codice-civile
Codice civile aggiornato  al  16 Gen 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 102 codice civile: Persone che possono fare opposizione

I genitori e, in mancanza loro, gli altri ascendenti e i collaterali entro il terzo grado possono fare opposizione al matrimonio dei loro parenti per qualunque causa che osti alla sua celebrazione (1).

Se uno degli sposi è soggetto a tutela o a cura, il diritto di fare opposizione compete anche al tutore o al curatore.

Il diritto di opposizione compete anche al coniuge della persona che vuole contrarre un altro matrimonio.

Quando si tratta di matrimonio in contravvenzione all’art. 89 (2), il diritto di opposizione spetta anche, se il precedente matrimonio fu sciolto, ai parenti del precedente marito e, se il matrimonio fu dichiarato nullo, a colui col quale il matrimonio era stato contratto e ai parenti di lui (3).

Il pubblico ministero deve sempre fare opposizione al matrimonio, se sa che vi osta un impedimento o se gli consta l’infermità di mente di uno degli sposi, nei confronti del quale, a causa dell’età, non possa essere promossa l’interdizione.


Commento

Ascendenti: [v. 87]; Tutela: [v. Libro I, Titolo X]; Curatela: [v. 344]; Matrimonio nullo: [v. Libro I, Titolo VI, Capo III, Sez. VI]; Interdizione: [v. 85].

Opposizione: atto con cui un soggetto rende nota l’esistenza di un impedimento alla celebrazione del matrimonio. Essa si realizza mediante la citazione degli sposi e dell’ufficiale di stato civile davanti al tribunale.

 

(1) Le cause di ostacolo alla celebrazione del matrimonio sono quelle previste dagli artt. 84-90.

L’opposizione deve essere proposta, con ricorso, al presidente del tribunale del luogo dove è stata effettuata la pubblicazione; questi fissa con decreto la comparizione delle parti davanti al collegio. Il tribunale, sentite le parti, ed acquisiti gli elementi del caso, decide con decreto motivato avente efficacia immediata. Nei casi in cui l’opposizione sia stata proposta da chi ne ha facoltà, il presidente del tribunale può, ove ne ravvisi l’opportunità, con proprio decreto, sospendere la celebrazione del matrimonio. Quando, invece, il matrimonio viene celebrato nonostante il giudizio di opposizione, l’ufficiale dello stato civile ne sospende la trascrizione all’esito della definizione del procedimento di opposizione.

(2) Si tratta del divieto temporaneo di nuove nozze.

(3) Il legislatore non fa riferimento alla legittimazione dell’ex coniuge in caso di scioglimento del matrimonio in quanto la norma è stata concepita quando l’unica ipotesi di scioglimento era quella di morte di uno dei coniugi. Alla luce della disciplina del divorzio (l. 898/1970), deve ritenersi che, anche in caso di divorzio, come in caso di nullità del matrimonio, il diritto di opposizione spetti anche all’ex coniuge.


Giurisprudenza annotata

Matrimonio

Ai sensi dell'art. 85 comma 2 c.c. deve essere sospesa la celebrazione del matrimonio a fronte della richiesta del p.m. intervenuto nel giudizio di opposizione al matrimonio fondata sulla pendenza di un procedimento di interdizione di uno dei nubendi.

Tribunale Foggia  14 agosto 2013

In materia di opposizione al matrimonio ex art. 102 c.c. e 59 e 60 d.P.R. n. 396 del 2000, è esclusa, in linea di principio, l'opposizione promossa dal p.m. ex art. 102 ultimo comma c.c. per l'incapacità naturale di uno dei nubendi, con l'unica eccezione relativa all'opposizione del p.m. fondata sull'infermità mentale di uno dei nubendi, per il quale, a causa dell'età, non possa essere promossa l'interdizione (art. 102 ultimo comma c.c.). Pertanto, fuori dai casi in cui l'età esclude il giudizio di interdizione, la misura di protezione contro il matrimonio dell'infermo di mente è la richiesta di una misura interdittiva accompagnata dall'istanza, ex art. 85 comma 2 c.c., per la sospensione della celebrazione del matrimonio; l'art. 85 c.c. non è, peraltro, estensibile al beneficiario dell'amministrazione di sostegno, essendo il diritto di sposarsi un diritto fondamentale della persona riconosciuto sia a livello costituzionale (art. 2 cost.), sia a livello sovranazionale.

Tribunale Varese  09 luglio 2012

 

 

 

 



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti