codice-civile
Codice civile aggiornato  al  16 Gen 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 1889 codice civile: Polizze all’ordine e al portatore

Se la polizza di assicurazione è all’ordine o al portatore, il suo trasferimento importa trasferimento del credito verso l’assicuratore, con gli effetti della cessione.

Tuttavia l’assicuratore è liberato se senza dolo o colpa grave adempie la prestazione nei confronti del giratario o del portatore della polizza, anche se questi non è l’assicurato.

In caso di smarrimento, furto o distruzione della polizza all’ordine, si applicano le disposizioni relative all’ammortamento dei titoli all’ordine (1).


Commento

(1) La polizza assicurativa può essere emessa sia con la clausola all’ordine che al portatore; tali fattispecie hanno lo scopo di favorire la circolazione dell’obbligazione cui è tenuto l’assicuratore, realizzando il trasferimento del credito ad altro soggetto. La polizza all’ordine o al portatore costituisce un titolo di credito in senso improprio [v. 2002].

Relativamente alle modalità di circolazione delle polizze queste circolano come titoli di credito e quindi attraverso la girata (polizza all’ordine) o con la semplice consegna (polizza al portatore). Esse consentono di individuare il soggetto che è legittimato alla prestazione dell’assicuratore.


Giurisprudenza annotata

Assicurazione

L'inquadramento tra i titoli impropri della polizza di assicurazione contro i danni emessa all'ordine di un terzo, comporta che il trasferimento della polizza può avvenire indipendentemente dalla notifica del trasferimento (ex art. 1264 c.c.) all'assicuratore, tuttavia il richiedente l'indennità di assicurazione deve fornire la dimostrazione della qualità di cessionario della polizza e conseguentemente anche l'assicuratore, che agisce nei confronti del danneggiante in surrogazione dell'assicurato, deve fornire la dimostrazione di aver pagato l'indennità a colui che si presentava come legittimo possessore della polizza di assicurazione.

Cassazione civile sez. III  19 aprile 1994 n. 3728



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti