Codice civile Aggiornato il 16 gennaio 2015

Codice civile Art. 1796 codice civile: Diritti del possessore della nota di pegno insoddisfatto

Codice civile Aggiornato il 16 gennaio 2015



Il possessore della nota di pegno, che non sia stato soddisfatto alla scadenza e che abbia levato il protesto a norma della legge cambiaria, puo’ far vendere le cose depositate in conformità dell’art. 1515, decorsi otto giorni da quello della scadenza.

Il girante che ha pagato volontariamente il possessore della nota di pegno è surrogato nei diritti di questo, e può procedere alla vendita delle cose depositate decorsi otto giorni dalla scadenza.

Commento

(1) Il protesto (la cui disciplina è stata modificata dalla l. 18-8-2000, n. 235) è un atto pubblico, redatto da un notaio o da altro pubblico ufficiale, nel quale si accerta in forma solenne l’avvenuta presentazione della cambiale o dell’assegno bancario ed il conseguente rifiuto di accettare o pagare. È chiaro che esso risulta inutile ove il mancato pagamento del debitore sia attestato da una sua dichiarazione scritta e datata sulla nota, nonché da lui sottoscritta.



Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK