codice-civile
Codice civile aggiornato  al  16 Gen 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 1795 codice civile: Diritti del possessore della sola fede di deposito

Il possessore della sola fede di deposito può ritirare le cose depositate anche prima della scadenza del debito per cui furono costituite in pegno, depositando presso i magazzini generali la somma dovuta alla scadenza al creditore pignoratizio (1).

Sotto la responsabilità dei magazzini generali, quando si tratta di merci fungibili, il possessore della sola fede di deposito può ritirare anche parte delle merci, depositando presso i magazzini generali una somma proporzionale all’ammontare del debito garantito dalla nota di pegno e alla quantità delle merci ritirate (2).


Commento

(1) Il deposito prima della scadenza realizza una sostituzione dell’oggetto della garanzia reale sostituendo alle merci depositate una somma. Più precisamente si dà origine ad un pegno irregolare (ossia avente ad oggetto beni fungibili) a favore del possessore della nota di pegno. Il deposito della somma avvenuto, invece, dopo la scadenza del credito garantito dalla nota, è liberatorio, in quanto il magazzino è considerato «persona legittimata a riceverlo» [v. 1188] e, dunque, è unico obbligato nei confronti del possessore della nota.

 

(2) La facoltà del possessore della fede di ritirare anche in parte le merci oggetto di garanzia, costituisce vistosa deroga al principio d’indivisibilità del pegno per il quale la garanzia si estende su tutto il bene che ne forma oggetto.

 



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti