Elezioni: astensione attiva, ecco cosa succede col “non voto”
Elezioni: astensione attiva, ecco cosa succede col “non voto”
L'autore

Redazione

La Redazione di LLpT è costituita da un team di avvocati che, giornalmente, “traduce” in linguaggio comprensibile a tutti, anche ai meno esperti, le ultime [...]



Con una nota di ieri, il Viminale è intervenuto sulla questione delle “astensioni attive” propagandate sul web come alternativa al non-voto per coloro che non si sentono rappresentati dai partiti in campagna elettorale per le elezioni del 24 e 25 febbraio.

 

È forte il malcontento degli italiani nei confronti della politica. Così, grazie al tam tam di internet, si sta diffondendo una campagna nazionale volta a promuovere una decisa e forte contestazione al voto per le prossime elezioni.

 

I “dissidenti” intendo non votare, ma non nella consueta forma dell’astensionismo. Essi infatti, invitano gli elettori a presentarsi al seggio, farsi registrare, rifiutare poi di ritirare la scheda e, infine, chiedere di verbalizzare le ragioni della loro protesta.

 

Sulla questione è intervenuto ieri il Ministero degli Interni, chiarendo [1] che tale pratica non è certamente vietata. I Presidenti di seggio vengono invitati, dal Viminale, a verbalizzare in modo sintetico e veloce (per non rallentare le operazioni di voto) i motivi della protesta dell’elettore, con le sue generalità, allegandoli al verbale. Tuttavia – questione più importante – ai fini delle rilevazioni statistiche sulla affluenza alle urne, i cittadini che vorranno aderire alla singolare protesta non saranno conteggiati tra i votanti della sezione elettorale, bensì saranno considerati come “non votanti”.

 

Ciò significa, in altre parole, che l’intera protesta potrebbe essere completamente inutile, atteso che non sarà dato sapere quante astensioni attive ci sono state e, pertanto, nessuno avrà mai una percezione reale di quello che è il malcontento degli italiani.

 

In pratica

L’astensione attiva non influisce ai fini del premio di maggioranza. In merito consigliamo questo articolo

Astensione attiva e premio di maggioranza: due cose distinte

 

[1]  Circolare n. 19/2013.

© Riproduzione riservata

 
Approfondimenti
Aggiornamenti
 

Potrebbe interessarti anche
Commenti
Rosalba Cavaliere
31 gennaio 2013 - 
Rosalba Cavaliere

Inizialmente avevo deciso di fare in questo modo ( non c’è nessun partito che mi rappresenti) ma ho riflettuto e ho capito che avrei sbagliato,ho deciso quindi di dare il voto (nostro diritto e dovere) al candidato o partito in minoranza, al semplice scopo si ostacolare coloro che già governano! Chiedo scusa per lo sfogo ma non se ne può più!

31 gennaio 2013 - 
joanna

la domanda è: qualcuno di tutti questi che sono su vi rappresente veramente?!? perché devo votare chi non credo, o il meno peggio?!? immaginate che non ci vada NESSUNO a votare.. sapete che cosa sarebbe a livello istituzionale?!? sono per il non voto.. finché non c’è qualcuno che veramente valga la pena di votare.. perché tutti questi che sono su la torta se la sono già spartita. e a noi ci fanno vedere lo spettocolo con i buttarini..

31 gennaio 2013 - 
Nicola

Io (circoscrizione estero) ho deciso di votare per un giovane sconosciuto residente in Svizzera, candidato nelle liste 5 stelle. Nel punto in cui siamo, non vedo altra alternativa. A 67 anni suonati sono stanco di vedere sempre le stesse facce da culo.

31 gennaio 2013 - 
Ricky Haffner

Ma chi esercita questa possibilità riceve una copia del verbale ? Grazie

31 gennaio 2013 - 

non mi rappresenta nessuno? Non vado a votare. Questo a mio avviso è l’unico modo.

31 gennaio 2013 - 
IGOR

io farò in questo modo invece, xche? semplicemente xche tutta la politica è UNA ENORME BUFFONATA,LORO SI SONO GIà MESSI TUTTI D’ACCORDO IN PRIMIS, SECONDO NESSUNO Sà (O quasi) che si vota con uno strumento chiamato LAPIS usato semplicemente così è una normale matita, se si bagna la punta diventa inchiostro indelebile! l’unico paese di IDIOTI che votano partiti occulti usando una MATITA!! 3 votare o non votare non cambia nulla, il potere ce l’ha la MASSONERIA,BCE,FEDERAL RESERVE,VATICANO E SIONISTI,TUTTI QUESTI COMANDANO IL MONDO,BUONA PROSSIMA RIVOLUZIONE A TUTTI ,NULLA CAMBIERA’ DA MARZO IN POI RISPETTO AD OGGI SE NON UN INCREMENTO DI SUICIDI E DI DISPERATI CHE VIVRANNO TRA I RIFIUTI! L’unico vero voto da fare è quello di dedicarsi alla vera informazione in rete e cominciare a GETTARE NELLA SPAZZATURA I TELEVISORI CHE RINCOGLIONISCONO LE PERSONE E LE STRUMENTALIZZANO!! SVEGLIA POPOLO ITALIANO!!

2 febbraio 2013 - 
Yorgos

Sono d’accordo con Igor.Buttiamo lo strumento del potere il televisore nella spazzatura per prima cosa.Poi cercare di svegliarsi dal sonno profondo nel quale ci hanno fatto precipitare con tutte ste notizie di crisi,con la loro paura,con il calcio,le veline ,corona e tutte le menate inutili e agghiaccianti.Volersi bene sinceramente fino in fondo e di conseguenza voler bene ai vicini nostri fratelli.Tutto il resto viene da sè gente…Se si cambia un’abitudine qualcosa di grande cambia dentro di noi…

2 febbraio 2013 - 
MAX

bravissimo igor! E’ ESATTAMENTE COSI’ FANNO FINTA DI LITIGARE MA SONO ESSI STESSI BURATTINI IN MANO ALLE FORTISSMILE LOGGE MASSONICHE MONDIALI , A CAPO DEI PRINCIPALI GRUPPI BANCARI E PETROLIFERI. CERCATE INFPRMAZIONI SUL GRUPPO BILDENBERG, SULLA TRILATERALE, E SU TUTTI I POLITICI DI DESTRA DI SINISTRA E ANCHE IL LORO DEGNO RAPPRESENTANTE MONTI. BASTA PENSARE CHE IL GRUPPO BANCARIO ASSICURATIVO DELLA GOLDMAN SACHS HA UN PATRIMONIO SUPERIORE AL PIL DELLA GERMANIA , DELL’ITALIA E DEGLI ALTRI PAESI EUROPEI! QUANDO UN GRUPPO BANCARIO HA PIU’ SOLDI DI UNO STATO COMANDA LO STATO ED I SUOI POLITICI! DI PIU’! LORO SONO ANCHE PADRONI DELLE BANCHE STATALI CHE STAMPANO I SOLDI!!! STAMPANO UNA BANCONOTA DA 100 DOLLARI CON 30 CENTESIMI DI SPESA E TE LA VENDONO A 100 DOLLARI PIU’ INTERESSI! PURA USURA DI STATO! USCIRE DALL’EURO è USCIRE DALLO STROZZINAGGIO! CAPITA LA TRUFFA EURO GLI ULTIMI PAESI CHE SONO ENTRATI , POLONIA, ROMANIA , BULGARIA COL CAVOLO CHE SI SONO FATTI FREGARE E HANNO MANTENUTO LA MONETA LORO DI MODO DA GESTIRSI L’INFLAZIONE DA LORO.

2 febbraio 2013 - 
Massimiliano 66

Oggi votare i grillini [per esempio] è come mettere un’agnello dentro la gabbia dei leoni, bisogna invalidare le elezioni con un’astensionismo di massa, sperando che i politici attuali decidano [con le buone] di farsi da parte, poi alle seconde elezioni ognuno voterà il partito che riterrà più onesto e capace.

3 febbraio 2013 - 
CICCIO

CICCIO – SONO TOTALMENTE D’ACCCORDO CON MASSIMILIANO 66, POLITICANTI DI
MESTIERE CHE SONO Lì DA DECENNI DEVONO ANDARE TUTTI A CASA MA NON CON BUONUSCITA E PENSION3E MILIONARIA , PERCHE’ DIVERSAMENTE FARANNO I SIGNORI PER TUTTA LA VITA, MA CON IL MINIMO INDISPENSABILE , E DARE DI PIù ALLA POVERA GENTE E AI BISOGNOSI DI CURE COSTOSE.

5 febbraio 2013 - 
claudia talusi

IL RIFIUTO DEL VOTO VERBALIZZATO CREERà UN NUOVO MOVIMENTO….QUELLO DEI CITTADINI ITALIANI STUFI DI ESSERE SUCCHIATI E DI ESSERE PRESI X IL CULO!!! UNA CONSIDEREVOLE QUANTITà DI PARTECIPANTI A QUESTA PROTESTA NON PASSEREBBE CERTO INOSSERVATA!!.NON ANDANDO,INVECE,X COME SIAMO COMBINATI,PORTA VANTAGGIO ALLA MAGGIORANZA…CI SONO TANTE INIZIATIVE ANALOGHE..MA POKI CONOSCONO…DENUNCIA DI MASSA CONTRO MONTI DRAGHI E NAPOLITANO…PROTESTA IN PIAZZA MONTECITORIO ED IN CONTEMPORANEA IN TUTTE LE CITTà KE HANNO ADERITO..X IL 22 23 24 FEBBRAIO…ANDATE A VISITARE LA PAGINA DI RIVOLUZIONE! FRONTE DI RIBELLIONE E DI RESISTENZA NAZIONALE ED UNITEVI…INSIEME CE LA POSSIAMO FARE!!

6 febbraio 2013 - 
Massimiliano 66

@ Ciccio – Sono una metastasi, come la Santa Inquisizione era diventata una macchina così efficiente [nel male] che era costretta a inventarsi le streghe per poter continuare a vivere, cosi sono loro. Ciao.
@ Claudia – In vita mia ne ho viste e sentite tante e nessuna ha sortito l’effetto sperato, non ci dimentichiamo che anche la Lega Nord [o Lombarda] era nato come movimento di protesta, poi abbiamo visto che fine hanno fatto una volta che si è seduta a fianco degli altri partiti [a tavolino]. Per quanto riguarda le rivoluzioni, non ci credo/spero, visto che sono tutte dirette dall’alto e chi sta in alto cade sempre in piedi, in quelle poche occasioni contrarie, vedi Luigi XVI, Ceaucescu e Gheddafi, è perchè il vecchio ordine costituito viene sostituito da un’altro, ma noi rimaniamo sempre la parte passiva, poi per dirla tutta, la parola rivoluzione in fin dei conti vuol significare il giro completo che un pianeta compie intorno ad un’altro pianeta/astro [cioè ritorna al punto di partenza]. Nel caso fosse come dici te, lo riconoscerò usando questa pagina gentilmente messa a nostra disposizione, ma non credo che ne avrò l’occasione. Ciao e auguri per il tuo Movimento.

9 febbraio 2013 - 
Carmelo

Sono tutti ladri, non hanno rispetto ne x la natura ne x quella gente che ha pagato con la vita il prezzo della libertà, appena hanno un po di popolarità fanno un nuovo partito e si riempiano le tasche loro e i parenti. VERGOGNa.

9 febbraio 2013 - 
Massimiliano 66

@ Carmelo – Tutto vero ciò che scrivi. Ciao.

11 febbraio 2013 - 

“Ciò significa, in altre parole, che l’intera protesta potrebbe essere completamente inutile, atteso che non sarà dato sapere quante astensioni attive ci sono state e, pertanto, nessuno avrà mai una percezione reale di quello che è il malcontento degli italiani.”

Ma questo non lo ha dichiarato il Viminale … credo.
In sostanza fino al 28 gennaio il rifiuto della scheda con messa a verbale della motivazione del rifiuto era una bufala. Ora che a quanto pare non lo è più … diventa una protesta addirittura COMPLETAMENTE inutile :-) aleee !!!

Che dobbiamo fare allora ? Continuare ad andare a votare con una legge che, oltre essere anticostituzionale, esclude totalmente tutti i partiti eccetto i soliti che hanno distrutto l’Italia ?
340 seggi alla Camera saranno assegnati COMUNQUE alla coalizione che ha preso più voti e secondo i sondaggi sono sempre le solite due coalizioni che hanno già dato.

Alternativa ? Schede bianche e nulle ? Per vedere sui giornali e sul sito del Viminale la solita ALTA percentuale di votanti ? 80% alle scorse politiche ?

Mi pare ovvio che la diminuzione di questa percentuale infastidisca la casta perché non pare molto logico assegnare seggi sulla base di astensioni anziché voti (lo dice forse la Costituzione italiana ?).

La traccia della protesta invece rimane perché anche se non si risulta votanti si risulta registrati e sui verbali (che sono atti pubblici) ci sono dei dati che la camera (in teoria) deve esaminare (art. 87 D.P.R. 361/57). Ovviamente dipenderà molto anche dagli astensionisti farsi sentire in seguito. Una protesta va portata avanti … non finisce alle urne.

11 febbraio 2013 - 

@Ricky:
Il verbale è un atto pubblico (art. 74 D.P.R. 361/57)
Ti fai timbrare copia della dichiarazione che farai allegare al verbale (art. 104 comma 5 D.P.R. 361/57).

Poi saprai tu il da farsi. Tieni presente che c’è il Movimento Astensionista Politico Italiano che sta cercando di dare valore agli astensionisti (giuridico e politico) perché è solo democratico e giusto. E’ gente che lavora, soggetta a tassazione e che si mostra certamente più consapevole ed attiva di chi si limita ad apporre un segno su una scheda e poi se ne fotte per altri 5 anni di come amministrano il paese coloro che lo hanno ridotto in rovina.

11 febbraio 2013 - 
Massimiliano 66

@ Bruno – Se il tuo primo intervento è una risposta al mio pensiero credo che ti debba una risposta. Dalla foto vedo che come me te non sei più giovanissimo e credo che come me anche te sei cresciuto con l’eco delle stragi, degli omicidi eccellenti scandali e di tutte quelle moine gattopardesche [anche ora in TV si vede questo teatrino, chi vince non più sicuro di vincere e viceversa], io mi sono stancato di tutto questo, come ho scritto in un precedente intervento, io propongo di astenerci dal votare, sperando che questi politici se ne vadano con le buone, in caso contrario prepariamoci al peggio e se questi signori non se ne andranno con il solo astensionismo di massa, sono d’accordo con te che …. non finisce alle urne. Ai gruppi di protesta non ci credo perchè per quanto onesti ora come ora verrebbero assimilati-inglobati-comprati o cooptati da questo leviatano che vive alle nostre spalle, comunque come ho già augurato a Claudia auguro fortuna alla tua idea. Ciao.

11 febbraio 2013 - 
Massimiliano 66

@ Angelo Greco – Accolto, ci mancherebbe altro siamo a casa sua. Comunque ho letto il suo consiglio e inutile dire che la matematica non è un’opinione, ma anche in questo caso da persona che ha quasi perso la speranza di vedere un’Italia migliore, mi viene in mente una frase di Giovenale, chi custodisce i custodi? Scusate se ora si va fuori dall’argomento principe ma nel mio pensiero c’è anche di questo. Salve.

Angelo Greco
11 febbraio 2013 - 

É proprio quando i buoni “perdono la speranza” che i cattivi hanno la strada libera (questa citazione però è mia :) )!

11 febbraio 2013 - 
Massimiliano 66

@ Angelo Greco – Alzo le mani, su questo ha ragione. Salve.

11 febbraio 2013 - 

@Massimiliano:
Ho 52 anni e per comprendere il sistema politico/istituzionale italico, compreso quello legislativo ci ho perduto perfino le notti. Ho studiato a fondo diversi aspetti, leggi, sentenze ed altro ancora. Sono giunto al punto di dire che abbiamo un sistema ILLEGITTIMO e che il complotto per renderlo tale è iniziato dall’entrata in vigore della Costituzione italiana (1948) e tutto questo complotto è sempre stato legittimato dal popolo continuando a votare senza nemmeno rendersi conto che il suo voto non vale NULLA ! Serve soltanto a rafforzare una Casta che a forza di leggi elettorali si è talmente blindata che solo il NON voto scuoterà le loro teste di cazzo.
La speranza non si deve perdere (così rispondo anche a Angelo Greco) ma in cose che possono realmente cambiare le cose. Le rivoluzioni non violente e legittime. Se c’è il timore anche di quelle … non c’è speranza alcuna. Con questa legge elettorale e con i partiti che hanno ormai invaso ogni istituzione dello Stato ed ogni ente … non si sceglie proprio niente e nessuno.

