Rimborso del bollo auto
Lo sai che?
19 lug 2013
 
L'autore
 

Temistocle Marasco (1981) è dottore in giurisprudenza, esperto in diritto ambientale, coautore del volume “Aspetti di criminologia” (lulu.com Ed.), " [...]

 

Rimborso del bollo auto

Ho rottamato la mia vecchia auto, pur avendone già pagato la tassa di circolazione: posso trasferire il bollo sulla mia auto nuova oppure devo pagarlo di nuovo?

 

Chi acquista una nuova auto non può trasferire il bollo pagato per la vecchia sul veicolo nuovo. Può invece trasferire l’assicurazione.

 

Il bollo è una tassa regionale e deve essere pagata entro la fine del mese in cui è avvenuta l’immatricolazione del veicolo. Tuttavia, se il mezzo è stato immatricolato negli ultimi 10 giorni del mese, è consentito pagare entro il mese successivo.

 

La tassa di circolazione non può essere trasferita da una vettura ad un’altra ma, in determinati casi può essere rimborsata. La procedura per il rimborso varia in base alla regione e, in alcune di esse (ad esempio in Calabria), il rimborso non è previsto. È possibile, tuttavia, individuare una disciplina comune, in particolare tra le regioni convenzionate con l’ACI [1].

 

I casi in cui è possibile chiedere il rimborso sono:

pagamento doppio, qualora la tassa sia stata versata due volte per lo stesso anno;

pagamento in eccesso, qualora sia stata versata una somma superiore all’importo effettivo della tassa;

pagamento non dovuto, ad esempio in caso di furto o demolizione o vendita del veicolo.

 

La richiesta di rimborso:

– deve essere effettuata entro 3 anni dall’ultimo versamento, utilizzando i moduli predisposti dalla regione o in carta semplice (in tal caso deve contenere le generalità del richiedente, incluso il codice fiscale e il numero di telefono, e le modalità con cui si vuole ricevere il rimborso: c/c postale, bancario oppure a mani);

– deve essere presentata presso le delegazioni ACI o gli uffici provinciali ACI;

– deve essere corredata:

1. in caso di pagamento doppio, dell’originale della ricevuta di pagamento del bollo da rimborsare, della fotocopia della ricevuta di pagamento del bollo valido e della fotocopia del libretto di circolazione;

2. in caso di pagamento in eccesso, della fotocopia della ricevuta di pagamento del bollo da rimborsare e della fotocopia del libretto di circolazione;

3. in caso di pagamento non dovuto, dell’originale della ricevuta di pagamento del bollo da rimborsare e di un documento che dimostri la perdita del possesso del veicolo (ad es. certificato di rottamazione o denuncia di furto).

 

La richiesta verrà respinta nel caso in cui la somma da rimborsare sia troppo bassa (l’importo minimo rimborsabile varia da regione a regione: in alcune regioni la soglia minima è 12 euro, in altre 10,33 euro, in altre 16,53 euro);

 

Rimborso in caso di furto, demolizione o vendita del veicolo

In caso di perdita di possesso del veicolo (ad esempio per furto, demolizione, vendita), il bollo, in quanto tassa annuale, sarà rimborsato limitatamente ai mesi nei quali il proprietario ha perso il possesso del veicolo. Supponendo che la tassa di circolazione sia stata pagata a gennaio 2013, la vettura sarà coperta fino al gennaio 2014; tuttavia, ipotizzando che nel maggio 2013 l’auto venga demolita o rubata, con conseguente perdita di possesso da parte del proprietario, sarà possibile ottenere il rimborso per i mesi di mancato godimento dell’auto, a partire dal mese in cui si è verificato lo spossessamento (quindi da maggio 2013 a dicembre 2013).

 

In genere il rimborso non viene corrisposto se lo spossessamento del veicolo ha una durata inferiore al quadrimestre.

 

In alcune regioni (ad es. Lombardia e Veneto) non è possibile ottenere il rimborso se lo spossessamento si è verificato nell’ultimo mese di validità della tassa di circolazione; in altre (come la Puglia) è possibile chiedere il rimborso solo se lo spossessamento avviene nello stesso mese in cui è stata pagata la tassa di circolazione (ad esempio: se il bollo è stato pagato a luglio, il furto dell’auto o la demolizione, con conseguente denuncia di furto o certificato di demolizione, devono avvenire entro il mese di luglio stesso).

 

In alternativa al rimborso, è possibile ottenere la compensazione sul bollo da pagare per un veicolo nuovo, sempre che quest’ultimo sia stato acquistato nel quadrimestre successivo alla perdita di possesso della vecchia auto.

 

Al di là di queste informazioni di carattere generale, è bene informarsi presso gli uffici o delegazioni ACI e presso l’ufficio regionale tributi per conoscere se è possibile un rimborso della tassa di circolazione e in che modo ottenerlo.

Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

[1] Abruzzo, Basilicata, Emilia Romagna, Lazio, Lombardia, Puglia, Toscana, Umbria, Valle d’Aosta, Provincia autonoma di Bolzano, Provincia autonoma di Trento.

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti
7 mar 2014 luigi

In puglia lo rimborsano il bollo in caso di furto?????

 
13 ott 2014 lucia benelli

Buonasera,
abito in toscana e ho venduto la mia auto il 30/09/2014 per esportazione con annotazione sul foglio del PRA. Il bollo (regolarmente pagato) scade il 30.05.2014.Leggendo i vari forum ero convinta di poter ottenere il rimborso per la parte non usufruita, ma all’aci mi hanno detto che non è possibile perchè il bollo è una tassa annua non divisibile.
Le chiedo se ciò è vero oppure se è possibile proprio reperire la normativa.
Grazie

Cordiali saluti

Lucia

 
Temistocle Marasco
13 ott 2014 Temistocle Marasco

Gentile Lucia, la rimborsabilità del bollo varia da regione a regione. Per la Toscana, in merito al suo specifico caso, illustro quanto segue: L’intestatario del veicolo non è tenuto al pagamento della tassa automobilistica regionale nel caso di cessazione dalla circolazione del veicolo stesso per esportazione all’estero entro il termine ordinario per il pagamento del tributo, purché la relativa formalità sia oggetto di regolare registrazione presso il PRA, anche per il tramite delle competenti autorità italiane aventi sede nello Stato in cui il veicolo viene definitivamente esportato (Legge Regionale 35/2012, sezione V, art.32).
Esempio: bollo con scadenza a dicembre 2013, esportato in gennaio 2014, il pagamento non è dovuto; se l’esportazione avviene nel mese di febbraio, il bollo è dovuto per tutto l’anno 2014.
Distinti saluti

 
16 ott 2014 Kolea Eriona

Salve vivo a ferrara e ho venduto l’auto il 15 di questo mese, il bollo della macchina e scaduto ad agosto anche se la macchina e stata inutilizzata da fine maggio xche ho avuto un incidente ed sono un mese fa il perito e venuto a vederla. Come devo procedere con il bollo, potrei avere un rimborso se devo pagarla ….la ringrazio

 
11 nov 2014 Alberto Bruno

Salve, volevo un chiarimento. Io abito in Puglia, ho subito il furto dell’auto il 30 settembre 2014 in tarda serata. Avevo pagato il bollo qualche giorno prima rientrando nei 30 giorni di proroga disponibili. La validità del bollo era dal 1 ottobre 2014. La denuncia del furto e la perdita di possesso ho dovuto farla il giorno seguente al furto dato che gli uffici sono chiusi la notte, quindi mi sono ritrovato al 01/10/2014, giorno di partenza della tassa pagata. Avrei diritto al rimborso per l’intero anno o sono costretto a regalare questi soldi? Grazie in anticipo

 
23 nov 2014 Marco Prato

Buonasera, risiedo in Friuli Venezia Giulia e ho rottamato l’auto qualche giorno fa (novembre 2014). Sono andato all’Aci e mi han detto che il rimborso della parte non goduta del bollo (che mi scade ad aprile 2015, quindi 5 mesi) a fronte di una rottamazione avviene solo in Lompbardia, Piemonte e in un’altra regione che ora non ricordo. Quindi mi han detto che non posso chiedere il rimborso. Corrisponde a verità o posso invece chiederlo? E nel caso come posso “obbligarli” a farlo visto che insistono nel dichiarare che non me lo rimborsano? Grazie