codice-civile
Codice civile aggiornato  al  16 Gen 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 1673 codice civile: Perimento o deterioramento della cosa

Se, per causa non imputabile ad alcuna delle parti, l’opera perisce o è deteriorata prima che sia accettata dal committente o prima che il committente sia in mora a verificarla, il perimento o il deterioramento è a carico dell’appaltatore, qualora questi abbia fornito la materia.

Se la materia è stata fornita in tutto o in parte dal committente, il perimento o il deterioramento dell’opera è a suo carico per quanto riguarda la materia da lui fornita, e per il resto è a carico dell’appaltatore.


Commento

Perimento: distruzione, disfacimento dell’opera.

Deterioramento: alterazione, danneggiamento dell’opera.

 


Giurisprudenza annotata

Nave

Il committente della costruzione di una nave non può chiederne la consegna, previa separazione dall'attivo fallimentare, prima dell'ultimazione di essa perché il relativo contratto, salva volontà contraria delle parti, per espresso richiamo dell'art. 241 c.nav., è disciplinato dalla normativa dell'appalto, sì che egli ne diviene proprietario soltanto con il completamento e l'accettazione dell'opera, mentre la trascrizione del nome committente nel registro delle navi in costruzione è idonea soltanto a vincere la presunzione, disposta dall'art. 238 c.nav., della costruzione per conto del costruttore, e il consenso di quegli al varo della nave, previsto dall'art. 243 c.nav., è necessario perché prelude all'accettazione di essa.

Cassazione civile sez. II  29 aprile 1998 n. 4350  

 

Il committente della costruzione di una nave non può chiederne la consegna, previa separazione dall'attivo fallimentare, prima dell'ultimazione di essa perché il relativo contratto, salva volontà contraria delle parti, per espresso richiamo dell'art. 241 c. nav., è disciplinato dalla normativa dell'appalto, sì che egli ne diviene proprietario soltanto con il completamento e l'accettazione dell'opera, mentre la trascrizione del nome del committente nel registro delle navi in costruzione è idonea soltanto a vincere la presunzione, disposta dall'art. 238 c. nav., della costruzione per conto del costruttore, e il consenso del committente al varo della nave, previsto dall'art. 243 c. nav., è necessario perché prelude all'accettazione di essa.

Cassazione civile sez. II  29 aprile 1998 n. 4350

 

 

Appalto

Allorché l'appaltatore non agisca quale "nudus minister", cioè senza libertà di determinazione e di decisione, nell'esecuzione dei lavori commessigli, la sua responsabilità per i danni cagionati a terzi nell'esplicazione della sua autonoma attività è governata dalle regole proprie degli atti illeciti extracontrattuali, per cui egli risponde dei danni che siano derivati dalla inosservanza delle regole tecniche e della comune diligenza, anche quando l'opera sia stata compiuta sotto il controllo di un direttore dei lavori e la inosservanza dipenda dal fatto colposo del direttore medesimo o da difetto del progetto, ipotesi che fa configurare un concorso di colpa con l'appaltatore ma non l'esonero di responsabilità di questo ultimo.

Cassazione civile sez. II  11 aprile 1991 n. 3801

 

Comunione e condominio

In caso di danni provocati ad un appartamento da infiltrazioni di umidità imputabili all'omessa o insufficiente collocazione di teli protettivi al termine di ogni giornata di lavoro per evitare le conseguenze dell'insorgenza di piogge, il condomino proprietario dell'appartamento deve agire direttamente nei confronti della ditta appaltatrice alla quale erano stati affidati i lavori di impermealizzazione e di pavimentazione dell'appartamento al piano superiore, in quanto che, per tutto il tempo dell'esecuzione dell'appalto, il potere di controllo e di vigilanza sul bene passa dal condominio all'appaltatore.

Tribunale Milano  21 gennaio 1991

 



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti