HOME Articoli

Le Guide Pubblicato il 6 marzo 2013

Articolo di

Le Guide L’usucapione: cos’è e come funziona

> Le Guide Pubblicato il 6 marzo 2013

Il possesso pacifico, continuo e in pubblico di un bene mobile o immobile può consentire di diventare proprietari del bene stesso senza bisogno di un accordo con il legittimo proprietario. Si tratta dell’usucapione. Vediamo come funziona.

 

L’usucapione è un modo per diventare proprietari [1] di un bene senza bisogno di un contratto, di un testamento e, addirittura, senza bisogno di un accordo con il proprietario del bene.

Comportamento del possessore

Si diventa titolari di un bene altrui, anche se si è in mala fede (ossia si sappia che il bene è di proprietà di un altro soggetto) purché

– si sia posseduto il bene (cioè lo si abbia utilizzato o comunque se ne sia usufruito in qualche modo);

– per un periodo di tempo predeterminato di 20 o 10 anni (v. sotto);

– e ci si sia comportati, durante questo periodo, come se si fosse i veri proprietari, cioè alla luce del sole e davanti a tutta la collettività (pertanto non potrà usucapire un casolare il barbone che di notte vi acceda di nascosto, senza farsi vedere da nessuno).

L’acquisto del possesso da parte del possessore non deve essere avvenuto in modo violento o clandestino (per esempio, con un’appropriazione indebita, con la creazione di recinti per evitare al proprietario di riprendersi la sua proprietà, ecc.), altrimenti l’usucapione non inizia a decorrere (o inizia a decorrere dal momento in cui è cessata la situazione di violenza o di clandestinità).

Comportamento del proprietario effettivo

Dall’altro lato, il proprietario effettivo del bene deve essersi disinteressato completamente di questa situazione, lasciando (in modo consapevole o inconsapevole) che l’immobile venisse utilizzato dall’altro soggetto. È il caso, per esempio, di chi, partendo per l’estero, vi stia per molti anni senza andare più a curare il campo o di chi consenta che il vicino di casa utilizzi una strada privata per il passaggio dei propri mezzi (servitù di passaggio).

Scopo

L’usucapione ha lo scopo di conferire certezza ai rapporti giuridici attraverso la preferenza accordata a chi, pur non essendo proprietario di un bene, si cura di esso traendone i relativi benefici (spesso con riflessi positivi anche sulla collettività), rispetto a chi, ancorché proprietario, trascura di servirsene. In altre parole, l’ordinamento preferisce che i beni immobili siano dati in proprietà a chi se ne prende cura che a chi, sebbene risulti dalle carte come legittimo proprietario, di fatto non se ne interessa.

Termini

Si diceva che, per aversi usucapione, è necessario che questa situazione di possesso perduri per un termine predeterminato:

20 anni per gli immobili il cui possesso sia stato acquistato in malafede, cioè sapendo che si tratta di una proprietà di un’altra persona. Il termine comincia a decorrere da quando si è acquistato il possesso del bene;

20 anni per gli altri diritti di godimento sopra un immobile (usufrutto, uso, abitazione, servitù, ecc.);

20 anni di possesso continuato per i beni mobili;

10 anni se si è acquistato in buona fede, e in base a un atto pubblico registrato, da un soggetto che, tuttavia, non era il vero proprietario del bene;

10 anni di possesso continuato per i beni mobili, relativamente alla proprietà o altri diritti reali acquisiti in buona fede da chi non ne è il proprietario, in presenza o meno di un atto di proprietà.

10 anni di possesso continuato per i beni mobili iscritti nei pubblici registri (v. automobili, imbarcazioni, ecc.);

3 anni dalla trascrizione per i beni mobili iscritti nei pubblici registri acquistati in buona fede da chi non ne è proprietario.

Durante tale periodo, il possesso deve essere ininterrotto, cioè non deve subire interruzioni superiori a un anno. Infatti, se per esempio il proprietario legittimo si riappropria del bene e ne rientra nel possesso per almeno un anno, il termine per l’usucapione si interrompe. Ciò però non esclude che tale termine possa decorrere nuovamente da capo se il titolare dell’immobile torni a disinteressarsi dell’immobile.

Beni non usucapibili

Non tutti i beni possono essere usucapiti: non lo sono, per esempio, i beni demaniali e del patrimonio dello Stato o di altri Enti territoriali (v. il Comune). Per esempio, non si può usucapire lo spazio di un parcheggio pubblico solo perché lo si è recintato e si è sempre parcheggiato in quel posto, con divieto a qualsiasi altra persona di utilizzarlo.

Formalizzazione dell’usucapione

Affinché, però, il possesso si trasformi in proprietà riconosciuta dall’ordinamento, è necessario che intervenga una sentenza del giudice, che dichiari che si è compiuto l’usucapione. Pertanto, bisognerà iniziare una vera e propria causa e provare l’esistenza dei predetti presupposti (possesso e decorso del tempo). La sentenza è necessaria visto che l’usucapione, come detto, è una situazione di fatto e, quindi, non c’è alcun atto o contratto da andare a registrare nei pubblici registri immobiliari e formalizzare il passaggio di proprietà. Pertanto, nei registri pubblici si andrà a trascrivere proprio la sentenza.

La prova da fornire davanti al giudice può essere data in qualsiasi modo: quindi è molto facile, in questi casi, ricorrere ai testimoni.

note

[1] Oppure titolari di un altro diritto reale come la servitù, l’uso, l’abitazione, l’usufrutto.

Con il possesso pacifico e ripetuto nel tempo, senza interruzioni superiori a un anno, chiunque può diventare proprietario di un bene mobile o immobile altrui. È tuttavia necessario ottenere una sentenza che dichiari l’intervenuta usucapione. Bisogna perciò (tramite il proprio avvocato) procurarsi le prove di quanto si vuole dimostrare. Si consiglia, per esempio, di conservare la documentazione inerente a spese sostenute per lavori effettuati sul bene, eventuali scambi di lettere con il proprietario effettivo del bene. La prova principale, tuttavia, resta quella fornita dai testimoni,che dichiarino davanti al giudice di aver visto il possessore servirsi del bene e comportarsi come se fosse il proprietario (per esempio: costruendo dei recinti, facendo opere di bonifica di un terreno, coltivando la terra, raccogliendone i frutti, provvedendo ad opere di ristrutturazione, ecc.).   È possibile evitare l’usucapione notificando al possessore, prima che maturi il termine dei 20/10 anni, un atto di citazione o quanto meno un atto di costituzione in mora.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

73 Commenti

giovanni

18 luglio 2013 alle 23:57

Legge valida

Nuccy mandelli

9 settembre 2013 alle 09:34

Se una parte di terreno rimane per oltre venti anni nella ns proprietà senza essere mano tenuto dall proprietario che in questo caso è la curia, possiamo dar corso a usucapione grazie e cordiali saluti nuccy

emilio

13 settembre 2013 alle 22:09

salve vorrei sapere dato che o in possesso un pezzo di terra agricola non di mia proprietà ma ne sto usufruendo di più di 20 anni all’interno di questo terreno o dei cavalli che pascolano il giorno 109\2013 si sono fatti vivi i proprietari e mi anno cacciato il recinto elettrico e mi anno detto che se mi vedono nuovamente nella propria terra mi vanno a denunciare come devo comportarmi io o le foto del 1990 ad oggi e pure qualche testimone dato che una volta ogni anno mi aiutano a tagliare l’erba che non mangiano i cavalli aspetto una notizia x come comportarmi dato che non o la possibilità economica di chiedere consiglio ad un avvocato grazie

Redazione
Redazione

13 settembre 2013 alle 22:41

Questa è una risposta automatica.
La ringraziamo per la Sua richiesta.

L’enorme numero di consulenze che riceviamo ogni giorno ci ha obbligato ad attivare uno speciale servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, professionale ed in tempi certi.

Per acquistare il “ticket” online è necessario collegarsi a un pagina qualsiasi del nostro portale http://www.laleggepertutti.it. In calce ad ogni articolo, o subito prima della prima parola, troverà un banner con scritto: “Richiedi una consulenza”. Quindi dovrà effettuare il pagamento attraverso Paypal. Per maggiori informazioni ci telefoni o chieda l’IBAN dello Studio Associato.

Si tratta di un’operazione molto semplice (euro 28.00 iva compresa o, per le consulenze telefoniche, 50 euro iva compresa) che ci consente così di rispondere alle svariate domande che ci arrivano da tutta Italia.

angela

18 settembre 2013 alle 07:48

buongiorno sono una donna che per fortuna è venuta a sapere che un terreno o più—-di proprietà,della famiglia di mia mamma deceduta nove anni fa…sta per passare per usurcapione….premetto che i miei zii materni non mi hanno mai fatto sapere niente…come comportarmi?

Redazione
Redazione

18 settembre 2013 alle 10:59

Questa è una risposta automatica.
La ringraziamo per la Sua richiesta.

L’enorme numero di consulenze che riceviamo ogni giorno ci ha obbligato ad attivare uno speciale servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, professionale ed in tempi certi.

Per acquistare il “ticket” online è necessario collegarsi a un pagina qualsiasi del nostro portale http://www.laleggepertutti.it. In calce ad ogni articolo, o subito prima della prima parola, troverà un banner con scritto: “Richiedi una consulenza”. Quindi dovrà effettuare il pagamento attraverso Paypal. Per maggiori informazioni ci telefoni o chieda l’IBAN dello Studio Associato.

Si tratta di un’operazione molto semplice (euro 28.00 iva compresa o, per le consulenze telefoniche, 50 euro iva compresa) che ci consente così di rispondere alle svariate domande che ci arrivano da tutta Italia.

Emanuela

27 settembre 2013 alle 22:18

Buonasera un’informazione urgente mi servirebbe: quali sono nel dettaglio le procedere da mettere in atto per mettere in esecuzione una pendenza di usocapione (come si fa a mandare via degli abusivi che hanno costruito anche abusivamente sulla proprietà in questione).

Redazione
Redazione

28 settembre 2013 alle 08:04

Questa è una risposta automatica.
La ringraziamo per la Sua richiesta.

L’enorme numero di consulenze che riceviamo ogni giorno ci ha obbligato ad attivare uno speciale servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, professionale ed in tempi certi.

Per acquistare il “ticket” online è necessario collegarsi a un pagina qualsiasi del nostro portale http://www.laleggepertutti.it. In calce ad ogni articolo, o subito prima della prima parola, troverà un banner con scritto: “Richiedi una consulenza”. Quindi dovrà effettuare il pagamento attraverso Paypal. Per maggiori informazioni ci telefoni o chieda l’IBAN dello Studio Associato.

Si tratta di un’operazione molto semplice (euro 28.00 iva compresa o, per le consulenze telefoniche, 50 euro iva compresa) che ci consente così di rispondere alle svariate domande che ci arrivano da tutta Italia.

federico

27 settembre 2013 alle 23:27

come posso comprare un terreno già in usucapione,da una vicina di casa che lo tiene da 40 anni??

Antonella

29 settembre 2013 alle 05:19

Salve vorrei sapere se con il diritto di abitazione un figlio alla fine diventa proprietario dell’immobile?
Grazie

GIUSEPPE

11 ottobre 2013 alle 16:42

la casa di proprietà di mia nonna, morta nel 1998 da allora io ho avuto la chiave per areaggiare la casa e fatto fare qualche lavoro esempio: sistemazione serramenti, balconi e cantina. Adesso nel 2013 i miei cugini mi chiedo la chiave, perchè vogliono anch’essi usufruire della casa.
Cosa devo fare per tenerli lontani? Grazie

Redazione
Redazione

11 ottobre 2013 alle 18:13

Questa è una risposta automatica.
La ringraziamo per la Sua richiesta.
L’enorme numero di consulenze che riceviamo ogni giorno ci ha obbligato ad attivare uno speciale servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, professionale e in tempi certi.
Per acquistare il “ticket” online è necessario collegarsi a un pagina qualsiasi del nostro portale http://www.laleggepertutti.it. In calce ad ogni articolo, o subito prima della prima parola, troverà un banner con scritto: “Richiedi una consulenza”. Quindi dovrà effettuare il pagamento attraverso Paypal. Per maggiori informazioni ci telefoni o chieda l’IBAN dello Studio Associato.
Si tratta di un’operazione molto semplice (euro 28.00 iva compresa o, per le consulenze telefoniche, 50 euro iva compresa) che ci consente così di rispondere alle svariate domande che ci arrivano da tutta Italia.

stefano

17 ottobre 2013 alle 12:24

Ciao vorei sapere mi anno dato una casa x 7mesi in. Acomodato gratuito ci sono otto anni e lo ristrutturata per usocapire bastano 10 anni?(basta una semplice lettera di un avvocato per cessare l’usocapione grazie) ?

calogero

20 ottobre 2013 alle 10:02

ciao vorrei comprare un box da un signore che lo possiede da 32 anni , dei legittimi proprietari non esiste nessuno ( morti ) vorrei fare un atto di vendita, cortesemente mi potete indicare come fare grazie

Redazione
Redazione

20 ottobre 2013 alle 10:57

Questa è una risposta automatica.
La ringraziamo per la Sua richiesta.
L’enorme numero di consulenze che riceviamo ogni giorno ci ha obbligato ad attivare uno speciale servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, professionale e in tempi certi.
Per acquistare il “ticket” online è necessario collegarsi a un pagina qualsiasi del nostro portale http://www.laleggepertutti.it. In calce ad ogni articolo, o subito prima della prima parola, troverà un banner con scritto: “Richiedi una consulenza”. Quindi dovrà effettuare il pagamento attraverso Paypal. Per maggiori informazioni ci telefoni o chieda l’IBAN dello Studio Associato.
Si tratta di un’operazione molto semplice (euro 28.00 iva compresa o, per le consulenze telefoniche, 50 euro iva compresa) che ci consente così di rispondere alle svariate domande che ci arrivano da tutta Italia.

elia

4 gennaio 2014 alle 14:31

Salve io sono stato truffato con un assegno falso vendevo la mia auto x necessita familiare il truffatore a venduto la mia auto , a uno straniero questo a tre contaddizioni a suo sfavore come andra’ finire come deve dimostrare la buina fede in fase di udienza dinanzi al giudice? Grazie se’ potra aiutarmi a fare chiarezza l auto lo ritrovata in slovenia e lo rimmatricolata a nome mio xce era tatgata a nme del bulgaro

Redazione
Redazione

4 gennaio 2014 alle 17:26

La ringraziamo per la Sua richiesta.
L’enorme numero di consulenze che riceviamo quotidianamente ci ha obbligato ad attivare uno servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, in modo professionale e, soprattutto, in tempi certi.
E’ possibile acquistare il “ticket” online cliccando sul banner “Richiedi una consulenza” posto ad inizio e fine di ogni articolo. Quindi il sistema seguirà l’utente in una procedura di pagamento sicuro e facile, attraverso carta di credito. Per maggiori informazioni ci telefoni o chieda l’IBAN dello Studio Associato.

danilo

29 gennaio 2014 alle 13:08

Salve io sono 18 anni che sto’ in un garage,non di mia proprieta’ accordo fatto con stretta di mano. Il Proprietario non si e’ piu’ fatto vivo o mi ho contattato.. tutti i condomini sanno la storia..Posso fare usocapione..

Redazione
Redazione

29 gennaio 2014 alle 13:20

L’enorme numero di consulenze che riceviamo ogni giorno ci ha obbligato ad attivare uno speciale servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, professionale ed in tempi certi.

Per acquistare il “ticket” online è necessario collegarsi al portale http://www.laleggepertutti.it. Sul menu di sinistra troverà, sotto la voce rossa “servizi”, l’opzione “Richiedi consulenza”.
Lo stesso risultato si può raggiungere cliccando sulla scritta, posta sopra ogni articolo, “Richiedi consulenza su questo argomento”.

A quel punto, il sistema La guiderà nel pagamento attraverso carta di credito, Paypal o Postepay.

Si tratta di un’operazione molto semplice e dal modico prezzo (euro 29,00 iva compresa) che ci consente di rispondere alle svariate domande che ci arrivano da tutta Italia.

umberto

1 febbraio 2014 alle 17:21

buongirno volevo porre una domanda. chi a voglia puo rispondermi ..risposte sono bene accette… alllora esempio.. io prendo una casa dirocata.. ove e abbandonata da anni.. e anni. ove il propretario nn si sa neanche dove…sia.. io prendo questa casa dirocatta e la sistemo.. e ci abbito x circa 8 anni.. dopo questo periodo.. ritorna il propretario.. e dice che la casa e sua e la rivuole indietro…. io posso fare usocapione x inpossesarmene??? ho posso chiedere i soldi che o speso.. su quella grotta x portarla a casa ??? grzie

battista carolina

6 febbraio 2014 alle 09:36

salve mia madre e in locazione da 30 anni di questo apprtamento ha contribuito lei a tutte le spese ,ora e’ stata sfrattata puo’ richiedere l’usucapione grazie

Redazione
Redazione

6 febbraio 2014 alle 11:25

L’enorme numero di consulenze che riceviamo ogni giorno ci ha obbligato ad attivare uno speciale servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, professionale ed in tempi certi.

Per acquistare il “ticket” online è necessario collegarsi al portale http://www.laleggepertutti.it. Sul menu di sinistra troverà, sotto la voce rossa “servizi”, l’opzione “Richiedi consulenza”.
Lo stesso risultato si può raggiungere cliccando sulla scritta, posta sopra ogni articolo, “Richiedi consulenza su questo argomento”.

A quel punto, il sistema La guiderà nel pagamento attraverso carta di credito, Paypal o Postepay.

Si tratta di un’operazione molto semplice e dal modico prezzo (euro 29,00 iva compresa) che ci consente di rispondere alle svariate domande che ci arrivano da tutta Italia.

marianna

10 febbraio 2014 alle 15:50

Condominio di tre appartamenti di cui uno ammezzato conaccesso autonomo,il nuovo proprietario di quest’ultimo chide le chiavi a del nostro ingresso per accedere a parti comuni ingresso scale androne solo perche’ si ha il diritto dell’acqua..premetto che e ‘ da 20 annhe l’ingresso ecc. e’ stato di uso esclusivo mio che abito il secondo piano e del signore chr abita il primo.Inoltre primo e seconfo piano oltre ad avere ingresso separato siamo prorietari in parti uguali di terrazzo e garage.

diomede

31 marzo 2014 alle 03:46

buongiorno vorrei sapere se si può usucapire un abitazione dopo 20 anni anche se al 18 anno la proprietà cambiasse proprietario ma non chi risiede nella proprietà . Sono in casa di mia zia che risiede in montagna per motivi di salute . Ma se venisse a mancare l usucapione potrebbe essere completata al 20 anno? e nel caso chi pagherebbe le tasse di successione ?

giorgio Lovisolo

4 aprile 2014 alle 08:49

quando mi sono separato da mia moglie, il giudice ha decretato che l’abitazione intestata a mio nome con separazione di beni dovesse essere abitata da mia moglie ,fino al 2000.
Dal 200 ho ritenuto di lasciarla ancora nella casa per dovere i umanità.
adesso lei può esercitare diritto di usocapione?
Grazie infinite

maurizio

15 aprile 2014 alle 00:17

salve ho da poco acquistato casa e dalle carte risulta di mia proprietà un ripostiglio esterno ma era usato dal mio vicino come ricovero attrezzi e quando gli ho fatto pesente che dalle carte era di mia proprietà lui mi ha deto che avrebbe fatto usocapione. io volevo sapere se può farlo ?

annamaria

18 aprile 2014 alle 12:21

SALVE, SALITA LA PRIMA RAMPA DI SCALA C’E’ UN RIPOSTIGLIO DI 1 M2, PRECEDENDETENTE ERA USATO DAI MIEI NONNI I QUALI ABITAVANO SOPRA AL PRIMO PIANO (CMQ UNA CASA MOLTO ANTICA), I MIEI NONNI VENDETTERO POI QUESTA CASA E SI LASCIARONO QUESTO PICCOLO RIPOSTIGLIO O SOTTO SCALA COME VOGLIAMO CHIAMARLO, NELL’ATTO DI VENDITA REDATTO DAL NOTAIO,RISULTA CHE QUESTO RIPOSTIGLIO NON FU VENDUTO CON LA CASA.QUESTA CASA è STAVA VENDUTA Più VOLTE E LA FIGLIA DI QUEST’ULTIMO PROPRIETARIO HA CHIESTO SE POTEVA UTILIZZARE QUESTO PICCOLO SPAZIO PER POGGIARE UN BORSONE DI UNA PALESTRA, NOI ABBIAMO DETTO DI Sì, IL PROBLEMA NASCE DA UN NUOVO CONDOMINO CHE HA ACQUISTATO UNA CASA IN VENDITA NELLO STESSO PORTONE IL QUALE HA CAMBIATO LA SERRATURA AL PORTONE PER NON FARCI ENTRARE PER USUFRUIRE DI QUEL RIPOSTIGLIO VENUTO A CONOSCENZA…COME POSSIAMO COMPORTARCI? QUESTA PUO’ ESERCITARE IL
DIRITTO DI USOCAPIONE?

Redazione
Redazione

18 aprile 2014 alle 12:21

Per ottenere consulenza legale/commerciale/fiscale da uno dei nostri professionisti è necessario attivare uno speciale servizio di richiesta, tramite “ticket”.

Per acquistare il “ticket” online è necessario collegarsi al nostro portale. Sul menu di sinistra troverà, sotto la voce rossa “servizi”, l’opzione “Richiedi consulenza”.
Lo stesso risultato si può raggiungere cliccando sulla scritta, posta sopra ogni articolo, “Richiedi consulenza su questo argomento”.

A quel punto, il sistema La guiderà nel pagamento attraverso carta di credito, Paypal o Postepay.

Si tratta di un’operazione molto semplice e dal modico prezzo (euro 29,00 iva compresa) che ci consente di rispondere alle svariate domande che ci arrivano da tutta Italia.

Grazie.

riziero

23 aprile 2014 alle 00:08

o un attività commerciale da più di 20 anni con contratto registrato, da circa 3 anni i proprietari sono deceduti e non esistono eredi, come posso diventare proprietario di questo immobile ?

dino

29 aprile 2014 alle 11:11

salve vorrei informazioni circa l’Usucapione di immobile.Sono propietario al 50% di un immobile da me ristrutturato 17 anni fa e ci abito da allora.L’altra metà appartiene a mia sorella,vorrei sapere se trascorsi i 20 anni ,posso usufruire del possesso completo dell’immobile.grazie

alessio

8 maggio 2014 alle 13:18

la cassazione prevede che non sia necessario alcun giudizio di accertamento del titolo.

rosanna

17 maggio 2014 alle 22:11

buonasera io vorrei sapere se io ho in affitto un laboratorio di lavasecco con entrata sulla strada e sul retro da 13 anni un contratto d’affitto regolare da un anno sono cambiati i proprietari il contratto è rimasto lo stesso perché scadrà nel 2019 , l’entrata sul retro io la uso tutti i giorni per entrare sia io che la mia dipendente settimanalmente per lo scarico di prodotti per la vendita e saltuariamente per il carico della merce per qualche cliente ora i nuovi proprietari vogliono che io non faccia più entrare nessuno , la mia domanda è possono impedirmelo ?

roberta

22 maggio 2014 alle 15:09

Buongiorno,
vorrei gentilmente sapere se mia sorella che vive nella casa dei miei genitori allo scadere dei 20 anni puo esercitare il diritto di proprietà per usucapione della casa ed escludere i suoi tre fratelli dall’ereditarla.
Grazie mille

antonio

4 giugno 2014 alle 17:56

un immobile viene abitato per un ventennio(dal 1994 al 2014) ,ad uso gratuito .Niente affitto o altra richiesta di denaro. Chi vi abita e’ completamente disinteressato all’acquisto dello stesso e con il trascorrere degli anni , il proprietario continua a pagare tutte le imposte dovute (ICI, IMU,ecc) senza la minima partecipazione di chi l’occupa. Anzi ,con il passare del tempo e degli anni,l’immobile richiede dei lavori di ristrutturazione e di messa in sicurezza,data la totale indifferenza nel farlo da chi vi risiede.Ovviamente ,il proprietario sollecita ,piu’ volte ,chi lo occupa nel fare predetti lavori.( ti ho dato la possibilità di abitarlo gratuitamente,vuoi provvedere alla sua manutenzione???????) Indifferenza totale.Anzi la pretesa ,di chi lo occupa ,che predetti lavori vengano fatti dal proprietario.Adesso il proprietario ne richiede il diritto di possesso.Chi lo occupa pretende l’uso capione. Chi mi puo dare una risposta.Grazie.

luciano

22 giugno 2014 alle 11:08

ho un box affittato in nero,può diventare usocopione e in quanti anni grazie

De Carlo Vincenzo

24 giugno 2014 alle 22:35

non avendo fato la successione di morte di una mia zia , posso vender un pezzo di terreno, ad usocapione. Com’è la procedura.

rocco acocella

2 luglio 2014 alle 20:12

Salve ,ho una casa di piu’ di 50 anni e utilizzo come deposito,e anche come abitazione, pago regolarmente bolletta della luce e la casa e abitabile.l’azienda dove ho fatto dei lavori,,piu’ di 50 anni fa in modo verbale,mi dato il permesso di usare questa casa,adesso vorrei passare questa casa ad un mio conoscente che vive in questa casa da circa 10 anni.come posso mettermi in regola,se posso diventare proprietatio di questa casa?

clara bortone

5 luglio 2014 alle 10:45

Buon giorno usufruisco del passaggio su una rampa che da l’accesso a box che non sono di mia proprietà, acqustati da privati dal costruttore della palazzina in questione, quando io già da molti anni ne usufruivo Accesso concesso dal costruttore (facendo aprire un cancelletto sul terrazzo di mia proprietà a mio padre’ollora proprietario del suddetto appartamnto e relativo terrazzo. Preciso che la suddetta rampa ha l’accesso anche ad un locale di proprietà condominiale (locale adibito precedentemente alla centralina della caldaia condominiale, in disuso da molti anni). Vorrei sapere se e cosa posso fare per legalizzare l’usufrutto di questo passaggio.

SERENA GALLO

8 luglio 2014 alle 11:57

SALVE,PAGO LA BOLLETTA DELL’ ENEL A NOME MIO DA 22 ANNI E RISULTO RESIDENTE ANCHE DA 22 ANNI NELL’ ABITAZIONE DI MIA MADRE.POSSO FARE UN USUCAPIONE ?GRAZIE.

Giuseppe Nicchitta

12 luglio 2014 alle 17:26

Salve
possiedo un terreno agricolo che non uso da tanti anni e che ho concesso, senza alcun contratto, che venga coltivato e usato come terreno per il pascolo da altri. E’ possibile che chi lo sta usando, un giorno, possa usucapirlo nonostante che io ho sempre pagato le tasse sul possesso facendo la dichiarazione dei redditi?

Grazie

piero Matacena

21 luglio 2014 alle 17:57

ciao, un amico mi ha prestato circa 10 anni fa una batteria elettronica non funzionante..io l’ho riparata e sempre usata per tutti questi anni. Adesso la rivorrebbe indietro.cosa devo fare?grazie

Maurizio Cechineli

12 agosto 2014 alle 01:33

Buongiorno, un amico mi ha prestato 24 anni fa una batteria musicale. Lo usata per quasi 20 anni. Adesso mi chiede di restituirla indietro, io non posseggo più lo strumento come devo comportarmi? In attesa v/s risposta porgo cordiali saluti

Donato

17 agosto 2014 alle 18:38

Buongiorno,Info la mia vicina 40 anni fa come dice aveva installato un cancello e una nicchia del contatore dell’acqua nel mio muro portante di 60 cm l’usocapione si può applicare anche quando la casa non è ancora sua e ancora in affitto dall’ATER .

michele sattini

18 agosto 2014 alle 22:43

salve, io vivo a casa di mia nonna da 28 anni ( da quando sono nato ) con tanto di residenza , la casa era in uso da mio padre che ha tutti i contratti di luce acqua e gas , ora lui ne è diventato il proprietario al 33% con i suoi 2 fratelli , posso io figlio che però non ho altro che testimonianze di amici , lettere , posta , residenza , che io sono l’unico ad aver vissuto qui e quindi diventarne il proprietario effettivo ?

antonio gioia

7 ottobre 2014 alle 15:55

ho acquistato un terreno 15 anni fa da uno dei proprietari con un atto del notaio. l’ho recintato e fa parte , assieme alla casa , della mia proprietà. posso usucapirlo? non so quali sono gli impicci che i proprietari hanno con un altra persona, visto che quel terreno insieme ad un altro è stato bloccato 40 anni fa da quest’ultima

giuliano locatelli

14 novembre 2014 alle 23:47

ho un amico che ha sposato una signora latinoamericana.. che ha una figlia del primo marito..la quale dice di avere acquisito per usocapione vivendo da 20 anni nella medesima casa. premetto che non è mai stata adottata…è possibile questo?? il mio amico vuole vendere la casa, lo può fare senza problemi?? grazie per la vostra eventuale risposta..

MICHELE BASILE

30 novembre 2014 alle 23:10

I MIEI GENITORI HANNO FATTO UNA DONAZIONE A MIA SORELLA DI QUASI TUTTA LA PROPIETA’ ED HANNO LASCIATO UN BENE ( UN APPARTAMENTO) CHE IO POSSIEDO DA OLTRE VENTI ANNI ANCORA INTESTATO A LORO. POSSO USUCOPIRE IL BENE DA ME POSSEDUTO ? POSSO SICURAMENTE IMPUGNARE LA DONAZIONE PERCHE’ E’ STATA LESA LA MIA QUOTA LEGGITTIMA E SONO SICURO CHE NON POSSIEDONO SOLDI PER COLMARE LA DISUGUAGLIANZA PERCHE’ MIA SORELLA SI E’ IMPOSSESSATA CON LA COMPIACENZA DI MIA MADRE ANCHE DI UNA COSPICUA SOMMA DI DENARO DEPOSITATA IN BANCA, PERCIO’ LE CHIEDO SE RIESCO AD USUCOPIRE L’APPARTAMENTO QUESTO BENE ESCE FUORI DALL’ASSE EREDITARIO ?GRAZIE

nerio de carlo

3 dicembre 2014 alle 20:15

E’ possibile quantificare il costo di una sentenza di usucapione?
I testimoni possono essere sostituiti da una dichiarazione di mancato interesse alla proprietà di un bene sottoscritta dal proprietario originario di un bene?
E’ necessario l’intervento di un avvocato?

Reno

6 maggio 2015 alle 19:03

Mio amico è in possesso di un terreno da oltre 40 anni e lo coltiva come se fosse suo-gli ex proprietari 4 sono d’accordo e 1 no.L’avvocato di mio amico segue il caso da oltre 4 anni ma deve ancora segnalare la cosa al Giudice.se 4 proprietari sono d’accordo di perdere il terreno e 1 no,vorrei sapere per cortesia che strada deve intraprendere l’avvocato che turela mio amico. Ringrazio con distinti saluti. Reno

valentino gobbo

9 maggio 2015 alle 17:11

Nel 1996, con regolare atto notarile, divento proprietario delle licenze di Ristorante/Bar/
Pizzeria (ma non dei muri, di cui ho sempre pagato regolarmente l’affitto. Nella sala bar esiste una porta per accedere nel retro/cortile, dove trovavasi un bersò tutto in legno, tenuto in maniera precaria,con dei tavolini e sedie da giardino, la pavimentazione cementata e l’esistenza di piante ornamentali che delimitavano tutta l’area. Ebbene, gli abitanti di una certa età, mi hanno sempre riferito che tale struttura esiste sin dai primi del novecento. Naturalmente era una struttura molto trascurata e pericolante che al mio insediamento ho provveduto a rinnovarla completamente, sfruttando lo spazio disponbile per la mia attività. durante la mia gestione, si sono succedute 4 amministrazioni comunali che mi hanno consentito l’utilizzo dello spazio menzionato e che per lo stesso mi facevano pagare delle tasse.
Non ho mai avuto problemi con i vari proprietari di U.I. confinanti con il cortile di uso comune (7 proprietari+il Comune, in quanto proprietario delle palazzine Aler di Como, anche perchè ho provveduto a mie spese al miglioramento e la messa in sicurezza di tale struttura. Quindi chiedo se allo stato attuale ci siano i presupposti per regolarizzare tale struttura, anche se qualcuno dice che devo fare richiesta di una sanatoria, in quanto la stessa risulterebbe “abusiva”. Ribadisco che non esistono opere murarie. Grazie per la vostra gentile consulenza.
Valentino

Tralli Francesco

18 maggio 2015 alle 18:08

mi rivolgo al popolo del web, vorrei un’informazione sull’argomento “usucapione” : vorrei sapere in quanto tempo si può risolvere una pratica di usucapione tramite consulenza legale; considerando che ho già presentato tutta la documentazione in mio possesso ad un legale. Non credo che in 5 anni non si possa arrivarne a capo. Siamo ancora al punto zero. grazie.

Angelo Iacovelli

19 maggio 2015 alle 10:09

Il proprietario (morto circa 15- anni fa) Aveva affidato il terreno EDIFICABILE negli anni 80 a mio padre che è venuto a mancare il 17/02/2015.
Per volontà di mio padre, abbiamo deciso di continuare a gestire sia il terreno, con gli stessi criteri/caratteristiche che lui utilizzava lo stesso, Ossia: Aratura, e mantenimento della vigna e rispettive piante, e anche la causa in corso, che perdura da circa 3 anni, con rispettive testimonianze citati nei vari documenti pronti a testimoniare a favore.

La causa è stata necessaria avviarla, appunto perché circa tre anni fa, (una persona che dichiara di essere il figlio del proprietario) si è presentato da mio padre intimandolo verbalmente di cedere immediatamente il terreno, in quanto dichiarava di avere in possesso un documento (scrittura privata) firmata da mio padre che citava appunto il rilascio della proprietà in qualsiasi momento loro avrebbero voluto, ovviamente tutto questo è infondato e più volte ribadito da mio padre l’assoluta non conoscenza di questo documento.
Ad oggi è ancora in corso la causa, ci sono state diverse udienze, dove i probabili proprietari, in primis la moglie del vecchio proprietario non si è mai presentata, e tanto meno il cosiddetto documento (scrittura privata) da loro citato verbalmente circa 3 anni fa.

Quindi mi chiedo: posso avanzare rivendicazioni sul terreno, per usucapione dal momento che questo ipotetico documento con dichiarazione, non è mai stato presentato in diverse udienze, e per giunta sono ormai passati diversi anni?
Come mi devo comportare?

LoreanaBoschetti

24 luglio 2015 alle 09:07

Abito in una casa che è di 6 vani 4 dei quali ne usufruisco io da 40 anni questa casa è di mio marito e suo fratello posso avvalermi dell’usucopione, praticamente è un appartamento di 4 vani più bagno dove abito io con mio marito e l’altro di 2 vani più bagno dove abitavano i mie suoceri il fratello di mio marito vuole la meta della casa noi possiamo avvalerci di questo usucopione. grazie attendo una risposta

Ivano zorzan

4 agosto 2015 alle 14:42

abito in una casa di proprietà ( case popolari ater ) da 30 anni
quando sono entrato all’esterno dove o il giardino c’è un divisorio in rete metallica inserita dal costruttore ,adesso mi dicono che la devo
spostare di 50 centimetri ,io se sposto la rete devo distruggere una piccola casetta di legno dove tengo degli attrezzi ,tenendo presente che lo spazio del retro è 6 metri x 5 metri, nessuno mi a mai contestato nei primi 28 anni ,vi chiedo posso avere il diritto di lusocapione e tenere questa distanza,visto che ho sempre pagato l’affitto.

Giuseppe Marconi

23 settembre 2015 alle 16:11

Sono proprietario di un’appartamento al 25% con i miei fratelli. Uno dei miei fratelli ci abita ad uso gratuito da oltre dieci anni. Superando i vent’anni, potrebbe avvalersi dell’ usucopione, nonostante ogni anno avessi pagato la regolare tassa imu?

Antonio Dimaria

7 ottobre 2015 alle 23:32

ho una casa confisca da circa 12 anni proprietario il comune ,
io la continuo a usare prima e dopo la confisca.
potrebbe avvalersi dell’ usucopione.

Giuseppe Tuscano

19 gennaio 2016 alle 11:12

io sono stato dichiarato fallito 1996 in giugno. ci abito, e o sempre lavorato x sopravvivere” avendo una famiglia numerosa. era stato messo a l’asta piu’ volte il bene. ma a tutt’oggi sono qua a viverci e a lavorare, a 70 anni! nessuno mai mi ha chiesto di andar via, e mai nessuno e venuto, o scritto. Domanda: posso usufruire dell’uso capione? Grazie giuseppe

Giovanni Priano

9 febbraio 2016 alle 11:25

Buongiorno.Ho tutti i requisiti per l’usucapione ma il mio avvocato mi dice che è meglio essere citati dal proprietario del terreno.Il mio avvocato ha incontrato il loro avvocato che non è a conoscenza delle nostre intenzioni e ha riferito al mio avvocato che stanno studiando una denuncia penale per calpestio continuato del loro terreno.Io Vi chiedo se mi conviene andare dai carabinieri e fare una denuncia contro loro per danno temuto che il loro terreno franando mi crea o passare direttamente all’usucapione prima che arrivi la denuncia sul penale?Ringrazio e saluto.

marco luzzi

16 marzo 2016 alle 23:52

siamo da ormai da 30 anni e passa in casa di mio zio, che ci fu detto :vai a stare in casa mia perchè c’è nostra mamma cosi ti prendi cura ri lei e in piu puoi stare in casa , adesso la mamma e venuta ammancare e lui vorrebbe la casa in tutti questi anni noi abbiamo fatto miglioramenti in casa ed investito tanto lui vuole che andiamo via, esiste una legge che inpone uso copione ? e qundo ci costa? cosa bisogna fare ?

giacomo dezzi

22 marzo 2016 alle 00:45

Sono comproprietario con altri 3 cugini di un appezzamento di terreno da 45 anni ( prima i genitori , poi al decesso di questi, siamo subentrati in prima persona)
Già mio padre nel 1974 aveva provveduto all’ampliamento della casa a lui intestata e situata sulla proprietà citata, nella proprietà vi è poi un vigneto, che prima mio padre ha lavorato fino al 1994 , poi al suo decesso, avendo ereditato la casa sono subentrato io ed oltre ad ampliare ulteriormente l’abitazione , lo lavoro ancora oggi, ci tengo a precisare che l’unico accesso alla proprietà è dal cancello della mia abitazione (censita a mio nome) ed è solo pedonale (non ci si arriva da altri punti ne con mezzi, in quanto è sopraelevato rispetto alla strada) premetto che questa parte di terreno non è mai stato reclamato da alcuno, in quanto vi era stato un accordo allora scritto tra i fratelli, che il terreno sarebbe toccata a mio padre in quanto l’unico a lavorarlo e ad abitare a fianco dello stesso.
Vi scrivo perché ho notato che il sopra citato terreno fa parte della stesso numero di mappale e particella , di un altro sempre in comproprietà con i cugini, pur essendo da questo staccato e non avendo accessi in comune.
Non vorrei che un bel giorno i parenti venissero a reclamare questo terreno che a tutti gli effetti dovrebbe essere mio (come deciso nel 1971 dagli ormai deceduti genitori)
Preciso che nessuno dei sopraccitati parenti ha mai messo piede su questo appezzamento, in quanto sempre presunto di mia unica proprietà

Francesca Di Paola

17 maggio 2016 alle 21:16

nel 2005 ho acquistato un immobile da mia madre e mia zia, che lo hanno ricevuto in successione da mia nonna deceduta ne 1999. Ora lo sto vendendo. Mi ha chiamato lo studio notarile che si occupa dell’atto dicendomi che nel fare la relazione per la banca che deve erogare il mutuo, non riesce a chiudere il ventennio, perche’ non esiste un titolo di proprieta’ a favore di mia nonna che la legittimi come proprietaria. Stiamo parlando di un immobile in cui sono vissuti i genitori di mio nonno, mio nonno e mia nonna, mia madre e mia zia. Come posso risolvere in tempi rapidi, prima che gli acquirenti ci ripensino? grazie

clara di meo

27 maggio 2016 alle 09:36

Buongiorno , ho acquistato tramite sentenza di usocapione nel 2010 un terreno. Ora nel 2016 una banca mi ha portato in giudizio perche il terreno da me acquistato era stato messo come garanzia per un prestito negli anni 1990- mi chiedo chi sia il vero proprietario a questo punto, io che ho vinto causa di usocapione o la banca visto che il precedente proprietario non ha restituito il prestito.

Luciano Ricciuti

10 luglio 2016 alle 12:35

buongiorno ,mi chiamo Luciano Ricciuti ,nel novembre 2014 divento proprietario di un casale con due entrate per auto e una terza entrate in una strada privata.
nel frattempo in cui mi aggiudicai l’immobile il vecchio proprietario decide per dispetto di togliermi il cancello che da sulla strada privata ,cancello presente da oltre 50 anni, tral ‘altro all’esterno vi ho i contatori .
Al posto del cancello mi fece trovare una rete metallica come a dire tu non ci passi.
ri compriamo il cancello in quanto il precedente fu fatto sparire ma al momento che stavamo per montarlo i vicini con minacce e con luso della forza pubbilca ci intimarono di non metterlo.
domanda dato che il cancello cera come passaggio di servitù.
E vero che nell’atto della casa il cancello non risuta ma essendoci da 50 anni e le foto lo dimostrano ,in virtù dell’usucapione posso ripristinare il cancello dove sempre era stato?

Mario Scenna

13 luglio 2016 alle 23:21

Davanti alcuni immobili oggi di mia proprieta’e precedentemente dei miei avi vi e’ un largario usufruito da sempre insieme ad un’altro proprietario di un’immobile che lo ha acquistato nell’anno 2005,precedentemente con gli altri proprietari non e’ stato mai discussioni in merito al largario,tanto che il sottoscritto circa venticinque anni fa vi installo’ una catena in quanto veniva utilizzato da tutto il vicinato procurando disagi ed altro per poter accedere agli immobili di proprieta .Nell’anno 2005 in cui ha acquistato l’immobile l’ultima proprietaria,mi ha interpellato dicendo che la catena per l’accesso al largario creava difficoltà e mi inito’ ad installare un cancello elettrico,di cui me ne sono interessato direttamente per l’installazione e portai il conto totale della spesa che fu divisa al 50percento.Nell’atto di rogito precedente in mio possesso avvenuto nell’anno 1985 vi e’ scritto “con diritto al largario davanti al cancello di ingresso”.circa un mese fa mi e’ arrivata una diffida di un studio legale dicendo che il largario e’ di sua proprieta’ in quanto la partita catastale e’ unica insieme all’abitazione.Ma oltre a quanto innanzi detto vi sono innumerevoli ragioni sull’utilizzo del largario da centinaia di anni da parte di tutti gli avi e discendenti.Grazie per un Vostro gentile parere.

GIUSEPPE GRAZIANO

8 ottobre 2016 alle 13:21

Poseggo un appartamento da piu di 40 anni senza spostare mai il domicilio , con la mia famiglia ,era di proprieta’ di mio padre, ma non era la sua abitazione principale ,me la dato in comodato d’uso.Morti i mie genitori scopro che sopra detto appartamento vi e’ un ipoteca accesa 22 anni fa e che l’immobile lo stanno vendendo all’asta , ma io non ho mai fino ad oggi ricevuto nessuna lettera o nessuna proposta dall’ente ipotecario, anzi 2 anni fa ho fatto domanda di usocapione al Giudice !pero’ ancora tutt’oggi nessuna risposta ! cosa devo fare’?

Fabbricatore Anna Raffaella

20 ottobre 2016 alle 17:23

Salve vorrei porvi una domanda. I miei genitori hanno acquistato un terreno insieme ad uno zio, metà ciascuno, ora siccome dalla parte dello zio c’é la strada di accesso lui ha preso un po’ di terreno in più . Intanto si sono costruiti le case e per comodità abbiamo aperto un’altra strada dalla nostra proprietà privata. Questa strada ormai la usano tutti da tanti anni , i cancelli ci sono ma sono sempre aperti. La mia domanda é questa io potrei chiuderla???????
Grazie

Domenico Scattone

11 novembre 2016 alle 13:18

come si può fare in modo veloce l’usocapione quando tutte le parti imolicate sono d’accordo

Giuseppe tirrasi

13 novembre 2016 alle 16:29

Grazie per l, Opportunità, Gradirei conoscere su diritto di proprietà, quanto segue: può Essere che il Giudice di prima Udienza e tre Giudice in appello vietano e non danno diritto a difesa su atto notarile registrato da me
15 anni fa e dall’inizio quisto del primo proprietario 30 fa questi dottori laureati interpretano cosi l’atto notarile togliendosi il diritto di passaggio e di proprietà acquistata e in godimento al bisogno? Che giustizia e gradita risposta. Dist. Saluti

Giorgia Ramella

16 novembre 2016 alle 15:44

Ho comprato casa nel 2012, ma ne l’agenzia ne il padrone di casa mi hanno fatto notare il secondo immobile intestato a me.Ora mi trovo a rivendere e si è scoperto che il sec immobile adibito a magazzino esiste ma è stato inglobato nell abitazione del vicino.Si tratta di usucapione?come è possibilie che ho comprato un immobile che è stato inglobato da un altro.come mai pago le tasse su un immobile che nessuno mi ha fatto vedere?non ci dovrebbe essere il passaggio di proprietà.Help non ci capisco piu nulla

giuliano colaci

24 novembre 2016 alle 16:48

quanto tempo dura una causa di usucapione,il notaio che si occupa del passaggio di compravendita mi ha detto dai 3 ai 4 anni è possibile ? grazie per la vostra risposta
giuliano colaci

luisa iannone

30 novembre 2016 alle 00:40

Salve vorrei sapere se si fa uso di un locale con usucapione da 20 anni e magari dopo venti anni compare dal nulla un tizio dicendo di essere il nuovo propritario cosa succede? L usucapione decade ? In questo caso cosa bisogna fare?

Dayana

6 dicembre 2016 alle 16:23

Buongiorno,

se acquisto una casa che ha giardino a uso esclusivo da 15 anni…tra 5 anni si applica l’usocapione o no?

Marco Corsi

29 dicembre 2016 alle 09:13

Buongiorno sono il presidente di un ass di canoa ormai da piu di 30 anni usufruiamo una baracca ( capanno)dove alloggiano le nostre imbarcazioni la quale si trova nelle vicinanze del fiume insieme ad altre strutture del quartiere recintate da blocchi in pietra e cemento dove vi è anche un allaccio di corrente elettrica e una conduttura del acqua di proprieta del comune è possibile regolarizzare la nostra baracca ?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK