codice-civile
Codice civile aggiornato  al  16 Gen 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 1546 codice civile: Responsabilità per debiti ereditari

Il compratore, se non vi è patto contrario, è obbligato in solido col venditore a pagare i debiti ereditari (1).


Commento

Patto contrario: [v. 1544]; Obbligazioni solidali: [v. 1292].

 

(1) Questo avviene perché il compratore acquista l’eredità e quindi oltre alle attività (rapporti giuridici patrimoniali attivi) anche le passività (es.: debiti), delle quali ultime, a meno che non si accordi diversamente col venditore, dovrà rispondere nei confronti dei terzi creditori. I creditori potranno però rivolgersi per il pagamento direttamente al venditore (ipotesi di accollo cumulativo [v. 1273]).


Giurisprudenza annotata

 

Sanità

Nei rapporti tra centri accreditati e S.s.n. il cd. "tetto di spesa" non acquista efficacia imperativa in quanto inserito negli accordi contrattuali fra l'ente sanitario e l'operatore privato, bensì a ragione del carattere autoritativo della programmazione della spesa, che gli enti del S.s.n. hanno il potere-dovere di fare annualmente. Di conseguenza la (pretesa) decadenza dell'accordo contrattuale non autorizza di per sé l'operatore ad esigere dal S.s.n. la remunerazione delle prestazioni eccedenti il suddetto "tetto di spesa", neanche a titolo di ingiustificato arricchimento, atteso il carattere "chiuso" del sistema normativo della regolazione dei rapporti fra gli enti sanitari e i soggetti accreditati.

Consiglio di Stato sez. III  18 febbraio 2013 n. 980  

 

 

Vendita

L'erede che abbia venduto la quota di beni ereditari pervenutagli non è obbligato a chiamare in giudizio il compratore per essere manlevato dal pagamento del debito ereditario, essendo l'esercizio di tale garanzia rimesso alla volontà della parte e potendo anche la garanzia stessa essere esclusa da accordi interni non apparenti nell'atto (pubblico) di trasferimento della quota.

Cassazione civile sez. II  25 maggio 1982 n. 3181  

 

Il coerede che alieni la sua quota di eredità rimane sempre coerede, e come tale responsabile per i debiti ereditari, in solido con il compratore quando la responsabilità di quest'ultimo non sia esclusa da patto contrario a norma dell'art. 1546 c.c.

Cassazione civile sez. II  25 maggio 1982 n. 3181 



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti