HOME Articoli

Lo sai che? Pubblicato il 6 gennaio 2016

Articolo di

Lo sai che? Precetto e avviso bonario: che differenza c’è?

> Lo sai che? Pubblicato il 6 gennaio 2016

Diffide ad adempiere entro 10 giorni: la sottile differenza tra la minaccia legale del pignoramento e il sollecito di pagamento.

Bisogna dire la verità: gli avvocati sanno benissimo come spaventare la controparte, minacciando una serie infinita di conseguenze, tra diffide, intimazioni, ricorsi, citazioni, querele e controquerele, azioni civili e penali, precetti, sanzioni, interessi, rivalutazione, condanne alle spese legali e onorari per ognuno di questi passaggi. Ma è anche vero che poi, solo pochi di questi strumenti sono realmente utilizzabili e, a volte, lo sono con una certa incertezza di fondo. Insomma, l’avvocato sa, più dello stesso cittadino, quanto costi la giustizia e quanto ognuno di questi passaggi sia oneroso in termini di energie e di costi. Sicché, in una struttura della strategia difensiva secondo “escalation”, ci si trova prima a tentare tutti i mezzi di soluzione bonaria della controversia. Lo stesso cliente è più felice se ottiene il risultato immediatamente senza tanti costi. E allora, ben potrebbe essere che, a fronte di un invito alla mediazione poi non segua alcuna citazione; che dopo la notifica della citazione non ci sia l’iscrizione a ruolo della causa; che dopo il deposito della sentenza di condanna e la notifica del precetto, poi non faccia seguito il pignoramento e l’esecuzione forzata. Insomma, se è vero che la paura è anche l’arma migliore per ottenere il risultato, è anche vero che, una volta cessata la paura – il che succede quando la controparte non ha molto da perdere – scema anche la speranza di recuperare qualcosa. E allora tanto meglio impiegare le energie in un’altra vertenza.

Ecco perché non poche volte gli avvocati notificano la citazione solo per sperare, nelle more, di ricevere un invito della controparte a una transazione che eviti loro la causa (capita spesso con le finanziarie o con le utenze di alcuni servizi rivolti al consumatore).

Meno frequente – perché i costi sono identici – ma non impossibile è la notifica di un avviso bonario rispetto all’atto di precetto. Cerchiamo di comprendere meglio quest’ultima ipotesi.

 

1 | IL PRECETTO

 

Cos’è un precetto? Partiamo da questo semplice interrogativo, dalla risposta ancora più semplice: il precetto consiste in una diffida ad adempiere. Si tratta, però, a differenza delle comuni diffide, di un atto che il creditore è obbligato, per legge, a notificare al debitore prima di poter procedere al pignoramento. E poiché il pignoramento può aver luogo solo se il creditore è già in possesso di un titolo esecutivo (una sentenza anche di primo grado, un decreto ingiuntivo, un assegno o una cambiale, un contratto di mutuo stipulato davanti al notaio, ecc.), può notificare il precetto solo colui che abbia già detto titolo.

Il precetto è dunque l’ultimo avviso rivolto al debitore, in cui gli si comunica gli estremi del titolo esecutivo vantato dal creditore (in modo tale da porte, eventualmente, far opposizione se qualcosa non è corretto), gli si intima formalmente di eseguire l’adempimento dell’obbligazione e gli si dà un termine massimo di 10 giorni, scaduti i quali si procederà al pignoramento (leggi “Cos’è un atto di precetto?”).

Il precetto ha un’efficacia di 90 giorni scaduti i quali non è più possibile procedere al pignoramento; bisognerà allora notificare un secondo precetto (detto “precetto in rinnovazione”) e così via fino al termine di prescrizione del titolo esecutivo (che, per le sentenze e i decreti ingiuntivi è di 10 anni), dopo il quale non si potrà più fare nulla.

Il precetto deve essere necessariamente notificato a mezzo di ufficiale giudiziario o con la posta elettronica certificata. Il fatto però che a portare il plico a casa sia il comune postino non esclude che si possa trattare di precetto. Difatti, per le notifiche a mezzo posta, gli ufficiali giudiziari si possono valere del servizio di Poste Italiane.

Allora il tratto distintivo della notifica a mezzo posta del precetto è la busta del colore verde tipico degli atti giudiziari.

Come si riconosce un precetto

Il precetto viene scritto dall’avvocato del cliente su comunissima carta e non ha formule prestabilite. Per cui, nella sostanza, potrebbe essere confuso con una semplice diffida. Tuttavia, a ben vedere, il precetto deve necessariamente contenere alcuni elementi richiesti dalla legge a pena di nullità, senza i quali non si può parlare di precetto. Essi sono:

– l’intestazione dell’atto (che, appunto, deve iniziare con la dicitura “Atto di precetto”);

– l’intimazione ad adempiere entro 10 giorni;

– l’avvertimento che, in caso di mancato adempimento, si potrà procedere ad esecuzione forzata;

– l’indicazione delle parti (creditore e debitore);

– la data in cui è stato notificato il titolo esecutivo: adempimento quest’ultimo obbligatorio che, tuttavia, può avvenire in tutt’uno con la notifica del precetto. Così, di norma, le sentenze vengono notificate con spillato a tergo il precetto;

– la trascrizione del titolo esecutivo se si tratta di cambiali o assegni (in pratica, il precetto indicherà tutti gli elementi del titolo esecutivo, come la data, il numero di serie, la banca, ecc.);

– la dichiarazione di residenza o l’elezione di domicilio della parte creditrice nel comune in cui ha sede il giudice dell’esecuzione;

– la firma della parte o, se redatto dall’avvocato, la firma di quest’ultimo e la procura del cliente (oppure la menzione della procura rilasciata su altro atto processuale precedentemente notificato alla parte);

– la notifica formale a mezzo dell’ufficiale giudiziario o per PEC.

LA DIFFIDA AD ADEMPIERE O L’AVVISO BONARIO

 

Anche la diffida o l’avviso bonario sono due atti redatti dalla parte o dal suo avvocato, che – anche se non succede spesso – potrebbero essere notificati con l’ufficiale giudiziario. Anch’esse, poi, potrebbero assegnare al debitore un termine di 10 giorni per l’adempimento. Tuttavia, a differenza del precetto:

– manca l’intestazione “Atto di precetto”;

– manca la formale intimazione ad adempiere con avvertimento che, in difetto, si procederà a pignoramento; al posto loro c’è un generico invito al pagamento;

– manca la dichiarazione di residenza e l’elezione di domicilio.

È, comunque, il tenore complessivo dell’atto che dovrebbe far comprendere, comunque, se si è in presenza di un precetto o di un avviso bonario. Nel secondo caso, infatti, il tono è certamente meno categorico e formale.

LE CONSEGUENZE

 

Stabilire se si è in presenza di un precetto o di un avviso bonario ha delle implicazioni pratiche non indifferenti. Solo nel primo caso, infatti, dopo 10 giorni sarà possibile ricevere la visita dell’ufficiale giudiziario; nel caso invece dell’avviso bonario nulla potrà avvenire nei confronti del debitore se prima non è stato notificato il precetto (sicché il debitore avrà ancora tempo per adempiere).

Dall’altro lato, invece, nel caso dell’avviso bonario, il debitore che riscontri delle anomalie e incongruenze non potrà presentare opposizione all’esecuzione forzata, davanti al giudice delle esecuzioni, dovendo perciò attendere il formale precetto (sul punto leggi l’interessante sentenza commentata nell’articolo “Precetto nullo: opposizione all’esecuzione impossibile”).

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK