codice-civile
Codice civile aggiornato  al  16 Gen 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 1377 codice civile: Trasferimento di una massa di cose

Quando oggetto del trasferimento è una determinata massa di cose, anche se omogenee, si applica la disposizione dell’articolo precedente, ancorché, per determinati effetti, le cose debbano essere numerate, pesate o misurate (1).


Commento

(1) La norma si riferisce ad un contratto traslativo avente ad oggetto un gruppo identificato di cose, le quali sono considerate come un’unica cosa e trasferite per un prezzo unico. Si ha vendita di massa anche quando le cose devono essere numerate, pesate o misurate, al fine di determinare il prezzo totale.


Giurisprudenza annotata

Truffa

In tema di truffa contrattuale, la condotta tipica del reo, oltre che attraverso la esposizione di dati falsi o menzogneri, può integrarsi anche attraverso il silenzio maliziosamente serbato su alcune circostanze rilevanti sotto il profilo sinallagmatico da parte di colui che abbia il dovere di farle conoscere. Tale silenzio deve essere serbato da chi abbia il dovere di far conoscere determinate circostanze e la fonte del dovere di informazione può risiedere anche in una norma extrapenale come gli art. 1377 o 1759 c.c. Anche il mero silenzio, in queste ipotesi, costituisce una forma di raggiro, in quanto la condotta dell'autore, pur consistendo nel tacere una determinata circostanza, è attivamente orientata a indurre in errore il debitore sulla permanenza della causa dell'obbligazione e quindi dell'obbligo di continuare ad eseguire la prestazione.

Tribunale Lecce  14 luglio 2009

 

 

Vendita

La vendita in massa si differenzia dalla vendita di cose determinate solo nel genere per il diverso modo con le quali le parti si riferiscono all'oggetto del contratto, nel senso che mentre la prima ipotesi ricorre quando l'oggetto sia una quantità di merci (omogenee od eterogenee) considerate nel loro complesso ed acquistate e vendute per un prezzo unico senza riferimento al peso, al numero ed alla misura, nel secondo caso, l'individuazione è un presupposto necessario perché possa avvenire il trasferimento dì proprietà dal venditore al compratore. Ne consegue che, in forza dell'art. 1465 comma 3 c.c., nel caso di perimento della cosa per una causa non imputabile all'alienante, l'acquirente non è liberato dall'obbligo di eseguire la controprestazione qualora sia avvenuta la consegna ovvero la cosa sia stata individuata.

Tribunale Bologna sez. II  17 ottobre 2006 n. 2396  

 

 

Pubblica amministrazione

In caso di oscurità ed equivocità delle clausole del bando di gara pubblica, un corretto rapporto tra amministrazione e privato, che sia rispettoso dei principi generali del buon andamento dell' azione amministrativa e di imparzialità e di quello specifico enunciato nell' art. 1337 c.c., impone che di quella disciplina sia data una lettura idonea a tutelare l'affidamento degli interessati in buona fede, interpretando le clausole per ciò che esse espressamente dicono, restando il concorrente dispensato dal ricostruire, con indagini ermeneutiche ed integrative, ulteriori ed inespressi significati, oltretutto contrastanti con la normativa interna e comunitaria. ( Annulla Tar Emilia Romagna, Bologna, 31 luglio 2004 n. 2347 ).

Consiglio di Stato sez. V  30 agosto 2005 n. 4413

 

 

Telecomunicazioni

Gli operatori della telefonia mobile sono obbligati a restituire il credito residuo all'utente che per usufruire del servizio abbia acquistato una ricarica, senza aver consumato l'intero traffico telefonico, ovvero, in caso di passaggio ad altro operatore, a trasferire tale credito a quest'ultimo.

T.A.R. Roma (Lazio) sez. III  27 febbraio 2008 n. 1775  

 

 

Lavoro subordinato

I doveri di correttezza e buona fede contrattuali di cui agli art. 1175, 1366, 1375, 1377 c.c., costituendo canone giuridico di interpretazione del contratto e di valutazione del comportamento reciproco delle parti, impediscono che possa essere irrogata un'unica sanzione espulsiva per più comportamenti che avrebbero potuto essere singolarmente sanzionati con provvedimenti graduali e conservativi.

Tribunale Milano  23 luglio 2007

 



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti