le cartelle per un valore di 240000 euro mi hanno tolto il 5 dello stipendio non mi hanno mai notificato le cartelle solo il datore di lavoro mi ha presentato l atto esecutivo con cui dovevano trattenermi il quinto….mi hanno rovinato il matrimonio,mia moglie se n è andata sono andato in crisi depressiva con tanto di supporto psicologico e adesso vengo a scoprire questo???che rabbia..mi hanno distrutto la vita…

28 gennaio 2013 - 
davide

per chi mi volesse contattare la mia mail è dr.house_da@hotmail.it

12 febbraio 2013 - 
Avv. Federico Placanica

L’argomento è interessante ma si omette di enunciare che dunque la cartella esattoriale emessa da un soggetto non titolato, può tranquillamente ben esser impugnata di falso e posta nel nulla, con gravissime conseguenze giudiziarie anche di natura penale a carico dell’autorre, del promotore e copromotore della cartella impugnata di falso.
Avv. Federico Placanica titolare LAW FRIM PLACANICA & PARTNERS – SALERNO -

18 febbraio 2013 - 
FABIO

Salve a tutti anche io come tante persone sono perseguitato dagli atti dell’Agenzia Entrate e di equitalia.I sindacati mi hanno sbagliato alcune dichiarazione dei redditi,oggi proprio vado dal commercialista io voglio solo vederci chiaro nessuno sa mai nulla e si passano la palla l’uno con l’altro.Se qualcuno puo’dare informazioni in merito sono molto interessato mi contatti alla mail fabiones79@gmail.com.

19 febbraio 2013 - 
FABIO

E’ora che ci facciamo sentire!!!oltre la notizia se fondata oppure no non facciamoci mettere i piedi in testa da queste vere e prorie usure…….MUOVIAMOCI A CHI ASPETTIAMO CHE CI MANGIANO ANCHE LA PELLE?

25 febbraio 2013 - 

SONO ANNI CHE SI DICE CHE LE CARTELLE SONO NULLE E ILLEGALI PER QUESTO MOTIVI , NON SOLO IL FATTO CHE LE CONSEGNA IL POSTINO ANCHE QUESTO NON E’ LEGALE IN QUANTO NON AGENTE DEL FISCO lo sanno in molti ma pochi

25 febbraio 2013 - 

daniele non dabiele nel commento precedente ho errato il mio nome :(
riscrivo :)

SONO ANNI CHE SI DICE CHE LE CARTELLE SONO NULLE E ILLEGALI PER QUESTO MOTIVI , NON SOLO IL FATTO CHE LE CONSEGNA IL POSTINO ANCHE QUESTO NON E’ LEGALE IN QUANTO NON AGENTE DEL FISCO lo sanno in molti ma pochi

25 febbraio 2013 - 
CICCIO

FRANCO, DA PARTE MIA HO INCARIICATO IL MIO AVVOCATO PER CONTATTARE LA
REDAZIONE PER INIZIARE IL PERCORSO E VEDERE COSA SI PUò FARE, INIZIAMO
TUTTI A BATTERE I PUGNI SUL TAVOLO, E INIZIAMO A FARCI SENTIRE TUTTI

25 febbraio 2013 - 
cristiana

Salve a chi ci si puo’rivolgere per avere maggioru informazioni?grazie

Angelo Greco
25 febbraio 2013 - 

Salve Cristina, tra pochi giorni sarà attivo sul sito un sistema che vi consentirà di avere consulenze in tempo reale. Per il momento può chiamare allo studio.

5 marzo 2013 - 
Marco

Vorrei saperne di piu’ Avv Greco, ho un avuto un accertamento aberrante da parte delle agenzie delle entrate, il quale mi ha costruito forfettariamente un reddito di 130.000 euro 2007, e 140.000 euro 2008, una somma assurda, non ne guadagno nemmeno un terzo, e chiaramente fatti calcoli per mancate tasse non pagate e rispettive sanzioni, mi è stato presentato un conto di oltre 150.000 euro da pagare. I loro calcoli sono basati su presunti redditi visto che il 2007 ho comprato casa. Pago un mutuo di circa 2000 euro al mese con tanti sacrifici lavorando io e mia moglie, nell’accertamento hanno fatto un calcolo assurdo, cioe’ 24.000 euro somma annuale del mutuo x 4 ( coefficente 4), per cui secondo loro per mantenere casa ho bisogno di circa 100.000 euro l’anno, piu’ 2 macchine di vecchia data ecco come sono arrivati a quelle cifre…!!! ma vi rendete conto..? coefficente 4, è assurdooo!!
Sto facendo ricorso, dopo avere fatto un accertamento con adesione, completamente inutile, perche’ l’impiegato nonostante ha ammesso che è un assurdita’, che il redditometro e i parametri andrebbero cambiati radicalmente mi dice che nn puo’ far nulla in quanto non puo’ prendersi la responsabilita’ e mi incita a fare ricorso.
Ora vengo alla questione piu’ importante, questo impiegato di e sono sicuro che fosse un impiegato per sua ammissione è anche colui che mi ha firmato l’accertamento che come vengo a capire da questo forum non poteva firmare..giusto? Dovrebbe essere tutto nullo…se cosi’ fosse davvero, mi avete salvato la vita. Vi chiamero’ per approfondire la questione. Grazie

27 marzo 2013 - 
antonella valerio

nel frattempo che la dott.Randaccio non è disponibile sul forum ,chi ha le cartelle esattoriali in questione deve parlare in privato con il suo studio legale?

Angelo Greco
27 marzo 2013 - 

Potete scrivere a noi

30 marzo 2013 - 
JACQUELINE MELVIN

dove si trova la firma del ‘dirigente’ sulla cartella esattoriale? Sono due volte che la caf ha sbagliato. L agenzia delle entrate mi dicono per telefono che mi hanno mandato un avviso bonario ma io non l’ho mai ricevuto. Come faccio a difendermi. Non é colpa mia se il postino non mi ha lasciato l’avviso e non é colpa mia che la commercialista della caf non capisce niente. é da denunciare lui, io gli ho pagato per fare questo conteggio. CHI MI PUO AIUTARE PER FAVORE RISPONDENDO
GRAZIE DI CUORE
JACQUELINE

4 aprile 2013 - 
antonella valerio

come mai la dott. Randaccio ancora non è disponibile su questo forum?

8 aprile 2013 - 
anna

Vorrei contattarvi per delucidazioni circa questa notizia, io sono a Roma come faccio mi dareste un numero di tel un indirizzo aspetto con ansia siete l’ancora di salvataggio

Angelo Greco
8 aprile 2013 - 

Anna, abbiamo istituito appositamente un sistema di consulenza che troverai a tergo di ogni articolo. Cliccando su una delle due opzioni, i nostri consulenti del Network saranno a tua disposizione. Abbiamo dovuto prevedere un simbolico rimborso spese per via dell’enorme mole di mail e telefonate che ricevevamo, anche da parte di chi era semplicemente curioso. Appena avrai acquistato il “ticket” che preferisci (mail o telefono) saremo a tua disposizione.

8 aprile 2013 - 
anna

Benissimo grazie intanto della consulenza, mi metterò presto in contatto con voi..

20 aprile 2013 - 
fabio

Anche a me in Caaf hanno sbagliato tutte le dichiarazioni dei redditi!!!!!mi trovo con 23.000 euro non per colpa mia!!!!ma e’ possibile che non c’e una giustizia=??devo pagare ora anche il legale……che assurdita…ho un bimbo di 4 anni da mantenere e pago fior di tasse….l’agenzia entrate invia accertamenti ingenti e se non paghi subito bonariamente ti raddoppia il debito….ho chiesto di voler pagare mi hanno detto che non e piu possibile e devo aspettare equitalia perche non piu nei termini….ma che sistema e’…..questa e vera usura!!!!!chi conosce un buon legale che si occupa di cio in emilia???intendo denunciare i sindacati rivalermi su di loro…grazie e chiedo scusa dello sfogo

8 maggio 2013 - 
giancarlo mazza

come si può contattare la Dottoressa Maria Rosaria Randaccio?

8 maggio 2013 - 
Cristiana

Ma si potrà risalire a chi a firmato le cartelle?

9 maggio 2013 - 
Domenico

Ma il Consiglio di Stato non ha sospeso la sentenza del TAR Lazio ????

” Il Consiglio di Stato, con ordinanza n. 5199 del 29 novembre scorso, ha accolto l’istanza cautelare dell’Agenzia delle Entrate e, per l’effetto, sospeso l’esecutività della sentenza del Tar Lazio n. 6884 dell’1 agosto 2011, con la quale si è ritenuto illegittimo il conferimento di incarichi dirigenziali a 762 funzionari dell’Agenzia delle Entrate.

Il Consiglio di Stato, reputando prioritario il funzionamento della macchina amministrativa, ha riconosciuto sussistente il danno grave e irreparabile della sentenza appellata.
. . . .
Consiglio di Stato, Sezione Quarta – Ordinanza 29 novembre 2011 numero 5199″
Domenico

9 maggio 2013 - 
MARIA PACE

Con la presente, vorrei informarla che sono debitrice con Equitalia, e non riesco a tener fede al mio debito, perche’ percepisco una pensione di € 495.00, mensile.
Avevo un’attivita’ commerciale, chiusa il 31/09/2009, in quanto era passiva
Rivolgendomi ai vostri uffici, avevo ottenuto dilazioni di pagamento e stavo pagando.
L’anno scorso mi ammalai , di una malattia poco conosciuta e per far fronte a spese mediche , non pagai piu’. Mi giunsero altre cartelle minatorie dove volevano ipotecare la casa e cosi’ chiedendo prestiti ai miei familiari, recandomi nella sede di Monopoli mi rinnovarono la dilazione con altri interessi. Gli interessi sono tantissimi ed hanno notevolmente aumentato il mio debito.
Ho pagato qualche rata, ma ora non e’ piu’ sostenibile , perche’ le rate superano la pensione che percepisco, e sono praticamente circa di € 450 ,00 + 122,00 l’altra., oltre un’altra cartella esattoriale di € 4188,69,00
Io vorrei onorare i miei debiti, ma in queste condizioni non saprei cosa fare.
Non voglio compassione e non voglio perdere la mia dignita’, ma vorrei arrivare ad un punto d’incontro per risolvere questo problema
Ho voluto raccontarVi la mia situazione, gentilmente fatemi sapere come posso contattarVi telefonicamente ed arrivare ad un punto di incontro.
In attesa invio distinti saluti
Maria Pace

Redazione
10 maggio 2013 - 
Redazione

Per le richieste di consulenza vi invitiamo a cliccare sul pulsante posto alla fine di ogni articolo “Richiedi una consulenza”

2 settembre 2013 - 
Pira

Per una consulenza come faccio?

Redazione
2 settembre 2013 - 
Redazione

Per acquistare il “ticket” online è necessario collegarsi a un pagina qualsiasi del nostro portale http://www.laleggepertutti.it. In calce ad ogni articolo ivi pubblicato troverà un banner con scritto: “Richiedi una consulenza su questo argomento”. Quindi dovrà effettuare il pagamento attraverso carta di credito.

Si tratta di un’operazione molto semplice (euro 28.00 iva compresa o, per le consulenze telefoniche, 50 euro iva compresa) che ci consente così di rispondere alle svariate domande che ci arrivano da tutta Italia.

12 ottobre 2013 - 
Studio legale Placanica&Partners

Attenzione se è nullità che ha pagato o contestato non ha più scampo rilevato che nelle ipotesi di nullità subentra la validità nel caso in cui l’atto ha raggiunto il suo scopo e ciò è stabilito dall’art. 156 CPC.
Ma i ho sempre sostenuto e sostengo ancora che nel caso di specie L’art. 156 CPC non può applicarsi atteso che gli atti tributari debbon esser notificati sotto pena della inesistenza giuridica dell’atto.In tale ipotesi decorre regolarmente il termine prescrizionale e l’atto ab absurdo può essere impugnato in qualsiasi sede giudiziaria.

12 ottobre 2013 - 
Studio legale Placanica&Partners

In realtà la questione della notifica degli atti segnatamente di Equitalia,e’ una situazione presa sottotono sin dal 1999 (dies a quo).In sostanza residuando l’insussistenza della capacità di notificare Equitalia e l’agenzia delle entrate dovrebbero servirsi degli Ufficiali Giudiziari al pari degli Avvocati. Ciò non accade ab immemorabili

10 dicembre 2013 - 
Giovanna

Salve come si fa a sapere se dopo tanti anni decade una cartella esattoriale , e se quelle che mi arrivano sono firmate da dirigenti autorizzati, abito in provincia di Firenze .

13 dicembre 2013 - 
GILBERTO

SONO GILBERTO E’ DAL 2010 CHE PAGO 1200 EURO AL MESE COME POSSO FARE PER SAPERE I NOMI DEI DIRIGENTI CHE NON POTEVANO FIRMARE LE CARTELLE GRAZIE

Redazione
13 dicembre 2013 - 
Redazione

La ringraziamo per la Sua richiesta.
L’enorme numero di consulenze che riceviamo quotidianamente ci ha obbligato ad attivare uno servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, in modo professionale e, soprattutto, in tempi certi.
E’ possibile acquistare il “ticket” online cliccando sul banner “Richiedi una consulenza” posto ad inizio e fine di ogni articolo. Quindi il sistema seguirà l’utente in una procedura di pagamento sicuro e facile, attraverso carta di credito. Per maggiori informazioni ci telefoni o chieda l’IBAN dello Studio Associato.

31 dicembre 2013 - 
vera

Buongiorno ho in corso un rateizzo di 2000 euri da due anni, e altre cartelle dei rifiuti che non sono riuscita a pagare,vi chiedo cortesemente come mi consigliate di fare.Salve a presto

Redazione
31 dicembre 2013 - 
Redazione

La ringraziamo per la Sua richiesta.
L’enorme numero di consulenze che riceviamo quotidianamente ci ha obbligato ad attivare uno servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, in modo professionale e, soprattutto, in tempi certi.
E’ possibile acquistare il “ticket” online cliccando sul banner “Richiedi una consulenza” posto ad inizio e fine di ogni articolo. Quindi il sistema seguirà l’utente in una procedura di pagamento sicuro e facile, attraverso carta di credito. Per maggiori informazioni ci telefoni o chieda l’IBAN dello Studio Associato.

23 aprile 2014 - 
ALBI

SALVE
Non ho capito come si fa a sapere se una situazione con Equitalia può essere considata nulla per la firma posta da un Dirigente abusivo se nessuno può sapere chi sono?A chi serve rendere nota una cosa se poi non la si può applicare?Chi può farla valere?Serve solo a creare cattivo sangue ed a mettere in discussione la veridicità della notizia che non trova conferma?

Redazione
23 aprile 2014 - 
Redazione

@Albi. Procedere con l’istanza di accesso agli atti per come abbiamo indicato già nelle pagine di questo portale.