codice-civile
Codice civile aggiornato  al  16 Gen 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 1646 codice civile: Rapporti fra gli affittuari uscente e subentrante

L’affittuario uscente deve mettere a disposizione di chi gli subentra nella coltivazione i locali opportuni e gli altri comodi occorrenti per i lavori dell’anno seguente; il nuovo affittuario deve lasciare al precedente i locali opportuni e gli altri comodi occorrenti per il consumo dei foraggi e per le raccolte che restano da fare.

Per l’ulteriore determinazione dei rapporti tra l’affittuario uscente e l’affittuario subentrante si osservano le disposizioni delle norme corporative e, in mancanza, gli usi locali.


Commento

Usi locali: pratiche generalizzate in un dato luogo o settore di affari, che regolano lo svolgimento dei rapporti contrattuali in mancanza di altre disposizioni (di legge o fissate dalle parti). In concreto, saranno gli usi a regolare i rapporti tra affittuario uscente ed entrante.

 

 

 

 

 


Giurisprudenza annotata

Lavoro subordinato

In assenza di una previsione collettiva relativa al periodo di comporto per i rapporti di lavoro a tempo determinato è necessario, per la determinazione di quest'ultimo, ricorrere alle altre fonti previste dall'art. 2110 c.c., principalmente all'intervento equitativo del giudice. Occorre riproporzionare il periodo di comporto in modo tale da far salva la causa del contratto e mantenere costante l'equilibrio dello scambio fra prestazione e controprestazione, rispettando i limiti di cui all'art. 1646 c.c.

Tribunale Torino  08 giugno 2002



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti