Affidamento esclusivo del minore a un solo genitore: quando e perché
Lo sai che?
23 dic 2011
 
L'autore
 

1979. Laurea in Scienze politiche "cum laude" presso l'università della Calabria. Laurea in giurisprudenza presso l'università "Magna Graecia" di Catanza [...]

 

Affidamento esclusivo del minore a un solo genitore: quando e perché

Separazione dei coniugi: in presenza di minori, la regola resta quella dell’affidamento condiviso; tuttavia il giudice dispone l’affido esclusivo a un solo genitore quando l’affidamento condiviso crea pregiudizio al figlio stesso.

 

Nel caso di separazione dei genitori, l’affidamento esclusivo del figlio minore a un solo genitore è disposto dal giudice solo se l’affidamento condiviso crea pregiudizio al figlio stesso [1].

La legge [2], come già si è anticipato in questo articolo, stabilisce (pur senza individuare i singoli casi) che l’affidamento esclusivo sia l’eccezione, mentre quello condiviso sia la regola da applicare alla generalità dei casi.

 

Il giudice decide quale delle due forme di affido prediligere solo sulla base dell’interesse del minore. Egli è libero di valutare caso per caso se l’affidamento dei figli a entrambi i genitori possa essere di pregiudizio o meno per il minore. In ogni caso, il provvedimento con cui si dispone l’affidamento esclusivo ad un solo genitore deve essere sempre motivato.

 

Pertanto, in assenza di norme specifiche che regolino la materia, si possono individuare (sulla scorta dei casi giudiziari più noti sinora verificatisi) le seguenti ipotesi in cui non è possibile disporre l’affidamento condiviso:

 

1)     in caso di violenza sui figli;

2)     in caso di violenza sulla moglie in presenza dei figli quando questi ne abbiano subito un trauma;

3)     se vi sono forti carenze di un genitore sul piano affettivo. Ad esempio: non si provvede alla cura e all’educazione del figlio minore, non si versa volontariamente l’assegno di mantenimento, si fa uso di sostanze stupefacenti, si è riconosciuti incapaci d’intendere e volere, ci si rende irreperibili;

4)     se il genitore non affidatario è rimasto assente e non si è costituito nel giudizio di separazione e pertanto, non ha rivendicato il suo diritto ad esercitare il suo ruolo genitoriale né ha chiesto l’affido condiviso.

 

Si tratta, quindi, di situazioni limite, purtroppo ancora molto frequenti, in cui le negligenze di un genitore, il suo totale disinteresse verso il figlio minore – sia sul piano affettivo che dell’assistenza economica – inducono il giudice ad escludere l’affido condiviso, potendo ben prevedere i danni che ne deriverebbero ai figli se fossero affidati ad entrambi i genitori.

Così è stato, del resto, nelle vicende giudicate dai Tribunali di Bologna [3] e di Napoli [4].

 

5)     L’affidamento esclusivo si impone anche quando il minore, ascoltato dal giudice, riesce a spiegare i motivi per i quali preferisce essere affidato ad un solo genitore.

 

Se un genitore è in carcere non è detto che debba essergli negato l’affidamento del figlio. Ciò dipende sia dal tipo di reato contestato che dalla pena inflitta.

 

L’affido condiviso può essere stabilito anche se i due genitori risiedono in due città diverse, anche molto distanti tra loro. Non è la distanza, infatti, che impedisce ad entrambi di raggiungere l’accordo sulle questioni più importanti per i figli.

 

La richiesta di affidamento esclusivo (che può essere avanzata da ciascuno dei genitori al giudice) deve essere sufficientemente motivata: vanno cioè indicate le ragioni che rendono incompatibile, con l’interesse del minore, l’affidamento a quel determinato genitore. Ciò avviene “quando la condotta è causa di grave pregiudizio all’integrità fisica o morale o alla libertà del minore” [5]. Si pensi ai casi di abusi familiari.

 

La legge, però, per evitare intenti vendicativi o ricattatori, punisce il genitore che, senza fornire adeguate motivazioni, chieda al giudice l’affidamento esclusivo. Infatti, se il giudice riterrà la richiesta manifestamente infondata potrà valutare se estromettere quel genitore dall’affidamento e se condannarlo (in caso di malafede o colpa grave) al risarcimento del danno.

 

Il legislatore, inoltre, non precisa come deve essere regolato l’affidamento esclusivo, come deve avere luogo il mantenimento, il diritto di visita, l’assegnazione della casa coniugale. È il giudice a doverlo stabilire.

 

Il giudice dovrà, a seconda del caso, indicare le modalità e la frequenza del diritto di visita del genitore non affidatario. E, se necessario per l’interesse e la salute psicofisica del minore, potrà adoperare alcune cautele, quali ad esempio la presenza di un operatore dei Servizi Sociali durante gli incontri tra il genitore e il figlio minore.

 

Quanto, infine, alle decisioni di maggiore interesse per la vita del figlio, la legge non precisa se queste debbano essere assunte di comune accordo da entrambi i coniugi anche nell’ipotesi di affido esclusivo.

Tuttavia, l’orientamento dei giudici sembra essere favorevole al principio secondo cui il genitore non affidatario non debba essere estromesso da tali decisioni [6]. Deve rimanere vivo il suo diritto a mantenere un rapporto equilibrato e continuativo con i propri figli, pur se nel rispetto sempre dell’interesse del minore.

 

Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter

 

 

[1] Art. 155 bis, co.1, cod. civ: “Il giudice può disporre l’affidamento dei figli ad uno solo dei genitori qualora ritenga con provvedimento motivato che l’affidamento all’altro sia contrario all’interesse del minore”.

[2] Legge 8 febbraio 2006, n. 54, recante “Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli”.

[3] Trib. Bologna, 17/04/2008, in Foro It., 2008, 6,1, 1914 (il genitore non affidatario aveva mostrato un totale disinteresse verso la figlia, non vedendola da oltre due anni, non versando neppure l’assegno di mantenimento).

[4] Trib. Napoli, 23/09/2008, Corr. Merito, 2008, 11,1118 (il genitore non affidatario aveva attuato, già durante la convivenza, il sostanziale abbandono del figlio minore, sia sotto il profilo affettivo che dell’assistenza economica).

[5] Ipotesi prevista per dare luogo ad un ordine di protezione contro gli abusi familiari ex art. 342 bis c.c..

[6] Tribunale dei Minorenni Catania, 23.5.07 (in www.minoriefamiglia.it) “Anche nel caso dell’affido esclusivo, le decisioni di maggiore interesse andranno prese dalle parti di comune accordo”.

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti
29 set 2012 Cosso Laura

Buonasera Avvocato,
io ho una figlia di 4 anni, non sono mai stata sposata e un anno fà io e il padre ci siamo lasciati.
Nei 4 anni di vita della bambina la presenza del padre è stata saltuaria in quanto per questioni di difficoltà economiche lui faceva le stagioni lontano da casa.
Da quando ci siamo lasciati, dopo aver scoperto un tradimento durato 13 mesì, ho chiesto al padre di fare il padre, di cercarsi un lavoro e una casa vicino a noi per poter collaborare con la crescita della bambina….ciò non è avvenuto.
In tutto questo anno lui si è fatto la sua vita, senza preoccuparsi della crescita della figlia ne del suo mantenimento economico; ha mandato soldi fino a marzo poi niente più fino a giugno, poi da luglio a oggi ancora niente.
Ora volevo sapere se ci sono gli estremi per richiedere l’affido esclusivo in quanto non ho nemmeno il diritto di chiedere un documento valido per l’espatrio per mia figlia ( premetto valido per l’espatrio in quanto il padrino che è mio fratello abita a parigi)
Con questo non ho intenzione di limitare il padre qualora intendesse prendersi finalmente cura della bambina insieme a me.

Grazie e cordiali saluti.
Cosso Laura

 
Angelo Greco
29 set 2012 Angelo Greco

Cara Laura, gli estremi per l’affido esclusivo sono particolarmente rigorosi e non coincidono generalmente con l’indigenza o la sporadica inottemperanza agli obblighi economici. Il padre deve essere stato responsabile di condotte particolarmente gravi nei confronti del minore e tali da pregiudicarne una sana crescita. Pertanto, almeno da quello che mi scrivi, non ritengo sussistano gli estremi per una tale richiesta.

 
14 ott 2012 Mery

Buonasera Avvocato,sono una mamma sola con una figlia di quasi 4 anni e non sono sposata.Ho già l’affidamento esclusivo x l’assenza del padre in tutti i sensi,ora lo condanneranno anche dopo una denuncia fatta x la minore,con questa condanna serve a qualcosa x assistenti sociali per tutelare mia figlia non lasciandola sola con lui?quali sono i miei diritti di madre con l’esclusivo?cosa sono obbligata a fare con esclusivo a differenza del condiviso?xchè gli assistenti sociali mi obbligano a dare mia figlia al padre anche con queste denunce in corso,ora lo condanneranno.cosa posso fare x tutelarla?Chiedo aiuto.

 
Angelo Greco
15 ott 2012 Angelo Greco

Buongiorno Mery. Non mi è possibile dare una risposta ai suoi quesiti, dovendo visionare gli atti dei procedimenti e, soprattutto, del giudizio penale.
Quanto invece ai diritti del genitore assegnatario la rinvio a questi articoli

http://www.laleggepertutti.it/3646_affidamento-esclusivo-del-minore-a-un-solo-genitore-quando-e-perche

http://www.laleggepertutti.it/3335_affidamento-condiviso-dei-figli-di-che-si-tratta

http://www.laleggepertutti.it/4039_l’affido-del-minore-a-terzi-in-caso-di-inidoneita-dei-genitori

 
15 ott 2012 Luca

Buongiorno Avvocato.
mia moglie qualche mese fa si è trasferita a casa del suo amante con il quale, per sua stessa ammissione scritta, aveva una relazione clandestina da circa un anno.
Dopo solo un mese e mezzo di convivenza con lo stesso è ritornata, con il mio consenso e bene accetta, nella casa di proprietà dei miei genitori, nella quale abitiamo.
Oggi, dopo poco più di un mese in famiglia, mi ha detto che di me comunque lei continua ad amare l’altro e che di me non importa nulla ma che sono comunque obbligato a mantenerla.
Io a questo punto, dopo essere stato doppiamente ingannato, avrei intenzione di chiedere l’affidamento esclusivo di nostra figlia di 8 anni senza naturalmente comunque negare alla madre il diritto di poterla vedere oltre a tutti gli altri diritti legati correlati.
La domanda è : secondo lei per la sua instabilità emotiva ed affettiva oltre che per tutta un’altra serie di motivi che comprovano una condotta morale non proprio degna di una donna sposata (non spiegabili in questa sede) il giudice (al quale invece questi motivi sarebbero sottoposti )potrebbe decidere in mio favore ?
La ringrazio anticipatamente per la risposta.

 
Angelo Greco
15 ott 2012 Angelo Greco

Non posso darle una risposta se non conosco questi motivi ovviamente. La sola infedeltà non é motivo ostativo all’affidamento congiunto.

 
18 ott 2012 Giovanna

Buongiorno avvocato volevo sapere se nel mio caso posso richiedere l ‘ affidamento esclusivi di mia figlia di 4 anni.il papa della bambina e’ tunisino senza documenti e ci ha lasciato dopo tre mesi che e’ nata la piccola il 19 novembre ho udienza in tribunale per mancato mantenimento in 4 anni ho ricevuto in tutti da lui 350 euro….. ora e ‘ in carcere per spaccio e la condanna e’ di un anno e otto mesi ma ha sempre fatto uso… posso fare la richiesta.
Intanto la ringrazio e le auguro una buona giornata

 
22 ott 2012 Raffaele

Buongiorno Avvocato,ho avuto da una relazione exstraconiugale un figlio,che ora ha sei mesi,da una ragazza brasiliana.Per un certo periodo di tempo abbiamo condiviso la stessa casa,poi venuto a sapere del suo passato,pochi mesi prima che iniziava il nostro rapporto di certe sue attivita(tipo escort),premesso che dopo suo pentimento ho finito per crederle,ho scoperto da poco che dopo la nascita del bambino(stavamo insieme ma non vivevamo sotto lo stesso tetto)le ha iniziato a chattare e videochattare con parecchi uomini,con alcuni ha scambiato il numero di telefono e ho scoperto che ogni giorno visitavi siti hard con prevalenza lesbo.Dai tabulati telefonici si sente con uomini di diverse eta’ dai 20 ai 60 anni,non lavoro ed e’ totalmente mantenuta da me,al bambino penso a tutto io.Volevo sapere se per me e’ possibile chiedere l’affidamento esclusivo visto che anche la mia ex moglie e i mie due figli(fratello e sorella)sono d’accordo con me…mia dia un buon consiglio sopratutto per il bene di mio figlio,la ringrazio anticipatamente. Raffaele

 
Angelo Greco
22 ott 2012 Angelo Greco

Come abbiamo già scritto diverse volte su queste pagine, la semplice infedeltà non è considerabile causa per ottenere l’affidamento esclusivo. Tuttavia, discorso diverso – e salvo ulteriori e approfondite indagini – potrebbe farsi nell’ipotesi in cui la signora brasiliana abbia uno “stile di vita” dedito a piaceri poco “convenzionali” che potrebbero pregiudicare la sana crescita del minore. Spero mi abbia compreso.

 
23 ott 2012 Raffaele

La ringrazio per la sua preziosissima risposta,credo di aver compreso che la frequentazione di diverse persone possa essere considerata pregiudizievole alla sana crescita del bambino,vorrei chiederle approfittando della sua gentilezza,posso io o qualcuno per me trovare prove al suo comportamento irregolare?sia in casa che fuori?E le chiedo se porterebbe il bambino con se magari in hotel,dovrei chiamare i carabinieri o posso scattare io delle foto?La ringrazio ancora di cuore.

 
25 ott 2012 gaetano

vorrei avere un consiglio. sono un papà separato da quasi 3 anni con affido condiviso . in questo periodo ho sempre visto mio figlio 5 volte a settimana copresi quasi sempre tutti i week end poichè la mamma ha orari diversi. La maggior parte del tempo con mio figlio passati cmq sempre casa della mamma .da qualche mese io non ho piu abitazione ma vivo in caserma. Sono venuto a sapere che ora lei vorrebbe l’affidamento esclusivo . come posso comportarmi?

 
8 nov 2012 Alessia

Salve senta si può avere l’affidamento esclusivo anche se in precedenza si sa per certo che ha fatto uso di sostanze stupefacenti e che ora continua ma non lo si sa per certo?! inoltre ha minacciato me e ha anche in precedenza alzato le mani? grazie e arrivederci

 
Angelo Greco
8 nov 2012 Angelo Greco

L’affidamento esclusivo si può ottenere solo se lei riesce a dimostrare che il condiviso é di pregiudizio per il minore.
È necessaria la prova quindi di quello che lei afferma. Quindi anche la stessa querela potrebbe essere insufficiente se non c’è prova dei fatti contestati.

 
11 nov 2012 marina

buongiorno vorrei un consiglio ho un bambino di 6 anni e quando sono andata via di casa ne aveva quasi 4 perchè ilm mio ex marito era geloso di nostro figlio e ha fatto cose cattive io sono caduta in depressione ,ma con l’aiuto del mio nuovo compagno e la forza x non perdere mio figlio ne sono uscita.la domanada è io vorrei chiedere l’affidamento esclusivo perchè il padre agl’occhi degli altri fa capire di essere un ottimo padre ma poi mi lascia il figlio in macchina da solo e lui va a far le commissioni ,lo lascia dagli zii e lui va a dormire a casa sua e peggior cosa continua a far vedere un cugino di 15 anni che tempo fa ha toccato le parti intime a l bambino fatto controllare il ragazzo ha delle problematiche forti di cui lui ha il divieto a far venire a contatto ma non è cosi ed io ho paura e poi viene picchiato dagli zii e impaurito dalla famiglia stessa.come posso fare x far smettere questo incubo??grazie mille x una sua risposta.

 
Angelo Greco
11 nov 2012 Angelo Greco

Salve Marina. Circa i primi comportamenti che lei indica non mi sembra, almeno dagli scritti, che siano talmente gravi e compromettenti per la crescita del bambino, da giustificare un affidamento esclusivo. Quanto ai secondi, bisogna verificare che parte abbia avuto il padre. Ovviamente tutto va provato davanti al giudice; non basta affermarlo. Cordialità.

 
12 nov 2012 marina

salve avvocato in quale modo posso far venire a conoscenza dei fatti gravi al giudice?io ho una registrazione del padre che afferma tranquillam,ente di lasciare il piccolo in macchin a da soloe il restodelle molestie serve una psicologa o basterebbe ke il giudice parlasse col bambino?e se si all’eta’ di 6 anni puo’ essere sentito dal giudice?la ringrazio infinitamente

 
13 nov 2012 luari

buon giorno avvocato, sono separata da 9 anni circa. Quest’anno ho chiesto il divorzio al mio ex marito, e lui chiede l’affidamento totale di nostra figlia di 10 anni perchè accusa me di non essere una buona madre perchè in passato ho avuto altre relazioni (mai convivenze). Attualmente convivo con il mio compagno da 5 mesi ed è una storia che dura da 2 anni. Lui può avere l’affidamento? e mia figlia può essere ascoltata dal giudice? Grazie mille.

 
Angelo Greco
13 nov 2012 Angelo Greco

Salve, le infedeltà non sono una valida motivazione per chiedere ed ottenere l’affidamento esclusivo.

 
13 nov 2012 luari

Non so se si rivolge a me…Lui fa riferimento a relazioni dopo la separazione. Mi chiedo se mia figlia può esser ascoltata dal giudice. grazie.

 
16 nov 2012 Elisa

Buongiorno avvocato, Mia figlia ha 7 anni e da quando è nata è sempre vissuta con me e i miei genitori. Il padre ha sempre condotto 1 vita movimentata e fa uso di stupefacenti. Due anni fa l’ho lasciato e abbiamo accordato che mi corrispondesse un mantenimento per la figlia di 300 euro. Lui non si è mai occupato di lei se non sporadicamente e spinto dalla madre.Da qualche mese lui e la bambina non vanno più d’accordo, lei sostiene che lui la prende continuamente a male parole e che la manda via tutte le volte che vuole stare con lui e la sua fidanzata (tra l’altro minorenne). Ieri dopo il loro ennesimo battibecco lui mi ha scritto via facebook che non vuole più che la bambina vada a casa sua, che se è così è per colpa mia e che non ha intenzione di corrispondermi più alcun assegno di mantenimento in quanto sostiene di non aver alcun obbligo verso la figlia visto che non c’è scritto da nessuna parte. Volevo chiederle se a questo punto con in mano i messaggi di questa persona posso avanzare richiesta per l’affidamento esclusivo contando poi che non ha la fedina penale pulita e le dichiarazioni della bambina, pensa che potrei averne diritto? La ringrazio anticipatamente, buona serata.

 
Angelo Greco
16 nov 2012 Angelo Greco

E’ una valutazione che andrà fatta alla luce delle concrete prove che lei porterà in giudizio per dimostrare che questo atteggiamento paterno è di ostacolo per la crescita della minore. Il fatto, infatti, che il padre non ottemperi ai propri doveri non è causa per esonerarlo dagli stessi doveri.

 
20 nov 2012 roma

salve spero in una risposta io ho due figli nati da una relazione violenta nel 2007 siamo scapapti via perche non sopportavo piu di essere picchiata ma a lui non ho mai negato di vedere i figli nel 2009 portandoli per el vacanze di natale non me li ha piu ridati in piu ha chiesto l’affidamento esclusivo aggiugo che lui e pregiudicato e stato arrestato per sequestro di minori e riconosciuto colpevole e stato arrestato in piu da aprte mia ha numerevoli denunce epr violenze in famiglia non ce nessun decreto che dispone laffidamento ne condiviso en esclusivo solo che i bambini li tiene lui il giudice non vuol sentire ragione non vuole vedere la sua fedina penale ora io le voglio chiedere posso portarmeli con me visto che il giudice non si e mai espresso su nessuno dei due il bimbo ha 8 anni e si fa la pipi e la cacca addosso e trema se cade qualcosa e psicologicamente provato grazie in anticipo

 
Angelo Greco
20 nov 2012 Angelo Greco

Sig.ra Spina, quel che lei racconta è piuttosto insolito. Credo che ci sia un difetto di rappresentazione. E’ meglio che chiarisca le cose con il Suo avvocato.

 
30 nov 2012 fabio m

Buonasera Avvocato, sono un padre di due figli (8 anni e 6 anni) separato con la mia ex da 3 anni e mezzo, ho sempre cercato di gestire i rapporti con la mia ex, non ho mai fatto entrare la mia compagna nella vita dei miei figli, fino a giugno 2012, da li le cose sono completamente degenerate, pensi che fino a quella data ho sempre visto e dormito con i miei figli più del preevisto, visto che i miei figli e soprattutto il più piccolo voleva stare sempre con me. Perciò da giugno i miei figli oltre che ho dovuto rispettare l’omologa hanno dovuto assistere a sceneggiate da parte della madre e la sua famiglia, inoltre nonostante loro avrebbero voluto stare con me erano obbligati a soggiornare con la madre. Consideri che nella mia omologa non c’ è specificato come comportarsi sul periodo estivo dice solo che quando dormono con me li devo riacccompagnare a scuola, la mia ex ha preteso durante le feste che io portassi i bambini a casa entro le 8 altrimenti mi avrebbe denunciato.
A settembre 2012 ho fatto scrivere dal mio legale una missiva che chiedevo di porterli vedere di più ma soprattutto che i miei figli non dovessero più assistere a sceneggiate.
La loro risposta è stata una continua accuse su fatti inesistenti e domanda al giudice tutelare con accuse infondate per ricorso ex art. 317 c.c.. Il mio avvocato mi dice che c’è la possibilità di intervento dei servizi sociali e conseguente affidamento in casa famiglia visto il rapporto conflittuale tra di noi. è vero tutto ciò e come posso tutelare i miei figli?
grazie e cordiali saluti

 
Angelo Greco
30 nov 2012 Angelo Greco

La conflittualità tra i coniugi, quando non pregiudica una serena crescita e l’educazione dei minori, non può essere causa di affidamento alla “casa famiglia”.

 
4 dic 2012 Roberta

Buongiorno Avvocato,
Vorrei chiederLe alcune informazioni..
Convivo da poco meno di due anni con un “uomo” con la quale 7 mesi fa ho avuto un figlio.
Premetto che non volevo che lui lo riconoscesse ma che invece approfittando del mio Travaglio ha dato i suoi dati all’ostetrica.
Fra di noi c’è solo una buona dose di rancore e dei sentimenti tutt’altro che positivi.
Lui mi sta rendendo un inferno la vita, e anche il mio bimbo ne sta risentendo. Urla sempre in sua presenza, le poche volte che è a casa è attaccato al cellulare a giocare o a fare chissà cosa, non si preoccupa del bimbo, addirittura non lo sente nemmeno quando piange, o fa finta di niente e continua a dormire, lo “usa” solo come trofeo per far vedere che anche lui ha un figlio.
Io provo un senso di disgusto x questa persona, e so che non è la persona adatta a crescere un bambino.
Attualmente non sto lavorando, ho qualche speranza che il bimbo mi venga affidato in modo esclusivo? Io sono originaria di un’altra regione, e vorrei tornare nella mia regione di origine dove ci sono anche i miei affetti.
Lui mi minaccia sempre che il bambino non me lo lascerebbero perché non lavoro e che senza di lui sarei nella M…
A volte mi sento costretta ad avere rapporti con lii anche se gli dico che non voglio.
Vorrei rivolgermi agli assistenti sociali, loro potrebbero togliermi il bambino?

 
14 dic 2012 marco

Salve avvocato le scrivo perché non so più cosa fare. Sono un padre con 5 bambini a carico, mi spiego ho vissuto per 9 anni con la mamma dei bambini, da settembre dello scorso anno a seguito ad una lite con la mia ex xke oltre a non accudire i bambini al meglio ne dal punto di vista igienico che da quello educativo, ho scoperto che mentre io mancavo x lavoro lei lasciata i bambini a casa di conoscenti x uscire, lei se ne è andata di casa portandosi con se i 3 bimbi più piccoli, che in seguito ha abbandonato x strada, e che sono riuscito ad avere con me grazie alla mia vicina di casa che trovandoli li ha portati a casa dei mie genitori. Da quel giorno lei non ha mai più voluto saperne e nonostante tutte le denunce da me fatte ancora oggi non riesco ad ottenere l’affido esclusivo per poter avere più facoltà qui miei figlie sopratutto x riuscire a percepire le agevolazioni come l assegno per il nucleo familiare che l inps si ostenta a darmi senza prima leggere il foglio definitivo del tribunale. La prego avvocato di darmi delle indicazioni di come uscirne perché io sono esasperato. La ringrazio anticipatamente

 
Angelo Greco
14 dic 2012 Angelo Greco

Marco, mi spieghi meglio quali passi ha intrapreso sino ad oggi

 
14 dic 2012 MARCO

ALLORA AVVOCATO LE SPIEGO BENE TUTTO CIO’ CHE E’ ACCADUTO PASSO DOPO PASSO. A SEGUITO DELLA LITE DI CUI SOPRA LE PARLAVO, LEI VA VIA DI CASA PORTANDO CON SE I TRE BIMBI PIU’ PICCOLI E LASCIANDO A ME I DUE PIU’ GRANDI. DOPO TRE GIORNI VENGO CONTATTATO DALLA MIA VICINA DI CASA DICENDOMI CHE IN CASA C’ERANO I TRE BIMBI PICCOLI DA SOLI, ALLORA IO MI PRECIPITO LI PER PRENDERLI E TROVO UNA LETTERE DI LEI DOVE DICE ADDIO A TUTTI E CHE ERA MEGLIO CHE I BAMBINI RIMANEVANO TUTTI CON ME PERCHE’ ERA LA COSA PIU’ GIUSTA. PRATICAMENTE LEI SI ERA RECATA DI NUOVO IN CASA PER LASCIARMI ANCHE GLI ALTRI BIMBI FINGENDO UN AVVELENAMENTO E CHIAMANDO IL 118. SUCCESSIVAMENTE IO TENTO DI CONTATTARLA PER NON ESCLUDERLA DALLA VITA DEI PICCOLI, E INSIEME DECIDIAMO DI TENERLI UN PO PER UNO. APPARENTEMENTE SEMBRAVA ESSERE DACCORDO, MA DOPO UN DUE TRE GIORNI LASCIA I BAMBINI SOTTO CASA DEI MIEI GENITORI, CHE DALL’ORA MI OSPITANO, E SE NE VA, LASCIANDO DETTO AI PICCOLI CHE LEI NON LI POTEVA TENERE. A QUEL PUNTO DECIDIAMO DI PRENDERE UN LEGALE, CHE COMINCIA AD AVVIARE UNA PRATICA PER CERCARE DI CAPIRE BENE LA POSIZIONE DELLA MADRE, INTANTO SI ARRIVA AL MESE DI DICEMBRE E L’AVVOCATO CI CONSIGLIA DI FARE UN ULTIMA PROVA E DI VEDERE SE UNA FESTA ERA DISPOSTA A TRASCORRERLA CON I PICCOLI. A QUEL PUNTO SEMBRA ACCETTARE DI AVERE LEI I BIMBI PER IL CAPODANNO, E I IL GIORNO CHE LI VIENE A PRENDERE SOTTO CASA DEI MIEI GENITORI, FIRMA UN FOGLIO SCRITTO DALL’ AVVOCATO DOVE DICHIARA DI PRENDERSI CURA DEI 4 BAMBINI PER QUESTI GIORNI (DICO 4 PERCHE’ MIO FIGLIO MAGGIORE SI E’ RIFIUTATO DI ANDARE CON LEI). MA ECCO CHE ALL’INIZIO DELLA SCUOLA LASCIA 2 BAMBINI DENTRO LE AULE E DUE PER STRADA, LA VICINA DI CASA DI MIA MADRE LI RICONOSCE E LI PORTA SOTTO CASA. A QUEL PUNTO LEI MANDA UN SMS CON SCRITTO DUE SONO A SCUOLA VATTELI A PRENDERE PERCHE’ IO NON LI VOGLIO. DA QUEL MOMENTO NON HA MAI PIU’ VOLUTO SAPERNE A DICHIARATO PERSINO AL NOSTRO LEGALE DI NON VOLERLI. INTANTO RICEVIAMO LA VISITA DEGLI ASSISTENTI SOCIALI, A CUI FACCIAMO PRESENTE TUTTO E CHE ADDIRITTURA NON AVENDO NEANCHE I BAMBINI CON SE PRESENTA UGUALMENTE LA DOMANDA PER L’ASSEGNO DEI TRE FIGLI E LO INCASSA. SE STO CHIEDENDO IL SUO AIUTO E’ PERCHE’ CREDO DI AVERE TUTTI CONTRO E NON MI SENTO DIFESO DAL MIO LEGALE. IERI HO LETTO CIO’ CHE GLI ASSISTENTI SOCIALI HANNO DEPOSITATO AL TRIBUNALE, E MI CREDA AVVOCATO NON C’E’ SCRITTO NIENTE DI QUELLO DA ME RIFERITO, NIENTE DI VERO, CHE POSSO ANCHE DIMOSTRARE DALLE DENUNCE DA NOI FATTE QUANDO LEI LI HA ABBANDONATI, LA TESTIMONIANZA PRESSO I CARABINIERI DELLA VICINA DI MIA MADRE CHE DICE DI TROVARE I BIMBI E DI RIPORTARLI DA NOI, I REFERTI OSPEDALIERI DELLE ECCHIMOSI TROVATE AI BAMBINI LO STESSO GIORNO CHE LI HA ABBANDONATI. E TRA LE ALTRE COSE L’INPS NON MI VUOLE PAGARE GLI ASSEGNI DEL NUCLEO FAMILIARE , PERCHE’ VOGLIONO LA FIRMA DI LEI O L’AFFIDO DEFINITIVO DEL TRIBUNALE. AVVOCATO LA FIRMA DI LEI E’ IMPOSSIBILE AVERLA PERCHE’ NON APPARE PER I SUOI FIGLI, FIGURIAMOCI PER UNA FIRMA, E L’AFFIDO DEFINITIVO DI QUESTO PASSO NON SO NEMMENO QUANDO ME LO DARANNO. IO NON CHIEDO ALTRO CHE L’AFFIDO ESCLUSIVO DEI MIEI FIGLI, VORREI POTER AVERE LA FACOLTA’ DI PORTAR CON ME I BAMBINI ANCHE FUORI L’ITALIA DATO CHE QUI’ IL LAVORO E’ POCO. ED INVECE A DISTANZA DI PIU’ DI UN ANNO MI RITROVA ANCORA COSI’, ANZI ADESSO HO PURE LETTO CHE PROVVEDERANNO A FARE GLI INCONTRI MADRE FIGLI IN DEGLI SPAZI NEUTRI. IO NON CAPISCO PIU’ NULLA UNA MADRE CHE NON LI VUOLE,CHE LI ABBANDONA, CHE LI MALTRATTA,, HA IL DIRITTO DI SCOMPENSARE NUOVAMENTE LA VITA DEI PICCOLI, CHE CON SACRIFICI SONO RIUSCITI A RIACQUISTARE? LA PREGO AVVOCATO MI AIUTI A CAPIRE???? GRAZIE ANCORA PER LA CORTESIA CON CUI MI RISPONDE. ANCORA SALUTI.

 
Angelo Greco
14 dic 2012 Angelo Greco

Sig. Marco, i maggiori chiarimenti di cui avrei bisogno si riferivano all’aspetto processualistico e non ai fatti materiali.
In ogni caso questo forum non viene utilizzato per richiedere consulenze ad personam. Noi siamo disponibili finché si tratti di questioni non troppo lunghe e complesse. Per le altre, può chiedere una consulenza personalizzata, scrivendo in privato all’autore o alla redazione. In quest’ultimo caso le risponderà il mio studio e le spiegherà i dettagli delle consulenze.
Da quel che comprendo, la sua posizione è abbastanza complessa e richiederebbe la lettura attenta di tutti gli atti di causa.

 
25 dic 2012 arben

Salve avv.Greco!Vorrei solo qualche delucidazine in merito ad una questione,più che altro “economica a convenienza”.Sono divorziato da 1 anno ed ho una bimba di 10 anni.Ho sempre pagato assegno di mantenimento alla bambina.Ma da quando ho deciso di rifarmi una vita, la mia ex-consorte mi sta disturbando chiedendomi soldi che lei prima non mi ha mai chiesto e che mi diceva che ci pensava lei per quanto riguarda le cure odontoiatriche della bimba.Ora viene fuori con la pretesa dei soldi.Preciso che non mi ha mai mandato niente per iscritto di quello che ha speso.Ora mi sta anche minacciando che ricorrerà in tribunale.Addiritura ora per dispetto mi sta anche impedendo di avere la bambina il fine settimana,così come descritto nella sentenza del tribunale.Come dovrei comportarmi in quanto lei mi sta chiedendo di andare dal suo avvocato e di fare una liberatoria in qui io dovrei scrivere e firmare in presenza del suo legale,che pagherò magari una tantum al mese.
Resto in attesa di una sua risposta.Grazie in anticipo.

 
26 dic 2012 Sergio

Buonasera Avvocato,
sono circa due anni che non trovo una soluzione per far sì che mio figlio cresca in modo sereno. Mi spiego meglio… Sono separato da 2 anni, mai stato sposato, udienza per l’affido condiviso già effettuata. Mio figlio, che ha 1 anno e 10 mesi) è domiciliato presso la madre ma i servizi sociali fanno da tramite affinchè non ci sia conflittualità per gli incontri. Io ho diritto ad un pernotto e due pomeriggi settimanali. Il problema sorge ora; sono venuto a scoprire tramite foto di siti di discoteche che la madre di mio figlio lasciava il bambino di appena 6 mesi a casa con i nonni per uscire con vari “fidanzatini” occasionali. In più, è stata ricoverata 2 volte in 2 anni in psichiatria per depressione (durante il ricovero mio figlio è sempre stato con me,sia quando aveva 5 mesi, sia ultimamente che ha quasi 2 anni) . A tuttora lei segue una terapia antidepressiva costituita da tre psicofarmaci al giorno. Su queste basi, ovvero una madre depressa in cura che conduce una vita poco consona, posso chiedere l’affido esclusivo? La ringrizio in anticipo per la risposta.

 
26 dic 2012 Sergio

E ho dimenticato un altro fattore molto importante: da circa 6 mesi lei è disoccupata, poichè ha deciso di licenziarsi. E’ normale una madre che in una società come questa, dove si fa fatica a trovare lavoro, una madre decide di suo pugno di lasciare il lavoro??? Ma nonostante disoccupata, ha deciso di iscrivere nostro figlio al nido! Manco avesse la giornata piena di impegni!!! quindi, tirando le somme, questa persona è:
-in cura antidepressiva-
-disoccupata
-ricoverata 2 volte per circa una settimana in psichiatria
-lasciava mio figlio con i suoi genitori, a mia insaputa, per darsi alla bella vita(foto)
-ha iscritto mio figlio al nido per non occuparsene( poichè non lavorando, non ha altro da fare)
Mi dica, per favore, posso avere l’affido esclusivo di mio figlio, prima che possa subire traumi irreversibili. Io sto impazzendo per la preoccupazione. La ringrazio di nuovo e attendo con ansia la risposta. Saluti

 
28 dic 2012 valeria

salve avvocato …mi trovo in una situazione complessa …dove mi servono delucidazioni per agire al meglio ,mio marito si è licenziato dal suo posto di lavoro non preoccupandosi delle spese di affitto casa e soprattutto di mantenimento di nostra figlia di 16 mesi ,in presenza dei suoi genitori e della bambina in una discussione si è mostrato molto violento anche se non è la prima volta che durante delle discussioni lui abbia queste reazioni , alchè ho deciso di allontanarlo da casa per tutelarmi io e mia figlia ,il giorno seguente si è recato sul posto di lavoro per farsi dare la tredicesima e ha volutamente sperperato questi soldi in una sala slot fregandosene della famiglia ,non gli ho piu permesso di vedere la bambina da quel giorno intimidandomi piu volte con minacce e diffamandomi pubblicamente ,io non nego che presa dalla rabbia le ho ricambiate leminacce ,ad oggi lui si dimostra una persona instabile di mente avendo degli alti e dei bassi.
io come posso tutelarmi e tutelare mia figlia oltre alla sperazione consensuale??per il minore come ci si comporta? ?

 
29 dic 2012 Sergio

Non mollerò… ho bisogno di risposte… Aspetto la risposta del 26/12… Sergio…

 
2 gen 2013 Gaia

Salve, non sono una donna maggiorenne.. Ho quasi 13 anni e i miei genitori si sono separati circa 3 anni fa adesso vivo con mia madre a casa di mia nonna anche se abbiamo un altra casa vicino alla mia scuola. Mio padre vive con la sua fidanzata, lo vedo massimo 2 volte alla settimana. Mia madre ogni sera esce e io rimango in casa con mia nonna di 82 anni anche queste feste le ho passate con le zie. Non passo mai un po di tempo con lei o lavora o esce; e le poche volte che ci sto insieme mi risponde sempre male, è sempre esaurita urla, mi fa stare male, anche mia nonna non ce la fa piu. Quindi io vorrei poter abitare con mio padre e stare con lui. Volevo sapere se era possibile

 
3 gen 2013 Daniela

Buongiorno Avvocato,

ho un bimbo di 9 mesi avuto da un Signore di nazionalità turca che ha riconosciuto il bambino ma ormai da 4 mesi non lo vede e non provvede al suo mantenimento. la nostra relazione è termiinata perchè ho scoperto che è sposato a non separato in attesa di divorzio… inoltre ho subito minacce di morte e di eventuale rapimento del bambino. Ma il tutto non è dimostrabile!!! Potrei avere l’affidamento esclusivo! Per quanto tempo deve essere assente un padre per non definirsi più tale?? Inotlre mi ha lasciato debiti da pagare tutti documentabili!!! Grazie

 
4 gen 2013 Sergio

Sono certo che alla lunga riceverò le mie risposte. Tengo troppo al benessere di mio figlio per fermarmi nel mio percorso. Se non dovesse essere Lei a darmi le risposte che cerco, le troverò altrove. Aspetto.

 
17 gen 2013 Roberta

Buongiorno avvocato, sono la madre di un bimbo di 14 mesi nato da una breve relazione extraconiugale con il padre. Ho riconosciuto solo io il piccolo che vive con me. Il padre non si è mai reso presente. Ha visto il piccolo 3 volte in tutto e non ha mai fornito alcun aiuto economico pur essendo molto benestante. Io ho scelto di dargli regolari comunicazioni sul figlio invitandolol a rendersi presente ma di non procedere in alcun modo per il riconoscimento arrendendo che lui stesso decida spontaneamente ciò che si sente di fare. Ora lui mi ha chiesto formalmente il riconoscimento ma rifiuta contatti con me (per non ingelosire la coniuge), rifiuta la mediazione genitoriale, pretende di portare il piccolo che non conosce a casa sua con la sua famiglia fin da subito. Posso acconsentire al riconoscimento ma oppormi a tali condizioni chiedendo un affido esclusivo (per totale assenza e negligenza del padre fino ad ora) o un condivido che preveda condizioni di graduale avvicinamento del padre, in mia presenza e con l’ausilio di un tecnico (mediatore o psicologi evolutivo) che consenta di giungere a ragionevoli accordi sul l’educazione e le necessarie condivisioni utili alla crescita del bambino?

 
17 gen 2013 Roberta

Preciso che non è mia intenzione impedire o limitare la presenza del padre nella vita del bambino ma garantire che avvenga in modo non traumatico ed il più possibile sereno. Il piccolo ritengo abbia diritto a due genitori che giungano a condividere almeno le scelte più importanti che lo riguardano, a parlarsi ed a consentirgli una conoscenza graduale di un padre totalmente sconosciuto. Inoltre il contesto famigliare paterno penso debba essere coinvolto solo in una seconda fase, quando si sia instaurato un rapporto padre e figlio sufficientemente affidabile. Che cosa ne pensa?

 
6 feb 2013 valeria

salve sono separata da 5 anni e’ ho l affido condiviso si mia flglia che ha 14 anni. Suo padre non da ne mantenimento ne contribuisce a spese extra, dice che non lavora, ma vive con sua mamma che percepisce pensione e affitti. Mia filglia non va volentieri da lui perche non si sente voluta bene. Posso chiedere l affido escusivo??? mia figlia e’ disposta pure a parlarne davanti al giudice.

 
22 feb 2013 maria

salve sono divorziata e ho un bimbo di 8anni abbiamo un affidamento congiunto io vorrei chiedere affidamento esclusivo lui nn paga gli alimenti per il bimbo e nn e presente nell educazione del bimbo visto che lavoro solo io e mi mantengo da sola e nn e facile devo per forza rivolgermi a un avvocato o posso fare qualcosa da sola in tribunale visto che la separazione l avevo fatta da sola grazie

 
4 mar 2013 izabel

Buoana sera avvocato.ho um figlio di 9 anni,mai sposata…mi sono lasciata ankora quando ero incita.il padre ha riconosciuto pero non vuole sapere del bambino,,,qualquer volta,due o tre volte l’anno lo chiedevo qualque soldi…ma da tanto que non me lo da piu…mio non lo conosce…la visto due volte quando aveva 2a.nni. io sno di nacionalita brasiliana,vivi in italia da 7 anni…e in tutti questi anni non se e mai interessato. posso avere io affidamento totale?tante volte e un casino,perche quando devo andare in brasile..a uscire del brasile mi kiedono sempre altorizazione del padre…ma io con lui non siamo rimasnti in buoni raporti..alle volte non riesco a contattarlo…..come faccio???
Cordilali saluti. Izabel cristina goncalves freire

 
7 mar 2013 Paola

buongiorno avvocato sono una ragazza di 24anni ho un figlio di 4anni e sono sposata ….però sono 1anno e mazzo che le cose non andavano bene tra me e lui è ci siamo lasciati lui ora vive con un altra donna e io sono 4mesi che che vivo con un altro uomo … però il padre di mio figlio non permette di farmelo vedere non vuole che lo veda … come faccio a vedere mio figlio o avere l’affidamento non posso vivere senza vedere mio figlio aiutatemi :(

 
8 mag 2013 SALVO FAVITTA

SOSTITUIRE O MODIFICARE IL SECONDO PUNTO CON: In caso di violenza sulla moglie O SUL MARITO in presenza dei figli quando questi ne abbiano subito un trauma;

 
15 mag 2013 Jei Lopez Lopez

Buona sera avvocato io sono sposata e con una bambina di 18 mesi e vivevo insieme ai miei suoceri e mio cognato ed è da due settimane che sono stata costretta a lasciare la casa perchè tra lite con mio marito e scomoditá con i miei suoceri sono dovuta andarmene, ma senza mia figlia perchè non hanno voluta darmela e con tutto il dolore del mio cuore l’ho lasciata.. ci avevamo messi d’accordo che in tanto l’avrei avuta i fine settimana. Il primo fine settimana tutto apposto, lui vuole che torno, ma non me la sento perche non c’è più rispetto tra di noi. Lui quando si arrabbia mi minaccia dicendo che non me la fará vedere e che l’ho abbandonata che lui metterá la separazione e che il giudice non me la farà vedere… la mia domanda è: è vero che la dará solo a lui? perche io amo ma figlia e non l’ho mai abbandonata.

 
26 mag 2013 Sandra

Salve ,sono separata da 2 anni e mio ex marito passa 2,3 volte al anno a vedere bambino anche se vive 10 km da casa mia,sono 9 messi che non manda ne mantenimento ne alimenti,io non lavoro,pero so che provo a andare da qualche parte a cercare lavoro lui si ricorda di fare casino,posso avere affidamento esclusivo?ho devo rimanere qui a fare la fame con mio figlio di 5 anni che ne anche viene a vederlo?grazie
Cordiali Saluti

 
31 mag 2013 anna

Buongiorno Avvocato
sono mamma di una bambina di 6 anni, suo padre alla nascita l’ha riconosciuta e dopo un mese ci ha lasciate, non ci siamo mai sposati . Lui da allora non l’ha mai piu’ voluta vedere, e mai ha contribuito economicamente in questi anni. Lui ora si e’ sposato ed ha una nuova famiglia.
Il punto e’ questo, vorrei portare mia figlia a Parigi per il suo compleanno e non saprei come mettermi in contatto con lui dato che non so ne dove vive ne i suoi nuovi recapiti telefonici. Gli ho mandato un mess. su facebook chiedendo se era disposto a farmi questa cortesia, ma non ho avuto alcuna risposta. Trovo demotivante e doloroso il fatto di dover chiedere un permesso ad una persona che mai si e’ fregato di noi, ma vorrei ugualmente farlo x esudire il sogno della mia bambina di andare a Disneyland !! perfavore mi dia un minimo di direttive su come agire x avere questo permesso . grazie Anna

 
31 mag 2013 Giovanni

Buona sera avvocato. poco più di 3 anni fa la persona con la quale avevo avuto in passato una relazione e con la quale si stava avendo un riavvicinamento è rimasta incinta. Premetto che mi aveva assicurato di prendere la pillola. Di fronte a questa situazione e ai moltissimi sensi di colpa di cui mi aveva caricato, mi sono sentito in obbligo di riconoscere i bambini (2 gemelli). Devo dire che ho avuto una forte pressione da questa donna che ai tempi ha approfittato della mia labilità e sofferenza per la fine di una storia. A distanza di tempo realizzo che la sua è stata una vera e propria manipolazione, sono stato portato ad allontanarmi dalla mia famiglia e a fare scelte condizionate dalle solite pressioni e sensi di colpa quotidianamente inculcati.
Dopo 2 anni ca. dalla nascita di questi bambini, che non sono neanche vissuti sotto il mio stesso tetto (le sue scelte carrieristiche hanno portato a far si che i due gemelli vivessero con i nonni e che il fine settimana ci incontrassimo in quella abitazione- premetto che facevo più di 700 km ogni week end per cercare di ottemperare ai miei doveri). Solo per un breve periodo c’è stata convivenza, ovvero quando ho realizzato che non volevo stare più con lei, e lei si è trasferita di forza nell’appartamento in cui vivevo, Una volta superato lo stress e le tensioni per i sensi di colpa ho chiesto che tornasse nella sua casa di proprietà (arredata completamente del sottoscritto per assicurarle benessere) per avere la mia vita. Ho cercato di vedere i bambini ma la diffamazione in ogni luogo mi recassi e l’aggressione da parte del suo compagno furi dall’asilo in cui andavo a trovarli mi ha dissuaso. Nel mese in cui lei è andata via ha ricevuto un assegno di 1000 euro, poi 500 e negli ultimi mesi 300. Ora vengo convocato presso il tribunale dei minori perchè non adempio ai miei doveri e per decidere sull’affido condiviso.Ha tenuto a sottolineare che ora vivo con un altra persona, non so perchè!. Data la situazione può dirmi se ho modo di evitare un affido congiunto ed una ulteriore manipolazione della mia vita da questa donna? Il suo interesse è il denaro e non i figli (che ora dubito quasi essere i miei!!). Quando eravamo insieme non era interessata a fare la madre e solo ora dichiara di voler tutelare i minori. La prego di aiutarmi, non vorrei perdere ciò che ho costruito con i miei acrifici per una persona così opportunista ed egoista. Grazie!

 
9 giu 2013 leidy

Salve m chiamo Leidy e ho una bimba di un anno e sette mesi……la situazione é questa: io e il padre (non sposati) ci siamo lasciati quando la bambina aveva 4mesi , lui i primi due mesi mandava piccolissime somme con cui non riuscivo a coprire le spesse della bimba, poi da maggio poi o meno fino al 10dicembre inviava 200 eu al mese per la bambina, poi da dicembre adesso non ha più mandato un soldo per la bambina, sismo sempre in conflitto dato che io devo fare mille sacrifici per andare avanti…….Lui si e anche rifiutato di firmare la richiesta d Asilo non so per quale motivo, non ha tolto la residenza da casa mia quindi ho dovuto procedere con la cancellazione di residenza e quando per un paio di volte l ho chiamato per aiuti mi ha semplicemente risposto che non poteva perché non stava lavorando;lui non e presente nella vita della bambina la cerca via telefono forse una volta al mese e in 7mesi l ha vista una volta perché vive fuori dal paese…..posso chiedere l affidamento esclusivo dato che non la mantiene non la cerca quasi mai e m impedisce qualsiasi cosa io voglia rare con mia figlia

 
Redazione
9 giu 2013 Redazione

Abbiamo predisposto un servizio di consulenza personalizzato. Per ottenere le risposte vi invitiamo ad acquistare il ticket cliccando sul banner qui sopra.

 
Redazione
9 giu 2013 Redazione

Per ottenere la risposta alla vostra richiesta di consulenza è necessario che clicchiate sul banner “richiedi una consulenza” posto sopra questo spazio. Come da condizioni contrattuali riceverete una risposta scritta o telefonica da un professionista del nostro studio entro 3 giorni.

 
Redazione
9 giu 2013 Redazione

come già troverete scritto in altre pagine di questo portale, per ottenere la risposta alla vostra richiesta di consulenza è necessario che clicchiate sul banner “richiedi una consulenza” posto sopra questo spazio. Come da condizioni contrattuali riceverete una risposta scritta o telefonica da un professionista del nostro studio entro 3 giorni.

 
Redazione
9 giu 2013 Redazione

Per ottenere la risposta alla vostra richiesta di consulenza è necessario che clicchiate sul banner “richiedi una consulenza” posto sopra questo spazio. Come da condizioni contrattuali riceverete una risposta scritta o telefonica da un professionista del nostro studio entro 3 giorni.-

 
Redazione
9 giu 2013 Redazione

Come scritto nel box, per ottenere la risposta alla vostra richiesta di consulenza è necessario che clicchiate sul banner “richiedi una consulenza” posto sopra questo spazio. Come da condizioni contrattuali, riceverete una risposta scritta o telefonica da un professionista del nostro studio entro 3 giorni.

 
13 giu 2013 nati

buona sera sono una zia vorrei portare in italia la figlia di mia sorella lei ha otto anni , fatto affidamento con la mamma in ambasciata, pero le hanno negato il visto per tre volte ho spesso tanto soldi in ambasciata , mi domanda e come posso fare affidamento qua in italia secondo loro devo de farlo qua in italia no a santo domingo aiutatemi. già che la bambina ha tanto bisogno.

 
19 giu 2013 elisa

sono una mamma disperata che non sopporta piu le continue minacce e violenze pscologiche e fisiche dal mio ex compagno che usa mio figlio per ricattarmi, mio figlio ha sei anni ha la residenza con me vive con me da circa due anni, dopo che il papà è stato arrestato, per violenza nei miei confronti, non siamo mai stati sposati,
Come faccio ad allontanare un papà padrone da mio figlio, vorrei chiedere l’affidamento esclusivo, perchè il papà per il fatto che non c’è un decreto si sente libero di prenderlo e tenerselo a casa sua, privandolo anche di andare a scuola, preferendo di portarlo al lavoro, senza il mio consenso.(posso fare una denuncia per questo?)
Sono già seguita dalla tutela minori, che ha concluso le indagini, ma che ci segue spesso perchè ci sono problematiche con il papà.
Vorrei precisare che non è violento con mio figlio ma con me si, mi offende davanti a mio figlio e ha avuto un piccolo cambiamento a scuola da quando il papà a ripreso a seguirlo e a vederlo liberamente dopo aver finito gli arresti domiciliari.
Ho chiesto addirittura alla tutela minori presso i servizi sociali che voglio andare in una struttura protetta con mio figlio, perchè ho paura, perchè mi minaccia, e poi perchè ho paura anche che non possa ottenere dal giudice l’affidamento esclusivo,

 
21 ago 2013 nika

Buon giono signor giudice mi chiamo nika ho 32 anni ero sposata con un umo della germania e ho avuto una figlia nel 2010 tramite la separazione ho ottenuto il divorzio. Sono stata con tanti avvocati per il mantenimento che dal 2010fino ad ora non ho ricevuto nessun mantenimento dal padre. Un mese fa ho avuto la causa ma senza ottenere nulla anzi il giudice e stato contro di me. Non ostante che lui non si poteva avvicinare a me e venuto a casa e mi a picchiata davanti alla bambina. Io ho chiamato la polizia ma putroppo non gli anno fatto nulla. Ora mi anno tolto la bambina per una settimana affidandorgliela al padre senza che io possa sentirla tramite telefono o poterla vedere di presenza.caro avvocato per favore mi dica come mi devo comportare da mamma.distinti saluti da nika dalla germania

 
Redazione
21 ago 2013 Redazione

Questa è una risposta automatica.
La ringraziamo per la Sua mail.

L’enorme numero di consulenze che riceviamo ogni giorno ci ha obbligato ad attivare uno speciale servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, professionale ed in tempi certi.

Per acquistare il “ticket” online è necessario collegarsi a un pagina qualsiasi del nostro portale http://www.laleggepertutti.it. In calce ad ogni articolo ivi pubblicato troverà un banner con scritto: “Richiedi una consulenza su questo argomento”. Quindi dovrà effettuare il pagamento attraverso carta di credito.

Si tratta di un’operazione molto semplice (euro 28.00 iva compresa o, per le consulenze telefoniche, 50 euro iva compresa) che ci consente così di rispondere alle svariate domande che ci arrivano da tutta Italia.

 
30 set 2013 Martina

Buonasera, volevo un consiglio su una situazione che ci è successa. Mio fratello ha scoperto 5 mesi fa che la moglie lo aveva tradito carnalmente con un uomo, il secondo uomo nell’arco di un anno senza che lui ne sapesse niente anche se qualcosa sospettava. In questi mesi mio fratello è andato a vivere a casa di mia madre, sotto la sua ex casa, e le sue figlie nonostante tutto continuano a vederlo giornalmente. La madre nel frattempo ha trovato un lavoro a Milano con l’amante e hanno deciso di andare a vivere insieme. Lei però è andata via e ha lasciato le bambine a casa di mia madre. CI sono gli estremi per richiedere un affidamento esclusivo per il padre delle figlie? Grazie mille, aspetto risposta

 
Redazione
30 set 2013 Redazione

Questa è una risposta automatica.
La ringraziamo per la Sua richiesta.

L’enorme numero di consulenze che riceviamo ogni giorno ci ha obbligato ad attivare uno speciale servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, professionale ed in tempi certi.

Per acquistare il “ticket” online è necessario collegarsi a un pagina qualsiasi del nostro portale http://www.laleggepertutti.it. In calce ad ogni articolo, o subito prima della prima parola, troverà un banner con scritto: “Richiedi una consulenza”. Quindi dovrà effettuare il pagamento attraverso Paypal. Per maggiori informazioni ci telefoni o chieda l’IBAN dello Studio Associato.

Si tratta di un’operazione molto semplice (euro 28.00 iva compresa o, per le consulenze telefoniche, 50 euro iva compresa) che ci consente così di rispondere alle svariate domande che ci arrivano da tutta Italia.

 
2 ott 2013 Patrizia

Salve, vengo subito al punto. Sono mamma di una bimba di 7 anni, la quale non conosce il padre nemmeno di vista, dato che è andato via di casa quando era molto piccola. Il padre è stato mio marito, con cui ora non c’è più nessun rapporto, neanche economico, infatti non passa il mantenimento alla piccola, e si disinteressa totalmente di lei. Siamo divorziati da quasi 2 anni. Nel frattempo si è rifatto una vita e una famiglia, pur rimanendo nella nostra stessa città, ma ignoro se ha contratto nuovamente matrimonio con quella che conosco come sua convivente.
Mi sono resa conto che, anche solo per una semplice firma su un modulo o documento della piccola (avendo l’ affido congiunto), sono costretta a contattarlo tramite avvocati, perché non ho più il suo recapito telefonico e non so neanche esattamente dove abiti ora. Ci sarebbero gli estremi per richiedere l’ affido unico? Distinti saluti.

 
Redazione
2 ott 2013 Redazione

Questa è una risposta automatica.
La ringraziamo per la Sua richiesta.

L’enorme numero di consulenze che riceviamo ogni giorno ci ha obbligato ad attivare uno speciale servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, professionale ed in tempi certi.

Per acquistare il “ticket” online è necessario collegarsi a un pagina qualsiasi del nostro portale http://www.laleggepertutti.it. In calce ad ogni articolo, o subito prima della prima parola, troverà un banner con scritto: “Richiedi una consulenza”. Quindi dovrà effettuare il pagamento attraverso Paypal. Per maggiori informazioni ci telefoni o chieda l’IBAN dello Studio Associato.

Si tratta di un’operazione molto semplice (euro 28.00 iva compresa o, per le consulenze telefoniche, 50 euro iva compresa) che ci consente così di rispondere alle svariate domande che ci arrivano da tutta Italia.

 
4 ott 2013 giordana merlini

Salve avvocato,
Se la madre del bambino, con affido condiviso con il padre, lo accusasse infondatamente di violenze? E se la stessa prendesse da Anni psicofarmaci, ci sarebbero le premesse per un affido esclusivo del padre?
Grazie e buona giornata

 
Redazione
4 ott 2013 Redazione

Questa è una risposta automatica.
La ringraziamo per la Sua richiesta.

L’enorme numero di consulenze che riceviamo ogni giorno ci ha obbligato ad attivare uno speciale servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, professionale ed in tempi certi.

Per acquistare il “ticket” online è necessario collegarsi a un pagina qualsiasi del nostro portale http://www.laleggepertutti.it. In calce ad ogni articolo, o subito prima della prima parola, troverà un banner con scritto: “Richiedi una consulenza”. Quindi dovrà effettuare il pagamento attraverso Paypal. Per maggiori informazioni ci telefoni o chieda l’IBAN dello Studio Associato.

Si tratta di un’operazione molto semplice (euro 28.00 iva compresa o, per le consulenze telefoniche, 50 euro iva compresa) che ci consente così di rispondere alle svariate domande che ci arrivano da tutta Italia.

 
6 ott 2013 Pirlo ines

Buongiorno avvocato volevo sapere se potevo chiedere l’affidamento esclusivo di mio figlio di 8 anni visto che il mio ex marito è inattesa di giudizio per violenza su una minorenne e inoltre ha un sacco di precedenti penali per rapina a mano armata e possesso illegittimo di armi ,le è stata tolta la patente più di una volta per guida in stato di ebrezza e da 4anni non versa l’assegno di mantenimento che equivale ad una somma di euro 350 .come le ho scritto il mio ex è in attesa di giudizio per aver abusato di una minorenne di 13 anni e a settembre 2011è stato rinviato a giudizio ed io è da allora che chiedo l’affido esclusivo del bambino ma il mio avvocato mi ha detto che l’affido esclusivo non esiste più dal 2006 è vero ? Mi risponda la prego mi dica cosa devo fare a chi mi posso rivolgere per essere ascoltata per poter dare a mio figlio un futuro sereno anche perchè non mi sento tutelata dal mio avvocato e penso che sia daccordo con l’avvocato del mio ex .in attesa di una rispsta la saluto e la ringrazio immensamente

 
Redazione
6 ott 2013 Redazione

Questa è una risposta automatica.
La ringraziamo per la Sua richiesta.

L’enorme numero di consulenze che riceviamo ogni giorno ci ha obbligato ad attivare uno speciale servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, professionale ed in tempi certi.

Per acquistare il “ticket” online è necessario collegarsi a un pagina qualsiasi del nostro portale http://www.laleggepertutti.it. In calce ad ogni articolo, o subito prima della prima parola, troverà un banner con scritto: “Richiedi una consulenza”. Quindi dovrà effettuare il pagamento attraverso Paypal. Per maggiori informazioni ci telefoni o chieda l’IBAN dello Studio Associato.

Si tratta di un’operazione molto semplice (euro 28.00 iva compresa o, per le consulenze telefoniche, 50 euro iva compresa) che ci consente così di rispondere alle svariate domande che ci arrivano da tutta Italia.

 
22 ott 2013 Erika

Buonasera avvocato vorrei chiedere un informazione, ho una figlia di 6′ anni, mi sono lasciata dal mio ex 3 anni fa, non ero sposata, mi ha sempre offeso, e ha avuto atteggiamenti minacciosi cn me, mi attacco al muro con il
Coltello davanti alla
Bambina, e tutt’oggi è sempre una discussione sul mantenimento della bimba che non vuole farmi tutto, non si interessa durante la settimana della bimba, la prende il sabato un paio d’ore, e mi minaccia tutt’oggi se gli chiedo la metà delle spese non riesco ad avere un dialogo urla davanti ai bambini, e mi minaccia a me che mi leva la bimba per il mio passato cioè io sn stata depressa 10
Anni fa, perché ho subito una violenza quando ero una bambina. Poi lui ha un altro bambino più grande cn dei problemi ha l’assistente sociale e il
Giudice ha dichiarato la madre e il padre assente. Ma io madre della bimba di 6 anni
Che ha sempre vissuto cn me, posso chiedere l’affidamento esclusivo ? Grazi mille

 
Redazione
22 ott 2013 Redazione

Questa è una risposta automatica.
La ringraziamo per la Sua richiesta.
L’enorme numero di consulenze che riceviamo ogni giorno ci ha obbligato ad attivare uno speciale servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, professionale e in tempi certi.
Per acquistare il “ticket” online è necessario collegarsi a un pagina qualsiasi del nostro portale http://www.laleggepertutti.it. In calce ad ogni articolo, o subito prima della prima parola, troverà un banner con scritto: “Richiedi una consulenza”. Quindi dovrà effettuare il pagamento attraverso Paypal. Per maggiori informazioni ci telefoni o chieda l’IBAN dello Studio Associato.
Si tratta di un’operazione molto semplice (euro 28.00 iva compresa o, per le consulenze telefoniche, 50 euro iva compresa) che ci consente così di rispondere alle svariate domande che ci arrivano da tutta Italia.

 
24 ott 2013 Victoria

Buon giorno avv.to ANGELO GRECO .. io sono una mamma sola mia figlia ha 4 anni… suo padre non la viene a trovare mai , da quando è nata la vista solo 2 volte senza esagerare e poi zero in mantenimento sto parlando da quando e nata ……. non so dove rintracciarlo ho perso contatto anche perché lui e di nazionalità di Bolivia E IO di Perù…cosa devo fare ???? forse andrò al mio paese a trovare i miei e mi pare che deve firmare lui potere viaggiare … non mi sembra il caso di cercarlo perché lo ho già fatto in precedenza e non ho avuto fortuna e credo che non lo troverò per che e irreperibile e non so dove rintracciarlo….. come posso fare per avere la custodia totale de mia figlia ???

 
Redazione
24 ott 2013 Redazione

Questa è una risposta automatica.
La ringraziamo per la Sua richiesta.
L’enorme numero di consulenze che riceviamo ogni giorno ci ha obbligato ad attivare uno speciale servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, professionale e in tempi certi.
Per acquistare il “ticket” online è necessario collegarsi a un pagina qualsiasi del nostro portale http://www.laleggepertutti.it. In calce ad ogni articolo, o subito prima della prima parola, troverà un banner con scritto: “Richiedi una consulenza”. Quindi dovrà effettuare il pagamento attraverso Paypal. Per maggiori informazioni ci telefoni o chieda l’IBAN dello Studio Associato.
Si tratta di un’operazione molto semplice (euro 28.00 iva compresa o, per le consulenze telefoniche, 50 euro iva compresa) che ci consente così di rispondere alle svariate domande che ci arrivano da tutta Italia.

 
11 nov 2013 lina

Buon giorno avvocato vorrei sapere io che deve fare per la mia situazione cmq sono sposata da 7 anni mio marito circa 3 mesi fa mi ha insultata picchiata e ha tentato di buttarsi giu tutto questo davanti ai nostri 3 figli 6 5 3 anni poi se licenziato se ne andato fuori e adesso continua a insultarmi per telefono e parla di non mandarmi niente e non mi sta mandando niente non ho il coraggio di denunciarlo cosa posso fare mi minaccia anche

 
Redazione
11 nov 2013 Redazione

Questa è una risposta automatica.
La ringraziamo per la Sua richiesta.
L’enorme numero di consulenze che riceviamo ogni giorno ci ha obbligato ad attivare uno speciale servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, professionale e in tempi certi.
Per acquistare il “ticket” online è necessario collegarsi a un pagina qualsiasi del nostro portale http://www.laleggepertutti.it. In calce ad ogni articolo, o subito prima della prima parola, troverà un banner con scritto: “Richiedi una consulenza”. Quindi dovrà effettuare il pagamento attraverso Paypal. Per maggiori informazioni ci telefoni o chieda l’IBAN dello Studio Associato.
Si tratta di un’operazione molto semplice (euro 28.00 iva compresa o, per le consulenze telefoniche, 50 euro iva compresa) che ci consente così di rispondere alle svariate domande che ci arrivano da tutta Italia.

 
13 nov 2013 giorgia

salve avvocato volevo chiederle se mio figlio d 3 anni puo nn vedere i nonni paterni e il padre dato che il padre e dentro per omicidio e io nonni sono pregiudicati di altri reati…c’è una provabilita che non puo vederli

 
Redazione
13 nov 2013 Redazione

Questa è una risposta automatica.
La ringraziamo per la Sua richiesta.
L’enorme numero di consulenze che riceviamo ogni giorno ci ha obbligato ad attivare uno speciale servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, professionale e in tempi certi.
Per acquistare il “ticket” online è necessario collegarsi a un pagina qualsiasi del nostro portale http://www.laleggepertutti.it. In calce ad ogni articolo, o subito prima della prima parola, troverà un banner con scritto: “Richiedi una consulenza”. Quindi dovrà effettuare il pagamento attraverso Paypal. Per maggiori informazioni ci telefoni o chieda l’IBAN dello Studio Associato.
Si tratta di un’operazione molto semplice (euro 28.00 iva compresa o, per le consulenze telefoniche, 50 euro iva compresa) che ci consente così di rispondere alle svariate domande che ci arrivano da tutta Italia.

 
17 nov 2013 sorin

salve mia moglie e andato via con nostro filio, posso fare denunce,che se subccede dopo.

 
18 nov 2013 bartolomeo

buon giorno avvocato,sono il signor bartolomeo.e sono divorziato da circa 4 anni.
corrispondo mese per mese l’assegno di mantenimento del minore ,lo stesso per ordinanza del tribunale dei minori e stato messo in collegio da circa due anni per la seguente motivazione,…violento a scuola con docenti alunni e genitori degli stessi, coinvolto a rubare insieme alla mamma, maltrattamenti domestici da parte della stessa e del uomo di lei compagno e convivente. nonostante tutto che il minore si trovi in collegio io comunque corrispondo mese per mese l’assegno di mantenimento che la madre li utilizza a fini propri senza farne beneficiare dal minore. la domanda e’…..posso chiedere il affidamento di mio figlio e richiedere tutte le somme versate o chiedere un resoconto del utilizzo del denaro corrisposto solo ed escusivamente a mio figlio? posso chiedere la sospensione del mantenimento visto che la struttura che lo ospita provvede a tutte le spese connesse,anche perche’ fisicamente il minore non si trova fisicamente con la mamma? cosa posso fare, sono disperato e in cerca di risposte e aiuto.
la ringrazio anticipatamente per le giuste indicazioni del caso.

 
25 nov 2013 Katiana Ribeiro

Buona sera avvocato. Io sono brasiliana e ho una figlia di 13 mesi con mio ex compagno e da poco ci siamo lasciati e voglio che lui possa dare almeno il mantenimento alla nostra figlia.come dovrei fare? Da dove devo iniziare? Noi non siamo sposati ma penso che comunque mia figlia ha il diritto di avere il mantenimento vero? Mi chiamo Katiana Ribeiro e la ringrazio.

 
Redazione
25 nov 2013 Redazione

Questa è una risposta automatica.
La ringraziamo per la Sua richiesta.
L’enorme numero di consulenze che riceviamo ogni giorno ci ha obbligato ad attivare uno speciale servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, professionale e in tempi certi.
Per acquistare il “ticket” online è necessario collegarsi a un pagina qualsiasi del nostro portale http://www.laleggepertutti.it. In calce ad ogni articolo, o subito prima della prima parola, troverà un banner con scritto: “Richiedi una consulenza”. Quindi dovrà effettuare il pagamento attraverso Paypal. Per maggiori informazioni ci telefoni o chieda l’IBAN dello Studio Associato.
Si tratta di un’operazione molto semplice (euro 28.00 iva compresa o, per le consulenze telefoniche, 50 euro iva compresa) che ci consente così di rispondere alle svariate domande che ci arrivano da tutta Italia.

 
29 nov 2013 Dominique Della Gatta

Buongiorno mio chiamo Dominique Matteo Della Gatta ho un figlio di tredici mesi che si chiama Matteo Dumea nato da una relazione con una donna di nazionalita Rumena e tutt’ora vive li ,sono andato da lei in visita con mia sorella all’inizio sembrava tutto regolare ,mi ha anche firmato il consenso per riportare il bambino in Italia ;il giorno prestabilito io e mia sorella e il bambino ci recammo all’aereo porto ,all’improvviso arrivò la madre strappando la copia che feci io stesso del permesso per condurre lui in patria essendo luogo abituale di residenza Genova ;lei facendo cosi ci recammo immediatamente dalla polizia del posto di residenza della madre di lui e chiamando l’Ambasciata Italiana a Bucarest cosi facendo andammo dalla casa della madre con gli assistenti sociali un agente della polizia il vice sindaco ,appena entrati vidi mio figlio legato sul letto ,mio figlio appena mi vide si slego mi guardava come dire portami via mi allungo le braccia ,ma la cosa piu grave che vidi io e loro che il bambino mangiava solo latte e un biscotto al giorno e la sua salute peggiorava da quando ce lo porto via dato che erano passati due giorni ;premetto che la madre tutti dicono che ha dei problemi mentali non lavora la nonna del bambino non lavora neanche lei il fratello della madre del bambino non lavora neanche lui ed un cliente abituale dei carceri della Romania come posso fare ,il mio avvocato ha contattato il ministero degli esteri per la convenzione dell’ajia dell’80 ma per il momento non abbiamo ricevuto nessuna risposta ed è passata una settimana ;volevo chiederle se chiedessi l’affidamento esclusivo del minore una volta ottenuto posso legalmente andarlo a riprendere ?
Grazie per l’attenzione aspetto vostre notizie ,sono molto preoccupato per la salute di mio figlio

 
Redazione
29 nov 2013 Redazione

Questa è una risposta automatica.
La ringraziamo per la Sua richiesta.
L’enorme numero di consulenze che riceviamo ogni giorno ci ha obbligato ad attivare uno speciale servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, professionale e in tempi certi.
Per acquistare il “ticket” online è necessario collegarsi a un pagina qualsiasi del nostro portale http://www.laleggepertutti.it. In calce ad ogni articolo, o subito prima della prima parola, troverà un banner con scritto: “Richiedi una consulenza”. Quindi dovrà effettuare il pagamento attraverso Paypal. Per maggiori informazioni ci telefoni o chieda l’IBAN dello Studio Associato.
Si tratta di un’operazione molto semplice (euro 28.00 iva compresa o, per le consulenze telefoniche, 50 euro iva compresa) che ci consente così di rispondere alle svariate domande che ci arrivano da tutta Italia.

 
12 dic 2013 sabrina

buongiorno avvocato angelo greco sono una mamma di due figli uno di 17 u uno di 9 affetto da diabete scoperto da poco mio marito mi ha chiesto la separazione andandosene improvvisamente da casa senza un perchè due mesi fa. mi ha confidato di avere una relazione con una donna ed io sono caduta in depressione. lui sta lontano dalla casa coniugale e vorrei che si prendesse una casa piu vicina sia ai suoi figli che lo vedono pochissimo e soprattutto che mi sia di sostegno a me in questo momento di grossa responsabilità legalmente è fattibile grazie della sua disponibilità

 
Redazione
12 dic 2013 Redazione

La ringraziamo per la Sua richiesta.
L’enorme numero di consulenze che riceviamo quotidianamente ci ha obbligato ad attivare uno servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, in modo professionale e, soprattutto, in tempi certi.
E’ possibile acquistare il “ticket” online cliccando sul banner “Richiedi una consulenza” posto ad inizio e fine di ogni articolo. Quindi il sistema seguirà l’utente in una procedura di pagamento sicuro e facile, attraverso carta di credito. Per maggiori informazioni ci telefoni o chieda l’IBAN dello Studio Associato.

 
10 gen 2014 katty

10-01-14

Buonasera Avvocato,
Voglio sapere, sono sposata con un citadino italiano nel mio paese Peru, abbiamo un figlio nato a Biella, ci abbiamo separato quando lui aveva 1 anno 8 messi, io abito nel mio paese con mio figlio, e adesso da marzo 2013 non mi pasa il mantenimento, purtroppo da quel tempo non vede piu al bambino via skype.
Cosa posso fare?
Grazie

 
Redazione
10 gen 2014 Redazione

La ringraziamo per la Sua richiesta.
L’enorme numero di consulenze che riceviamo quotidianamente ci ha obbligato ad attivare uno servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, in modo professionale e, soprattutto, in tempi certi.
E’ possibile acquistare il “ticket” online cliccando sul banner “Richiedi una consulenza” posto ad inizio e fine di ogni articolo. Quindi il sistema seguirà l’utente in una procedura di pagamento sicuro e facile, attraverso carta di credito. Per maggiori informazioni ci telefoni o chieda l’IBAN dello Studio Associato.

 
14 gen 2014 stefano

buongiorno Avvocato, sono padre di un bambino di quasi 6 anni e premetto che la madre ha una denuncia di abbandono di minore in quanto andò via di casa quando lui aveva 5 mesi. Io ho provveduto sinora alla cura e alla crescita del bambino. Ora son venuto a sapere che devo fare una istanza di affidamento esclusivo per via di tanti problemi a cui potrei andare incontro vista l’assenza e l’irreperibilità della madre! è possibile ( ho letto dei forum) che in questi casi si possano chiedere sino ad euro 10000 per l’affido??

 
Redazione
14 gen 2014 Redazione

La ringraziamo per la Sua richiesta.
L’enorme numero di consulenze che riceviamo quotidianamente ci ha obbligato ad attivare uno servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, in modo professionale e, soprattutto, in tempi certi.
E’ possibile acquistare il “ticket” online cliccando sul banner “Richiedi una consulenza” posto ad inizio e fine di ogni articolo. Quindi il sistema seguirà l’utente in una procedura di pagamento sicuro e facile, attraverso carta di credito. Per maggiori informazioni ci telefoni o chieda l’IBAN dello Studio Associato.

 
28 gen 2014 Alessia

salve avvocato la mia domanda é questa, io ho l’affidamento esclusivo di mio figlio che ha 6 anni il padre non si fa vedere ne sentire ne manda assegni da 2 anni. Io da un anno convivo con il mio attuale compagno che mio figlio adora la mia convivenza può revocare l’affidamento?

 
Redazione
28 gen 2014 Redazione

L’enorme numero di consulenze che riceviamo ogni giorno ci ha obbligato ad attivare uno speciale servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, professionale ed in tempi certi.

Per acquistare il “ticket” online è necessario collegarsi al portale http://www.laleggepertutti.it. Sul menu di sinistra troverà, sotto la voce rossa “servizi”, l’opzione “Richiedi consulenza”.
Lo stesso risultato si può raggiungere cliccando sulla scritta, posta sopra ogni articolo, “Richiedi consulenza su questo argomento”.

A quel punto, il sistema La guiderà nel pagamento attraverso carta di credito, Paypal o Postepay.

Si tratta di un’operazione molto semplice e dal modico prezzo (euro 29,00 iva compresa) che ci consente di rispondere alle svariate domande che ci arrivano da tutta Italia.

 
16 feb 2014 Fabio

Salve avvocato!!
Io ho una storia molto complicata,
Ho un figlio di due anni ,e ne ho perso uno da poco x una grave malatia.
Nel anno e mezzo di malatia del mio angelo,o avuto più attenzioni verso lui,
Una volta lui mancato,mi sono attaccato molto al piccolo,e ho cominciato a fare tutto ciò che fa un padre,è stato difficile perché la morte di mio figlio la porto con me,e un peso enorme!!pero ora e l’unica ragione di vita mia!!
Alla scoperta della malattia dopo 6 mesi mi lascio con la madre e tengo dei buoni rapporti,fino a un mese fa quando io vedendo la sofferenza di lei, decido di avvicinar mi di nuovo e sembrava andasse bn!! A un certo punto lei piazza un muro davanti a me,io nn capisco subito. Il perché poi vengo a sapere che ha un altro e che vuole farsi una vita!! I primi giorni sono stati molto duri e ho fatto molti errori!! Del tipo la tempestavo di chiamata ero geloso ho detto che nn volevo più vedere il bambino che era morto x me,ma lo detto preso dal nervoso!poi ho fatto altre cavolate sempre preso dal nervoso,gli ho detto brutte parole lo insultata ecc ma dopo un attimo il bn verso lei prevaleva!!comunque ora mi trovo in una situazione che nn posso vedere il bambino quando voglio,lei che mi minaccia di portare messaggi e registrazioni davanti a un giudice!io nn voglio il male di mio figlio ma vorrei viverlo come lo vive lei!!

 
17 feb 2014 Laura

Salve avvocato, sono una ragazza di 15 anni. I miei genitori hanno l’affidamento condiviso su di me, io vivo con mia madre e mio padre vive a Roma. Il mio andamento scolastico non è affatto buono e mio padre vorrebbe chiedere all’avvocato di avere una affidamento esclusivo su di me per poi andare a vivere a Roma dato che lui afferma che con mia madre non m’impegno in campo scolastico. Come si potrebbe evitare tutto questo? Non voglio andare a vivere a Roma da mio padre, non voglio abbandonare la mia vita a Napoli.

 
21 feb 2014 Manuela

Salve avvocato. Una domanda. Il mio caso è un po particolare. Io avrò un bimbo dal mio ex fidanzato. Mai stati conviventi né sposati. Semplicemente ex fidanzati. Premettendo che il mio ex non ha intenzione di pagare alcun mantenimento e non vuole andare da un giudice che gli imponga di pagarlo, ma comunque dice di avere il diritto di vedere il bambino: io vorrei sapere se posso dare a mio figlio il mio cognome e se posso chiedere l’affidamento esclusivo di mio figlio. Grazie

 
Redazione
22 feb 2014 Redazione

L’enorme numero di consulenze che riceviamo ogni giorno ci ha obbligato ad attivare uno speciale servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, professionale ed in tempi certi.

Per acquistare il “ticket” online è necessario collegarsi al portale http://www.laleggepertutti.it. Sul menu di sinistra troverà, sotto la voce rossa “servizi”, l’opzione “Richiedi consulenza”.
Lo stesso risultato si può raggiungere cliccando sulla scritta, posta sopra ogni articolo, “Richiedi consulenza su questo argomento”.

A quel punto, il sistema La guiderà nel pagamento attraverso carta di credito, Paypal o Postepay.

Si tratta di un’operazione molto semplice e dal modico prezzo (euro 29,00 iva compresa) che ci consente di rispondere alle svariate domande che ci arrivano da tutta Italia.

 
8 mar 2014 manuela di florio

salve avvocato sono una signora di44 anni separata avrei intenzione di chiedere l affidamento esclusivo di mia figlia di nove anni, nel caso che ottengas cio il padre e’ tenuto all assegno di mantenimento? grazie

 
Redazione
8 mar 2014 Redazione

L’enorme numero di consulenze che riceviamo ogni giorno ci ha obbligato ad attivare uno speciale servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, professionale ed in tempi certi.

Per acquistare il “ticket” online è necessario collegarsi al portale http://www.laleggepertutti.it. Sul menu di sinistra troverà, sotto la voce rossa “servizi”, l’opzione “Richiedi consulenza”.
Lo stesso risultato si può raggiungere cliccando sulla scritta, posta sopra ogni articolo, “Richiedi consulenza su questo argomento”.

A quel punto, il sistema La guiderà nel pagamento attraverso carta di credito, Paypal o Postepay.

Si tratta di un’operazione molto semplice e dal modico prezzo (euro 29,00 iva compresa) che ci consente di rispondere alle svariate domande che ci arrivano da tutta Italia.

 
26 mar 2014 maurizio

salve sono padre di una bimba di 5 anni l ho cresciuta dal primo giorno di vita, la madre lasciamo perdere….. l ho lasciata due anni fa e quindi per dispetto ha portato via mia figlia senza dirmi niente, (sottrazione di minore) al paese di sua madre romania.non eravamo sposati e nessu giudice ha dato nessun tipo di affidamento, per vedere mia figlia dovrei fare 2000 km e lavorando non posso andare spesso a trovarla purtroppo. quindi chiedo se ci sono i presupposti per richiedere l affidamento eslusivo onde evitare veramente di non vederla piu! ringrazio anticipatamente!

 
27 mar 2014 Mary

Salve avvocato ,io ho un figlio di 9 mesi,io e il padre,di nazionalità senegalese ci siamo lasciati un paio di mesi fa,dopo 3 anni di relazione.il padre di mio figlio ha sempre detto di voler essere presente per nostro figlio ma questa cosa non accade.vuole vedere il bambino ogni 3/4 settimane per circa un ora,e il mantenimento,dai noi concordato,non viene mai consegnato interamente e nei tempi stabiliti.inoltre egli fa uso di stupefacenti e frequenta un giro di persone alquanto negative!posso chiedere secondo lei l’affidamento escluso??cosa comporterebbe questa decisione?la mia paura è che possa reagire male alla notizia e cerchi di portarmi via il bambino,questa paura nasce anche da alcune affermazioni fatte da lui,in quanto vorrebbe portare il bambino in Senegal.mi sarebbe molto d’aiuto un suo suggerimento sulla mia situazione..la ingrazio anticipatamente…distinti saluti

 
Redazione
27 mar 2014 Redazione

L’enorme numero di consulenze che riceviamo ogni giorno ci ha obbligato ad attivare uno speciale servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, professionale ed in tempi certi.

Per acquistare il “ticket” online è necessario collegarsi al portale http://www.laleggepertutti.it. Sul menu di sinistra troverà, sotto la voce rossa “servizi”, l’opzione “Richiedi consulenza”.
Lo stesso risultato si può raggiungere cliccando sulla scritta, posta sopra ogni articolo, “Richiedi consulenza su questo argomento”.

A quel punto, il sistema La guiderà nel pagamento attraverso carta di credito, Paypal o Postepay.

Si tratta di un’operazione molto semplice e dal modico prezzo (euro 29,00 iva compresa) che ci consente di rispondere alle svariate domande che ci arrivano da tutta Italia.

 
15 apr 2014 carlotta

Salve sono mamma di una bambina bellissima di 5 anni che è il tesoro della mia vita. Il papa della bimba cittadino straniero extra unione europea con regolare permesso di soggiorno ha sempre dimostrato una grande assenza nella vita della mia piccola : a livello affettivo non fa altro che entrare e uscire dalla sua vita ogni tot anni, non la visita poi a un certo punto si ripresenta cercando di ristabilire un rapporto – e semplicemente destibilizzandola – per poi sparire nuovamente per lunghissimi periodi( mesi). A livello economico dall’inizio della vita della bimba SONO io che provvedo e che ho coperto tutte le spese. Il suo contributo a livello di bisogni di base della bimba è pari a zero e rientra sempre nell’ottica del suo approccio di sparire per lunghissimi mesi e ricomparire a un certo momento per risparire poi. A livello di cognome la bimba porta il mio cognome , l’ho riconosciuta prima io e a distanza di qualche giorno lui. Mi chiedo una cosa : sarebbe forse possibile in una situazione come questa richiedere l’affidamento esclusivo. Ho veramente necessita di porre fine ai comportamenti malsani di questa persona ( che non solo non copre nessuno dei suoi doveri genitoriali ma si permette anche di tormentarmi con messaggi email e quant’altro).
La ringrazio di cuore dunque per il consiglio professionale che potra forninrmi…
la mia bimba è bellissima e non lascerò che una persona che si comporta male la perturbi
ancora grazie

 
21 apr 2014 matteo

Buongiorno, due mesi fa ho dichiarato a mia moglie di non amarla più, ed è iniziata la guerra. In 2 settimane ha preteso che me ne andassi, e così è stato, son tornato a vivere dai miei, essendo senza lavoro.
Abbiamo un bimbo di 7 anni che amo e che insieme a sua madre ho cresciuto senza mancanze. Ora la sua sete di vendetta è insensata, dal momento che a suo dire per il bene del bambino dovrò farmi da parte e accettare le sue assurde condizioni di concederle l’affido esclusivo, pena la separazione con addebito. Naturalmente non potrei mai accettare. L amia intenzione, quando sarà il momento, è quella di andare davanti al giudice senza avvocato (cosa che mi pare ammessa), e difendermi da solo.
Non ho mai tradito mia moglie, non sono un violento né ho mai mancato nei confronti di mio figlio (dal punto di vista affettivo, educativo, ed economico).
Purtroppo lei sta usando il bambino per farmela pagare, e chissà cosa ha già iniziato a raccontargli di me. Purtroppo ora viviamo a un’ora di distanza, quindi posso vederlo 3 o 4 volte alla settimana, ma spesso lei mi chiede di non andare, per non vedermi, trascurando che così fa solo il male del figlio.
Cosa ne pensa? Grazie mille Matteo

 
2 mag 2014 Agata

Buonasera . :) la contatto per avere informazioni su una questione abbastanza complicata ke non capisco, ma lei è esperta in questo campo… volevo sapere una cosa, se muore la madre di due minori e l affidamento invece del padre viene dato ai nonni che poi successivamente decidono di non avere piu ‘ l affidamento e vogliono darlo al padre, quali sono le probabilita’ che il padre ci riesca ad avere l affidamento? o il minore finisce in una casa famiglia?

 
Redazione
2 mag 2014 Redazione

Per ottenere consulenza legale/commerciale/fiscale da uno dei nostri professionisti è necessario attivare uno speciale servizio di richiesta, tramite “ticket”.

Per acquistare il “ticket” online è necessario collegarsi al nostro portale. Sul menu di sinistra troverà, sotto la voce rossa “servizi”, l’opzione “Richiedi consulenza”.
Lo stesso risultato si può raggiungere cliccando sulla scritta, posta sopra ogni articolo, “Richiedi consulenza su questo argomento”.

A quel punto, il sistema La guiderà nel pagamento attraverso carta di credito, Paypal o Postepay.

Si tratta di un’operazione molto semplice e dal modico prezzo (euro 29,00 iva compresa) che ci consente di rispondere alle svariate domande che ci arrivano da tutta Italia.

Grazie.

 
4 mag 2014 maria chiara

Buonasera avvocato vorrei fare una domanda…siccome io sono minorenne però tra un mese divento maggiorenne come posso fate x avere la custodia di mia figlia? Io e suo padre non andiamo molto d’accordo x colpa di mia suocera k non vuole accettarmi con suo figlio xk ha 19 anni e secondo lei e piccolo x prendersi cura di me e di mia figlia e cosi lo sta convincendo a lasciatci e ci sta riuscendo alla grande essendo k lui e mammone…cosa posso fare x avere la custodia di mia figlia in tutti i sensi?

 
10 mag 2014 Lucia

Salve, sono mamma di un bimbo di 2 anni e da poco tempo ho ottenuto l’affido esclusivo con diritto di visita del padre 2 volte a settimana e obbligo di mantenimento al quale lui non adempie, ma vede il bimbo solo una volta a settimana per un paio d’ore. Da qualche mese io ho una relazione stabile con una persona che però vive a 600 km da dove risiediamo noi e facciamo tutti il possibile per vederci. Ecco, io e il mio attuale fidanzato vorremmo sposarci e quindi io e il bambino dovremmo trasferirci dove lui vive e lavora, anche perchè attualmente sono disoccupata. La mia domanda è, che margini ci sono perchè il padre possa ribellarsi della cosa e cosa potrebbe accadere se mi trasferissi, dando comunque agio al padre di vedere il bambino ogni volta che vuole. Quali sono le procedure da seguire per essere in regola con la sentenza e quanto tempo dovrei far passare da quest’ultima?

 
11 mag 2014 Elena

Buongiorno Avvocato. Sono una mamma di due gemelline con un papà praticamente assente e che vive in una città a 60 km di distanza dalla nostra casa. Pochi giorni fa è uscito il decreto del giudice che disponeva l’affido condiviso dei figli ma con domiciliazione esclusiva presso la mia casa. Il Gudice, inoltre, ha disposto che il padre potrà vedere le figlie due pomeriggi a settimana “esercitando il suo diritto-dovere di visita”, ma senza che le bimbe possano pernottare da lui. Ora lui dice che potrà venire a vederle solo due volte al mese, ma che per i restanti giorni dovrò portargliele io a casa sua (60 km di stanza). Ovviamente mi ha ribadito che non potrò salire a casa sua e che in quelle due ore dovrò farmi un giro in paese. Io credo che le bambine lui debba venirsele a prendere e non che io debba portargliele, anche perchè altrimenti che affido condiviso è? quando mi libera energie se io devo prendere le bimbe e portargliele una volta alla settimana?? grazie mille

 
20 mag 2014 zara

salve avvocato,
ho un caso un po strano,ho figlio di 5 anni mio ex compagno era stato in carcere per 3 anni ed e uscito da poco per motivi di clandestino,la domande che le voglio fare è:per tantissimi motivi io voglio che bambino venga affidato solamente a lui perche io voglio uscire dal’italia e lui nei confronti del mìbambino sempre e fino ad oggi si e comportato bene,il bambino e affidato a entrambi in questo momento ma per mtivi lavorativi il bimbo sta vivendo con papa e non con me,io ho gravi problemi e arrivata a questo punto ho deciso che il bimbo venga affidato esclusivamnete a lui perchè non e possibile rimanere in contatto con lui,cosa devo fare?preciso che anche bambino vuole rimanere con papà perchè io lavoro e sono sempre impegnata e stressata!
aspetto la risposta
saluti
grazie

 
26 mag 2014 federica

Salve le volevo chiedere se un minore verrebbe affidato.alla nonna materna di etá 54 anche senza marito!!!

 
14 giu 2014 anna

Ho bisogno un consiglio. Sono sposato con un italiano. sono 7 anni in Sardegna. Abbiamo 3 figli. La mia problema è questo….. mio marito non mi tratta bene. Sono come una schiaffo in casa. Non mi stai aiutando con niente. Lui è in pensione dopo un intervento al cuore 5 anni fa. Ho parlato con in medico dopo il intervento e lui mi addetto che mio marito posso lavorare ma non devo fare lavoro pesante. Ma questo problema con lui e da molto primo di sposarsi. Lui è molto svezzato, il suo genitori lo fato tutto per lui. Lui sta buttando soldi tutto la vita. Che anche molto debito. Quando abbiamo arrivato qui in Italia Io no ho capito niente e non ho parlato niente di italiano. Ho lasciato a lui fare tutto. Dopo molto tempo ho notato che lui non ho pagate niente di bollette. Ogni volte per scappare il bolletti lui ha aperto una nuovo contratto in mio nome, o il nome da il suo genitori anche in Il nome da il suo sorella. Adesso c’è un debito in tutto il nostre nome. Non vogliopagare neanche la assicurazione per la macchina. Ce già problemi con 3 macchine che lui a lasciato senza assicurazione. Per non lavorare lui lo fato tutto per avere un pensione perché non voglio lavorare. Adesso il nostro stipendio e solo 700 euro al mese. Con un debito a la banca che lo fato lui e per non pagare lui e andata a cambiare la banca. Quello che capito io per la banca e che lui ha sempre fatto così è avevo molto debiti con quasi tutti le banche. E anche molto orgoglioso per quello. Il suo genitori era molto ricchi primo ma in fino loro sono obbligato di vendere tutto per pagare le funerale. Non solo questo che la problema. Lui è sempre caricato o in divano o a letto in computer o smartphone. Lui si alza solo per andare in bagno o mangiare. Non fai la doccia. Non lavare I denti. Tutto la sua attrezzi e buttato in tutto lacasa, attrezzo molto pericoloso per bambini. Se mangia non pulisco mai. La casa e sempre pieno con la spazzatura perché lui ‘dimentica’ogni volta per mettere fuori. Molte volte lui ha lasciato il suo medicine in un posto dove trovato i bambini, per fortuna non successo niente. Non gioca con I bambini perché e sempre ‘stanco’. Ogni notte Va a letto tardi. E puoi durante il giorno lui e sempre impaziente con me e i bambini. Non voglio che i bambini correre per non stancarsi o per non fai rumore. Ogni volte lui si mette I bambini in tv o computer per rimanere in silenzio. Soprattutto lui e molto razzista, e egoista. Secondo lui, lui è dio e il mondo devo girare per lui. Se io comprare una cosa da mangiare per i bambini o quelli scatola di succo per il bambini, lui mangia tutto e bevi tutto. Anche la frutto. Lui entra la cucina e mangia tutto quello che voi senza pensare a nessuno. Con poco soldi e 3bambini non posso continuare così. Lui a problemi con ansia, e voglio crescere i bambini chiuso. non gioco così perché è pericoloso…poverini bambini non divertente con niente. Tutto è negativo con lui. Ogni volte che esci insieme e solo lui qui trova problemi e non divertente nessuno. Io non posso più. Sono molto preoccupato per mio figli. Questo non è il modo per crescere i bambini. Sono depresse per questo vita. Ogni giorno per 7 anni di discutere per lo stesso cose. Dopo lui mi promesso di cambiare e tutto vanno bene per una settimana massimo due e lui inizio con lo stesso cose. Non abbiamo amici perché a lui non piace nessuno. Siamo sempre soli. Neanche il suo parenti posso vedere. Lui non pensa primo di parlare e si offende tutti! Per favore to chiedo un consiglio. Voglio divorziare ma non sta lavorando, la mia figli ancora piccoli, 6, 2 e 5 mesi. Voglio crescere i bambini sano e sola. Quando lui non che siamo tutti piùtranquilli. Noi stavo affittando una piccola casa e lui non ho pagata il affitto. Dove vai con i bambini? Come funziona ? Cosa è la mia opzioni? Se divorziare io non voglio che lui vedo più I bambini. Lui a problem mentali e io lo fato una fotocopia do una documento da un psicologo. Ma come posso fare sensazione soldi? Non ho parenti in questo paese. Sono sola. Mi aiuti comune? Questo situazione non e sano per me neanche per miei figli. Scusa per la mia italiano, speriamo che mi hai capito bene. Grazie per prendere il tempo per leggere la mia problemi. Speriamo che mi posso aiutare. Io Voglio affidamento esclusivo.

 
16 giu 2014 giuseppe

Buongiorno avvocato,
avrei bisogno di un consiglio, sono il padre di una bimba di 5 anni la mamma vorrebbe dare l’ affidamento esclusivo della bimba a me, visto che non vorrei turbare la serenità della bimba ancora di più di quello che gia comporta una separazione, la cosa e possibile farla senza il tribunale dei minori?
grazie

 
16 giu 2014 Maria

Buonasera io sono una donna di 31 anni ora vi racconto la mia storia….io in pratica ho convissuto 6 anni con un uomo di36 anni dal quale a dicembre 2013 abbiamo avuto una bimba che adesso a 6mesi….la nostra storia si è interrotta due mesi fa per scelta del mio compagno..,.che voleva un periodo di pausa ma non era così perché lui da due mesi aveva una storia con un altra ragazza con la quale adesso sta convivendo …lui della bambina fino a due mesi fa non la mai cercata quando oggi mi ha chiamata e mi ha detto che vuole mettere un avvocato e che la figlia per legge gli tocca 3 volte a settimana…io però mia figlia non gli è la voglio dare anche perché c’è la sua amante e non mi va proprio….e poi c’è una cosa grave che il mio ex compagno con la sua amante fanno uso di sostanze stupefacenti …cosa posso fare consigliatemi per favore

 
25 giu 2014 luis Herrera

Ho una bimba di due anni compiuti oggi ed è da 7 mesi che ci siamo separati perché lei ha chiesto la separazione perchè aveva la testa calda con un altra persona e per avere più possibilità di affidamento esclusivo e liberarsi di me mi ha accusa e calunnia di tante cose e finora le cose sono andate bene io dicendo la verità con prove di ciò che lei ha fatto conqquesto uomo e il giudice mi ha dato la domenica di vederla tutto il giorno mi sono anche compromesso a dare nonostante sono disoccupato una cifra minima ma lei in questi sette mesi non si è fatta veder quando vado a prendere e lasciare la figlia ci sono sempre i nonni inoltre la bimba quando mi vedi è felice ma quando la riporto piange e i primi mesi tramite amici so che andava sempre a ballare con questo uomo lasciando la figlia dai nonni come posso fare per favore

 
26 giu 2014 Sabrina Barbonetti

Buona sera avvocato, sono una donna di 35 anni e ho una figlia di 13 anni con il mio ex compagno. Ho l’ affidamento congiunto, nel frattempo mi sono sposata e ho avuto un bambino da mio marito che e’ italo- brasiliano vorremmo trasferirsi in Brasile dove siamo proprietari di un immobile. Il mio ex compagno e’ d’accordo sul nostro trasferimento, e’ possibile formalizzare il tutto da un giudice di pace senza incaricare avvocati??? Se e’ si , quale e’ la procedura da utilizzare???

 
26 giu 2014 grazia baffari

Sono una nonna da ragazza rovinata da questo tribunale,ho visto omicidi ho subito stupri,ecc.ecc.oggi è rovinata anche mia figlia,ogni volta che volevo indietro i miei beni mi hanno rovinato in tutto x tutto l’ultima scoperta che hanno fatto togliere l’affido di mia figlia,sua figlia minore chiara con i servizi sociali affidata al padre.ma tutto era programmato.tutta questa gente con i capi mafia sono riusciti a farle fare qualche canna di mariyana .mia figlia è anche invalida dovevano mandarla in psichiatria,e ci sono riusciti volevano anche me ma sono piu forte di carattere di mia figlia a non ci sono riusciti.ora ci chiedo che qualcuno mi aiuti da queste istituzioni ,che qualcuno mi ascolti come non hanno fatto i servizi sociali di Omegna .qui c’è da rovinare la famiglia bruni con preatoni che sono mafia, si scrivono sui giornali borini ma borini è mia nonna.mi hanno rovinato mia figlia e nipote che gente è che dovevano avere l’erede di – che? Figurativi hanno pure detto che devono mandarla da Mario x vedere come godono con una invalida’hanno ucciso anche un bambino di 26 giorni e vogliono mandarla ergastolana .chi mi aiuta grazie

 
29 giu 2014 carlo valletti

buongiorno avv. sono carlo ho una bimba di 31mesi con una pazza da l anno scorso fa fare a mia figlia viaggi e la fa stare con una persona da lei definita un violento 2volte sono andato a prenderle perchè non poteva piu sopportare lui.premetto che siamo arrivati a 3denuncie per sottrazione di minore lei ora non sono dove sia con mia figlia anche se immagini.cosa posso fare per togliere la giulia a sua madre?io mando i soldi di mia figlia ogni mese anche anticipati ma lei una volta e a rimini una volta a catania io mia figlia non la vedo da quasi 2mesi ora.per favore cosa posso fare,io cio una lavoro una casa e un altra compagna.grazie

 
1 lug 2014 Sabrina panighetti

Buongiorno Avvocato,
Ho 22 anni e una bimba di 5 mesi. Tre settimane fa il padre della piccola ha detto di essersi stufato di tutto e ci ha imposto di abbandonare la casa( è un caravan perché lui fa il giostraio) e di andarcene da mio padre. Così ho fatto, e ancora oggi sono dal padre. Volevo fare la denuncia perché mi ha mandata via con la bambina, mai una chiamata per sapere se la piccola sta bene o male, se cresce, se ho bisogno di pannolini o vestitini.. Nulla! Lui si sta disinteressando completamente. I carabinieri mi invitano ogni volta a non far denuncia. Sono stata da loro diverse volte tra cui una in cui mio marito mi aveva alzato le mani perché non voleva aiutarmi con la bambina ma doveva andare a mangiare la pizza con il padre e il fratello.. Io non so più a chi rivolgermi, mi vedono giovane e non mi ascoltano. Ho paura per la bambina ma anche per me! Tutt’ora siamo sposati, ho richiesto la separazione ma ci vorranno diversi mesi così mi è stato detto. Lui risulta disoccupato e anche i suoi genitori, in realtà lavorano in nero. Ho paura per l’affidamento congiunto. È possibile evitarlo?

 
6 lug 2014 Lella franzese

Salve avvocato, mio Figi di 20 anni e la ragazza di 17 anni attendono un bimbo, stanno cercando di capire se tenerlo oppure fare un aborto, la ragazza é stata cacciata di casa dalla madre che ha l’affidamento e il pare non ne vuole sapere, se decidessero di farlo nascere, posso io nonna paterna chiedere l’affidamento assoluto del bimbo?? Abbiamo già messo al corrente l’ assistenza sociale per trovarle un alloggio in cui stare visto che io non la posso ospitare, al momento sta col padre (costretto), cosa devo fare????
Grazie

 
14 lug 2014 Gaia Tamburini

Buongiorno avvocato,
sono mamma di una bambina di di 10 anni nata da una convivenza finita quando la bambina aveva 3 anni. Finita la relazione il mio compagno per andarsene di casa ha preteso la somma di € 30.000 che secondo lui era la somma che le spettava per la sua quota di casa sulla quale gravava un mutuo ipotecario; abbiamo fatto il rogito, ho liquidato quanto richiesto al fine di assicurare a mia figlia un tetto; lui è sparito per un po’ ed è tornato quando ha finito i soldi pretendendo di avere con se la figlia per la quale nel frattempo avevo attivato la richiesta di affido; E’ stato stabilito un affido condiviso: il padre può prendere la figlia all’uscita della scuole ogni mercoledì e riportarla dopo cena e la dovrebbe tenere con se dalla fine della scuola il venerdì fino alla domenica sera (week end alterni) e versare un assegno di mantenimento di 300€ + 50% delle spese.
Il mercoledì per lui non è mai esistito e neppure il venerdì alla fine della scuola, ha sempre avuto un comportamento scostante, ovvero alcune volte è venuto il venerdì sera, altre volte il sabato mattina e altre volte ha saltato il week end. Per quanto riguarda il mantenimentoha tenuto sempre un comportamento scostante e per molti mesi assente. Per il recupero dei primi due anni è stao disposto il pignoramento del V dello stipendio ma nel frattempo ha accumulato altri arretrati; per la sua mancanza e scostanza ha ottenuto una condanna penale al pagamento di € 3000 + 6 mesi di carcere (che ovviamente non ha fatto); ci siamo accordati per il pagamento degli arretrati, per un po’ mi ha dato 300€ al mese poi si è licenziato e ha smesso di pagare. La bambina da un anno quando arriva il week end del padre è nervosa e più di una volta gli ha detto che non ci vuole andare perchè lui passa il week end davanti al computer e lei davanti al televisore e non le fa fare nulla di diverso. Lui di qusto non se ne preoccupa e ovviamente scarica la colpa su di me perchè secondo lui sono io che metto strane idee in testa alla bambina; più di una volta l’ho invitato ad occuparsi di lei, di parlarle e capire perchè non vuole andare con lui di provare a fare qualcosa di interessante con lei…un film al cinema, un museo, una passeggiata al parco…una giornata in piscina…ma ho ricevuto solo risate in faccia. Sono costretta a prendere qualsiasi decisione da sola, le firme per le gite scolatiche, per lo sport ecc. perchè lui è completamente assente e disinteressato; non si presenta ai saggi scolastici e sportivi, non viene alle riunioni con le insegnanti…non si occupa della salute e del benessere psico fisico della figlia e durante il periodo estivo salta completamente le visite fino ai 15 giorni che trascorre con lei al mare nella casa di famiglia insieme a tutta la famiglia.
Io cerco in ogni modo di far in modod che la bambina sia felice ma crescendo mi accorgo che le sue pretese vs il padre sono quelle di avere un padre che faccia il padre ed io non riesco ad assicurarli questo ruolo…
Secondo Lei è auspicabile in questa situazione ottenere l’affido esclusivo?
Non versa il mantenimento ( non lavora)
Non si occupa della figlia
Non ha una frequentazione costante
Con la’ffido esclusivo vorrei solo tutelare la mia posizione di genitore solo visto che prendo tutte le decisioni da sola.
Grazie Mille