codice-civile
Codice civile aggiornato  al  16 Gen 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 1025 codice civile: Obblighi inerenti all’uso e all’abitazione

Chi ha l’uso di un fondo e ne raccoglie tutti i frutti o chi ha il diritto di abitazione e occupa tutta la casa è tenuto alle spese di coltura, alle riparazioni ordinarie e al pagamento dei tributi come l’usufruttuario.

Se non raccoglie che una parte dei frutti o non occupa che una parte della casa, contribuisce in proporzione di ciò che gode.


Commento

Frutti: [v. 820]; Riparazioni ordinarie: [v. 997]; Tributo: [v. 1961].


Giurisprudenza annotata

Separazione dei coniugi

Il comproprietario che utilizza il bene in via esclusiva non è tenuto a corrispondere alcunché al comproprietario che rimanga inerte, mentre è tenuto al pagamento della corrispondente quota di frutti civili detraibili dal godimento indiretto del bene, laddove l'altro comproprietario abbia manifestato l'intenzione di utilizzare anch'egli il bene in maniera diretta; qualora, tuttavia, i coniugi comproprietari di un immobile si sono accordati, in sede di separazione consensuale, perché lo stesso sia goduto da uno solo di essi in via esclusiva, il coniuge estromesso non può chiedere al coniuge che utilizza il bene in forza dell'accordo la corresponsione dei frutti civili detraibili dal godimento indiretto del bene, né tale diritto matura per il solo fatto di avere domandato la divisione del bene comune assegnato, poiché le condizioni della separazione consensuale, una volta omologate, sono modificabili solo dal competente giudice della separazione e non per unilaterale dissenso o ripensamento dell'originaria intesa coniugale.

Tribunale Roma sez. VIII  23 gennaio 2012 n. 1241



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti