codice-civile
Codice civile aggiornato  al  16 Gen 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 2208 codice civile: Responsabilità personale dell’institore

L’institore è personalmente obbligato se omette di far conoscere al terzo che egli tratta per il preponente (1); tuttavia il terzo può agire anche contro il preponente per gli atti compiuti dall’institore, che siano pertinenti all’esercizio dell’impresa a cui è preposto (2).


Commento

 

Institore: [v. 2203].

Preponente: colui che mette l’institore a capo dell’impresa mediante un atto di preposizione.

 

(1) Si tratta dell’applicazione del principio della spendita del nome che si trova alla base del fenomeno della rappresentanza [v. 1387 ss.]. È opportuno chiarire, però, che la semplice omissione della spendita del nome non è sufficiente a far considerare l’institore responsabile nei confronti dei terzi. Per la sussistenza di una tale responsabilità è necessario che l’institore abbia tenuto un comportamento idoneo ad ingenerare nella controparte (terzo) il convincimento che egli fosse l’effettivo titolare del rapporto giuridico (tutela dell’affidamento).

(2) Nella parte finale dell’articolo è, quindi, prevista una corresponsabilità del preponente e dell’institore che trova la sua base in una presunzione [v. 2727] di spendita del nome relativa agli atti compiuti dall’ institore nell’ esercizio dell’impresa.


Giurisprudenza annotata

Impresa ed imprenditore

La nomina di un institore non esclude la responsabilità del titolare dell'impresa per gli atti dallo stesso compiuti, evincendosi dal sistema, ed in particolare dall'art. 2208 c.c., che l'imprenditore risponde in via presuntiva di tutti gli atti compiuti in suo nome nella sede dell'impresa stessa, per essere a lui riferibili, secondo i principi fondamentali dell'apparenza giuridica e dell'affidamento, le attività svolte da coloro i quali, a qualsiasi titolo, agiscano nella suddetta sede quali suoi incaricati o che, ragionevolmente, possano essere considerati tali.

Cassazione civile sez. III  16 aprile 2013 n. 9130

 

La nomina di un institore non esclude la responsabilità del titolare dell'impresa per gli atti dallo stesso compiuti, evincendosi dal sistema, ed in particolare dall'art. 2208 c.c., che l'imprenditore risponde in via presuntiva di tutti gli atti compiuti in suo nome nella sede dell'impresa stessa, per essere a lui riferibili, secondo i principi fondamentali dell'apparenza giuridica e dell'affidamento, le attività svolte da coloro i quali, a qualsiasi titolo, agiscano nella suddetta sede quali suoi incaricati o che, ragionevolmente, possano essere considerati tali.

Cassazione civile sez. trib.  15 marzo 2006 n. 5671  

 

Dal sistema della legge e, in particolare, dalla norma di cui all'art. 2208 c.c., si evince che il titolare dell'impresa è, per presunzione, responsabile di tutti gli atti compiuti in suo nome nella sede dell'impresa stessa, essendo a lui riferibili, in base ai fondamentali principi dell'appartenenza giuridica e dell'affidamento, le attività svolte da coloro i quali, a qualsiasi titolo, agiscano nella suddetta sede quali suoi incaricati o che, ragionevolmente, possano essere considerati tali.

Cassazione civile sez. II  11 novembre 1986 n. 6596  

 

 

Agenzia

L'agente titolare di autonoma agenzia ovvero cosiddetto mandatario della società italiana degli autori ed editori (SIAE), ancorché munito del potere di rappresentanza, può stipulare, in nome e per conto proprio, senza spendere il nome della società, i contratti di locazione relativi agli immobili ove esercita la attività, con la conseguenza che soltanto lui va considerato conduttore di tali immobili con la facoltà di cederne il rapporto; nè tali contratti ed i correlati diritti di conduttore sono riferibili alla SIAE per essere stati conclusi in sua rappresentanza a norma dell'art. 2208 o 2210 c.c., qualora l'agente sia dipendente di ruolo della detta società, trattandosi di atto estraneo all'esercizio dell'impresa a cui l'agente sia preposto come institore od alle operazioni di cui sia incaricato come commesso.

Cassazione civile sez. III  13 giugno 1989 n. 2870  



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti