Codice civile Aggiornato il 16 gennaio 2015

Codice civile Art. 1378 codice civile: Trasferimento di cosa determinata solo nel genere

Codice civile Aggiornato il 16 gennaio 2015



Nei contratti che hanno per oggetto il trasferimento di cose determinate solo nel genere (1), la proprietà si trasmette con l’individuazione fatta d’accordo tra le parti o nei modi da esse stabiliti (2). Trattandosi di cose che devono essere trasportate da un luogo a un altro, l’individuazione avviene anche mediante la consegna al vettore o allo spedizioniere.

Commento

Contratto: [v. Libro IV, Titolo II].

 

Cosa generica: cosa individuata solo per la sua appartenenza ad un genere (genus) e non per le sue qualità specifiche (es.: dieci litri di vino rosso).

 

Individuazione: scelta o distacco di una porzione da una massa di cose.

 

(1) La norma si riferisce ad un contratto traslativo [v. 1376] avente ad oggetto cose determinate solo nel genere. A differenza degli altri contratti traslativi, il contratto produce i suoi effetti non nel momento in cui le parti raggiungono l’accordo contrattuale, ma solo quando esse concordemente specificano qual è il bene da trasferire (es.: un chilo di mele messe nel sacchetto dopo la pesatura).

 

(2) Pertanto, fino a quando non avviene l’individuazione, il rischio della distruzione delle cose resta addossato al venditore (che ne è ancora proprietario), che sarà sempre tenuto a fornirle procurandosele altrove.

Giurisprudenza annotata

Obbligazioni e contratti.

La vendita di un'autovettura designata solo per marca, tipo e accessori, non è una vendita di cosa altrui o cosa futura, ma una vendita di cosa appartenente a genere limitato, che fa sorgere a carico del venditore il duplice obbligo di individuare la "res" e di consegnarla nel luogo pattuito. L'individuazione necessaria all'effetto reale deve essere fatta col concorso di entrambe le parti, sicché la mancata importazione del veicolo dal luogo di produzione a quello di consegna rende il venditore inadempiente ad entrambe le dette obbligazioni. Rigetta, App. Torino, 06/09/2011

Cassazione civile sez. VI  19 giugno 2014 n. 14025  

 

Non è affetto da nullità, per indeterminabilità dell'oggetto, il contratto con il quale si prevede il trasferimento di un certo numero di rami d'azienda, non espressamente individuati tra i tanti di cui sia titolare l'obbligato, con le relative concessioni per la gestione di stazioni di servizio per la distribuzione di carburanti, venendo in rilievo un'obbligazione avente ad oggetto cose determinate solo nel genere, espressamente disciplinata dall'art. 1178 cod. civ., che impone al debitore di prestare cose di qualità non inferiore alla media. Cassa con rinvio, App. Roma, 07/12/2005

Cassazione civile sez. I  11 luglio 2013 n. 17200

 

Nella vendita di cose determinate solo nel genere, l'individuazione di esse, necessaria perché all'effetto obbligatorio segua quello reale del trasferimento della proprietà dal venditore al compratore, deve essere fatta in presenza e con il concorso di entrambe le parti, salvo che i contraenti abbiano stabilito di comune accordo altre misure idonee a realizzare la separazione delle cose dal genus e ad assicurarne la non sostituibilità da parte del venditore. (Nella specie, la S.C., confermando la sentenza impugnata, ha ritenuto che la dizione in fattura "materiale a vs. disposizione presso nostro deposito" stesse ad indicare la intervenuta individuazione della merce ed il perfezionarsi della consegna con la messa a disposizione, nonché il sorgere dell'obbligazione di pagare il corrispettivo).

Cassazione civile sez. II  28 aprile 2011 n. 9466

 

Il contratto che non identifica l'oggetto neppure con il ricorso a terzi, né si desume essere identificato solo nel genere, è nullo per indeterminatezza dell'oggetto.

Tribunale Lamezia Terme  22 luglio 2009

 

 

Assicurazione

Ai sensi dell'art. 1918 c.c., l'alienazione delle cose assicurate comporta il passaggio al compratore dei diritti derivanti dal contratto di assicurazione stipulato dal venditore a copertura dei rischi del trasporto. Ne deriva che per individuare il soggetto assicurato e in quanto tale legittimato a richiedere l'indennizzo per la perdita della merce, occorre accertare se, al momento in cui tale perdita si è verificata, la merce sia stata o meno alienata dal venditore all'acquirente e cioè se il trasferimento della proprietà si sia o meno già compiuto. Nel caso di vendita di cose determinate solo nel genere, l'art. 1378 c.c. dispone che la proprietà si trasmette con l'individuazione, fatta d'accordo tra le parti o nei modi da esse stabiliti; qualora si tratti di cose da trasportare, l'individuazione avviene anche mediante la consegna al vettore o allo spedizioniere.

Corte appello Roma sez. II  29 gennaio 2009 n. 433  

 

In tema di contratto di assicurazione per conto di chi spetta, nella vendita di cose mobili da trasportarsi da un luogo ad un altro, se il trasporto è eseguito dal venditore in proprio è a lui che spetta l'indennizzo per il furto della merce verificatosi durante il viaggio di consegna; va escluso, infatti, il diritto dell'acquirente di agire nei confronti dell'assicurazione, perché la proprietà delle cose vendute si considera ancora del venditore, non potendosi fare applicazione dell'art. 1510 comma 2 c.c., per cui il venditore, rimettendo al vettore o allo spedizioniere le cose oggetto della vendita, non solo si libera dell'obbligazione della loro consegna e dei rischi connessi al loro perimento, ma trasferisce all'acquirente, salvo patto contrario, anche la loro proprietà, con la conseguenza che, a seguito di detta consegna, la qualità di assicurato si trasferisce dal venditore all'acquirente.

Cassazione civile sez. III  28 marzo 2008 n. 8063  

 

 

Intermediari finanziari

Il trasferimento della proprietà dello strumento finanziario dematerializzato, assimilabile a bene mobile immateriale, si perfeziona solo con il compimento della registrazione in accredito, ad opera dell'intermediario, sull'apposito conto aperto dall'acquirente nel luogo in cui tale conto è acceso; detta registrazione, concretizzando la consegna dematerializzata della "species" di valori appartenenti al "genus" dedotto in obbligazione, rappresenta per l'appunto l'individuazione di questi ultimi e segna il momento a partire dal quale la titolarità sugli stessi può considerarsi trasferita all'acquirente.

Cassazione penale sez. V  21 gennaio 2009 n. 7769  

 

 

Reati finanziari.

Ai fini della determinazione della competenza per territorio, il luogo di consumazione del reato di cui all'art. 180 comma 1 lett. a) d.lg. n. 58 del 1998 (abuso di informazioni privilegiate) - commesso attraverso l'acquisto di strumenti finanziari dematerializzati, utilizzando informazioni privilegiate di cui l'agente sia a diverso titolo in possesso - deve essere individuato in quello in cui risulti effettuata la registrazione dei titoli sul conto dell'acquirente, che segna il momento del trasferimento della proprietà dei beni oggetto di compravendita. Annulla senza rinvio, App. Milano, 12 novembre 2007

Cassazione penale sez. V  21 gennaio 2009 n. 7769  

 

 

Fallimento

Nel caso in cui la risoluzione di un contratto di compravendita venga pronunciata, dopo il fallimento del venditore, per inadempimento di quest'ultimo anteriore al fallimento medesimo, il credito del compratore alla restituzione del prezzo pagato non è prededucibile ai sensi dell'art. 111, n. 1, l. fall., ma deve trovare collocazione, previa insinuazione nello stato passivo, secondo la disciplina della par condicio creditorum, in quanto, pur avendo titolo nella sentenza di risoluzione emessa in corso del fallimento del venditore - debitore, ha causa in un fatto anteriore all'apertura della procedura concorsuale e si traduce in un obbligo, da parte degli organi di questa, di restituire una somma di denaro, costituente per sua natura un bene di genere, corrispondente a quella ricevuta.

Cassazione civile sez. I  03 febbraio 2006 n. 2439  



Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK