codice-civile
Codice civile aggiornato  al  16 Gen 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 1519-quate codice civile

ARTICOLO ABROGATO DAL D.LGS. 6 SETTEMBRE 2005, N. 206


Giurisprudenza annotata

Vendita

Chiesta dall'attore la riparazione o la sostituzione della res acquistata (nella specie: apparecchio telefonico) o, in subordine, il rimborso del prezzo, invocando a fondamento della domanda il cattivo funzionamento della res, deve essere cassata la sentenza con cui il giudice del merito ha - facendo riferimento alle richieste di riparazione e sostituzione - escluso che l'azione non potesse essere inquadrata nella fattispecie di cui all'art. 1490 c.c., ritenendo che l'attore avesse inteso invocare la tutela di cui all'art. 1519 quater c.c. A prescindere dal considerare che la domanda risulta - nella specie - formulata anteriormente all'entrata in vigore del d.lg. n. 24 del 2002 che ha introdotto l'art. 1519 quater c.c., la proposta domanda di rimborso del prezzo versato postulava e implicava la necessaria risoluzione del contratto, che ne costituiva la indispensabile premessa. Deriva da quanto precede, pertanto, che l'attore aveva invocato i rimedi previsti dall'art. 1492 c.c. nel caso di vizi della cosa, che nella specie erano individuati nel difettoso funzionamento dell'apparecchio. Del tutto irrilevante, al riguardo, era la formulazione di ulteriori richieste che, eventualmente, avrebbero dovuto essere dichiarate inammissibili, in relazione all'azione proposta.

Cassazione civile sez. II  05 giugno 2014 n. 12695  

 

La disciplina della vendita dei beni di consumo di cui agli art. 1519 bis e ss. c.c., oggi sostituita dagli art. 128 e ss. d.lg. n. 206 del 2005, prevede che il venditore ha l'obbligo di consegnare al consumatore beni conformi al contratto di vendita (art. 1519 ter c.c.), essendo responsabile in caso di difetto di conformità e, in tale ipotesi, dovendo provvedere al ripristino, senza spese per il consumatore, della conformità del bene (art. 1519 quater c.c.), potendo agire in regresso verso il produttore o precedente venditore della medesima catena contrattuale distributiva o qualsiasi altro intermediario (art. 1519 quinquies c.c.), tenuto conto che, comunque, la disciplina della vendita dei beni di consumo non esclude né limita i diritti attribuiti al consumatore da altre norme dell'ordinamento (art. 1519 nonies c.c)

Tribunale Novara  22 settembre 2011 n. 648  

 

 

Procedimento innanzi al Giudice di Pace

In considerazione del modesto valore delle controversie soggette alla giurisdizione equitativa e dell'intenzione del legislatore di approntare per esse una metodica decisionale celere e, per quanto possibile, vicina alla giustizia del caso singolo, deve ritenersi che la categoria dei principi informatori della materia - vincolanti per il giudice di pace a seguito della sentenza n. 206 del 2004 della Corte cost. - si riferisce ai canoni fondamentali che ispirano la disciplina di un istituto. (Nella specie, la S.C., - in relazione alla vendita di un'auto usata che aveva presentato improvvisi guasti, fatti riparare dall'acquirente senza informare il venditore - ha confermato la sentenza del giudice di pace, resa secondo equità, che aveva condannato il venditore al rimborso, escludendo che tra i principi informatori della materia possa rientrare l'obbligo per il consumatore di informare sempre e comunque il venditore prima di eseguire la riparazione, obbligo previsto dall'art. 1519 quater c.c., applicabile ratione temporis alla controversia).

Cassazione civile sez. II  26 marzo 2009 n. 7372  

 

 

Tutela del consumatore

La tutela del consumatore prevista dall’epoca vigente art. 1519-quater c.c. trova applicazione anche nell’ipotesi di vendita di beni di consumo usati, ma in questo caso opera, tenuto conto del tempo del pregresso utilizzo, limitatamente ai difetti non derivanti dall’uso normale della cosa.

Tribunale Mondovi'  18 dicembre 2006 n. 289  



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti