HOME Articoli

Le Guide Pubblicato il 22 ottobre 2013

Articolo di

Le Guide Il fondo patrimoniale: vantaggi e costi

> Le Guide Pubblicato il 22 ottobre 2013

Per tutelare i propri beni dai creditori, sempre più persone usano costituire un fondo patrimonialema è proprio vero che mette al riparo la casa e ogni altro bene immobile? A queste domande cercheremo di dare una risposta.

Sebbene il decreto del Fare, approvato dal Governo Letta, abbia messo al riparo, da eventuali pignoramenti di Equitalia, la prima casa di residenza (leggi l’articolo “Quando è possibile il pignoramento della casa dopo la riforma“), il fondo patrimoniale resta sempre una indubbia garanzia per i beni familiari contro ogni altro imprevisto economico che si possa verificare nel tempo. Vale dunque la pena di ripercorrere gli aspetti più importanti di questo istituto del diritto, forse il più usato dalle famiglie.

Cos’è il fondo patrimoniale?

Il fondo patrimoniale è una sorta di vincolo – che si costituisce con atto notarile – su determinati beni: tali beni possono essere immobili (per es. l’abitazione), titoli di credito (per esempio azioni di s.p.a., ma non quote di s.r.l.) e beni mobili registrati (autoveicoli, imbarcazioni, aeromobili).

Al contrario di ciò che comunemente si crede, immettere i beni nel fondo patrimoniale non comporta un mutamento nella titolarità dei beni stessi. Al contrario, essi rimangono intestati al proprietario (nel caso di comunione dei coniugi, ad entrambi gli stessi). Il vincolo, quindi, attiene solo all’uso (cosiddetta “destinazione”) che si può fare di tale bene. Di questo parleremo tra breve.

Chi può creare un fondo patrimoniale?

Vi possono ricorrere solo le coppie sposate. Le coppie di fatto non sono prese in considerazione.

Qual è lo scopo del fondo?

La finalità del fondo è di destinare i beni in esso inseriti ai bisogni della famiglia. Pertanto, il suo effetto principale è che, per legge, i beni che vi sono compresi (e i loro redditi) non possono essere aggrediti (cioè soggetti a esecuzione forzata) dai creditori sorti dopo la costituzione del fondo e purché i loro crediti riguardino obbligazioni per scopi estranei ai bisogni della famiglia [1].

Per fare un esempio, il fondo non è aggredibile dal fornitore della ditta individuale di uno dei due coniugi.

Al contrario, invece, per quanto riguarda i debiti sorti prima della costituzione del fondo, essi potranno impugnare la costituzione del fondo patrimoniale se riescono a provare che tale fondo è stato creato al solo scopo di frodare le ragioni dei creditori (è la cosiddetta azione revocatoria).

In tal caso, la causa deve essere intrapresa entro cinque anni dalla costituzione del fondo (dopo tale termine, il fondo diventa irrevocabile e definitivo, anche se fatto in frode ai creditori).

Inoltre spetta sempre ai coniugi dimostrare che il creditore era a conoscenza che il debito era stato contratto per scopi estranei ai bisogni della famiglia.

Se la revocatoria viene vinta dal creditore, il comportamento del debitore è passibile anche di sanzioni penali (soprattutto se si tratta di debiti fiscali o nei confronti dello Stato).

Qualora il creditore sorto anteriormente alla costituzione del fondo abbia già iscritto un’ipoteca sui beni inseriti nel fondo patrimoniale, l’ipoteca sopravvive e pertanto su di essa il vincolo del fondo non avrà alcun effetto. Ecco perché si sconsiglia dall’inserire nel fondo gli immobili già ipotecati, a meno che non si tratti di mutui in fase di estinzione.

Fino a poco tempo fa, rimaneva in forse l’efficacia del fondo patrimoniale nei confronti del fisco, ma le recenti pronunce dei giudici hanno fugato ogni dubbio: anche i debiti fiscali devono fermarsi di fronte ai beni costituiti in fondo patrimoniale, se non si tratta di debiti sorti per soddisfare i bisogni della famiglia [2].

Il fondo patrimoniale può essere costituito sui beni di proprietà di uno solo dei coniugi o di entrambi.

Come già detto, la costituzione del fondo non implica necessariamente il trasferimento dei beni, che restano intestati a chi ne era già proprietario.

In qualsiasi momento è possibile ampliare il fondo, facendovi affluire ulteriori beni, con un nuovo atto notarile.

Chi amministra i beni del fondo?

La scelta di immettere i beni nel fondo patrimoniale rende più contorto il loro regime di gestione.

Infatti, se da un lato entrambi i coniugi possono disgiuntamente amministrare il fondo, secondo le regole della comunione legale, è però necessario il consenso di entrambi i coniugi perla vendita dei beni costituiti in fondo, anche se il proprietario è uno solo di essi.

Inoltre, Se nella famiglia ci sono figli di minore età, la vendita dei beni compresi nel fondo deve essere autorizzata dal tribunale.

Questa regola, però può essere derogata inserendo nell’atto costitutivo del fondo una clausola che consente di disporre dei beni senza bisogno dell’autorizzazione del tribunale, anche in presenza di figli minori. In questo caso è possibile vendere liberamente i beni o stipulare un mutuo.

Quali sono i costi per costituire un fondo patrimoniale

Il costo della costituzione del fondo non dipende dal valore o dal numero dei beni (di qualsivoglia natura) in esso ricompresi. Esso ammonta a circa € 1.200, compresi i costi notarili.

In estrema sintesi, il fondo patrimoniale garantisce la conservazione di alcuni beni dall’attacco di crediti che siano sorti successivamente e per ragioni estranee ai bisogni della famiglia.

Trust, vendita e donazione

Esiste poi un altro istituto, di derivazione anglosassone, di più ampia portata che è il trust, che consente di separare il godimento dall´amministrazione di un patrimonio e che può prestarsi a diverse finalità. Ma le sue caratteristiche sono così versatili da meritare un discorso a parte.

Normalmente, alla costituzione del fondo, il debitore che voglia salvaguardare i propri immobili dagli attacchi del creditore, può ricorrere alla vendita o alla donazione. In questo caso, i costi sono superiori (specie se l’acquirente ha già una prima casa) e inoltre i creditori possono, anche in questo caso, esercitare la revocatoria nei successivi cinque anni. Anche di ciò parleremo più dettagliatamente in un diverso articolo.

note

[1] Per quanti vogliano approfondire la regolamentazione civilistica essenziale del fondo patrimoniale si rimanda alla lettura degli artt. 167 – 171 del Codice Civile

[2] Cass. sent. n. 15862 del 7 luglio 2009 e Commissione Tributaria di Milano sent. n. 437 del 20 dicembre 2010.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

574 Commenti

  1. buongiorno, sono socio di una srl con quota 98%, mia moglie 1%, mio figlio 1%. siamo in separazione dei beni.Abbiamo debiti con equitalia, versamento contributi, che stiamo regolarmente pagando avendo rateizzato. La casa dove viviamo e gravata da un residuo di mutuo per circa 30.000, che paghiamo regolarmente, la sede del negozio, del valore di 170000 euro e gravata da mutuo ormai pagato per oltre la meta e, coperto da garanzia con un box, valutato dalla banca in 95000 euro, possiedo due case in montagna, e la casa dove viviamo abitualmente. ad oggi, riesco a pagare il dovuto ma, la mia preoccupazione e che, in caso di problemi, mi venga attaccata la casa di prima abitazione. Ho una figlia dodicenne. Caro avvocato, potrei e servirebbe, creare un fondo patrimoniale? auguro felicità

  2. Filippo:le spiego ho una ditta individuale., da vent’anni ho avuto problemi con una dipendente una vertenza risolta con la conciliazione, ma putruppo mi arriva il verbale del ispettorato di 57 mila euro più i verbali inps e inail che saranno a conti fatti altri 57 mila euro.la mia domanda è troverò acquistare bottega il fondo patrimoniale mi mette in sicurezza .premesso che ho fatto causa agli enti.la vertenza è stata fatta del 2013 la notifica dell ispettorato anno 2014 .acquisto fatto bottega nel febbraio 2015

  3. le spiego: avevo una ditta individuale ma a seguito di gravi problemi familiari,crisi di lavoro ecc.,mi ritrovo con un mutuo ipotecario su prima casa non pagato in fase di contrattazione con la banca la quale nell’ultimo periodo tenta di agire,e di tasse non pagate per le quali equitalia ha messo un’ipoteca su un locale commerciale.Chiedo ,non avendo altri debiti verso altri posso usufruire del fondo patrimoniale e del trust per tutelare gli altri immobili liberi da qualsiasi ipoteche?

  4. buona sera ,vorrei un consilio da lei,
    ho una srl immobiliare con diversi immobili messi a garanzia di fidi in banca in piu’ho prestato anche dellle fideiussionipersonali a garanzia di questi fidi ,
    ora sono stato oggetto di un decreto di sequestro preventivo da parte della guardia di finanza per dei controlli e la cosa sta procedendo per le lunghe ,a questo punto le banche cosa hanno fatto ,mi hanno revocato tutti i fidi in essere e mi hanno richiesto il rientro immediato del debito essendo i fidi di cassa in rosso ,per ora non ho ancora ricevuto nessun decreto ingiuntivo ma me lo aspetto sicuramente mi hanno gia’ segnalato alla centrale rischi mandandomi in sofferenza.
    ho degli immobili personali e vorrei tutelarmi avendo una moglie e due figli minori,ho chiesto consulenza ad un notaio per un fondo patrimoniale ma le risposte non sono state esaustive mi hanno detto che oramai era troppo tardi e mi avrebbero (le banche)richiesto sicuramente la revocatoria perche i debiti e le relative fideiussioni erano state firmate prima della costituzione del fondo.
    cosa posso fare ? ,vorrei perlomeno cercare di prendere tempo con le banche e magari nel frattempo la situazione con la mia societa’ si sbloccasse .
    attendo una sua gentile risposta grazie

  5. Buonasera, il fondo patrimoniale può essere costituito anche da una singola persona che vive con i genitori, ma propretario dell’immobile?
    Ringrazio tanto in anticipo.

  6. Buonasera, ho costituito un fondo patrimoniale tre anni fà per una causa di lavoro a cui ho aperto alla disponibilità del fondo per quei soli creditori, inserendo al suo interno abitazione e studio. Il matrimonio è stato effettuato in regime di separazione dei beni. Volevo chiederle i conti correnti personali ed i libretti postali personali possono essere aggrediti dai creditori a cui è stato aperto il fondo? Oppure possono essere aggrediti solo i beni inseriti nel fondo stesso? Grazie.

  7. Il fondo si estingue al raggiungimento della maggiore età dei figli.
    Cosa significa che il fondo decade definitivamente oppure per estinguerlo, appunto in via definitiva, bisogna fare una ulteriore scrittura pubblica presso il notaio. Devo fare un mutuo per ristrutturazione e la banca lo nega in quanto esiste il vincolo del fondo. E’ possibile? grazie per una eventuale risposta.
    Mimmo

  8. Salve io volevo delle lucidazioni che non trovo da nessuna parte volevo chiedere in prestito personale e coperto da fondo patrimoniale ? Possono togliermi la casa ? Se io ho costituito il fondo patrimoniale a ottobre la casa acquistata a febraio e il prestito in aprile tutto nel 2005 . E cosa succede e cosa cambia se il comune dimentica di annotarlo nel registro di matrimoni

  9. Salve, io e mia moglie ci siamo sposati in regime di separazione dei beni, successivamente al matrimonio, mio padre ha acquistato per me un immobile de quale sono proprietario esclusivo. Successivamente ho costituito un fondo patrimoniale nel quale ho fatto confluire l’immobile ed entrambi abbiamo la gestione del fondo. Successivamente mia moglie ha contratto dei debiti, possono i creditori di mia moglie aggredite anche l’immobile inserito nel fondo patrimoniale nonostante sia di mia esclusiva proprietà e abbiamo la separazione dei beni? Grazie

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK