Codice civile Aggiornato il 16 gennaio 2015

Codice civile Art. 1039 codice civile: Indennità per il passaggio temporaneo

Codice civile Aggiornato il 16 gennaio 2015



Qualora il passaggio delle acque sia domandato per un tempo non maggiore di nove anni, il pagamento dei valori e delle indennità indicati dall’articolo precedente è ristretto alla sola metà, ma con l’obbligo, scaduto il termine, di rimettere le cose nel primitivo stato.

Il passaggio temporaneo può essere reso perpetuo prima della scadenza del termine mediante il pagamento dell’altra metà con gli interessi legali dal giorno in cui il passaggio è stato praticato; scaduto il termine, non si tiene più conto di ciò che è stato pagato per la concessione temporanea.

Commento

Il legislatore ha ribadito l’obbligo di pagare il valore del terreno e di risarcire il danno, già previsto dall’art. 1038, ma ha anche precisato che i relativi pagamenti devono essere ridotti alla metà se l’utilità resa dall’acquedotto è temporanea.

Giurisprudenza annotata

Proprietà

Poiché, come è desumibile dagli art. 1038 e 1039 c.c. in tema di servitù di acquedotto, l'area occorrente per la realizzazione dell'acquedotto rimane in proprietà del titolare del fondo servente, con una limitazione di carattere superficiario sotto forma di compressione, finché dura la servitù, unicamente delle facoltà di godimento del suddetto incompatibili con il contenuto e l'esercizio della servitù stessa, nel caso di esperimento di "actio negatoria" al fine dell'osservanza delle distanze legali nelle costruzioni realizzate in prossimità di un manufatto, per cui il convenuto assuma che il diritto della controparte sia, non di natura dominicale, ma di servitù di acquedotto, inidoneo, come tale, a giustificare l'obbligo di osservare le suindicate distanze, incombe sull'attore in negatoria l'onere specifico di dimostrare la pretesa natura dominicale, e non già di semplice servitù, del diritto vantato sulle opere attraverso cui è esercitata la ricorrenza delle condizioni richieste per l'applicazione dell'art. 873 c.c.

Cassazione civile sez. II  12 novembre 1981 n. 6003  



Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK