codice-civile
Codice civile aggiornato  al  16 Gen 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 1986 codice civile: Annullamento e risoluzione del contratto

La cessione può essere annullata se il debitore, avendo dichiarato di cedere tutti i suoi beni, ha dissimulato parte notevole di essi (1), ovvero se ha occultato passività o ha simulato passività inesistenti (2) (3).

La cessione può essere risoluta per inadempimento secondo le regole generali (4).


Commento

 

(1) La dissimulazione va intesa sia come occultamento giuridico che come occultamento materiale. Se essa non riguarda una parte notevole dei beni, si configura un’ipotesi di dolo incidentale, sicché i creditori hanno solo la possibilità di ottenere il risarcimento del danno.

 

(2) Nelle ipotesi di occultamento di passività o di simulazione di passività inesistenti, non è richiesta una particolare rilevanza dei beni occultati o simulati come condizione per l’azione di annullamento.

 

(3) Oltre alla facoltà di annullamento, i creditori possono procedere esecutivamente verso il debitore. Peraltro, non può escludersi, a seguito dell’annullamento, la pretesa del risarcimento del danno a carico del debitore cedente.

Il termine di prescrizione dell’azione di annullamento (dieci anni) decorre dalla scoperta della dissimulazione, dell’occultamento o della simulazione.

 

(4) La cessione è un contratto di durata per cui sarà applicabile il disposto di cui all’art. 1458 (in tema di effetti della risoluzione).

 



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti