codice-civile
Codice civile aggiornato  al  16 Gen 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 2330 codice civile: Deposito dell’atto costitutivo e iscrizione della società

Il notaio che ha ricevuto l’atto costitutivo deve depositarlo entro venti giorni (1) presso l’ufficio del registro delle imprese nella cui circoscrizione è stabilita la sede sociale, allegando i documenti comprovanti la sussistenza delle condizioni previste dall’articolo 2329.

Se il notaio o gli amministratori non provvedono al deposito nel termine indicato nel comma precedente, ciascun socio può provvedervi a spese della società (2).

L’iscrizione della società nel registro delle imprese è richiesta contestualmente al deposito dell’atto costitutivo. L’ufficio del registro delle imprese, verificata la regolarità formale della documentazione, iscrive la società nel registro (3).

Se la società istituisce sedi secondarie, si applica l’articolo 2299.


Commento

Atto costitutivo: [v. 2295]; Registro delle imprese: [v. 2188]; Amministratori: [v. 2298]; Sede secondaria: [v. 2295].

(1) La nuova formulazione della norma riduce il termine previsto per il deposito e, dunque, per la richiesta di iscrizione al Registro delle Imprese, da trenta a venti giorni, ciò al fine di velocizzare la pubblicità legale per questi soggetti. Tale termine decorre dalla data di stipula; nei casi in cui è prevista la concessione di autorizzazioni, invece, decorre dal momento in cui queste sono consegnate al notaio.

(2) In questo caso il notaio e gli amministratori sono puniti con sanzione amministrativa pecuniaria [v. 2630].

(3) Il controllo dei funzionari del registro delle imprese è relativo alla sola regolarità formale della documentazione.

Il controllo del notaio, invece, ha anche carattere sostanziale in quanto tende ad accertare che la costituenda società sia conforme alla legge.


Giurisprudenza annotata

Società, deposito dell'atto costitutivo, Notaio

In materia di costituzione e/o modifica dell’atto costitutivo di società di capitali, per effetto dell’entrata in vigore della disciplina di cui alla l. 340/2000, confermata dalla riforma del diritto societario del 2003, ed in particolare da quanto previsto dagli art. 2330 e 2436 cc, il controllo di legalità sostanziale e formale sull’atto compete al Notaio.

Tribunale Arezzo  04 giugno 2013

 

È legittimo il rifiuto opposto dall'ufficio del registro delle imprese alla registrazione di atto costitutivo di società per azioni a partecipazione comunale, redatto dal segretario del Comune interessato anziché da notaio.

Tribunale Verona  07 novembre 2001

 

Rifiutato dal notaio il deposito di una deliberazione modificativa dello statuto di una società cooperativa, tanto, gli amministratori, quanto i soci, possono instaurare dinanzi al tribunale ricorso per omologa, così come disciplinato dal novellato art. 2411 c.c., sulla sola base della comunicazione scritta del notaio, senza che rilevi la motivazione addotta da quest'ultimo a fondamento del rifiuto.

Tribunale Trento  11 gennaio 2001

 

 

Omologazione

Il fatto che la società ricorrente avesse già ottenuto l'omologazione dal tribunale per l'esercizio delle attività di ricezione e trasmissione delle scommesse, non si pone in contrasto con il diniego della Questura di Lecce al rilascio dell'autorizzazione ex art. 88 t.u. leggi di pubblica sicurezza, poiché il provvedimento di omologazione non presuppone che la società abbia già l'autorizzazione all'esercizio delle attività per la quale è richiesta, salvo i casi espressamente previsti dalla legge. Del resto il provvedimento di volontaria giurisdizione adottato dall'autorità giudiziaria ordinaria in sede di omologazione della società, ex art. 2330 c.c., non può ovviamente esplicare efficacia di giudicato nei confronti della p.a. e non può neanche privare, di fatto, il g.a. della giurisdizione sulla legittimità del diniego dell'autorizzazione.

T.A.R. Lecce (Puglia) sez. I  15 marzo 2004 n. 1880  

 

Alla luce dell'art. 32 l. 24 novembre 2000 n. 340 e del nuovo testo degli art. 2330 e 2436 c.c., così come modificati dal d.lg. 17 gennaio 2003 n. 6, in attuazione della legge delega per la riforma organica della disciplina delle società di capitali e cooperative (l. 3 ottobre 2001 n. 366), deve escludersi il controllo omologatorio in ordine alla deliberazione di trasformazione di un consorzio intercomunale in s.p.a. adottata dall'assemblea ai sensi dell'art. 115 d.lg. 18 agosto 2000 n. 267.

Tribunale S.Maria Capua V.  28 febbraio 2003

 

L'art. 2330, comma 2, c.c., nel consentire al socio, in caso di inerzia dell'amministratore e del notaio, il deposito dell'atto costitutivo presso l'ufficio del Registro delle Imprese, non legittima altresì una sua sostituzione processuale ai soggetti legittimati all'esperimento dell'azione di reclamo avverso il diniego di omologazione, non potendosi equiparare l'inerzia dell'amministratore e del notaio nel curare il deposito dell'atto costitutivo (atto dovuto) alla loro successiva acquiescienza al decreto di rigetto del ricorso (atto discrezionale). La sostituzione processuale da parte di chi non sia investito del potere di rappresentanza, nè sopperisca a situazione di impossibilità dell'avente diritto, non trova giustificazione nel "favor societatis", non invocabile a scopo argomentativo laddove manchi positivamente una volontà sociale.

Corte appello Roma  05 luglio 2000

 

La revoca del decreto di omologazione di atti societari, inammissibile dopo l'iscrizione nel registro delle imprese di atti per i quali la pubblicità produca effetti costitutivi, è invece sempre consentita in relazione alle deliberazioni per le quali l'iscrizione medesima abbia valore di mera pubblicità dichiarativa, con conseguente cessazione dei loro effetti a partire dal momento in cui l'iscrizione sia stata cancellata in conseguenza del provvedimento di revoca.

Tribunale Arezzo  21 marzo 2000



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti