HOME Articoli

Lo sai che? Pubblicato il 9 luglio 2013

Articolo di

Lo sai che? Ricorsi contro Autovelox: norme e criteri di installazione

> Lo sai che? Pubblicato il 9 luglio 2013

Suggerimenti per impugnare le multe fatte con autovelox o altri dispositivi di controllo elettronico della velocità: strade su cui possono essere installati, distanze, segnaletica, taratura.

La legge [1] stabilisce che i cosiddetti autovelox – e, più in generale, tutti i dispositivi di controllo del traffico finalizzati al rilevamento a distanza delle violazioni delle sui “Limiti di velocità” e di “Sorpasso” – possono essere utilizzati o installati

– sulle strade extraurbane secondarie

– sulle strade urbane di scorrimento oppure su singoli tratti di esse

individuati con apposito decreto del prefetto, in base alla pericolosità del tratto, al tasso di incidentalità, alle condizioni planoaltimetriche e del traffico per le quali non è possibile procedere al fermo di un veicolo senza recare pregiudizio alla sicurezza della circolazione, alla fluidità del traffico o all’incolumità degli agenti operanti o dei soggetti controllati.

La Cassazione ha ribadito che l’installazione di autovelox fissi sulle strade urbane è legittima solo nel caso di strade urbane di scorrimento, oppure strade a carreggiate indipendenti o separate da spartitraffico, ciascuna con almeno due corsie di marcia, ed una eventuale corsia riservata ai mezzi pubblici, banchina pavimentata a destra e marciapiedi, con le eventuali intersezioni a raso semaforizzate.

Al di fuori di queste ipotesi, l’utilizzo nell’area urbana di una postazione fissa di autovelox è illegittima, con conseguente nullità della multa.

Le postazioni di autovelox devono essere preventivamente segnalate e ben visibili.

Al riguardo, la distanza tra le postazioni di controllo ed il segnale di preavviso deve essere adeguata in modo da garantirne il preventivo avvistamento in relazione alla velocità locale predominante [2].

Inoltre, la distanza minima tra il segnale stradale che indica la presenza della postazione di controllo e la postazione stessa non può essere superiore a quattro chilometri e tra il segnale e la postazione non devono essere presenti intersezioni o immissioni laterali di strade pubbliche.

La legge non prevede alcuna distanza minima tra due autovelox: pertanto ben potrebbe avvenire che lo stesso soggetto venga multato due volte sullo stesso tratto di strada da due postazioni di autovelox. La Cassazione, a riguardo, ha sempre escluso la possibilità di censurare le scelte dell’Amministrazione in ordine alle modalità di organizzazione del servizio di rilevazione e di accertamento delle violazioni.

Non esistono norme, secondo la Cassazione, che impongano l’obbligo di taratura dell’autovelox. Ai fini della validità della multa accertata con l’autovelox, basta dunque solo il fatto che l’agente accertatore abbia dato atto, in verbale, di avere verificato il corretto funzionamento dello strumento

note

[1] L’articolo 4 del decreto legge n. 121/2002, convertito con legge n. 168/2002, in tema di “Disposizioni urgenti per garantire la sicurezza nella circolazione stradale”.

[2] Così previsto dal decreto del 15 agosto 2007 del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti di concerto con il Ministro dell’Interno.

Per impugnare una multa elevata con autovelox, si consiglia, ai fini di accertare la sussistenza di presupposti per un eventuale ricorso, di verificare se la strada ove è avvenuto l’accertamento abbia le caratteristiche proprie di una strada urbana di scorrimento, se su di essa sia stato autorizzato dal prefetto, con apposito decreto, l’utilizzo dei dispositivi di accertamento a distanza – in deroga al principio generale della contestazione immediata – e se le postazioni siano state debitamente segnalate come previsto dalle disposizioni normative su richiamate.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

5 Commenti

  1. Salve, volevo sapere se l’autovelox installato sulla via salaria km 62,600 direzione Roma è a norma. Grazie

  2. salve, volevo sapere se l’autovelox fisso installato sulla traspolesana 434 direzione VERONA-ROVIGO e ben segnalato, è a norma. GRAZIE

  3. Mi sono arrivate 4 multe relative a una postazione autovelox fissa (sorta dal nulla) che ha rilevato l’infrazione nei giorni 16 (una), 17 (una) e 19 (due) del mese di settembre.
    Le multe indicano un limite di velocità superato di 70 Km/h. Dalla fine di settembre quel limite è passato a 90 km/h. E’ legale?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK