HOME Articoli

News Pubblicato il 28 luglio 2015

Articolo di

News La tassa sui prelievi al bancomat ci sarà

> News Pubblicato il 28 luglio 2015

Delega fiscale: in arrivo anche le multe per i prelievi dal bancomat che non saranno giustificati; obbligo di tenuta di fatture e scontrini anche per diversi anni.

Non ci sarà alcun ripensamento, da parte de Governo, su quella che è stata battezzata “la tassa sui bancomat”ossia l’ormai famigerato “comma 7 bis” della delega fiscale che va a sanzionare i prelievi non giustificati allo sportello del bancomat. La norma, in particolare, autorizzerà il fisco a verificare l’uso del contante prelevato dai contribuenti. Ma vediamo meglio di cosa si tratta.

Si sta scatenando una vera e propria bufera mediatica sull’intenzione del Governo di ripristinare i controlli sulle somme in uscita dai conti correnti, andando a (ri)tassare – anche pesantemente – tutto ciò che non potrà essere giustificato. Una misura non ancora approvata, ma che, qualora diventi legge, benché con il nobile tentativo di combattere l’evasione fiscale, imbriglierà le mani di tanti possessori di conti correnti bancari e postali.

La norma si indirizza principalmente a professionisti e titolari di Partite IVA ed è volta a scoraggiare per sempre l’uso del contante: infatti, nel caso di ritiro di banconote dallo sportello del bancomat, le modalità di spesa dello stesso dovranno essere dettagliatamente giustificate al fisco (sempre che quest’ultimo chieda chiarimenti), pena una sanzione che andrà dal 10 al 50% della somma prelevata.

C’è chi parla, allora, di introduzione dell’obbligo di tenuta di libri contabili familiari e personali, con conservazione di scontrini e ricevute per poter documentare, anche a distanza di molto tempo, come sono stati spesi i soldi; c’è chi, invece, continua ad essere scettico sulle possibilità che l’Agenzia delle Entrate effettui controlli di questo tipo, posto peraltro il recente intervento della Corte Costituzionale la quale, solo lo scorso anno, ha liberalizzato tutti i prelievi dal conto corrente per i liberi professionisti. Infatti, non è una novità, per la nostra legge, quella di voler controllare i prelievi. Nella finanziaria del 2005, infatti, approvata dal Governo Berlusconi, fu previsto un provvedimento del tutto simile a quello attuale, poi però dichiarato incostituzionale grazie a un contribuente che, nell’arco di un anno, fu pizzicato a prelevare ben 50mila euro dal bancomat. Il fisco gli chiese spiegazioni e lui non seppe fornirle. Così, il soggetto fece ricorso alla Consulta, vincendo la partita. I giudici della Corte Costituzionale, infatti, gli diedero ragione, stabilendo che la norma in questione andava contro il principio di ragionevolezza e di capacità contributiva. In pratica, la sentenza ha sancito l’illegittimità della presunzione secondo cui i prelievi non giustificati degli esercenti arti e professioni costituissero compensi evasi.

Ora però la stessa norma torna a fare capolino, sebbene in forma corretta e aggiornata, con aggravanti ai danni dei contribuenti. Sull’uso del contante infatti, non scatterebbe più una sorta di presunzione legale da parte del fisco, ma tutti i possessori di partita Iva, sarebbero costretti a dimostrare attraverso giustificativi, l’uso che hanno fatto del cash. Pena, come detto, una sanzione che andrebbe tra il 10 e il 50% della somma ritirata al bancomat.

Detto in altri termini, la novità è che, invece di presumere, in sede di rettifica della dichiarazione dei redditi, che i prelievi siano sempre ricavi in “nero”, ora tali somme saranno esclusivamente colpite da una sanzione commisurata al loro ammontare, ossia dal 10 al 50% della somma stessa. Si tratta, quindi, di una sanzione proporzionata – come fa rilevare la Orlandi, direttrice delle Entrate – alla capacità contributiva de singolo.

In questo modo, i contribuenti saranno costretti a richiedere sempre scontrini e fatture ai venditori e a non accettare mai di pagare in nero. In questo modo, forse, l’intento del Governo di eliminare il contante e contrastare l’evasione sarebbe in parte raggiunto, anche se ad essere principalmente colpita sarebbe la capacità di spesa delle famiglie e la stessa semplicità di utilizzo dei conti correnti: un’imposizione quasi paradossale se si considera che, in numerosi casi, non vengono rilasciati scontrini (si pensi ai distributori automatici, ai giornalai, al pieno di benzina, alle sigarette, ecc.).

Il direttore dell’Agenzia entrate crede allora di rassicurare, quando dice che “non ci sarà la sanzione dal 10% al 50% delle somme prelevate dai conti bancari intestati alle imprese qualora, in caso di accertamenti da parte dell’Agenzia delle Entrate, le modalità di utilizzo di tali prelievi non siano giustificate dalle aziende stesse”. Ma di fatto, non fa che confermare le preoccupazioni. Per milioni di partite IVA il semplice ritiro di contante al bancomat potrebbe, dunque, a breve, diventare operazione quanto mai sospetta per il nostro fisco.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

15 Commenti

  1. Dopo 31 anni ho rinunciato alla iscrizione all’albo ed alla partita IVA. Che vadano al diavolo loro e il farraginoso ed inapplicabile sistema tributario.

  2. Ma il Fisco è a conoscenza che molti pagamenti “in nero” vengono versati su Carte Postepay, intestate ai creditori disonesti, che non risulteranno sui loro conti correnti bancari e postali?

  3. Ma perché solo per le partite IVA si può fare la presunzione di utilizzo illegale del contante? non può essere che anche un “onestissimo” lavoratore dipendente paghi il dentista oppure l’idraulico in nero?

  4. Volete combattere l’evasione?? Bene allora eliminate del tutto il contante facilitando gli anziani e chi è meno propenso nell’uso di mezzi informatici.

  5. Giustificherò i miei prelievi così: Sto mettendo da parte dei soldi per comprare una bomba, per far fuori tutti i politici a Roma

  6. gli scippi governativi continuano impuniti continueranno con la tassa sui bancomat.E Renzi ha avuto la spudoratezza di dire che avrebbe ridotto le tasse.:Che pallonaro,incapace ,circondato da sgherri da carcere Mamertino.! Vergognati,sei irreegolare in tutto.Ti devi levare di mezzo,stai devastando l’Italia.Hai fatto una brutta riuscita.Ci hai deluso.,sei peggio di chi ti ha preceduto.

  7. Sono i politici che devono dimostrare come spendono il denaro pubblico e cioè del popolo. Che dimostrino anche come hanno fatto le loro ricchezze.

  8. Cominciamo col dire che chi ha i soldi in nero non li deposita e di conseguenza non li preleva con il bancomat, continuiamo dicendo che con i miei soldi ci faccio quel che mi pare ( ogni campo e con tutti i vizi che mi porto appresso), e finiamo con chiedere a chi studia queste misure se sono d’accordo a percepire il lauto stipendio che hanno solo se queste misure avranno successo(ma se ne guarderanno bene anche perchè sanno già a priori che saranno inconcludenti)

  9. sono un pensionato al minimo non riesco ad arrivare al 15 di ogni mese. di che devo temere ?

  10. ( PER VOI POLITICI) NON CI SONO PROBLEMI GIUSTIFICATE TUTTO ANZI PIU’ SPENDETE PIU’ GIUSTIFICATE PIU’ SOLDI PUBBLICI VI RUBATE PERCHE’ TANTO POI ALLA FINE VI VERRA’ RIMBORSATO TUTTO.CHE BELLO COSI VERO???? RICORDATEVI SOLO UNA COSA “TEMPO E BEL TEMPO NON DURA TUTTO IL TEMPO” CHI VUOLE CAPIRE CAPISCA.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK