codice-civile
Codice civile aggiornato  al  16 Gen 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 2338 codice civile: Obbligazioni dei promotori

I promotori sono solidalmente responsabili verso i terzi per le obbligazioni assunte per costituire la società.

La società e’ tenuta a rilevare i promotori dalle obbligazioni assunte e a rimborsare loro le spese sostenute, sempre che siano state necessarie per la costituzione della società o siano state approvate dall’assemblea.

 

Se per qualsiasi ragione la società non si costituisce, i promotori non possono rivalersi verso i sottoscrittori delle azioni (1).


Commento

Promotori: [v. 2333]; Responsabilità solidale: [v. 1292]; Assemblea: [v. 2341ter]; Sottoscrittori: [v. 2331].

(1) Il rischio dell’insuccesso dell’operazione è, quindi, a carico dei promotori.

 


Giurisprudenza annotata

Farmacie

Posto che ai sensi della legislazione vigente, tra i soggetti obbligati all’iscrizione nella gestione assicurativa degli esercenti attività commerciale, oltre ai titolari degli esercizi debbano essere compresi anche i coadiutori familiari che partecipino al lavoro aziendale con carattere di abitualità e prevalenza e che i farmacisti titolari di esercizi in cui si vendano anche prodotti parafarmaceutici sono imprenditori commerciali ai sensi dell’art. 2338, comma 1, c.c., in quanto tali tenuti ad iscriversi alla Camera di commercio e assoggettabili al fallimento,i coadiutori familiari del farmacista non iscritti all’albo professionale, preposti all’attivitàdi vendita di prodotti parafarmaceutici e che partecipano agli utili dell’impresa familiare costituita ai sensi dell’art. 230 bis c.c., sono tenuti ad iscriversi alla Gestione Inps. Il farmacista è esonerato da tale iscrizione perché a sua volta iscritto ad altra cassa previdenziale.

Corte appello Firenze sez. lav.  18 gennaio 2008 n. 81  

 

 

Obbligazioni

Coloro i quali contraggono obbligazioni in nome di una costituenda società di capitali assumono responsabilità personale e diretta, la quale permane, salvo patto contrario, anche quando la società abbia conseguito la personalità giuridica e ratificato le operazioni compiute anteriormente in suo nome.

Cassazione civile sez. I  06 settembre 1996 n. 8127  



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti