HOME Articoli

Miscellanea Pubblicato il 23 dicembre 2013

Articolo di

Miscellanea Affitti: vietato pagare in contanti. Stop locazioni in nero

> Miscellanea Pubblicato il 23 dicembre 2013

Stop al contante per pagare i canoni mensili di locazione: per garantire la tracciabilità dei pagamenti e la lotta agli affitti in nero, l’inquilino dovrà pagare il proprietario di casa tramite bonifico bancario.

Massima tracciabilità anche per il pagamento degli affitti. Con l’approvazione, da parte della Camera, della legge di stabilità, è ormai praticamente definitiva la nuova norma che bandisce per sempre l’uso del contante nelle transazioni tra locatore e locatario, nei pagamenti mensili del canone di affitto.

I pagamenti dei canoni di locazione di unità abitative, fatta eccezione per quelli di alloggi di edilizia residenziale pubblica, dovranno essere corrisposti obbligatoriamente, quale ne sia l’importo, in forme e modalità che, escludendo l’uso del contante, ne assicurino la tracciabilità. Dunque, da oggi in avanti, gli inquilini non potranno più pagare il padrone di casa con denaro liquido, ma dovranno ricorrere a strumenti (certamente più sicuri ai fini della dimostrazione dell’avvenuto saldo) come, per esempio, un assegno o il bonifico bancario. E ciò vale anche se l’importo della locazione è di poche centinaia di euro!

Sono comprese anche le locazioni transitorie, a studenti e quelle turistiche.

Come detto, dunque, a essere esclusi dall’obbligo dei pagamenti tracciati, quale ne sia l’importo, sono i canoni dovuti per le locazioni di alloggi di edilizia residenziale pubblica.

A vigilare sul rispetto della norma saranno i sindaci: i Comuni – stabilisce l’emendamento approvato – dovranno svolgere “attività di monitoraggio”, utilizzando anche i registri di anagrafe condominiale e le annotazioni delle locazioni in ambito di edifici condominiali.

Questo nuovo sistema mira a evitare gli affitti in nero e le false dichiarazioni sugli importi dei canoni di locazione.

L’effetto anti-evasione

La norma è stata accolta con soddisfazione dai sindacati degli inquilini, ma ha attirato le critiche di Confedilizia, la più importante sigla della proprietà. Secondo l’organizzazione, oggi la maggior parte dei canoni regolari è già pagata con bonifico. Ma l’obbligo generalizzato rischia di complicare la vita a chi non ha un conto corrente – Confedilizia stima che il 20% degli inquilini immigrati ne sia sprovvisto – o a chi è abituato a usare il contante, come gli anziani.
C’è poi una questione più generale: se il contratto è registrato alle Entrate, il Fisco è già in grado di ricostruire tutti gli importi, anche se si paga in contanti; mentre se il contratto è in nero il proprietario non sarà così ingenuo da farsi fare un bonifico. L’obbligo della tracciabilità, piuttosto, potrebbe scoraggiare (almeno un po’) chi dichiara un canone inferiore a quello reale: in questo caso, bisognerebbe pagare in parte in contanti e in parte con bonifico o assegno.

L’anagrafe condominiale

La legge di stabilità detta anche un’altra norma anti-evasione, in base alla quale i Comuni potranno consultare i registri di anagrafe condominiale. Previsto dalla riforma in vigore dal 18 giugno scorso, il registro va tenuto dall’amministratore per ogni condominio, a pena di revoca per giusta causa, e deve contenere anche i nomi degli inquilini. Non solo: i proprietari sono tenuti a comunicare entro 60 giorni all’amministratore ogni variazione, come il cambio d’inquilino.

note

Autore immagine: 123rf. com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

21 Commenti

Salvo

13 dicembre 2013 alle 08:13

Da quando diventa operativo questo emendamento?

io

13 dicembre 2013 alle 13:10

Si in bonibico l’affitto dichiarato e il restante del VERO canone in nero!! hahahahah ecco l’ennesima cavolata!

adglor

15 dicembre 2013 alle 12:15

pagare con assegno bancario è possibile ???

Redazione
Redazione

15 dicembre 2013 alle 17:06

@Adglor : Certamente l’assegno è un pagamento tracciabile

Marj

19 dicembre 2013 alle 17:11

Salve, a breve devo sottoscrivere un contratto di affitto, quindi dovrò modificare la dicitura del pagamento in contanti? è possibile con assegni o solo bonifico? Grazie

Redazione
Redazione

19 dicembre 2013 alle 17:56

La ringraziamo per la Sua richiesta.
L’enorme numero di consulenze che riceviamo quotidianamente ci ha obbligato ad attivare uno servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, in modo professionale e, soprattutto, in tempi certi.
E’ possibile acquistare il “ticket” online cliccando sul banner “Richiedi una consulenza” posto ad inizio e fine di ogni articolo. Quindi il sistema seguirà l’utente in una procedura di pagamento sicuro e facile, attraverso carta di credito. Per maggiori informazioni ci telefoni o chieda l’IBAN dello Studio Associato.

giancarlo

21 dicembre 2013 alle 09:51

Non è contro le locazioni in nero, è a favore! Questa legge cretina che obbliga l’inquilino che ha un affitto regolare a pagare tramite banca. Ora per aiutare le banche ci si mette a combattere chi ha un contratto di affitto regolare invece di combattere chi affitta in nero? Se hai un affitto regolare, paghi le tasse e paghi il canone in contanti rischi una multa, se affitti in nero tutto come prima. Siamo impazziti?

gianni

24 dicembre 2013 alle 12:49

se , si voleva fare una cosa corretta, nel provvedimento si deve anche obbligare le banche ad aprire conti correnti a chiunque, con tasso zero, spesezero, e nessuna spesa per effettuare i bonifici.

Valerio

24 dicembre 2013 alle 16:29

Anche questa volta si è agevolato le banche a scapito della popolazione; sono pienamente d’accordo con i commenti di: IO; Giancarlo e Gianni. e anche io vorrei sapere da quando entrerà in vigore questa ………. legge

lorenza

26 dicembre 2013 alle 01:34

anke io hp un grande problema x il pagamento dell’affitto ke ormai da tre anni e mezzo avvoene con xontanti e una parte anke in nero! cosa devo fare datp ke il mio padepne non vuole bonifico o assegno? da quando enyra in cigore la legge? grazie

Riccardo

29 dicembre 2013 alle 17:45

Buongiorno,
Io l’affitto lo ricevo in contanti, ovvero l’inquilino da i soldi ogni mese all’agenzia immobiliare che me lo ha presentato ed io passo rilasciando ricevuta all’agenzia stessa.
Il contratto prevede la cedolare secca ed è registrato. Devo comunque pretendere che sia fatto il bonifico pur essendo già tutto tracciabile ?

Redazione
Redazione

29 dicembre 2013 alle 18:21

La ringraziamo per la Sua richiesta.
L’enorme numero di consulenze che riceviamo quotidianamente ci ha obbligato ad attivare uno servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, in modo professionale e, soprattutto, in tempi certi.
E’ possibile acquistare il “ticket” online cliccando sul banner “Richiedi una consulenza” posto ad inizio e fine di ogni articolo. Quindi il sistema seguirà l’utente in una procedura di pagamento sicuro e facile, attraverso carta di credito. Per maggiori informazioni ci telefoni o chieda l’IBAN dello Studio Associato.

3395790719@tim.it

30 dicembre 2013 alle 11:58

BENISSIMO, ancora una volta si è deciso di penalizzare gli onesti inquilini, con regolare contratto registrato, addossando loro anche il pagamento del bonifico e costringendoli ad aprire un ocnto corrente bancario! Altro che lotta all’evasione!

lucano

2 gennaio 2014 alle 21:21

qual’è la sanzione si continua a pagare in contante?Grazie

Pasquale

9 gennaio 2014 alle 09:45

Salve. Va bene se il mio inquilino mi paga l’affitto versando l’importo tramite bollettino postale sul mio conto corrente postale?? Rientra secondo voi tra le modalità di pagamento previste? Grazie.

Redazione
Redazione

9 gennaio 2014 alle 11:34

La ringraziamo per la Sua richiesta.
L’enorme numero di consulenze che riceviamo quotidianamente ci ha obbligato ad attivare uno servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, in modo professionale e, soprattutto, in tempi certi.
E’ possibile acquistare il “ticket” online cliccando sul banner “Richiedi una consulenza” posto ad inizio e fine di ogni articolo. Quindi il sistema seguirà l’utente in una procedura di pagamento sicuro e facile, attraverso carta di credito. Per maggiori informazioni ci telefoni o chieda l’IBAN dello Studio Associato.

antoj

9 gennaio 2014 alle 16:14

Se oltre al pagamento dell’affitto si richiedono i pagamenti delle utenze si possono anche questi saldare via bonifico o assegno bancario? Il Locatore ce li chiede in contanti….

francesco

28 gennaio 2014 alle 17:27

ho tre locali dichiarati ed affittati ad stranieri ma pagano in contanti poco la volta e dopo tante volte che io passo da loro come posso fare ? posso io versare in banca scrivendo sul documento causale affitto con nome e cognome di chi mi ha pagato? grazie

Redazione
Redazione

28 gennaio 2014 alle 19:22

L’enorme numero di consulenze che riceviamo ogni giorno ci ha obbligato ad attivare uno speciale servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, professionale ed in tempi certi.

Per acquistare il “ticket” online è necessario collegarsi al portale http://www.laleggepertutti.it. Sul menu di sinistra troverà, sotto la voce rossa “servizi”, l’opzione “Richiedi consulenza”.
Lo stesso risultato si può raggiungere cliccando sulla scritta, posta sopra ogni articolo, “Richiedi consulenza su questo argomento”.

A quel punto, il sistema La guiderà nel pagamento attraverso carta di credito, Paypal o Postepay.

Si tratta di un’operazione molto semplice e dal modico prezzo (euro 29,00 iva compresa) che ci consente di rispondere alle svariate domande che ci arrivano da tutta Italia.

giuseppe

6 febbraio 2014 alle 19:49

Buonasera sono cointestatario di un appartamento con mio fratello ed abbiamo deciso di versare ai nostri genitori l’affitto dichiarandolo però noi al 50 e 50 .Per la tracciabilità possiamo mettere direttamente sul contratto di locazione il codice iban dei nostri genitori? In questo modo eviteremmo di effettuare un bonifico ogni mese sul conto dei nostri genitori

Redazione
Redazione

6 febbraio 2014 alle 19:56

L’enorme numero di consulenze che riceviamo ogni giorno ci ha obbligato ad attivare uno speciale servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, professionale ed in tempi certi.

Per acquistare il “ticket” online è necessario collegarsi al portale http://www.laleggepertutti.it. Sul menu di sinistra troverà, sotto la voce rossa “servizi”, l’opzione “Richiedi consulenza”.
Lo stesso risultato si può raggiungere cliccando sulla scritta, posta sopra ogni articolo, “Richiedi consulenza su questo argomento”.

A quel punto, il sistema La guiderà nel pagamento attraverso carta di credito, Paypal o Postepay.

Si tratta di un’operazione molto semplice e dal modico prezzo (euro 29,00 iva compresa) che ci consente di rispondere alle svariate domande che ci arrivano da tutta Italia.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK