codice-civile
Codice civile aggiornato  al  16 Gen 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 11 codice civile: Persone giuridiche pubbliche

Le province e i comuni (1), nonché gli enti pubblici (2) riconosciuti come persone giuridiche godono dei diritti secondo le leggi e gli usi osservati come diritto pubblico.


Commento

Enti pubblici: persone giuridiche attraverso cui la Pubblica Amministrazione esercita attività amministrativa. Perseguono interessi generali, propri dello Stato, spesso godono di una posizione di supremazia nei confronti degli altri soggetti con cui vengono in rapporto. La legge 70/1975 ha previsto criteri tassativi per l’esatta classificazione degli (—), suddividendoli in:

  1. a) enti «necessari», soggetti, cioè, allo Statuto del parastato;
  2. b) enti sottratti allo Statuto;
  3. c) enti inutili ossia soppressi;
  4. d) altri enti.

 

(1) E le Regioni e gli altri enti territoriali come le circoscrizioni comunali, le comunità montane, le città metropolitane; istituite successivamente all’entrata in vigore del codice, rientrano nell’ambito della previsione normativa di quest’articolo e pertanto rimangono escluse dalla disciplina contenuta negli articoli di questo titolo in quanto disciplinate dal diritto amministrativo.

(2) Come, ad esempio, le Università e le Camere di Commercio, nonché tutti gli altri enti pubblici non territoriali (che non operano cioè in un ambito territoriale limitato).


Giurisprudenza annotata

Mandato e rappresentanza

Le comunicazioni che il mandatario deve effettuare al mandante, in esecuzione del mandato (ivi comprese quelle del difensore al suo assistito) non devono necessariamente avere la forma scritta né devono essere effettuate con formule particolari ovvero fornite di requisiti di professionalità. Ne consegue che, ai fini della comunicazione, salvo i casi in cui una forma determinata sia prescritta per legge o per espressa volontà delle parti, può essere impiegato qualsiasi strumento e qualsiasi forma, purché congrui in concreto a far apprendere compiutamente nel suo giusto significato il contenuto della dichiarazione. Ciò significa che tali comunicazioni ben possono essere anche verbali, né la natura ricettizia della stessa esclude tale forma. Ciò va affermato sulla base dell'applicabilità anche a tale tipo di comunicazione dei principi di cui all'art. 1335 c.c., che esprime un principio generale applicabile a tutte le dichiarazioni ricettizie.

(Cass. Civ Sez. III 16/01/2013 n. 938)

 

 

Comuni e Province Enti Pubblici

Nel caso di cessione di quote azionarie di società comunale la capacità della p.a. di stipulare il relativo contratto, correlata alla soggettività giuridica ad essa riconosciuta dall'art. 11 c.c. "secondo le leggi e gli usi osservati come diritto pubblico", sussiste solo quando sia esercitata conformemente alle procedure definite dal legislatore per il perseguimento di finalità di pubblico interesse, né la mancanza di capacità dell'Amministrazione può essere giudicata alla stregua di una causa di annullamento del contratto ai sensi dell'art. 1425 c.c., poiché il minor rigore con il quale l'ordinamento giudica la causa di invalidità, in ragione della necessità di preservare l'apprezzamento discrezionale del contraente privato portatore dell'interesse leso, non ricorre nel caso in cui l'assenza di capacità del soggetto pubblico dipenda dalla violazione di norme dettate a tutela dell'ordine pubblico economico; segue da ciò che la violazione di norme imperative finalizzate ad assicurare i valori di buon andamento ed imparzialità dell'azione amministrativa di cui all'art. 97 cost., comportando il difetto della capacità di agire dell'Amministrazione, denota il vizio genetico della formazione della volontà e della scelta del contraente, in un ambito che attiene pur sempre all'assolvimento di funzioni amministrative, riflettendosi sulla validità dell'atto di alienazione, con le conseguenze di cui all'art. 1418 comma 1, c.c.

(Cons. Stato Sez. V 01/03/2010 n. 1156)

 

Nel caso di costituzione da parte di un Comune di un ente per manifestazioni teatrali , la natura pubblica del primo non è sufficiente ad attribuire natura pubblicistica al secondo e neppure rileva - per escludere la natura privata - che esso persegua finalità non di lucro, mentre, al di là della varianti di ciascuna figura, i caratteri distintivi dell'ente pubblico sono da rinvenirsi, più che nei fini di pubblico interesse da esso perseguiti, nello speciale regime giuridico che li contraddistingue e nell'inserimento istituzionale, variamente atteggiato, delle persone giuridiche pubbliche nell'organizzazione della p.a. come organismi ausiliari per il raggiungimento di finalità di interesse generale, con conseguente collocazione delle medesime in una posizione giuridica implicante, da un lato, l'attribuzione di poteri e prerogative analoghi a quelli dello Stato e degli enti territoriali e, dall'altro, l'assoggettamento ad un sistema di controlli inversamente proporzionale all'autonomia dell'ente, ma in ogni caso di un certo grado di intensità, nonché di ingerenza nella gestione dell'ente.

(Cass. Civ Sez. I 27/07/2007 n. 16600)

 

Solo gli organi rappresentativi degli enti pubblici territoriali (sindaco del Comune, presidente della Provincia) sono abilitati ad esprimere, con atti scritti, la volontà negoziale delle relative amministrazioni nei confronti dei terzi. (Nella specie il conduttore di un appartamento di proprietà di una Provincia intendeva eseguire una modifica strutturale, per cui era necessario il consenso scritto dell'ente; il giudice di merito, con la sentenza confermata dalla S.C., aveva escluso che il parere positivo formulato da un ufficio tecnico interno - seguito da un diniego degli organi competenti - potesse rivestire vincolante valore ricognitivo e confessorio circa la necessità dell'intervento proposto ai fini dell'eliminazione degli inconvenienti lamentati dall'inquilino)

(Cass. Civ Sez. III 18/02/2007 n. 1878)

 

 

Opere Pubbliche

La capacità di diritto privato delle persone giuridiche è potenzialmente generale, ma per gli enti pubblici incontra il limite della "competenza" attribuita all'ente, che è delimitata da norme qualificabili come imperative ai sensi dell'art. 1418 c.c., sicché la loro violazione comporta la radicale invalidità dell'atto compiuto dall'ente, in quanto affetto da incapacità negoziale; ne consegue che deve ritenersi in tal senso viziato il contratto col quale il comune abbia affidato ad un professionista l'incarico di aggiornare il progetto relativo ad un'opera pubblica, da realizzarsi nella città di Palermo e rientrante tra quelle considerate di preminente interesse nazionale dal d.l. n. 19 del 1988 conv. con modificazioni in l. n. 99 del 1988, giacché tale normativa ha trasferito ogni competenza in materia al Presidente del Consiglio dei ministri.

(Cass. Civ Sez. II 21/04/2000 n. 5234)

 

 

Competenza Civile

La competenza con riguardo alla domanda di annullamento di una delibera condominiale relativa alla ripartizione tra i condomini di una spesa, esattamente determinata nel suo ammontare, si determina (quando non siano in discussione i criteri generali astrattamente stabiliti per la ripartizione delle spese tra i condomini) a norma degli art. 11 e 14 c.p.c. in base al valore complessivo della somma da ripartire e non in base al valore della singola quota del condomino che ha assunto l'iniziativa giudiziaria.

(Cass. Civ Sez. II 13/06/1994n. 5726)

 

 

Giurisdizione Civile

La natura pubblica degli enti che concorrono a formare un nuovo ente non è sufficiente ad attribuire natura pubblicistica a quest'ultimo, sebbene esso risulti costituito per perseguire anche finalità riguardanti i soggetti che lo compongono; nè può ritenersi indicativa della natura pubblica di un'associazione la partecipazione ai suoi organi di rappresentanti dei soggetti pubblici che l'hanno formata. Pertanto, la controversia relativa al rapporto di lavoro alle dipendenze dell'associazione degli ordini professionali (ordine dei dottori commercialisti della circoscrizione dei tribunali di Perugia e di Orvieto, collegio dei ragionieri della circoscrizione dei tribunali di Perugia e Spoleto, consiglio provinciale dei consulenti del lavoro della provincia di Perugia), avendo tale associazione (costituita per la gestione di servizi comuni) natura non di ente pubblico ma di associazione (non riconosciuta) di diritto privato, è devoluta alla giurisdizione del giudice ordinario.

(Cass. Civ. Sez. Unite 23/11/1993 n. 11541)

 



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti