Arriva la tassa sul contante: versamenti in banca nel mirino
News
17 Feb 2015
 
L'autore
Redazione
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Arriva la tassa sul contante: versamenti in banca nel mirino

Addio allo scontrino di carta e massima tracciabilità dei mezzi di pagamento: per dare la caccia ai furbetti arriva l’imposta di bollo sui versamenti superiori a 200 euro.

 

Guerra ai contanti: lo giura il Governo che sta per introdurre un’imposta di bollo proporzionale ai versamenti giornalieri in banca superiori ai 200 euro. Così, per esempio, il commerciante che depositerà, sul proprio conto corrente, il denaro derivante dalle vendite del giorno, e questo supererà la soglia di 200 euro, sarà “super tassato” dallo Stato. Una misura che, insieme all’introduzione degli scontrini e ricevute digitali e alla fatturazione elettronica tra privati, mira a garantire la massima tracciabilità dei pagamenti e a favorire l’addio definitivo al contante.

 

Una misura che “farà bene” non solo allo Stato, ma anche alle casse delle banche, che potranno così vedere crescere i propri utili sulle operazioni di accredito elettronico e allo stesso tempo vedranno ridursi i costi di gestione del contante, ad oggi di circa 5 miliardi.

 

Se vuoi tenerti aggiornato sull’approvazione della nuota tassa, basta restare iscritti alla nostra newsletter. Per iscriverti alla nostra newsletter clicca qui.

 

Le altre misure

Entro il 2017, commercianti, artigiani e professionisti saranno tenuti alla memorizzazione e alla trasmissione telematica al fisco di tutti i corrispettivi giornalieri. In questo modo si abbandonerà per sempre lo storico “scontrino di carta”. L’obbligo riguarderà anche supermercati, ipermercati, discount, tutti i soggetti che oggi sono sul mercato con i distributori automatici.

 

La trasmissione telematica potrà avvenire tanto con nuovi registratori di cassa, quanto con strumenti più “leggeri” come smartphone e tablet.

 

Verrà rafforzato l’uso del Pos (il dispositivo elettronico per i pagamenti con bancomat e carta di credito).

 

Chi sosterrà le spese relative all’ammodernamento tecnologico dei propri sistemi di pagamento potrà usufruire di un credito di imposta (soprattutto i soggetti più piccoli come i commercianti al minuto).

 

Tutti i dati finiranno nel cassetto fiscale del contribuente il quale potrà rendersi conto in ogni momento della sua posizione nei confronti del fisco.

 

Professionisti inclusi nella riforma

L’obbligo della comunicazione telematica delle vendite riguarderà anche le fatture emesse dai professionisti.

Difatti, il secondo pilastro della riforma per stanare gli evasori riguarderà l’obbligo – anch’esso a partire dal 2017 – di trasmettere i dati delle fatture emesse e di quelle rettificative, nonché delle fatture ricevute direttamente alle Entrate. Il tutto mantenendo nella propria contabilità tutte le transazioni finanziarie con soggetti non residenti di importi pari o superiori a mille euro.

 

Insomma, esisteranno solo fatture digitali o, come sono state ribattezzate, “e-fatture”.

 

Una lotta all’evasione senza quartiere, quindi, che consentirà di incrociare i dati derivanti dalla fatturazione elettronica con le informazioni già disponibili nell’anagrafe tributaria e in quella dei conti correnti così da poter effettuare analisi di rischio mirate sugli evasori.


Autore immagine: 123rf com

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 


Scarica e archivia l'articolo in pdf
Per avere il pdf inserisci qui sotto la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Download PDF SCARICA PDF
 


 
 
Commenti
17 Feb 2015 Sergio Morandi

Sono completamente pazzi. Tutto quello che facciamo sarà tracciato e archiviato. Aggiungiamo che telefonate, mail e sms lo sono già. Il Grande Fratello di Orwell era un dilettante a confronto di questi criminali.

 
17 Feb 2015 Manuela Montecchi

della serie: AIUTIAMO LE AZIENDE A CHIUDERE!!!! Pazienza la tassa sui versamenti dei contanti dei privati, ma le aziende, predete ad esempio una tabaccheria, un bar, dovremo pagare tutto via pos, consideriamo il tempo che occore per pagare e le commissioni del 1% sulle transazione, che definisco MAFIA LEGALIZZATA.

 
17 Feb 2015 CICCIO PASTICCIO

COME AL SOLITO CI GUADAGNERANNO SOLO LE BANCHE…SE UN BAR VENDE 100 COLAZIONI AL MATTINO SONO GIA’ 200 € O PIU’ E PERCHE’ NON POTREBBE VERSARLI?
PER FARSI RAPINARE LA SERA?E NOOOO FAI PAGARE CON LE CARTE ELETTRONICHE COSI’ FRA COSTI DI GESTIONE E BALZELLI VARI CI IMPOVERISCONO SEMPRE PIU’…
MA LE BANCHE NO….

 
17 Feb 2015 MARCO Castella

A me va benissimo. voglio GRATIS la gestione del conto, della carta e dei POS.
Per tutti. Anzi: siccome volere è potere… trasformiamo la nostra tessera sanitaria/codice fiscale in strumento di pagamento ufficiale valido su tutto il territorio nazionale. Ma a costo zero.
Oggi il contante non mi costa (a meno che non richieda un finanziamento)ì
Se l’obiettivo è azzerare il contante io voglio che il sostituto del contante sia appunto a costo zero.
E’ ora di fare opinione, passaparola e resistenza.
Guardate che l’evasione è solo una scusa (in realtà il vero obiettivo e quello di poterci prelevare con sicurezza il 30/40 per cento dei depositi quando verrà il momento…).
Bisogna lottare e non farsi infinocchiare d questa banda organizzata.

 
17 Feb 2015 Alberto

E io che faccio il frontaliere devo regalare il 5% di commissione alle banche???? MATERASSO E MORITE!

 
17 Feb 2015 Bonomi Gianluca

Lo stato, le regioni e i comuni sono un bel socio; se guadagni ti portano via il 63% in tasse, se non guadagni nulla sono cavoli tuoi e puoi morire sotto un ponte…. GRAZIE.
Aggiungo… qualche miliardo rubato a noi italiani da senatori e imprenditori con lo scandalo delle assicurazioni svizzere, altri miliardi con il paradiso fiscale in Belgio. Non oso pensare a cosa rubano a Bruxelles, dove le cifre che girano sono più grandi e sono meno sotto i riflettori e lì si che si incontrano tutti, per una grande orgia di ladri europei.
E i vitalizzi? lasciati anche a delinquenti (perchè questo sono) condannati in via definitiva per mafia, tangenti etc.
E cosa dire di quei poveri commercianti che devono subire 10 e più rapine in un anno? Io se fossi in loro non pagherei le tasse. E della povera gente che si ammala ed è costretta ad andare a pagamento per avere un esame in tempi brevi?
SCUSATE QUAL’E’ IL SERVIZIO CHE LO STATO CI DA’

 
17 Feb 2015 Piffarerio Carlo

Credo sia arrivato il momento di arrestare questo sistema in ogni modo…..

 
17 Feb 2015 ivano GIANCOLA

l’ennesima porcheria di questo governo

 
17 Feb 2015 Andrea

Imposta di bollo sul versamento del contante? Anche se lo verso nella mia cassetta di sicurezza?

 
17 Feb 2015 User Pacman

E’ possibile avere un link alla proposta di legge discussa nell’articolo? Sapere da chi è stata presentata? Vorrei approfondirne i dettagli. Grazie.

 
17 Feb 2015 ULISSE FALACE

NON SO CHE DIRE SECONDO ME LO STATO VUOLE CHE SI CENTUPLICHI IL NERO. NON CREDO CHE NESSUN COMMERCIANTE,ARTIGIANO, O PROFESSIONISTA CHE OGGI PURTROPPO GUADAGNA APPENA X CAMPARE, VOGLIA DARE ALTRE TASSE CHE VENGONO A INGRASSARE LE BANCHE E I NULLAFACENTI POLITICI.

 
17 Feb 2015 giuseppe siciliano

leggo alcuni commenti fuori di senno , in svezia ho pagato il caffè e le sigarette con carta di credito……solo in Italia non è possibile dobbiamo tutelare gli evasori; solo tabaccai e giornalai , per ora, dovrebbe essere esclusi atteso che ancora tabacchi e giornali non si possono a comprare con carta.

 
17 Feb 2015 gerardo maruotti

una domanda
ma questo vale solo per l’Italia o per tutta l’europa?
Adesso anche la chiesa deve pagare l’obolo allo stato italiano sulle elemosine, Ma cosa giusta è anche ridurre i vitalizi, pensioni d’oro e mega stipendi di chi ci governa. Come mai su questi argomenti non si riesce mai a fare una legge per mettere dei limiti.
RENZI, ma vai a cagare, ti porgo un distinto saluto prrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr!!!!!!!!

 
17 Feb 2015 Moritz Heide

Abbiamo superato il delirio ,in un paese che da un lato soffoca i cittadini onesti e dall’altro favorisce la grande evasione con leggi ad hoc!

 
17 Feb 2015 Alessandra Mameli

Parlare non serve più ‘ ormai…Quando una rivoluzione, me lo chiedo da troppo tempo…

 
17 Feb 2015 Paolo Bortolini

Perché non sparare a vista a tutti coloro che non sono dipendenti pubblici? Ai dipendenti privati alle gambe, alle partite IVA in testa. Così la facciamo finita una volta per tutte.

 
17 Feb 2015 Fiorenzo Bergandi

LA CACCIA AI FURBETTI ??? MA CHI VOLETE PRENDERE IN GIRO ???
QUESTO FA PARTE SEMPLICEMENTE DEL PIANO DELL NWO CHE TRAMITE L’ INTRODUZIONE DI UNO “STATO DI POLIZIA, CAMUFFATO DA GOVERNO, VUOLE ARRIVARE AD AVERE IL CONTROLLO TOTALE DELLA POPOLAZIONE MONDIALE!”
Dopo aver letto tutto l’ articolo, direi che: premesso che sicuramente farà bene allo Stato e alle banche, (che tradotto, significa … all’ NWO) per noi cittadini e lavoratori (sia autonomi che dipendenti) è l’ ennesima conferma dell’ esistenza di un GOVERNO MONDIALE (Nuovo Ordine Mondiale) che impone ai governi marionette, di mettere in pratica i vari punti del proprio programma che, per chi non lo sapesse, prevede addirittura di arrivare ad avere IL CONTROLLO TOTALE DELLA POPOLAZIONE MONDIALE, TRAMITE L’ IMPIANTO DI UN MICRO CHIP SOTTO PELLE.
QUANDO DICONO CHE VOGLIONO ELIMINARE L’ USO DEL CONTANTE PER COMBATTERE L’ EVASIONE FISCALE, MENTONO SAPENDO DI MENTIRE!
LA VERITA’ E CHE VOGLIONO AVERE IL CONTROLLO TOTALE DEI NOSTRI SOLDI.
Sempre per chi non lo sapesse ….. l’ NWO ha già un controllo enorme sulla popolazione, per esempio tramite Internet, la posta elettronica, i telefoni cellulari, le carte di credito, i codici fiscali, le Smart TV, etc. etc. …. E una volta accettato tutto questo, non ne possiamo più fare a meno (ed è quello che vogliono) perché lo hanno organizzato talmente bene, insieme ai loro complici, che ormai molte cose non le potremmo neanche più fare, senza certi strumenti. Poi, quando non basta più “consigliare” di usarli, ecco che ce lo impongono con delle leggi.
Per capire quanto siamo già schiavi del sistema, basta pensare a cosa succederebbe se domani decidessimo di togliere i soldi dalle banche (che secondo me, sarebbe quello che si meritano, oltre ad essere il modo migliore per non essere più schiavi) cosa che dovremmo avere il diritto di fare, essendo soldi nostri. E in questo caso, scommettiamo che ci obbligherebbero a ri-metterli in banca con una nuova legge ?

 
18 Feb 2015 NADIA MN

Ma Renzi si è fatto una “Canna” o si è bevuto il cervello, da quando è al governo. Invece di dormire la notte, pensa a queste stronzate… ma vai al diavolo!. Io sono una piccola commerciante che molte volte mi pagano con le carte, ma molti anziani pagano in contanti e dopo una lunga giornata lavorativa mi tocca regalare quel poco che mi resta alle banche, ma andate a “cagare”. Per combattere l’evasione c’è solo un sistema che andrebbe bene a chiunque, la detraibilità sulla dichiarazione dei redditi per tutte le spese, anche lo scontrino del caffè., ma naturalmente nessuno ci pensa!

 
18 Feb 2015 Ciao

Ecco un modo studiato ad arte per controllare i risparmi degli Italiani. Io ormai dico NO ad ogni proposta che arriva da questa politica. Ostacoliamoli in ogni modo. Non voglio più vedere nessuno che festeggia per aver vinto le elezioni. Ci sono problemi insormontabili in Italia e questi festeggiano. Io al loro posto mi sentirei un carico enorme addosso e loro invece festeggiano con champagne. Io ormai nel mio piccolo gli rendo la vita difficile. Dicono di votare i partiti piu grandi? io voto i piu piccoli, se voto… Dicono di incrementare gli acquisti? io li diminuisco. Dicono di evitare prelievi ? faccio il contrario. Li voglio vedere agonizzanti, li farei parlare per ore e ore e alla fine gli direi… “scusa ma non mi hai mica tanto convinto, mi ripeti tutto quello che proponi?” fino a farli stancare. Che soddisfazione prenderli un po per il culo come stanno facendo loro…

 
18 Feb 2015 gianfranco meloni

RENZI… SEI UN Vile.

 
19 Feb 2015 Enzo Bigazzi

Politica delirante. Porcherie ed abusi perpetrati continuamente in uno stato di falsa democrazia, condotto da politici corrotti, mafiosi, collusi che si arrogano di ogni potere per gestire il Paese come fosse una cosa loro personale.