12 febbraio 2013 - 
Massimiliano 66

@ Bruno – Partendo da ciò che ci accomuna ammiro il tuo impegno arrivando a perdere notti intere [veramente ammirevole in un Paese di pressapochisti], sono completamente d’accordo sulla diagnosi, la pensiamo in maniera diversa soltanto sul voto-non voto, se hai letto i miei precedenti interventi, ho espresso il timore che ora come ora eleggere persone oneste e probe in questo parlamento è come condannarli a morte. Bruno, noi è una vita che andiamo a votare, per una volta proviamo a vedere che effetto può fare in loro un’alta astensione al voto. Ciao.

13 febbraio 2013 - 

Ma forse non ho capito io Massimiliano ? Io sono per una forte astensione al voto … ma in maniera attiva. Vado alle sezioni, rifiuto la scheda e lascio le motivazioni nel verbale (che deve essere letto dalla Camara (art. 87 D.P.R. 361/57).
Non risulto fra i votanti ma esprimo in maniera chiara il mio dissenso. Non mantengo alta la percentuale di affluenza anche se mi reco alla sezione e mi faccio registrare. Lo ha fatto intendere anche il Viminale.
Ciao

13 febbraio 2013 - 
Massimiliano 66

Caro Bruno, forse sono io che mi devo scusare per la mia ignoranza se come dici te rifiutando la scheda non si mantiene alta la percentuale dei votanti. Alla prossima chiacchierata, ciao.

15 febbraio 2013 - 
dp

Che la protesta potrebbe essere inutile è una sua opinione, verosimilmente valida, ma non per questo è necessariamente una protesta immotivata o priva di senso e valore.

18 febbraio 2013 - 
mapi

mi sembra di aver capito che se in molti adottano il sistema di rifiutare la scheda e si fa verbalizzare il motivo si creerebbero deile frazioni di ritardo ai seggi che forse sono sufficenti per far nascere delle osservazion e lamentele, non possono nascondre sempre tutto se l’astensionismo motivato è alto prima o poi qualcuno si accorge, io dico molto prima che siano solo dieci milioni i votanti ciao

19 febbraio 2013 - 

@mapi: il termine “mi sembra” non è legge ma ipotesi. I
l legislatore quando legifera deve farlo in un certo modo e se la legge prevede che l’elettore possa fare verbalizzare proteste senza specificarne la natura non c’è nessun pretesto per non applicare la legge. Si spera che con le proteste questa schifezza di sistema elettorale venga riveduto e corretto. Magari si decideranno a fare le leggi con cognizione di causa … visto che sono votate da 945 persone scelte fra i migliori cittadini italiani. O non è forse così ?

25 febbraio 2013 - 

In tutti questi interventi nessuno ha parlato del fatto per niente trascurabile che le dichiarazioni di non voto regolarmente verbalizzate passano tutte il vaglio di una apposita commissione post elettorale che ……….. lascio a voi le conclusioni.

25 febbraio 2013 - 

La protesta non è per niente trascurabile e che le dichiarazioni di non voto regolarmente verbalizzate passano tutte al vaglio di una apposita commissione post elettorale che ……….. lascio a voi le conclusioni.

6 marzo 2013 - 
fabiola

io ho fatto verbalizzare il mio non voto e ne vado più che fiera…perchè ritengo per primo che nessuno dei candidati mi possa rappresentare e mettere una x al meno peggio non è la soluzione…per quanto non possa servire,come a detta di molti,intanto il non voto non va alla maggioranza,che non è poco e per la prima volta è stato possibile esprimere pienamente e lliberamente il mio pensiero…quello che mi scoccia è il fatto che non dicano la percentuale dei non votanti verbalizzati,sanno bene che se facessero pubblicità a questo modo di mettere in atto il proprio diritto al voto potrebbe provocare un affluenza assai maggiore di quella che è stata per questa tornata elettorale,ma d altronde siamo in italia il paese dei misteri e dei segreti di stato