codice-civile
Codice civile aggiornato  al  16 Gen 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 220 codice civile

ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151


Giurisprudenza annotata

Adozione

Va considerato pregiudizievole ai più vitali interessi del minore, figlio di una coppia di colore immigrata in Italia, il comportamento dei genitori, i quali, pur avendone la possibilità, omettano di istaurare con il figlio, fin dalla nascita e per alcuni anni, un adeguato, significativo rapporto di cure e d'affetto, disertando quasi sistematicamente gli incontri fissati dal servizio sociale e sostanzialmente disinteressandosi del minore, non potendo costituire valida giustificazione di una condotta siffatta, nè le inevitabili, ed in fondo normali, difficoltà logistiche e lavorative incontrate dalla coppia ai fini del suo inserimento nella società italiana, nè l'appartenenza di quest'ultima ad una etnia ed a una cultura diverse profondamente dalla nostra matrice etnica e culturale, appartenenza che ha provocato, in conformità alle convinzioni, ai costumi ed ai canoni esistenziali dei genitori, il loro sostanziale disinteresse per la figlia allorché ne hanno accertato il benessere, sotto ogni riguardo, presso la famiglia affidataria. Acclarata la situazione di sostanziale abbandono, il giudice non può, pertanto, disporre la restituzione del minore ai genitori, dovendo mantenere, invece, la situazione di affidamento a terzi allorché sia certo che con gli affidatari il minor abbia instaurato un valido e proficuo rapporto di vita e d'affetti, tanto da essersi perfettamente inserito, senza alcun inconveniente, nella famiglia d'accoglienza e da avere assunto le abitudini ed il comune modo di agire e di sentire (per ciò che concerne la pratica religiosa, la frequenza scolastica, le abitudini alimentari, la lingua, ecc.) della realtà familiare e sociale in cui, da tempo, egli vive e della quale si sente parte integrante ed integrata, senza che, in contrario, possa rilevare in alcun modo, ai fini di un suo rientro nella famiglia di sangue, la sua appartenenza ad una razza e ad una etnia e cultura del tutto diverse.

Corte appello Napoli  09 novembre 1995

 

 

Potestà genitoriale

È inammissibile il ricorso per cassazione proposto ai sensi dell'art. 111 cost. avverso il decreto della Corte d'appello che, in sede di reclamo, confermi il provvedimento con cui il tribunale ha disposto in via d'urgenza la somministrazione di vaccinazione obbligatoria a un minore.

Cassazione civile sez. I  27 giugno 1994 n. 6147  



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti