Pignoramento del quinto di stipendio e pensione: come cambia con il “Decreto del Fare”
Lo sai che?
16 giu 2013
 
L'autore
 

La Redazione di LLpT è costituita da un team di avvocati che, giornalmente, “traduce” in linguaggio comprensibile a tutti, anche ai meno esperti, le u [...]

 

Pignoramento del quinto di stipendio e pensione: come cambia con il “Decreto del Fare”

Impignorabile l’ultimo accredito di stipendio o pensione: pagamento entro 60 giorni e non più 15.

 

Numerose sono le misure contenute nel “Decreto del Fare” (approvato lo scorso sabato dal Governo Letta) a favore dei debitori del fisco.

Oltre allo stop ai pignoramenti della prima casa e a quelli per debiti superiori a 120 mila euro; oltre all’addio all’aggio di Equitalia e a una maggiore facilità di rateizzazione dei debiti con Equitalia fino a 120 rate, è saltata fuori anche la norma sul pignoramento del quinto dello stipendio e della pensione.

 

Per il pignoramento del quinto di pensioni ed emolumenti da lavoro dipendente – si prevede – il terzo pignorato (ossia il datore di lavoro o l’Istituto di previdenza) dovrà pagare l’esattore (Equitalia) entro 60 giorni e non più entro 15 giorni.

 

Inoltre Equitalia non potrà pignorare l’ultimo stipendio o rateo di pensione accreditato sul conto corrente o postale debitore che dovrà mantenerne quindi la massima disponibilità.

 

Quanto alle modalità tecniche, attendiamo la pubblicazione del testo ufficiale del decreto per un commento più dettagliato. Per ora, il Governo ha diffuso solo un comunicato stampa con il dettaglio delle novità appena varate.

 

Sempre in materia fiscale, è stata prevista l’abrogazione del modello 770 mensile: non ci sarà quindi più l’obbligo di comunicare, in via telematica, i dati retributivi e le informazioni necessarie per il calcolo delle ritenute fiscali e dei relativi conguagli.

 

 

Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti
17 giu 2013 ciudino costantino

bisogna chiarire se il testo riguardante vari atti tipo impognorabilità prima casa o esquestro quinto riguarda solamente i debiti verso la P.A. o in generale

 
Redazione
17 giu 2013 Redazione
 
17 giu 2013 rossella

ma se uno non subisce il pignoramento della casa da equitalia ,lo subirà dalla banca a cui non puo pagare le rate del mutuo?