Parcheggi: il diritto d’uso può costare quanto la proprietà
Lo sai che?
29 gen 2012
 
L'autore
 

La Redazione di LLpT è costituita da un team di avvocati che, giornalmente, “traduce” in linguaggio comprensibile a tutti, anche ai meno esperti, le u [...]

 

Parcheggi: il diritto d’uso può costare quanto la proprietà

Il semplice diritto ad usare un parcheggio condominiale può costare quanto acquistarlo se, nell’area dove sorge l’edificio, c’è una “devastante” carenza di posti auto.

 

La Cassazione [1] è scesa nel merito dei prezzi di mercato dei posti auto e ha ritenuto giustificato un corrispettivo di oltre 23 mila euro solo per ottenere il diritto d’uso di uno spazio condominiale chiuso dove lasciare l’auto.

 

A fare i prezzi, spiegano i Supremi Giudici, è il mercato e, pertanto, se c’è scarsità di un determinato bene o servizio, è comprensibile che il relativo corrispettivo sia anche molto più alto rispetto ad altre zone.

 

 

 

 

 

 

 

 

Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

[1] Cass. sent. n. 1214 del 27 gennaio 2012.

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti