Codice civile Aggiornato il 16 gennaio 2015

Codice civile Art. 1734 codice civile: Revoca della commissione

Codice civile Aggiornato il 16 gennaio 2015



Il committente può revocare l’ordine di concludere l’affare fino a che il commissionario non l’abbia concluso. In tal caso spetta al commissionario una parte della provvigione, che si determina tenendo conto delle spese sostenute e dell’opera prestata (1).

Commento

Revoca: atto unilaterale di volontà del committente di ritirare l’incarico dato al commissionario. Essa, a norma dell’art. 1723, si qualifica come causa estintiva del mandato [v. 1328].

 

(1) La norma attribuisce al committente il potere di sciogliersi unilateralmente dal vincolo contrattuale, revocando l’incarico conferito. Il committente realizza così un atto lecito che risulta però dannoso per il commissionario: a tal fine egli sarà tenuto a pagare un indennizzo (nel quale si computano, per intero, le spese sostenute ed una parte proporzionale dell’intero compenso dovuto), ed a rispettare un limite temporale (momento della conclusione del contratto) al di là del quale il potere di revoca non potrà essere più esercitato.

 

 



Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK