codice-civile
Codice civile aggiornato  al  16 Gen 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 1967 codice civile: Prova

La transazione deve essere provata per iscritto, fermo il disposto del n. 12 dell’art. 1350.


Giurisprudenza annotata

Transazione

La transazione deve essere provata per iscritto e la trascrizione di conversazioni telefoniche non costituisce documento, né costituisce riproduzione meccanica di un documento.

Cassazione civile sez. II  31 marzo 2014 n. 7505  

 

La prova scritta della transazione, necessaria ai sensi dell'art. 1967 cod. civ., non può consistere nella trascrizione di colloqui telefonici, la quale non è "documento", né la riproduzione meccanica di un documento. Rigetta, Trib. Roma, 14/02/2007

Cassazione civile sez. II  31 marzo 2014 n. 7505

 

In tema di transazione stipulata dal lavoratore e dal datore di lavoro, non è ammissibile la prova testimoniale relativa al diverso contenuto del rapporto transattivo risultante dal documento sottoscritto dalle parti, sia nel caso di patti aggiunti o contrari al contenuto del documento, ostandovi il principio di cui all'art. 2725 c.c., sia nel caso si intenda provare un contenuto diverso dell'atto rispetto a quello sottoscritto, ostandovi l'art. 1967 c.c. (Nella specie, la S.C. ha confermato la sentenza di merito che aveva ritenuto inammissibile la richiesta di prova in ordine alla sottoscrizione per errore materiale di modulo recante transazione diverso da quello effettivamente voluto dalle parti).

Cassazione civile sez. lav.  02 agosto 2007 n. 17015  

 

Solo per i contratti per i quali è prescritta la forma scritta ad substantiam - e non anche, pertanto, per quelli per i quali la forma scritta è richiesta solo ad probationem - la volontà comune delle parti deve rivestire tale forma per tutti gli elementi essenziali e, pertanto, l'oggetto di esso deve essere almeno determinabile in base a elementi risultanti dall'atto stesso e non aliunde. Correttamente, pertanto, in presenza di un contratto di transazione il giudice del merito ricava aliunde quali sono le «rinunzie» reciproche fattesi dalle parti, ove nella scrittura che questo documenta le stesse siano solo genericamente indicate, potendo, in caso di transazione, il giudice trarre la prova delle reciproche concessioni dal complesso dell'atto nonché da elementi, eventualmente, esterni a questo. (Conferma App. Venezia 13 marzo 2003).

Cassazione civile sez. III  08 giugno 2007 n. 13389  

 

La transazione deve essere provata per iscritto (art. 1967 c.c.); pertanto tutti gli elementi costitutivi del negozio transattivo debbono risultare dal documento, non essendo possibile ricorrere, neppure a fini integrativi, alla prova per testimoni o per presunzioni.

Cassazione civile sez. II  28 aprile 2005 n. 8875  

 

La transazione deve essere provata per iscritto (art. 1967 c.c.); pertanto tutti gli elementi costitutivi del negozio transattivo debbono risultare dal documento, non essendo possibile ricorrere, neppure a fini integrativi, alla prova per testimoni o per presunzioni

Corte appello Firenze sez. I  19 ottobre 2004

 

 

L'"atto di transazione e quietanza", pur redatto su modulo intestato della compagnia assicurativa ma sottoscritto solo dai danneggiati, non costituisce nè contratto definitivo nè valida proposta contrattuale, ed è quindi insufficiente la mera accettazione conforme del destinatario, mancando la forma scritta. Essa, infatti, rappresenta una "quietanza liberatoria condizionata al concreto pagamento della somma concordata" anticipatamente rilasciata da parte del danneggiato su modulo predisposto dall'assicuratore e destinata ad assumere valore giuridico di quietanza liberatrice solo all'atto del concreto ed effettivo pagamento della somma a cui essa si riferisce.

Corte appello Torino sez. III  18 giugno 2004

 

La disposizione contenuta nell'art. 1967 c.c., per cui la transazione deve essere provata per iscritto, non consente che elementi costitutivi del contratto di transazione (fra i quali la reciprocità delle concessioni), siano desunti per presunzione. La quietanza sottoscritta dall'assicurato non può quindi essere considerata prova per la parziale desistenza dell'assicuratore da una posizione di maggior resistenza per il fatto che sia stata predisposta dallo stesso assicuratore e contenga l'offerta di un indennizzo parametrato ad invalidità inferiori per durata e gravità rispetto a quelli inizialmente affermati dall'assicurato.

Tribunale Milano  21 febbraio 2002

 

 

Obbligazioni e contratti

In tema di interpretazione della volontà delle parti, all'accordo conciliativo di una controversia si applicano le norme sulla transazione, tra cui l'art. 1967 c.c., con la conseguenza che per l'individuazione dell'oggetto di essa, ed in particolare della prestazione cui si è obbligato uno dei contraenti, possono soccorrere soltanto le regole ermeneutiche stabilite dagli art. 1362 ss. c.c., con esclusione di dati interpretativi che non abbiano riferimento nel testo scritto, ivi compresi i fatti notori. (Nella specie, la sentenza di merito, confermata dalla S.C, ha negato che l'accordo relativo al passaggio attraverso o lungo un fiume comprendesse l'obbligo di una delle parti di costruire opere stabili e permanenti nel corso d'acqua, dovendosi escludere, anche in considerazione dei divieti normativi vigenti, che l'accordo tra le parti potesse riguardare opere necessarie in tali casi "secondo il notorio").

Cassazione civile sez. III  22 luglio 2004 n. 13613  

 

 

Pubblica Amministrazione

Le transazioni concluse da un ente pubblico debbono, a pena di nullità, assumere forma scritta, in quanto prevale, sulla regola generale di cui all'art. 1967 c.c., che richiede, per tale tipo di contratto, detta forma solo "ad probationem", il principio, avente carattere di specialità, secondo il quale i contratti della p.a. richiedono la forma scritta "ad substantiam".

Cassazione civile sez. I  06 giugno 2002 n. 8192  

 



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti