codice-civile
Codice civile aggiornato  al  16 Gen 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 1072 codice civile: Estinzione per confusione

La servitù (1) si estingue quando in una sola persona si riunisce la proprietà del fondo dominante con quella del fondo servente.


Giurisprudenza annotata

Comunione e condominio

In mancanza di titoli che dispongano un diverso regolamento, la "communio incidens" di una strada agraria privata sorge per il solo fatto che essa sia stata costituita con il conferimento di sedime dei fondi latistanti, sicché, in tal caso, il diritto di proprietà "pro indiviso" dell'intera strada e la facoltà di utilizzarla per tutto il percorso e in tutte le direzioni spetta a tutti i comunisti, senza che rilevi la circostanza, che una porzione di detta strada (nella specie, quella finale) sia divenuta, per ambedue i lati che vi si affacciano, di proprietà di un unico frontista, non trovando applicazione l'istituto dell'estinzione per confusione ex art. 1072 cod. civ., che ha ad oggetto solo il diritto di servitù. Cassa con rinvio, App. Salerno, 01/04/2009

Cassazione civile sez. II  28 novembre 2014 n. 25364

 

 

Servitù

In tema di servitù prediali, nel caso in cui, per destinazione del padre di famiglia, siano sorte, a vantaggio di due fondi confinanti, ciascuno dominante e servente al tempo stesso, due distinte servitù, l'estinzione dell'una non travolge la conservazione e l'efficacia dell'altra, avendo ciascuna la propria autonomia.

Cassazione civile sez. II  20 luglio 2009 n. 16842  

 

La clausola di un atto di divisione per cui "tutte le strade campestri che adducono ai terreni dei vari lotti rimangono di uso comune per le rispettive necessità" è costitutiva non già di una comunione delle strade, bensì di una servitù di passaggio, soggetta ad estinzione per confusione, allorché più non sussista la pluralità di fondi appartenenti a diversi proprietari che utilizzino le strade medesime.

Tribunale Siena  16 febbraio 1984

 

Nell'ipotesi di servitù costituita a vantaggio di un edificio condominiale non si hanno tante autonome servitù a favore delle unità immobiliari in cui è diviso l'immobile, ma va ravvisata una sola servitù, come a tutti i partecipanti il condominio ,in quanto tale servitù, oltre ad accedere all'intero stabile nel suo complesso, comprensivo cioè delle parti comuni e dei singoli appartamenti, viene, altresì esercitata indistintamente da tutti i condomini nel loro interesse collettivo, del quale è espressione il condominio come organizzazione di gruppo.

Cassazione civile sez. II  04 dicembre 1982 n. 6603  

 

L'aggregazione ad un fondo soggetto a servitù di passaggio d'una parte adiacente del fondo dominante, nella quale è situato l'accesso al fondo servente, non determina l'estinzione della servitù nè l'impossibilità del suo esercizio, ma comporta la persistenza della servitù a favore del residuo fondo dominante ed a carico del fondo servente nella sua maggiore entità risultante da tale aggregazione. Pertanto, nell'ipotesi in cui il passaggio avvenisse in precedenza in un luogo specifico (nella specie: tramite un cancello sito nella recinzione posta al confine originario tra i due fondi), la nuova situazione determina la necessità dello spostamento del luogo di accesso, che deve essere realizzato in guisa da soddisfare con pari comodità, rispetto al passato, il bisogno del fondo dominante e senza maggiori aggravi per il fondo servente.

Cassazione civile sez. II  07 maggio 1980 n. 3022  

 

 

Luci e vedute

In tema di servitù di veduta, quando esistono più finestre aventi le caratteristiche di veduta, ognuna di esse è sufficiente a costituire l'oggetto di un separato diritto di servitù, sicché, ai fini dell'applicazione delle norme concernenti la costituzione, l'esercizio o l'estinzione di tale ius in re aliena, bisogna avere riguardo a ciascuna veduta, tranne che diversamente risulti dal titolo.

Cassazione civile sez. II  05 marzo 1982 n. 1391  



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti