codice-civile
Codice civile aggiornato  al  16 Gen 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 2007 codice civile: Distruzione del titolo

Il possessore del titolo al portatore, che ne provi la distruzione, ha diritto di chiedere all’emittente il rilascio di un duplicato o di un titolo equivalente.

Le spese sono a carico del richiedente.

Se la prova della distruzione non è raggiunta, si osservano le disposizioni dell’articolo precedente.


Commento

Distruzione del titolo: il documento si considera distrutto quando non esiste più materialmente (es.: in seguito ad un incendio) o quando non riescono ad identificare i suoi peculiari segni di individuazione. La distruzione differisce dal deterioramento, perché in quest’ultimo caso il titolo è esistente, ed il suo stato permette ancora l’individuazione dei suoi elementi e contenuti caratteristici.


Giurisprudenza annotata

Titolo di credito all’ordine: categoria di titoli di credito. Il titolo contiene nominalmente l’indicazione del soggetto a cui, inizialmente, spetta la prestazione. Il trasferimento di un titolo si effettua con la materiale consegna del titolo a cui, necessariamente, si deve accompagnare la girata, cioè l’ordine vincolante di effettuare la prestazione ad un soggetto.

Il titolo può anche non indicare inizialmente il nome del soggetto a cui spetta la prestazione, ma è necessario che risulti inequivocabilmente la possibilità del trasferimento mediante girata.

 

(1) La serie continua di girate è una serie formalmente continua di trasferimenti. In pratica, bisognerebbe poter risalire fino al primo soggetto indicato come destinatario della prestazione. È quindi necessario che i vari trasferimenti siano fatti seguendo la regolarità formale delle girate e che, quindi, tutti i singoli passaggi siano stati effettuati conformemente alla disciplina legislativa.

 



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti