codice-civile
Codice civile aggiornato  al  16 Gen 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 1368 codice civile: Pratiche generali interpretative

Le clausole ambigue s’interpretano secondo ciò che si pratica generalmente nel luogo (1) in cui il contratto è stato concluso.

Nei contratti in cui una delle parti è un imprenditore, le clausole ambigue s’interpretano secondo ciò che si pratica generalmente nel luogo in cui è la sede dell’impresa (2).


Commento

Clausola: [v. 1363]; Contratto: [v. Libro IV, Titolo II]; Imprenditore: [v. 2082].

 

(1) Si tratta dei cd. usi interpretativi, cioè quei comportamenti dai quali è possibile ricavare il significato che individui di un certo luogo danno nella pratica a clausole di per sé ambigue. Sugli usi negoziali, v. art. 1340.

 

(2) Nel caso di conflitto tra sede registrata e sede effettiva [v. 46] prevale quest’ultima. Se il contratto è concluso tra due imprese torna a prevalere la regola che richiama gli usi del luogo di formazione del contratto.

 

Il ricorso alle abitudini locali in tema di affari si giustifica per il fatto che normalmente il contratto si adegua al significato che gli viene riconosciuto in un dato ambiente socio-economico.


Giurisprudenza annotata

Obbligazioni e contratti.

Le regole legali di ermeneutica contrattuale sono governate da un principio di gerarchia, in forza del quale i criteri degli artt. 1362 e 1363 c.c. prevalgono su quelli integrativi degli artt. 1365 - 1371 c.c., posto che la determinazione oggettiva del significato da attribuire alla dichiarazione non ha ragion d'essere quando la ricerca soggettiva conduca ad un utile risultato ovvero escluda da sola che le parti abbiano posto in essere un determinato rapporto giuridico; ne consegue che l'adozione dei predetti criteri integrativi non può portare alla dilatazione del contenuto negoziale mediante l'individuazione di diritti ed obblighi diversi da quelli contemplati nel contratto o mediante l'eterointegrazione dell'assetto negoziale previsto dai contraenti, neppure se tale adeguamento si presenti, in astratto, idoneo a ben contemperare il loro interessi (nella specie, relativa all'interpretazione di un contratto di compravendita di immobili, nel quale l'acquirente si era obbligata a impiantare a cura e spese proprie e senza oneri ed obblighi a carico della parte venditrice, un ascensore fino a raggiungere il piano ove erano ubicate le unità abitative compravendute, a condizione che tale realizzazione fosse compatibile alla tecnica e pratica eseguibilità dell'opera, la Corte ha confermato la decisione dei giudici del merito, i quali avevano evidenziato che l'acquirente non avrebbe potuto realizzare l'ascensore senza acquisire superfici di proprietà di terzi e non avendo essa alcun obbligo di acquisirle , siccome non esplicitato nel contratto né desumibile diversamente, l'esecuzione dell'ascensore si sarebbe dovuta qualificare come incompatibile con la tecnica e pratica eseguibilità dell'opera nella situazione data, donde, di conseguenza, la predetta acquirente si sarebbe dovuta ritenere esonerata dall'obbligo di realizzare l'ascensore, per una impossibilità oggettiva di adempimento della prestazione concordata).

Cassazione civile sez. II  08 novembre 2013 n. 25243  

 

In tema di interpretazione del contratto, gli "usi interpretativi", di cui all'art. 1368 c.c., costituiscono un criterio ermeneutico di carattere oggettivo e, sussidiario, il quale presuppone, secondo l'espresso tenore letterale della stessa disposizione (che riferisce l'applicabilità di tale criterio alle "clausole ambigue"), una persistente incertezza in ordine all'identificazione dell'effettiva volontà delle parti, rimanendo, pertanto, escluso allorché questa risulti determinata o determinabile, senza margini di dubbio, attraverso l'adozione di prioritari criteri legali di ermeneutica, come quelli (art. da 1362 a 1365 c.c.) che regolano l'interpretazione soggettiva (o storica) del contratto. Avendo, inoltre, dette pratiche interpretative carattere negoziale e non normativo, è onere della parte dedurre l'esistenza, il contenuto e la non corretta applicazione di determinati usi, che siano stati oggetto di specifica allegazione nel giudizio di merito.

Cassazione civile sez. II  30 aprile 2012 n. 6601  

 

Gli usi interpretativi costituiscono un criterio ermeneutico di carattere oggettivo e, quindi sussidiario, che presuppone - secondo l'espresso tenore letterale dell'art. 1368 c.c. (che riferisce l'applicabilità di tale criterio alla clausole ambigue) - una persistente incertezza in ordine alle identificazioni della effettiva volontà delle parti ed è - pertanto - escluso allorché questa risulti determinata o determinabile, senza margini di dubbio, attraverso l'adozione di prioritari criteri legali di ermeneutica come quelli che regolano la interpretazione soggettiva (o storica) del contratto.

Cassazione civile sez. II  30 aprile 2012 n. 6601

 

Le regole interpretative, elencate negli articoli da 1362 a 1371 del codice civile, sono ordinate secondo un criterio gerarchico: l'attività ermeneutica si incentra nella ricerca della comune intenzione delle parti contraenti ed ove il significato letterale delle parole e delle espressioni del contratto risulti sufficientemente preciso, vale a dire certo ed immediato, all'interprete è preclusa l'applicazione di ulteriori criteri ermeneutici sussidiari.

Tribunale Milano  15 dicembre 2009

 

Le regole legali di ermeneutica contrattuale sono elencate negli art. 1362-1371 c.c. secondo un ordine gerarchico. Le norme degli art. 1362-1365, quindi, precedono quelle integrative recate dagli art. 1366-1371 escludendone l'applicabilità quando le prime rendano palese la comune volontà dei contraenti. Pertanto, qualora il senso letterale delle espressioni impiegate riveli con chiarezza e univocità la volontà comune e non sussistano residue ragioni di divergenza tra il tenore letterale del negozio e l'intento effettivo avuto di mira, il giudice del merito deve arrestarsi al significato letterale delle parole e non può fare ricorso agli ulteriori criteri di ermeneutica, se non (fuori dalla ipotesi di ambiguità della clausola) previa rigorosa dimostrazione della insufficienza del mero dato letterale a evidenziare in modo soddisfacente la volontà contrattuale. (Nella specie il promittente acquirente era stato immesso nel godimento dell'immobile oggetto del contratto con il divieto di eseguire opere che non potessero essere rimosse senza arrecare danni all'immobile e con la facoltà, per l'altra parte, di ritenere a titolo gratuito ogni opera eventualmente eseguita in caso di restituzione alla promittente venditrice del bene promesso in vendita per qualsiasi causa. Avendo la Corte di appello affermato che la espressione per qualsiasi causa dovesse interpretarsi come idonea a fondare la facoltà della promittente venditrice di ritenere le opere solo nel caso in cui l'acquirente fosse stato tenuto a restituire il bene per fatto a sé imputabile, da escludersi nella specie; in applicazione del principio di cui sopra la Suprema Corte ha cassato la pronunzia del giudice "a quo").

Cassazione civile sez. II  30 ottobre 2009 n. 23066  



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti